Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

«Prima adeguiamo l’A22 e poi pensiamo alla Valdastico» – di Guerrino Soini

Pubblicato

-

Egregio sig. Direttore,

Le chiedo un po’ di spazio per un commento a riguardo del completamento della A31.

«In linea di principio non sono sfavorevole ad un collegamento diretto con il Veneto, è sempre bene fare un favore ai propri vicini agevolando lo spostamento dei nostri valligiani verso una zona dove il commercio è più concorrenziale e, di conseguenza, può offrire prezzi più contenuti; ne ricaveremo un grande merito per quando verrà l’ora della resa dei conti.

Pubblicità
Pubblicità

Se Rovereto e Trento non vogliono subire danni economici si devono semplicemente organizzare meglio.

La questione complicata è un’altra.

Viviamo in una vallata non larghissima e, a suo tempo, è stata costruita un’autostrada a sole due corsie, per giunta più strette rispetto a quelle realizzate nel resto d’Italia.

Pubblicità
Pubblicità

Al tempo sembrava un lusso ma oggi non è più così e basta parlare con qualunque autista di mezzi pesanti per trovare riscontro a quanto sopra.

La A22 è congestionata dovendo digerire infinite teorie di autotreni, da e per il Brennero, che occupano quasi interamente la corsia più lenta ( qualche giorno ho percorso il tratto Bolzano Rovereto, come faccio spesso per lavoro, interamente in corsia di sorpasso e senza mai riuscire a superare la velocità di 100 Km/h ) riducendo, di fatto, lo spazio per il traffico ordinario alla sola corsia esterna.

Stando così le cose non riesco ad immaginare cosa succederà quando la A31 vomiterà una quantità di mezzi esorbitante sull’asta dell’Adige.

Buon senso vorrebbe che prima di pensare ad un incremento di traffico su un’arteria importante, come la Modena Brennero, si provvedesse ad adeguare la stessa aggiungendo quella terza corsia da tempo richiesta e sempre rifiutata, che sarebbe in grado di snellire il traffico autostradale.

Certo poi bisognerebbe mettere mano anche alla viabilità locale ma questo è un altro aspetto e andrebbe gestito direttamente dai comuni.

Veniamo poi alla genialata del Governatore Fugatti di prevedere lo sbocco a Rovereto Sud tra Marco e Serravalle.

Ogni buona Amministrazione, prima di dar corso a progetti strampalati di questa fatta si preoccupa, almeno, di effettuare studi di fattibilità, indagini geologiche e quant’altro necessario a garantire il minor impatto possibile dell’opera sul territorio e sul tessuto sociale in esso insediato.

Per il tracciato T5, sembra, che nulla di tutto ciò sia stato fatto, anzi, si è sentita più di una voce contraria a questo progetto in quanto geologicamente incompatibile, con un impatto ambientale inaccettabile per le valli interessate e pericoloso per la sorgente dello Spino che serve, dal punto di vista idrico, mezza Val Lagarina ( i fautori di questo pastrocchio si affannano a dire che la sorgente non sarebbe toccata ma, che io sappia, i percorsi sotterranei dell’acqua rimangono misteriosi e danneggiare una sorgente è la cosa più semplice del mondo ( basti guardare, senza andar tanto lontano, il disastro combinato negli anni ‘50 al lago di Loppio del quale sono state interrotte le tre sorgenti senza mai essere più stati in grado di ripristinarle ).

Ecco, stando così le cose mi sembrerebbe opportuno riconsiderare tutto il progetto, non perché non s’abbia da realizzare ma perché, per una volta, si consideri l’insieme dei problemi e non solo ciò che, politicamente, rende meglio; ciò senza voler essere in sintonia con il Valduga – pensiero e con quello dei suoi sodali, cosa che davvero non è nelle mie corde».

Guerrino Soini – Rovereto

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza