Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

L’inter femminile passeggia a Pinzolo. Con il Trento Clarentia finisce 11-1

Pubblicato

-

Fin dai primi minuti è la squadra nerazzurra ad avere il pallino del gioco, ma la difesa del Trento risponde molto bene. Benchè il reparto offensivo interista abbia costruito molte azione corali, la finalizzazione è stata spesso stroncata da un solido reparto difensivo e dalle parate del portiere Valzogher.

Da segnalare Elena Bertamini, difensore centrale classe ’03, all’esordio in prima squadra, che si è ritrovata a gestire la difesa e a respingere gli attacchi degli avversari.  Compiti che ha seguito ottimamente.

Il muro trentino è resistito fino al quarto d’ora, quando Regazzoli su un calcio di punizione pesca Bartonova, che con una girata di gran classe infila sotto la traversa. 1-0.

Pubblicità
Pubblicità

Lo schema da calcio piazzato si ripresenta pochi minuti più tardi: stesso cross di Regazzoli e stavolta a farsi trovare pronta è Marinelli, che con la sua fisicità difende il pallone e tira. 2-0.

Cinque minuti più tardi la trentina Poli decide di arrotondare il risultato in favore dell’Inter. Il terzino classe 2000 stende ingenuamente in area Regazzoli, che con un dribbling a rientrare l’aveva mandata al bar. 7

Dal dischetto si presenta la figlia d’arte Baresi ma Valzogher è strepitosa: dopo aver parato il rigore è stata fulminea neutralizzando anche la respinta a botta sicura di Marinelli.

Pubblicità
Pubblicità

Al ventesimo il Trento rischia di accorciare le distanze. Brunello con un passaggio di barcelloniana memoria taglia in due la difesa e lancia Pasqualini in campo aperto.

A tu per tu con il portiere l’attaccante ex serie A si lascia ipnotizzare da Marchitelli per ben due volte.

Sul ribaltamento di fronte la squadra nerazzurra trova il primo gol su azione. Dal limite dell’area Norton infila per Baresi, che spiazza il portiere. 3-0. Il Trento rischia grosso pochi minuti più tardi quando su un cross di Pandini, il rinvio maldestro di Tonelli si stampa sulla traversa.

Quasi allo scadere del primo tempo il Trento trova il gol della bandiera. Da una palla a spiovere dalla sinistra ne nasce una mischia in area.

Tra una miriade di gambe la sfera viene colpita da Varrone che, complice una deviazione, si insacca lentamente verso la porta. 3-1. Neanche il tempo di festeggiare, che dal calcio d’angolo della solita Regazzini Bartonova si alza in cielo e cala il poker. 4-1.

Durante il corso del primo tempo ciò che ha influenzato maggiormente è stata la differenza di preparazione atletica fra le due squadre. I soli sette allenamenti della squadra trentina non sono bastati per colmare il gap con la più lunga preparazione della squadra nerazzurra.

Dal punto di vista tecnico il Trento non ha avuto nulla da invidiare. Molto spesso è mancata quella lucidità per completare l’ultimo passaggio, dettata come detto prima da una stanchezza maggiore rispetto agli avversari.

Nel secondo tempo l’Inter cambia tutta la squadra. Rimane in campo solo il difensore centrale Alborghetti. La compagine trentina già stanca dal primo tempo viene letteralmente asfaltata.

Le nuove entrate Tonetti (2003), Parisi (2003) e Boller (2004) non riescono ad aiutare la propria squadra nel frenare l’impeto dei nerazzurri, che segnano addirittura sette gol.

Neanche il tempo di fischiare l’inizio della ripresa e da uno spiovente sulla sinistra Tarenzi si fa trovare pronta all’appuntamento. 6-1.

Da questo momento in poi inizia uno show dell’attaccante Goldoni. Al 60esimo con un destro dal limite dell’area fulmina Valzogher che non può far altro che stare a guardare.

Pochi attimi più tardi su un rasoterra di Van Kherkoven, centrocampista olandese scuola Anderlecht, Goldoni delizia il pubblico sugli spalti con un gran gol di tacco. 7-1.

Il Trento scompare definitivamente dai radar e l’Inter non intende fermarsi. Al 65esimo Varrone nel tentativo di dribblare perde un pallone sanguinosissimo al centro della difesa e  Costi non deve fare altro che appoggiare in porta. 8-1.

Non passa molto e anche Fracaros aggiunge il suo nome al tabellino dei marcatori. Dopo un coast to coast sulla sinistra  in cui salta gli avversari come birilli, conclude l’azione con un tiro a giro sul palo lontano. Il pallone è imprendibile. 9-1.

Ormai si aspetta solo il fischio finale, ma i nerazzurri sono senza pietà. Stavolta Van Kerkhoven si mette in proprio e partendo dal cerchio di centrocampo, palla al piede, arriva fino alla porta avversaria. 10-1.

Allo scadere del secondo tempo un passaggio millimetrico della solita Van Kerkhoven pesca Tarenzi sola davanti al portiere. La freddezza è glaciale. 11-1.

Dopo un primo tempo in cui il Trento è rimasto per lunghi tratti in partita, dall’inizio del secondo tempo la squadra è stata in balia degli avversari, che sono stati implacabili.

In esclusiva ai nostri microfoni l’allenatore del Trento Pavan si esprime così “Noi finora abbiamo fatto sette allenamenti, gli stessi che loro fanno in una settimana di ritiro; di conseguenza era evidente che noi non potessimo neanche lontanamente competere con loro.

Dobbiamo guardare al primo tempo quando eravamo ancora in partita. Loro erano nettamente superiori, ma ce la siamo cavata bene. Abbiamo qualche problema con le palle inattive, sulle quali dobbiamo lavorare ancora molto.

In realtà alcune cose nel primo tempo le abbiamo fatte, per esempio due/tre contropiedi che potevano essere finalizzati meglio.

Si stanno imparando a conoscere alcune ragazze nuove (Pasqualini e Brunello ndr) e io sono sicuro che abbiamo delle basi veramente ottime, calcolando che della prima squadra eravamo solamente undici su venti.

Sono anche molto contento della prestazione di Elena Bertamini. Fra le cose che ho chiesto alcune sono state fatte, mentre altre no, ma questo è dovuto al fatto che incontravamo una squadra migliore di noi. Io sono sicuro che a parità di livello fisico saremmo potuti essere molto più in partita.

Abbiamo visto che ci manca tanto per arrivare a questi livelli, ma sono certo che lavorando costantemente come stanno facendo e completando la squadra anno dopo anno con qualche elemento in più si possa arrivare a competere maggiormente”.

INTER-ACF TRENTO CLARENTIA 11-1
Marcatori: 
9′ e 45′ Bartonova (I), 14′ Marinelli (I), 24′ Baresi (I), 41′ Varrone (T), 46′ e 87′ Tarenzi (I), 59′ e 61′ Goldoni (I), 67′ Costi (I), 79′ Fracaros (I), 83′ Van Kherkoven (I)

INTER: 31 Marchitelli (1′ st Aprile 1); 13 Merlo (1′ st Capucci 5), 3 D’Adda (1′ st Auvinen 23), 17 Debever, 6 Bartonova (1′ st Fracaros 21); 20 Norton (1′ st Brustia 8), 10 Regazzoli (1′ st Colombo 14), 19 Alborghetti (1′ st Costi 11), 18 Pandini (1′ st Goldoni 16); 9 Baresi (1′ st Van Kherkoven 12), 7 Marinelli (1′ st Tarenzi 27)
A disposizione: 99 Gilardi
Allenatore: Attilio Sorbi

ACF TRENTO CLARENTIA: 1 Valzolgher, 2 Varrone, 3 Ruaben, 14 Torresani (1’ st Parisi), 19 Tonelli, 13 Bertamini (1’ st Tonetti), 18 Poli, 6 Maurina, 9 Pasqualini, 10 Rosa, 25 Brunello (35’ st Boller)
A disposizione: 12 Callegari, 4 Boller, 7 Suppi, 8 Parisi, 21 Ampolini, 11 Tonetti, 5 Lucin
Allenatore: Libero Pavan

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]

Categorie

di tendenza