Connect with us
Pubblicità

Tecnologia

Number neighbor: il nuovo pericoloso gioco made in U.S.A.

Pubblicato

-


“Ciao sono il tuo vicino di numero!”

Inizia così la nuova moda che sta spopolando negli Stati Uniti e che prevede di contattare via sms i propri vicini di numero.

L’Estate si sa è il periodo più ambito per i teenager e sembra che, un po’ per noia un po’ per stupidità, si inizino giochi dai risvolti pericolosi.

La procedura è molto semplice si accede all’applicazione di messaggistica, si sottrae o si aggiunge un numero al proprio e si invia il messaggio.

Il gioco non finisce qui, dopo aver conversato un pò e aver preso confidenza con l’interlocutore si procede a condividere gli screenshot delle conversazioni su twitter.

Questo gioco è privo di logica e l’unica motivazione sembra essere quella di combattere l’ozio.

“Number neighbor“ questo è il nome del gioco, un gioco che potrebbe rivelarsi pericoloso se al di la del telefono ci fosse un truffatore o un malintenzionato.

Nel momento in cui si salva in rubrica il “vicino di numero” lo si ha immediatamente tra i contatti WhatsApp.

Iniziando poi  la conversazione con una propria descrizione si mette in pericolo anche la propria privacy.

Le generazioni attuali sembrano sempre meno sensibili ai pericoli che si corrono giocando in maniera leggera con i social o le app di messaggistica.

Una mancanza che espone i meno accorti ai pericoli di malintenzionati o truffatori.

“Ciao sono il tuo vicino di numero!” è un gioco che sembra non essere ancora approdato nel Bel Paese ma siamo certi che non mancherà di fare la sua comparsa tra i confini dello Stivale.

Un appello quindi è doveroso da parte nostra nei confronti di tutti quei genitori che hanno dei figli ancora teenager.  Parlate con loro spiegando a cosa vanno incontro.

“Number neighbor“ per ora sembra circoscritto al territorio Americano ma non vi sentiate tranquilli perché presto potreste ricever un messaggio che recita:

“Ciao sono il tuo vicino di numero!”

Tecnologia

Google come FaceApp: La Big G paga per avere il tuo volto

Pubblicato

-


Dopo FaceApp ora tocca a Google. Una notizia apparsa in questi giorni racconta che il colosso di Montan View abbia preso a fermare i passanti e a offrire 5 dollari per avere il loro volto.

Queste foto sembrano servire per migliorare i loro algoritmi di riconoscimento facciale. Dove poi vadano a finire queste foto e l’uso reale che ne verrà fatto sembra non sia dato a sapere.

Ancora una volta si constata quanto a poco prezzo le persone siano disposte a privarsi del petrolio del futuro: il dato.

Questi 5 dollari saranno elargiti sotto forma di gift card spendibili su Amazon o su Starbucks.

Un dispositivo sconosciuto riprenderebbe i volti dei passanti  analizzando il volto da angolazioni diverse, dietro compenso.

Tutto questa leggerezza nello svendere i propri dati biometrici segnala  una società ancora ignorante ed incapace di comprendere il potenziale rinchiuso nei nostri dati.

Dopo FaceApp sembra proprio che Google abbia una sete imperante di dati biometrici con i quali intende dissetare il proprio mostro tecnologico.

Dati che chi li concede per 5 dollari non sa nemmeno che fine faranno, dove saranno conservati e per quale fine.

Si vocifera tra i dipendenti di Google che tali dati serviranno per migliorare il riconoscimento facciale implementato nel prossimo cellulare che la Big G produrrà.

Come sosteniamo da tempo, se così fosse, quel cellulare conterrà il frutto del lavoro di migliaia di operai digitali che hanno svenduto il proprio lavoro per 5 dollari.

Un costo irrisorio per il valore aggiunto che ognuno di loro ha contribuito a dare al prodotto finale.

E’ ora che le persone prendano coscienza di tutto questo arrivando a riconoscersi il giusto valore.

Nel prossimo futuro sarà difficile recuperare tutto quanto elargito gratuitamente o sotto costo.

Oggi Google ti chiede 5 dollari per il tuo volto, concedendoglielo ti privi di un valore più alto:

La tua Privacy.

Continua a leggere

Tecnologia

A Rovereto, in Polo Meccatronica, 2.400 metri quadrati di spazi al servizio delle imprese hi-tech!

Pubblicato

-


Aperto l’avviso pubblico per le imprese dell’Industria 4.0 interessate ad insediarsi in Polo Meccatronica a Rovereto e attive nell’ambito dei sistemi meccanici, elettrici ed elettronici, dell’informatica e della microsensoristica, con un’alta propensione all’hi-tech e all’innovazione.

Dato il grande interesse manifestato dalle aziende della filiera, infatti, Trentino Sviluppo ha ricavato altri 

2.400 metri quadrati di spazi disponibili all’interno dell’hub, in particolare nel corpo C e nel corpo P.

Ad oggi il Polo – che ospita una quarantina tra grandi gruppi industriali, startup e piccole e medie imprese per un totale di oltre duecento addetti occupati – è quasi interamente saturo e questi moduli produttivi sono gli ultimi rimasti liberi.

La manifestazione d’interesse per i 2.400 metri quadrati oggetto del bando, funzionali e freschi di ristrutturazione, andrà presentata entro giovedì 28 febbraio. Alle imprese selezionate, oltre agli spazi, Trentino Sviluppo offrirà servizi di supporto orientati alla logistica, all’accesso alle reti, all’acquisizione di nuovi saperi, all’interfaccia e al trasferimento tecnologico, alla ricerca di partnership commerciali o tecnologiche, all’internazionalizzazione, ai rapporti con la pubblica amministrazione e il mondo del credito locale.

La prossimità di Polo Meccatronica con gli enti di formazione tecnico-professionali e la collaborazione con l’Università di Trento favorirà inoltre il dialogo con il mondo della scuola e della ricerca e la nascita di sinergie e partnership con altre imprese del settore.

Trentino Sviluppo, valuterà infine la possibilità di supportare gli investimenti in macchinari innovativi delle aziende candidate tramite il Fondo impianti tecnologici della Provincia.

Potranno aderire alla call imprese singole o associate in un progetto di “hub di filiera”, che svolgono da almeno un anno attività produttive hi – tech e d’innovazione in ambito meccatronico, capaci di combinare competenze di ingegneria, informatica, elettronica, meccanica, idraulica, pneumatica e sensoristica.

Per formalizzare la propria candidatura sarà necessario effettuare un sopralluogo in Polo Meccatronica con i tecnici di Trentino Sviluppo, da prenotare entro venerdì 22 febbraio. Gli uffici della società di sistema provinciale sono disponibili per informazioni e chiarimenti allo 0464 443111 (Area Attrazione e Promozione, Area Analisi Economico Finanziarie, Area Legale e Contratti).

Il bando integrale è consultabile qui

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza