Connect with us
Pubblicità

Trento

Folle inseguimento della polizia locale a Gardolo, poi due nord africani si schiantano e vengono arrestati

Pubblicato

-

Serata molto movimentata stasera (12 agosto 2019) a Gardolo.

Sotto gli occhi a dir poco allucinati dei residenti una macchina impazzita con a bordo due nord africani si è lanciata nei vicoli di Gardolo inseguita dalla polizia Locale.

Erano le 19.30 circa.

PubblicitàPubblicità

L’incredibile inseguimento pare sia cominciato a Roncafort per poi continuare ai Solteri, a folle velocità, per terminare a Gardolo.

I due a bordo di una BMW, provenienti da via Monte Calisio, hanno preso via Marco Pola contromano a folle velocità per poi schiantarsi contro il muro del ponte della Roggia all’inizio di via Cetto

I cittadini residenti nella zona parlano di un botto tremendo che però ha visto i due nord africani uscire incolumi dall’abitacolo.

Molte persone che si sono malauguratamente trovate sulla strada dei due fuggitivi hanno dichiarato di essere stati sfiorati di pochi centimetri dall’autovettura in fuga.

Pubblicità
Pubblicità

Poteva essere una strage quindi e solo per un colpo di fortuna in quel momento non c’erano ne passanti ne macchine in transito.

Dopo lo schianto uno dei due è stato arrestato (foto) mentre il conducente ha tentato la fuga nei vicoli del paese.

Dopo mezz’ora però si è ripresentato sul luogo dello schianto ed è stato arrestato anche lui fra la gente inferocita per quanto successo.

Mistero invece su un terzo possibile passeggero che secondo alcuni testimoni sarebbe fuggito dopo lo schianto.

Le indagini ora dovranno chiarire il perché i due non si siano fermati all’alt della polizia locale tentando una fuga, che avrebbe potuto investire qualcuno, e soprattutto dove sia stato per 30 minuti il conducente.

L’ipotesi è che sia fuggito per nascondere qualcosa.

Secondo i residenti scesi in strada dopo l’incidente la stessa Bmw nera era stata avvistata più volte nelle via del paese passare ad alta velocità nelle ultime settimane.

La cosa era stata anche segnalata alle forze dell’ordine perché costituiva un pericolo per i passanti.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Consegnati ieri i diplomi delle professioni alla presenza dell’assessore Roberto Failoni

Pubblicato

-

L’assessore alla promozione, sport e turismo Roberto Failoni ha partecipato nel pomeriggio alla cerimonia di consegna dei diplomi delle professioni: guida alpina, accompagnatore di montagna e maestri di sci in provincia di Trento.

“Questo pezzo di carta ha un grande valore per voi giovani che siete il nostro futuro. Spetta a voi portare vivacità e novità in questi comparti della montagna che sono fondamentali per il turismo trentino. La macchina organizzativa del turismo trentino si chiama Trentino Marketing, voi siete delle risorse preziose. Vi chiedo di fare il vostro lavoro nel migliore dei modi come senz’altro sapete fare”, ha detto l’assessore Failoni complimentandosi con tutti coloro che, quest’anno, hanno conseguito il diploma.

“Saper raccontare ciò che vi sta intorno alle persone che portate a sciare, che accompagnate in montagna e in qualsiasi altra attività svolgiate sul territorio – ha proseguito l’assessore Failoni – è il più bel messaggio che potete dare, sappiate emozionare. L’augurio che vi faccio è di iniziare al meglio queste vostre professioni, molto belle e accattivanti e molto importanti per il turismo trentino”

PubblicitàPubblicità

A ‘fare gli onori di casa’ e introdurre i vari relatori il dirigente del servizio turismo e sport Giorgio Cestari.

Sono intervenuti il presidente dei maestri di sci Mario Panizza, quello delle guide alpine Martino Peterlongo, la presidente dell’Associazione accompagnatori di media montagna Tina Stolcis, il presidente dell’Associazione maestri di sci Alberto Kostner, il dirigente scolastico dell’Istituto de Carneri di Civezzano Claudio March e la presidente della commissione d’esame Eva Dandrea, direttore dell’ufficio ricettività e professioni turistiche

Sono 84 gli abilitati nelle varie professioni disciplinate dalla legge provinciale 23 agosto 1993, n. 20 ‘Ordinamento della professione di guida alpina, accompagnatore di media montagna e di maestro di sci in provincia di Trento‘.

Ecco suddivisi per diplomi:

Pubblicità
Pubblicità

8 sono i nuovi abilitati all’esercizio della professione di “guida alpina – maestro di alpinismo”;

10 sono i nuovi “aspiranti guida” ( 9 maschi e 1 femmina) di cui 3 proveniente dal Liceo della montagna;

20 sono i diplomati della figura professionale dell’accompagnatore di media montagna, fra i quali, 14 provenienti dal Liceo della Montagna (7 femmine e 7 maschi); e 6 dall’Istituto “de Carneri” di Civezzano (2 femmine e 4 maschi)

31 sono i maestri di sci delle discipline alpine (15 femmine e 16 maschi) di cui 7 provenienti dal Liceo della Montagna;

3 sono i maestri di sci delle dello snowboard tutti provenienti dal Liceo della Montagna (1 maschio e 2 femmine);

12 sono i maestri di sci delle discipline del fondo, di cui 2 provenienti dal Liceo della Montagna (9 maschi e 3 femmine)

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Domani torna la neve in Trentino.

Pubblicato

-

Il bel tempo e il sole, e in alcune ore anche le temperature miti per il periodo non dureranno molto.

Questa notte e nella mattinata di domani è previsto infatti molto nuvoloso con alcune deboli precipitazioni, nevose, anche a quote molto basse e schiarite già dal pomeriggio. Domani e venerdì calano anche le temperature massime. 

Venerdì e sabato sono attese però ulteriori precipitazioni, sempre deboli e nevose anche a quote molto basse. Domenica tornerà il sole su tutto il Trentino

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Devastate nella notte le vetrine della Sparkasse di Viale Verona

Pubblicato

-

La mano e lo strumento usato sono gli stessi che nella notte del 14 ottobre 2019 devastarono tutte le vetrine della nostra redazione di via Milano a Trento. (qui articolo)

Non ci sono dubbi perché sulle vetrine i segni sono esattamente gli stessi. Allora arrivò la rivendicazione del «popolo» anarchico. I «soliti noti» hanno agito nella notte usando probabilmente una pistola usata per macellare gli animali dotata di pistone. I danni sono ingenti, indaga la Digos.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza