Connect with us
Pubblicità

Politica

Assestamento di bilancio, continua la maratona. Momenti di tensione in aula, cominciano le crepe nelle minoranze

Pubblicato

-

Rassegnazione e a tratti tensione ieri in aula consiliare

Sono questi i sentimenti che si rincorrono in queste ore di esame della manovra di assestamento in Consiglio provinciale, dove il ritmo è quello scandito dalle migliaia di emendamenti delle minoranze respinti, segnalato dalla “chiama” del “rosso”, l’indicazione prevalente di voto pronunciata ad alta voce da Alessia Ambrosi (Lega).

Una giornata carica di tensione per quanto successo.

Pubblicità
Pubblicità

Poco dopo mezzogiorno Michele Dallapiccola mentre si stava recando al parcheggio nella pausa pranzo è stato colto da malore franando a terra e battendo la testa.

L’esponente del PATT si è ferito al viso e ha dovuto essere trasportato al pronto soccorso del santa chiara dove l’equipe medica gli ha applicato alcuni punti di sutura e dove è rimasto monitorato per capire i motivi dello svenimento. (qui articolo)

La stanchezza e lo stress di un Consiglio provinciale che sta durando da otto giorni si sta facendo quindi sentire.

Lo stesso Dallapiccola era stato protagonista di due episodi non molto edificanti e a farne le spese era stato prima  Devid Moranduzzo offeso senza motivo, (qui articolo) e poi Lorenzo Ossanna che aveva ritirato i suoi 50 emendamenti creando una grave frattura fra gli autonomisti di sinistra.

Pubblicità
Pubblicità

Pare che fra i due siano volate parole grosse, ma fin dall’inizio Ossanna ha digerito male l’ostruzionismo poco edificante dei componenti del suo partito. È anche risaputo che l’esponente del PATT guardi sempre più a destra e sia a capo dell’anima del partito che vuole abbandonare prima possibile il PD e compagnia.

Poi si è messo in mezzo anche Marini che ha ripreso più volte Ossanna criticandolo.

Insomma, se nei primi giorni si poteva immaginare l’intervento di un dialogo tra maggioranza e minoranza a dare una svolta alla discussione, l’impressione più diffusa ora è che tutti siano rassegnati al muro contro muro e che l’esame di queste norme si concluderà senza un’intesa significativa tra le due anime che compongono l’assemblea legislativa.

Tuttavia, poco prima della chiusura, verso le 18.30, la consigliera Demagri ha chiesto una sospensione per lasciare spazio ad un confronto delle minoranze con il presidente Fugatti.

Se si tratti di un’apertura e di che portata non è stato chiarito.

Era appena stato votato l’articolo 30 ed erano state superate da poco le 5000 votazioni.

Alle 19 si riuniranno i capigruppo per decidere l’orario dei lavori serali e della giornata di domani.

All’articolo 26, si è registrata un’apertura sul contenuto di tre emendamenti del tutto simili (il 26, 27 e 28) di Filippo Degasperi (5 Stelle), Alessandro Olivi (PD) e Paolo Ghezzi (Futura), fatti confluire in un unico documento concordato, il 28.1 a firma dell’assessore Roberto Failoni.

La materia è quella dei rifugi e sentieri alpini e l’emendamento approvato interviene sulla riduzione dal 70 al 50% delle agevolazioni concesse per investimenti ai rifugi.

Pur avendo introdotto il finanziamento del bollettino della Sat resta il fatto, ha commentato Ghezzi, che negli altri commi c’è una diminuzione dei contributi ai rifugi a testimonianza che questa Giunta che dice di amare la montagna, di fatto non la ama.

Pietro Degodenz (UpT) ha annunciato il ritiro di 5 + 20 emendamenti ostruzionistici sugli articoli 28 e 29 perché, ha detto, ne condivido pienamente i contenuti, il primo prevedendo il finanziamento di impianti sportivi per lo svolgimento delle Olimpiadi 2026, il secondo contenendo tra l’altro, il contributo fino al 50% per le società sportive per l’acquisto di pulmini per il trasporto o l’accompagnamento degli atleti.

Dopo una breve tregua in cui l’esame degli emendamenti è proceduto più celermente, sull’articolo 29 è ripresa la richiesta di verifica del sostegno al voto segreto, di cui si è fatto principalmente carico il consigliere Alessio Manica.

Nella mattinata di ieri è anche arrivata la notizia del rigetto del ricorso sull’elezione del governatore Fugatti. (qui articolo)

Il Tribunale ordinario infatti ha respinto il ricorso su tutta la linea e ha condannato il ricorrente a risarcire Maurizio Fugatti con 3.000 euro e a pagare tutte le spese dell’istituzione del ricorso stesso.

Maurizio Fugatti quindi è il legittimo governatore del Trentino.

A darne notizia in diretta è stato il presidente Kaswalder che ha letto l’ordinanza con cui il Tribunale di Trento ha rigettato il ricorso promosso da Ornella Boldrini, Stefano Bogatto e Vincenzo Zubani, patrocinati dall’avvocato Alfonso Pascucci, contro l’eleggibilità e per la decadenza di Maurizio Fugatti dalla carica di presidente della Provincia.

Così recitano le conclusioni della sentenza: “Il Tribunale di Trento rigetta le eccezioni sollevate dalle parti; rigetta il ricorso, condanna i ricorrenti in solido tra loro a rifondere al convenuto Fugatti Maurizio le spese del presente procedimento liquidate in euro 3.000 per compensi, oltre rimborso spese forfettarie nella misura del 15%, Iva e Cnpa come per legge; condanna i ricorrenti in solido tra loro a rifondere alla Provincia intervenuta le spese del presente procedimento liquidate in euro 3.000 per compensi, oltre rimborso spese forfettarie nella misura del 15%, Iva e Cnpa come per legge”. L’ordinanza – ha concluso Kaswalder – reca la firma del giudice Serena Alinari e del presidente del Tribunale Roberto Beghini.

Poi alle 23 di ieri sera si è conclusa l’ottava giornata consecutiva di Consiglio sulla manovra di assestamento e si è arrivati all’articolo 35 sui 45 che compongono il disegno di legge.

Ottantaquattro e mezzo le ore di seduta; 5400 le votazioni effettuate in queste giornate sugli emendamenti in stragrande maggioranza presentati dall’opposizione, circa 7500.

Nella giornata di oggi ne sono stati votati più di 1400 e ne mancano circa 2000 per arrivare alle dichiarazioni di voto sul disegno di legge presentato dal presidente Fugatti.

Anche in serata tutti gli emendamenti presentati dalla minoranza sono stati bocciati dalla maggioranza.

Stamattina i lavori riprendono alle 8,30 si andrà fino alle 13 e alle 14,30 si riprenderà.

Alle 18 il presidente Kaswalder convocherà i capigruppo e, molto probabilmente, si proseguirà anche in serata.

In un primo momento la chiusura della seduta di domani era stata fissata alle 17 perché si sarebbero dovuti effettuare i lavori di pulizia dell’emiciclo in vista del Consiglio regionale di mercoledì.

Ma, all’inizio della seduta di questa sera, il presidente dell’assemblea regionale Roberto Paccher (Lega) ha affermato che l’aula sarà agibile anche domani sera perchè i lavori di pulizia dell’emiciclo di piazza Dante verranno fatti nella prima mattinata di mercoledì.

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Sondaggio Mentana: Lega e Fratelli d’Italia volano, crollano PD e cinque stelle

Pubblicato

-

Da un lato, come sottolinea Enrico Mentana, il caos di governo su una manovra pasticciata che non piace a nessuno che porta in dote una tempesta di tasse.

Dall’altro, la manifestazione del centrodestra unito in piazza San Giovanni a Roma con le sue 200 mila persone.

Il risultato? Presto detto: crollano Pd e M5s, volano Lega, Fratelli D’Italia e Forza Italia.

Pubblicità
Pubblicità

Impressionante, come accennato, il balzo del Carroccio: sale dello 0,8% e si assesta al 34% tondo tondo; Matteo Salvini insomma torna a flirtare con i massimi storici.

Poi i Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che parimenti volano di 0,8 punti percentuali a un 8,4% che per Swg è il massimo storico del partito.

Bene anche Forza Italia, con le truppe di Silvio Berlusconi che salgono dello 0,4% al 5,5 per cento.

Sono queste le cifre che emergono dall’ultimo sondaggio Swg realizzato per il TgLa7, proposto lunedì 21 ottobre.

Pubblicità
Pubblicità

Dunque la Caporetto delle due principali forze del governicchio giallorosso.

Si parte dal Pd, che crolla dello 0,6% in sette giorni e scende al 18,8 per cento.

I democratici si confermano comunque seconda forza in assoluto, davanti al M5s, in picchiata di 0,8 punti percentuali al 17,8 per cento.

Infine, tra i partiti di governo, segni di vita per Matteo Renzi e Italia Viva, non a caso i più critici contro la manovra: godendo anche dell’effetto-Leopolda, IV sale dello 0,3% e si porta al 5,6 per cento.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

No alla censura, CasaPound imbavaglia le statue in oltre cento città. Azione anche a Trento

Pubblicato

-

Un bavaglio apposto dai militanti di CasaPound sulle statue di tutta Italia, questa la simbolica protesta con la quale il movimento ha inteso continuare a tenere alta l’attenzione  sulla censura in Rete, a 40 giorni dalla disattivazione delle sue pagine e dei profili dei suoi attivisti da parte delle piattaforme Facebook e Instagram e in attesa della prima udienza della causa intentata contro i siti di Mark Zuckerberg, fissata per il 13 novembre.

Anche a Trento gli esponenti della tartaruga frecciata hanno messo in atto la protesta con azioni in città.

Non me ne voglia Giuseppe Verdi ma il problema della censura è grave e preoccupante – afferma il coordinatore trentino Filippo Castaldini – . Per questo, questa notte in tutta Italia abbiamo imbavagliato statue e monumenti perché le idee non possono essere zittite da organismi privati che in nome del globalismo decidono chi può parlare e chi no.

Pubblicità
Pubblicità

Facciamo paura a questi signori perché non ci pieghiamo al politicamente corretto, perché difendiamo gli italiani anziché gli immigrati, perché non sopportiamo vedere la nostra Italia alla mercé di questo governo di traditori. Manteniamo alta l’attenzione, nessuno può metterci a tacere”.

Non si è trattato di un episodio isolato – sottolinea CasaPound in una nota – anzi, l’azione contro di noi è stata probabilmente la prova generale rispetto al tentativo di mettere a tacere gradualmente la voce dei sovranisti, come del resto dimostrato dalle censure che continuano ad essere poste in essere contro innumerevoli profili e pagine, ma anche ad esempio dal processore di pagamento PayPal contro imprenditori colpevoli solamente di essere lontani da posizioni globaliste“.

Per fortuna – prosegue il movimento – inizia ad allargarsi il fronte di coloro che hanno compreso la gravità delle censure in atto, come dimostrato dalla partecipazione al  convegno sulla libertà di espressione ‘Riprendere la parola’, organizzato da Il Primato Nazionale e che avrà luogo oggi pomeriggio alle 17, insieme al nostro Simone Di Stefano, di personalità del mondo dell’informazione e della cultura quali il membro del Cda Rai Giampaolo Rossi, il docente universitario Marco Gervasoni, l’attore Edoardo Sylos Labini, la giornalista Francesca Totolo, il deputato di Fratelli d’Italia Federico Mollicone, e il direttore del Fatto Quotidiano online Peter Gomez“.

E’ anche in considerazione del momento cruciale per il fronte sovranista e dell’attacco senza precedenti in corso – conclude CasaPound – che domani pomeriggio saremo in piazza San Giovanni, senza simboli ma con centinaia di tricolori, con la volontà di arricchire anche con le nostre idee e battaglie di sempre una piattaforma programmatica, quella dell’opposizione al governo da incubo giallofucsia, che non può limitarsi ai pur fondamentali temi dell’immigrazione e della pressione fiscale, ma deve iniziare a occuparsi con forza anche di casa, lavoro, famiglia,, salari e Stato sociale“.

Pubblicità
Pubblicità

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Michele Beozzo nuovo responsabile comunicazione regionale di Forza Italia 

Pubblicato

-

Martedì sera, si è svolta a Mezzocorona la riunione del coordinamento regionale di Forza Italia, alla presenza anche dell’assessore regionale Giorgio Leonardi

La riunione aveva all’ordine del giorno l’organizzazione della manifestazione a Roma di sabato 19 e il progressivo completamento dell’organigramma regionale.

La coordinatrice del movimento del Trentino Alto Adige Michaela Biancofiore dopo un breve discorso ha nominato nuovo capo dell’ufficio stampa di Forza Italia Michele Beozzo.

Pubblicità
Pubblicità

«Per premiare passione, esperienza e militanza – ha spiegato Biancofiore –  ho deciso di nominare innanzi col benestare del coordinamento  Michele Beozzo, nuovo responsabile regionale comunicazione e media»

Beozzo sarà coadiuvato nel suo lavoro dai responsabili provinciali e dai responsabili web e social.

L’occasione è stata opportuna anche per ratificare le nomine dei responsabili comunali individuati dalla Vice Coordinatrice Elena Testor e dal commissario Perego , in vista delle prossime elezioni amministrative.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza