Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Sabato 3 agosto riapre la guardia medica di Ledro

Pubblicato

-

Riapre la continuità assistenziale di Ledro nella sede di via Falcone e Borsellino 6 a Bezzecca.

Dal 3 agosto il servizio sarà attivo dalle ore 8 alle ore 20 nelle giornate di sabato e domenica e nei festivi infrasettimanali e dalle ore 10 alle ore 20 nei prefestivi infrasettimanali, orari in cui i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta non sono in servizio.

Nelle restanti giornate il servizio di guardia medica sarà assicurato nella sede di Riva del Garda in largo Marconi 2.

PubblicitàPubblicità

Alla continuità assistenziale di Ledro afferiscono oltre ai residenti di Bezzecca anche quelli dei comuni di Concei, Molina di Ledro, Tiarno di Sopra, Tiarno di Sotto.

L’attività si integrerà con il servizio erogato dal medico turistico in favore degli ospiti che soggiornano in valle di Ledro.

Pubblicità
Pubblicità

«Abbiamo mantenuto gli impegni presi con la popolazione della Valle di Ledro – ha detto con soddisfazione l’assessore alla salute e politiche sociali Stefania Segnana – riaprendo la sede di guardia medica di Bezzecca soppressa nel 2015 e stiamo dando, con risposte concrete, la massima attenzione alle esigenze delle popolazioni dei territori periferici della nostra provincia, così come definito dagli orientamenti programmatici della Giunta in tema di sanità. La continuità assistenziale di Ledro è un servizio di prossimità che diviene ancora più importante nel periodo estivo, quando il maggior afflusso turistico vede moltiplicare il numero delle persone presenti nella zona dell’Alto Garda e Ledro».

«Con l’Azienda sanitariaha proseguito l’assessore Segnana – siamo impegnati nella riorganizzazione complessiva del servizio di continuità assistenziale cercando di attuare soluzioni innovative che ci permettano di contrastare l’attuale carenza di medici e al contempo dare particolare attenzione ai bisogni dei territori e delle comunità. Per questo stiamo vagliando ogni possibile soluzione per garantire la continuità assistenziale anche nelle ore notturne affinché la popolazione residente e i turisti possano contare sulla presenza di un medico sulle ventiquattro ore».

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Riva del Garda: denunciati due minorenni per tentata rapina

Pubblicato

-

Ieri 13 dicembre gli investigatori del Commissariato di P.S. in collaborazione con i Carabinieri della Stazione di Riva del Garda hanno identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria due minorenni responsabili di tentata rapina ai danni di un ragazzo avvenuta nel centro rivano nel tardo pomeriggio del 12 dicembre.

I due giovani entrambi residenti a Riva del Garda, verso le ore 18.30/45, in via Grez hanno affiancato un ragazzo, maggiorenne, residente in provincia di Trento, tentando di strappargli la borsa ginnica che portava con se.

Alla resistenza dell’uomo lo hanno dapprima minacciato con due bastoni e, successivamente, con una pistola che uno dei due teneva nella cintura dei pantaloni.

PubblicitàPubblicità

La vittima in preda al panico scappava dai due, riuscendo subito dopo a fermare una autovettura di passaggio ed a farsi accompagnare alla Stazione Carabinieri di Riva.

I militari, immediatamente, raccoglievano la denuncia, informando dell’evento il Commissariato di P.S. di Riva.

Pubblicità
Pubblicità

Nel frattempo, poco dopo la tentata rapina, la Volante del Commissariato, nell’ambito dell’azione di prevenzione dei reati fortemente voluta dal Questore Garramone, identificava due giovani, risultati poi essere gli autori della tentata rapina, con addosso un bilancino di precisione ed una pistola giocattolo.

Gli investigatori valutati gli elementi forniti dalla vittima e quelli raccolti della Volante, nella mattinata del 13, perquisivano le abitazione dei due giovani, già identificati il giorno prima, rinvenendo nel corso delle operazioni la pistola giocattolo e parte degli indumenti utilizzati al momento del reato.

Pubblicità
Pubblicità

“Appare estremamente importante – commenta il Vice Questore Salvatore ASCIONE, (foto) Dirigente del Commissariato di P.S. di Riva del Garda –  la celerità dell’intervento e la collaborazione dei cittadini, che sono il primo presidio della sicurezza partecipata. Il grave episodio, connaturato anche dalla giovane età degli autori, ha dimostrato la competenza e la grande capacità degli operatori dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato, indispensabile per individuare e denunciare in brevissimo tempo gli autori del delitto, restituendo alla collettività la giusta sicurezza”

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

L’unico esemplare in Trentino di lince è ancora presente in Val di Ledro

Pubblicato

-

La lince B132 è ancora presente in Val di Ledro, lo dimostra un raro video realizzato dai cacciatori della riserva di Molina di Ledro.

Un breve video, girato nei giorni scorsi sui versanti di Tremalzo, documenta infatti la presenza del felide nel Trentino sud-occidentale, ad oltre sei mesi dall’ultima segnalazione.

Come è noto, si tratta dell’unico esemplare la cui presenza è documentata in Trentino ed in generale sulle Alpi italiane, ad eccezione di pochissimi singoli individui presenti nel Friuli settentrionale al confine con la Slovenia.

Pubblicità
Pubblicità

E’ un esemplare maschio nato nel 2006 nel cantone del San Gallo in Svizzera (dove è presente una piccola popolazione, reintrodotta dalle autorità locali) e che ha raggiunto la provincia di Trento nel 2008.

Radiocollarato una prima volta nel Parco nazionale Svizzero nel 2008, è stato poi radiomarcato ancora in Trentino due volte: nel 2010 e nel 2012.

Pubblicità
Pubblicità

E’ un animale solo, dunque per il momento non in grado di riprodursi e di dare continuità alla presenza della specie.

La conferma della sua presenza, spiegano gli esperti, costituisce però un segnale positivo sia in termini di qualità dell’ambiente che lo ospita che dal punto di vista del rispetto nei suoi confronti dimostrato dai cacciatori, che hanno collaborato da sempre al monitoraggio dell’animale.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Arco: si surriscalda una canna fumaria. Intervengono i vigili del fuoco

Pubblicato

-

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio intorno alle 17 a Padaro, una frazione del comune di Arco.

Una canna fumaria surriscaldata ha destato dei sospetti fra i vicini di casa, che hanno deciso di chiamare i vigili del fuoco. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Arco che hanno messo in sicurezza l’area.

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza