Connect with us
Pubblicità

economia e finanza

L’assessore Spinelli visita la Mahle spa a Trento

Pubblicato

-


Metà dei veicoli prodotti al mondo hanno un componente targato Mahle nei loro motori.

La società, con 80.000 dipendenti disseminati in 170 sedi e 22 paesi, ed un fatturato di 12,6 miliardi nel 2018, è leader internazionale nel settore della componentistica per automobili.

A Trento Mahle Componenti Motori Italia S.p.A., con sede in via Aichner, occupa 273 dipendenti, su uno stabilimento di 22.120 metri quadrati

Pubblicità
Pubblicità

Due i prodotti principali: cuscinetti e boccole. Nonostante la crisi dei mercati globali abbia impattato anche in questo settore, già messo alla prova dai cambiamenti che interessano da tempo il mondo dell’autotrasporto, lo stabilimento di Trento, almeno per i prossimi 4 anni, non prevede tagli al personale o altre misure analoghe, a differenza di quelle che hanno interessato altre sedi europee.

Tuttavia qualche preoccupazione, fra i lavoratori e le parti sindacali, la si avverte. Anche per questo l’assessore allo sviluppo economico Achille Spinelli ha voluto visitare stamani l’azienda, incontrando il direttore Sacha Hoffmann e tutto lo staff dirigenziale.

“La Provincia, ha spiegato Spinelli – può sostenere progetti di ricerca industriale e facilitare, attraverso Trentino Sviluppo, la ricerca di partnership con altre aziende del settore, ad esempio nel campo della meccatronica”.

Una proposta che l’azienda ha detto di apprezzare e che verrà esaminata prossimamente.

Pubblicità
Pubblicità

La crisi della globalizzazione può colpire anche una multinazionale che ha fra i suoi clienti il marchio Ferrari, ma anche, Volvo, Iveco, Scania, e nel bike BMW, KTM, Piaggio, Ducati e così via.

Per crisi della globalizzazione si intende non solo l’impatto della crisi finanziaria mondiale del 2008, ma oggi soprattutto la guerra dei dazi fra Usa e Europa, il ritorno dei protezionismi ed eventi come la Brexit, le sanzioni imposte a Russia o Iran. A ciò si somma nel campo dei trasporto il cambiamento negli orientamenti dei consumatori, in parte determinato dalla sensibilità per i temi ambientali, in parte dalle innovazioni tecnologiche (l’auto elettrica).

Ciò spiega le decisioni che la multinazionale ha assunto a livello mondiale, fra cui il contenimento delle spese generali e la riduzione del costo del personale. A Trento la situazione è migliore che altrove.

Negli ultimi anni il fatturato è tornato a crescere toccando nel 2018 il picco dei 48 milioni di euro.

Anche i livelli occupazionali sono stabili: solo alcuni rapporti di lavoro interinale non sono stati rinnovati, ma sono anche state stabilizzate 15 persone a gennaio. Ci sono però problematiche legate alla competitività, alla concorrenza internazionale, alla mancata realizzazione di un nuovo impianto polimerico.

Per i prossimi 4 anni, in ogni caso, l’azienda si attende livelli di vendita ed anche occupazionali sostanzialmente simili a quelli degli ultimi anni. Tuttavia, l’imperativo per il futuro è innovare e diversificare, guardando non solo ai motori ma alla meccatronica, all’elettronica e così via.

“Noi possiamo sostenere dei progetti di ricerca – ha sottolineato l’assessore Spinelli – sia sviluppati dall’azienda in autonomia sia in partnership con eventualmente altre realtà interessate ad investire nell’automotive”.

Il compito di facilitare la messa in contatto della Mahle di Trento con potenziali partner sarà affidato a Trentino Sviluppo, a cui fa capo il polo della meccatronica di Rovereto.

Immagini a cura dell’ufficio stampa

Pubblicità
Pubblicità

Aziende

Dalla vita di tutti i giorni all’arredo della casa, Bermax trova lo stile perfetto per ogni momento

Pubblicato

-


Ogni giorno la vita regala nuovi attimi e nuove opportunità da cogliere ma anche da vivere ed interpretare attraverso l’abbigliamento. Qualsiasi momento della giornata infatti, è un insieme di ruoli e di stili: dalle occasioni importanti che richiedono un look speciale, a quelle dove un semplice outfit può soddisfare l’intera giornata, fino al momento in cui arriva il tempo di lasciare alle spalle il vecchio stile abbracciando le ultime novità e rinnovando il guardaroba.

Casual, elegante o sportivo la soluzione per ogni tipo di stile e abbigliamento è Bermax di Trento che, dal ’95 con oltre 2500 metri quadrati di superficie, è il negozio di moda a Trento alla costante ricerca di novità ed originalità garantendo sempre la migliore qualità sul territorio.

Qui, tutti i momenti della vita trovano il giusto abito, a partire dal grande spazio destinato interamente ai vestiti da sposa, sposo e agli abiti da cerimonia, fino ad interi settori minuziosamente assortiti dedicati sia all’abbigliamento che all‘intimo da donna e da uomo.

Anche la casa da Bermax trova lo spazio e la veste perfetta, con un grande reparto dedicato completamente al mondo dell’arredamento con materassi, stoviglie, addobbi, tappeti, articoli regalo e tutti quegli accessori per la casa indispensabili per arricchire e valorizzare l’ambiente domestico rendendolo unico e personale.

Bermax in un solo grande negozio raccoglie a 360 gradi tutto quello che serve per vivere tutte le opportunità delle vita: dal lavoro, alle occasioni speciali con gli abiti da sposa e cerimonia, alla casa con il mondo dell’arredamento fino ai momenti di festa con la possibilità di una vasta scelta di articoli regalo.

Possibilità di acquistare BUONI PREPAGATI di qualsiasi importo come IDEE REGALO, senza scadenza!

Bermax in via Bolzano, nr. 50 a Gardolo di Trento, è dotato di un grande e comodo parcheggio ed è aperto tutti i giorni con orari:

Orari fino al 20 gennaio 2020
– da martedì al sabato: 9.00 -12.00, 15.00 – 19.00
– domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15.00 alle 19.00.
– il lunedì dalle 15.00 alle 19.00.

Dopo il 20 gennaio 2020, per gli orari d’apertura,  consultare il sito www.bermax.it

..

 

articolo pubblicitario

Continua a leggere

economia e finanza

Oltre 150 giovani imprenditori e professionisti si raccontano e parlano di innovazione

Pubblicato

-

Nella foto Paolo Zanolli e Luigi Riveccio presidente del PAE e di GIPRO

Oltre 150 giovani tra professionisti e imprenditori presenti mercoledì sera alle Cantine Rotari per levento Storie di Innovazione. Giovani imprenditori e professionisti si raccontanoper parlare di innovazione appunto ma anche per creare nuove connessioni e importanti contaminazioni.

Ad aprire il convegno, lAssessore Bisesti, che ha salutato la platea ringraziando per l’invito e si è complimentato per la qualità e per i contenuti di questo convegno.

Ha ricordato le professionalità e l’importanza che i giovani portano sul territorio ed il lavoro svolto dalle Politiche Giovanili a supporto di questo.

Pubblicità
Pubblicità

Tra i relatori, il giovani apicoltore Matteo Andreatti, l’avvocato Valentina Carollo, il giovane industriale Francesco Orefice di Dial Funghi, medico Michele Motter, l’agronoma Erika Susat , la commercialista Camilla Marchi, che nel corso della serata hanno raccontato la loro visione del lavoro che svolgono e le innovazioni che stanno sviluppando e inseguendo.

A coordinare lintera serata unaltra giovane professionista la giornalista Marika Damaggio.

Attraverso le storie dei relatori si capiscono ed intravedono, importanti innovazioni in ambito di processi, ma anche della tecnologia, della diversificazione aziendale e del passaggio generazionale. Processi importanti che portano con se nuove visioni di sviluppo per il futuro.

Nel suo intevento iniziale, Paolo Zanolli, Presidente del PAE – Tavolo di Imprenditoria Giovanile della Provincia di Trento ha lanciato questo messaggio: ”Si parla spesso, giustamente, di quei giovani che lasciano il nostro Paese. Un problema che sicuramente va affrontato. Io aggiungo, parliamo anche di Noi che rimaniamo, che investiamo nel territorio, che facciamo impresa, che creiamo posti di lavoro e portiamo competenza e professionalità in questa Terra. Noi che siamo il futuro, anzi mi permetto di dire, già il presente del Trentino

Pubblicità
Pubblicità

“L’incontro tra giovani professionisti e giovani imprenditori del Trentino rende evidente, per tutti, lo slancio in termini di innovazione e aggregazione che queste categorie possono regalare al territorio in cui operano. La coesione tra i diversi operatori è fattore indefettibile della crescita e dello sviluppo economico” ha concluso Luigi Riveccio, Presidente del GiPRO – Tavolo dei Giovani Professionisti.

L’evento di mercoledì sera è stato un momento conclusivo comune di due percorsiil progetto Incontri d’Impresa” promosso dal Tavolo di Imprenditoria Giovanile, che ha visto lorganizzazione di incontri finalizzati alla formazione dei giovani imprenditori e alla valorizzazione delle produzioni eno-gastronomiche locale di eccellenza e il Festival delle Professioni, appuntamento importante dellautunno Trentino, che da oltre 10 anni, è anche un momento sociale e di riferimento sia per le scelte politiche, sia per tutti i professionisti e anche per i giovani che guardano al loro inserimento nel mondo del lavoro

In fondo, lincontro stesso organizzato da PAE e GIPRO, rappresenta un importante passo verso una maggiore contaminazione di mondi, di settori, di categorie e di professioni, elemento centrale per il successo dei processi innovativi.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

economia e finanza

Vere Imprese: ecco i 3 vincitori della prima edizione

Pubblicato

-


Il 22 novembre si è concluso con l’annuncio dei 3 vincitori il contest “Vere Imprese”, organizzato da GoDaddy per promuovere le PMI, le Imprese individuali e le Tech Startup di tutta Italia.

Dopo una serata che ha visto i 9 finalisti salire sul palco per raccontare ancora una volta la propria storia davanti ad una giuria d’eccellenza, sono stati decretati i 3 vincitori, uno per ogni categoria in concorso, che si sono aggiudicati un piano di comunicazione digitale dal valore di 20.000 euro ciascuno.

La categoria Impresa individuale ha visto trionfare Ayana Events, l’azienda tutta al femminile specializzata nell’organizzazione di eventi speciali di intrattenimento e spettacolo nata nel 2005 da un’idea di Francesca Rasi.

Pubblicità
Pubblicità

Medere è invece la vincitrice della categoria Tech Startup: questa azienda nasce nel 2018 dall’esperienza dei 3 ingegneri fondatori, Raffaele Ferrante, Daniele Bianchi e Marco Mannisi ed è oggi attiva nel campo della progettazione di strumenti medicali innovativi per la salute e il benessere.

Il premio per la categoria PMI è invece andato al progetto di Luca Campanile e Davide Buscato, BusForFun: questa mobility company offre un nuovo concept di trasporto condiviso e sostenibile a prezzi accessibili, per consentire a tutti di partecipare a eventi e festival in giro per l’Italia e l’Europa

Dopo aver raccolto le testimonianze di 95 realtà provenienti da tutta Italia, si è così conclusa la prima edizione di Vere Imprese, un contest nato per sostenere le idee e i progetti imprenditoriali.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza