Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Braccio di ferro nella Maggioranza e il Governo è in bilico tra i troppi “no” e i tanto attesi “ si”

Pubblicato

-

I litigi sembravano essersi risolti nei giorni scorsi, almeno formalmente perché nella sostanza invece i due Vice Premier continuano a fare tira e molla su ogni fronte tenendo alta la tensione nel Governo.

Durante il Consiglio dei Ministri convocato per oggi gli alleati dovranno affrontare il nodo Autonomia e la riforma della giustizia, per Luigi Di Maio e Matteo Salvini due dei tanti motivi di divisione.

Il Vice Premier Leghista stanco dei ritardi sulle Autonomie e pronto a bloccare la riforma del Ministro della Giustizia Cinque Stelle Bonafede, accusa i Cinque Stelle di dire troppi “no” e Di Maio risponde “ noi attendiamo i vostri si”.

Pubblicità
Pubblicità

Frizioni destinate a crescere in vista della vera prova del nove in Senato la prossima settimana: l’approvazione del Decreto Sicurezza Bis e le mozioni sulla TAV, probabilmente rinviate al 7 agosto.

Sull’approvazione definitiva della TAV si investono importanti strategie di partito.

I Cinque Stelle vogliono che il loro “no” rimanga agli atti per le generazioni future: “ porteremo la mozione no TAV in Parlamento perchè noi siamo rimasti coerenti” scrivono sul blog delle Stelle, indicando come responsabili di uno spreco di denaro pubblico Salvini, Zingaretti e Berlusconi.

Pubblicità
Pubblicità

Salvini aggiunge carne al fuoco, non molla la Flat Tax ed ha intenzione di riconvocare le parti sociali per lunedì prossimo proprio alla vigilia dei passaggi decisivi in Senato.

Qualcuno parla di imminente crisi e di nuove elezioni.

Quel che è certo è che gli emendamenti potrebbero essere motivo di forte scontro tra Lega e Cinque Stelle e l’alleanza in Senato è piuttosto ridotta, 163 voti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza