Connect with us
Pubblicità

Politica

Assestamento di bilancio, continua la maratona. Momenti di tensione in aula, cominciano le crepe nelle minoranze

Pubblicato

-

Rassegnazione e a tratti tensione ieri in aula consiliare

Sono questi i sentimenti che si rincorrono in queste ore di esame della manovra di assestamento in Consiglio provinciale, dove il ritmo è quello scandito dalle migliaia di emendamenti delle minoranze respinti, segnalato dalla “chiama” del “rosso”, l’indicazione prevalente di voto pronunciata ad alta voce da Alessia Ambrosi (Lega).

Una giornata carica di tensione per quanto successo.

Pubblicità
Pubblicità

Poco dopo mezzogiorno Michele Dallapiccola mentre si stava recando al parcheggio nella pausa pranzo è stato colto da malore franando a terra e battendo la testa.

L’esponente del PATT si è ferito al viso e ha dovuto essere trasportato al pronto soccorso del santa chiara dove l’equipe medica gli ha applicato alcuni punti di sutura e dove è rimasto monitorato per capire i motivi dello svenimento. (qui articolo)

La stanchezza e lo stress di un Consiglio provinciale che sta durando da otto giorni si sta facendo quindi sentire.

Lo stesso Dallapiccola era stato protagonista di due episodi non molto edificanti e a farne le spese era stato prima  Devid Moranduzzo offeso senza motivo, (qui articolo) e poi Lorenzo Ossanna che aveva ritirato i suoi 50 emendamenti creando una grave frattura fra gli autonomisti di sinistra.

Pare che fra i due siano volate parole grosse, ma fin dall’inizio Ossanna ha digerito male l’ostruzionismo poco edificante dei componenti del suo partito. È anche risaputo che l’esponente del PATT guardi sempre più a destra e sia a capo dell’anima del partito che vuole abbandonare prima possibile il PD e compagnia.

Pubblicità
Pubblicità

Poi si è messo in mezzo anche Marini che ha ripreso più volte Ossanna criticandolo.

Insomma, se nei primi giorni si poteva immaginare l’intervento di un dialogo tra maggioranza e minoranza a dare una svolta alla discussione, l’impressione più diffusa ora è che tutti siano rassegnati al muro contro muro e che l’esame di queste norme si concluderà senza un’intesa significativa tra le due anime che compongono l’assemblea legislativa.

Tuttavia, poco prima della chiusura, verso le 18.30, la consigliera Demagri ha chiesto una sospensione per lasciare spazio ad un confronto delle minoranze con il presidente Fugatti.

Se si tratti di un’apertura e di che portata non è stato chiarito.

Era appena stato votato l’articolo 30 ed erano state superate da poco le 5000 votazioni.

Alle 19 si riuniranno i capigruppo per decidere l’orario dei lavori serali e della giornata di domani.

All’articolo 26, si è registrata un’apertura sul contenuto di tre emendamenti del tutto simili (il 26, 27 e 28) di Filippo Degasperi (5 Stelle), Alessandro Olivi (PD) e Paolo Ghezzi (Futura), fatti confluire in un unico documento concordato, il 28.1 a firma dell’assessore Roberto Failoni.

La materia è quella dei rifugi e sentieri alpini e l’emendamento approvato interviene sulla riduzione dal 70 al 50% delle agevolazioni concesse per investimenti ai rifugi.

Pur avendo introdotto il finanziamento del bollettino della Sat resta il fatto, ha commentato Ghezzi, che negli altri commi c’è una diminuzione dei contributi ai rifugi a testimonianza che questa Giunta che dice di amare la montagna, di fatto non la ama.

Pietro Degodenz (UpT) ha annunciato il ritiro di 5 + 20 emendamenti ostruzionistici sugli articoli 28 e 29 perché, ha detto, ne condivido pienamente i contenuti, il primo prevedendo il finanziamento di impianti sportivi per lo svolgimento delle Olimpiadi 2026, il secondo contenendo tra l’altro, il contributo fino al 50% per le società sportive per l’acquisto di pulmini per il trasporto o l’accompagnamento degli atleti.

Dopo una breve tregua in cui l’esame degli emendamenti è proceduto più celermente, sull’articolo 29 è ripresa la richiesta di verifica del sostegno al voto segreto, di cui si è fatto principalmente carico il consigliere Alessio Manica.

Nella mattinata di ieri è anche arrivata la notizia del rigetto del ricorso sull’elezione del governatore Fugatti. (qui articolo)

Il Tribunale ordinario infatti ha respinto il ricorso su tutta la linea e ha condannato il ricorrente a risarcire Maurizio Fugatti con 3.000 euro e a pagare tutte le spese dell’istituzione del ricorso stesso.

Maurizio Fugatti quindi è il legittimo governatore del Trentino.

A darne notizia in diretta è stato il presidente Kaswalder che ha letto l’ordinanza con cui il Tribunale di Trento ha rigettato il ricorso promosso da Ornella Boldrini, Stefano Bogatto e Vincenzo Zubani, patrocinati dall’avvocato Alfonso Pascucci, contro l’eleggibilità e per la decadenza di Maurizio Fugatti dalla carica di presidente della Provincia.

Così recitano le conclusioni della sentenza: “Il Tribunale di Trento rigetta le eccezioni sollevate dalle parti; rigetta il ricorso, condanna i ricorrenti in solido tra loro a rifondere al convenuto Fugatti Maurizio le spese del presente procedimento liquidate in euro 3.000 per compensi, oltre rimborso spese forfettarie nella misura del 15%, Iva e Cnpa come per legge; condanna i ricorrenti in solido tra loro a rifondere alla Provincia intervenuta le spese del presente procedimento liquidate in euro 3.000 per compensi, oltre rimborso spese forfettarie nella misura del 15%, Iva e Cnpa come per legge”. L’ordinanza – ha concluso Kaswalder – reca la firma del giudice Serena Alinari e del presidente del Tribunale Roberto Beghini.

Poi alle 23 di ieri sera si è conclusa l’ottava giornata consecutiva di Consiglio sulla manovra di assestamento e si è arrivati all’articolo 35 sui 45 che compongono il disegno di legge.

Ottantaquattro e mezzo le ore di seduta; 5400 le votazioni effettuate in queste giornate sugli emendamenti in stragrande maggioranza presentati dall’opposizione, circa 7500.

Nella giornata di oggi ne sono stati votati più di 1400 e ne mancano circa 2000 per arrivare alle dichiarazioni di voto sul disegno di legge presentato dal presidente Fugatti.

Anche in serata tutti gli emendamenti presentati dalla minoranza sono stati bocciati dalla maggioranza.

Stamattina i lavori riprendono alle 8,30 si andrà fino alle 13 e alle 14,30 si riprenderà.

Alle 18 il presidente Kaswalder convocherà i capigruppo e, molto probabilmente, si proseguirà anche in serata.

In un primo momento la chiusura della seduta di domani era stata fissata alle 17 perché si sarebbero dovuti effettuare i lavori di pulizia dell’emiciclo in vista del Consiglio regionale di mercoledì.

Ma, all’inizio della seduta di questa sera, il presidente dell’assemblea regionale Roberto Paccher (Lega) ha affermato che l’aula sarà agibile anche domani sera perchè i lavori di pulizia dell’emiciclo di piazza Dante verranno fatti nella prima mattinata di mercoledì.

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ricette fresche con le fragole, le golosità dell’estate!
    Finalmente stanno arrivando l’estate, il caldo e le giornate di sole. Con loro, inizia anche la stagione della frutta fresca, dei frullati e dei dolci golosi e leggeri. Tra quelli più classici e gustosi spicca la Torta Sbriciolata alle fragole senza cottura. Facile, veloce e adatta a tutti palati, la torta sbriciolata alle fragole senza cottura […]
  • “CrowdWine”, l’originale sistema per sostenere le piccole cantine italiane
    In un momento storico in cui l’intero settore del vino italiano ed internazionale sta vivendo un profondo cambiamento strutturale, relazionale e sopratutto commerciale è nata un’idea per sostenere le piccole e medie cantine italiane. L’idea prende spunto direttamente dal più noto crowdfunding, tentando di avvicinare i consumatori con i produttori attraverso l’ormai utilizzatissimo sistema di […]
  • Coronavirus: un team di giovani donne progetta ventilatori polmonari con ricambi di automobili
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus ha colpito anche angoli di mondo già molto fragili come L’Afghanistan, Paese precedentemente dilaniato da decenni da guerre e dittature che, dopo l’arrivo del Coronavirus rischia di mettere definitivamente in ginocchio il fragile sistema sanitario. Nonostante il Governo di Kabul abbia adottato i più noti sistemi prevenzione, come il distanziamento sociale […]
  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]

Categorie

di tendenza