Connect with us

Musica

Frang e Altstaedt, i giovani talenti ai “Suoni delle Dolomiti”

Pubblicato

-

Due autentiche eccellenze musicali, ancorchè giovanissimi, sono gli attesi protagonisti di questo concerto tra le montagne e gli specchi d’acqua in quota della val di Fiemme dove proporranno Bach, Paganini, Kodàly

Giovani, talentuosi, autentiche eccellenze nella loro professione.

Non si tratta della generica speranza in un futuro radioso, ma del presente concreto di due straordinari musicisti che sono ospiti, domenica 4 agosto (ore 12), a I Suoni delle Dolomiti per quello che si preannuncia un concerto che resterà impresso a lungo nella memoria del pubblico.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta della violinista norvegese Vilde Frang, classe 1986, e del violoncellista tedesco Nicolas Altstaedt che invece è del 1982.

Si esibiscono nell’incantevole paesaggio del Lagorai in val di Fiemme, tra specchi d’acqua, prati e rocce punteggiate di licheni, lungo le sponde dei laghi di Bombasèl ormai scenario deputato ad accogliere ogni anno grandi interpreti della classica internazionale.

Ci si muoverà in un programma a cavallo tra due secoli dal Bach della Suite n. 5 in do minore per violoncello solo al Paganini di “Nel cor più non mi sento” (variazioni su “La Molinara”) per concludere con la complessa figura di Zoltán Kodály, ungherese, compositore e anche linguista, filosofo, etnomusicologo ed educatore.

Originaria della Norvegia, Vilde Frang ha debuttato a soli 12 anni con la Oslo Philarmonic Orchestra e poi ha studiato ad Amburgo e a Kronberg. Molte e prestigiose le istituzioni musicali con cui ha collaborato dai Wiener Philarmoniker alla London Philarmonic, dalla St Petersburg Philarmonic all’Orchestre de Paris e molte altre.

A conferma della sua espressività e completo dominio tecnico anche le sue incisioni sono state premiate tra l’altro con l’Editor’s Choice di Gramophone, il Classic BRIT, l’Edison Klassiek Award, il Diapason d’Or.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 2012 ha conseguito il prestigioso Credit Suisse Young Artist Award. Numerose sono anche le sue incisioni nella quali si è confrontata con compositori del caalibro di Prokofiev, Sibelius, Grieg, Bartòk, Richard Strauss, Nielsen, Tchaikovsky, Mozart, Britten. Suona un violino Vuillaume del 1864.

Viene dalla Germania invece Nicolas Altstaedt, anche lui è stato premiato col Credit Suisse Young Artist Award (2010) ed è considerato uno dei musicisti più creativi e versatili del panorama attuale.

Al momento è Artist in Residence alla NDR Elbphilarmonie di Amburgo ma si è esibito regolarmente con artisti importanti e orchestre del calibro della Tonhalle di Zurigo, dei Wiener Symphoniker, dell’Orchestra di Tokyo e le orchestre della galassia BBC.

Ha collaborato con direttori come Sir Roger Norrington, Esa-Pekka Salonen, Sir Andrew Davis, Lahav Shani, Robin Ticciati, Vladimir Ashkenazy, Andrew Manze, Thierry Fischer, Karina Canellakis, Giovanni Antonini e molti altri mentre nel 2012 Gidon Kremer ha scelto Nicolas Altstaedt come suo successore per la direzione artistica del Festival di Lockenhaus.

Solo due anni dopo anche Adam Fischer gli ha proposto di succedergli, questa volta come direttore artistico della Haydn Philharmonie, con cui si esibisce regolarmente alla Konzerthaus di Vienna e al Festival Esterházy.

Come si raggiunge il luogo del concerto: Il luogo del concerto è raggiungibile da Cavalese con le cabinovie Alpe Cermis e la seggiovia Lagorai fino al Paion, e poi a piedi in un’ora di cammino, dislivello 280 metri, difficoltà E.

Escursione con le Guide Alpine: È possibile partecipare a un’escursione con le Guide Alpine del Trentino fino al luogo del concerto raggiungendo località Paiòn con le cabinovie Alpe Cermis e la seggiovia Lagorai (costo del biglietto a carico dei partecipanti) e da dove si prosegue a piedi fino al Tò della Trappola (ore 2 di cammino, dislivello in salita 280 metri, difficoltà E).

Partecipazione a pagamento prenotando presso le Guide Alpine Dolomites Experience al numero 348 8271988 oppure gratuita con prenotazione obbligatoria – fino ad esaurimento posti – all’Apt Val di Fiemme al numero 0462 241111 per i possessori di FiemmE-Motion e di Trentino Guest Card (possibilità di prenotazione anche sul sito visittrentino.info/card).

In caso di maltempo il concerto verrà recuperato alle ore 17.30 al Palafiemme di Cavalese con biglietti per l’accesso in sala in distribuzione, fino ad esaurimento posti, dalle ore 15.30.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]

Categorie

di tendenza