Connect with us
Pubblicità

Trento

La Repubblica delle autonomie: convegno ieri a Trento

Pubblicato

-

Nel ventennale delle norme di attuazione dello Statuto speciale per il Trentino Alto Adige riguardanti l’istituzione della Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti di Trento e Bolzano, ed in margine alla visita del presidente del Senato Alberti Casellati, si è tenuto ieri pomeriggio nel Palazzo della Provincia il convegno.

La Repubblica delle autonomie: responsabilità, garanzie, controllo e giurisdizione”, relatori Luigi Blanco, presidente del Comitato di indirizzo della Fondazione museo storico del Trentino e docente all’università di Trento, Giandomenico Falcon, ordinario di diritto amministrativo e avvocato, Gianfranco Postal, magistrato della Corte dei Conti di Trento, già dirigente generale del Dipartimento Affari e Relazioni Istituzionali della Provincia autonoma, e Carlo Alberto Manfredi Selvaggi, consigliere della Corte dei Conti, moderati da Stefano Agosta.

Dal particolare all’universale, dall’esperienza del Trentino Alto Adige all’Autonomia come aspirazione più generale, il convegno ha disegnato un ampio affresco dei temi che informano di sé anche il dibattito politico-costituzionale contemporaneo.

PubblicitàPubblicità

Blanco ha affrontato il tema delle origini dell’autonomia regionale, nel contesto di quel modello centralista che aveva preso corpo già con la costruzione dello stato unitario in Italia.

Sul tema delle regioni le forze politiche avevano sempre manifestato, dal canto loro, una certa ambiguità.

Pubblicità
Pubblicità

“In genere – ha ricordato Blanco – favorevoli alle autonomie regionali quando sono all’opposizione, diventavano centraliste quando andavano al governo”.

In Trentino Alto Adige si possono distinguere varie fasi, caratterizzate come noto dalla dialettica fra le forze di governo e la SVP. Le contraddizioni insite nel Primo Statuto di Autonomia e il ritardo nell’emanazione delle norme di attuazione portarono, già nel corso degli anni Cinquanta, all’acquirsi delle tensioni e a Loss von Trient. Da questa situazione se ne uscirà, come noto, con il varo del Secondo Statuto.

Falcon ha ripreso l’esame dei sistemi regionali e delle autonomie speciali italiane, sottolineando la loro peculiarità. Il Trentino Alto Adige gode di una ulteriore specialità, data essenzialmente dall’accordo Degasperi-Gruber.

Gli elementi che la contraddistinguono sono da un lato un meccanismo per salvaguardare l‘integrità della produzione normativa regionale, dall’altro una serie di accordi che hanno potere vincolante nei confronti dello Stato, caso unico in Italia.

Le tensioni sorte a partire dal 2001 fra Stato e Autonomie si sono risolte con una sorta di compromesso: La Corte costituzionale ha riconosciuto una sorta di maggiore autonomia al Trentino Alto Adige, ma al tempo stesso prevedendo un sostanziale adeguamento della norma locale a quella nazionale.

In questo contesto dialettico si inserisce l’esame del ruolo della Corte dei conti, a cui spetta la parificazione dei bilanci provinciali. La Corte ha qualificato il giudizio come incidentale, legato ad una serie di irregolarità (o illeciti) concrete. Ma nei fatti sembrerebbe piuttosto essere un giudizio principale, cioè astratto.

Come le norme di attuazione si intrecciano alla storia della Corte dei Conti è stato il tema affrontato da Postal. Dal progetto dell’Asar a quello della SVP, si delineano modelli diversi di amministrazione decentrata della giustizia.

Una delle prime norme di attuazione statutaria emanate dopo il varo del primo Statuto, nel 1951, prevedeva l’istituzione di una delegazione della Corte dei conti in Trento, con un ufficio distaccato a Bolzano.

Lo Statuto del 1972 ha determinato ovviamente una profonda modifica dell’assetto istituzionale e quindi anche delle funzioni di verifica e controllo da parte dello Stato, ma solo nel 2011 verranno istituite le sezioni riunite per la parificazione dei bilanci.

La riforma del Titolo V nel frattempo aveva messo al centro le Regioni, ha ricordato Manfredi Selvaggi, anche se questo spirito è stato successivamente “ingabbiato” dai pronunciamenti della Corte.

Sullo sfondo la necessità di far quadrare i conti dello Stato, in fondo a vantaggio anche delle autonomie. Un controllo collaborativo, dunque, quello della Corte, alla ricerca di disfunzioni che qualora corrette consentono alle amministrazioni di operare al meglio.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza