Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

La resa: «Abbandonato perché autistico», il fallimento delle istituzioni

Pubblicato

-

Il rovescio di una medaglia dove gioia, orrore e disperazione si mescolano fra loro portando alla luce l’ennesima triste storia di abbandono di un figlio. 

Mentre a Bibbiano, è storia di questi giorni, i genitori lottano fino alla fine per riavere i propri figli strappati ferocemente ed ingiustamente da un sistema sociale corrotto e inadeguato, in Trentino una famiglia abbandona il figlio perché autistico.

A portare alla luce questa drammatica storia sono Giovanni Coletti ed Elena Gabardi rispettivamente presidente della fondazione trentina per l’autismo e pedagogista di «Casa Sebastiano» a Coredo in val di Non, centro di eccellenza europea nel settore che si occupa di riabilitazione intensiva, accoglienza, residenzialità e formazione di personale specializzato e che ha come primo obiettivo per i ragazzi autistici quello di farli rientrare attivamente nella vita sociale.

Pubblicità
Pubblicità

È stata un’assistente sociale a chiamare Casa Sebastiano per avere informazioni per un bambino di 11 anni per metterlo in residenzialità e la motivazione è che la famiglia non lo vuole più

La telefonata, arrivata da fuori provincia, lascia tutti senza fiato.

Pubblicità
Pubblicità

«O sono dei disgraziati o dei disperati, di certo è una sconfitta per tutti» – spiega Elena Gabardi (foto sotto) in un’intervista rilasciata a Rai3.

«Cosa manca in Italia?»si chiede poi la pedagogista:  «Mancano i servizi, manca l’aiuto, le informazioni, manca un po’ tutto Perché convivere che l’autismo può essere dura, durissima. Ma qui in questa struttura tra il verde e le montagne da due anni si sta facendo tanto. Piccoli passi sotto un canestro, con un’escursione all’aperto o nel coltivare un orto, per garantire ai pazienti autonomia, stimoli, un sorriso».

«Con la responsabilità di gestire una persona il lavoro si alza dal punto di vista qualitativo, ma anche dal punto di vista sociale» – Spiega invece Giovanni Coletti, (foto titolo) l’inventore di Casa Sebastiano ed imprenditore molto conosciuto che ha dato lavoro nella sua azienda a tre pazienti autistici che si stanno integrando perfettamente nel lavoro.

Riportiamo sotto gli avvenimenti diffusi dalla Fondazione trentina per l’autismo

«Succede che un giorno, quello che era iniziato come un normalissimo giorno, qualcosa irrompa come un fulmine a ciel sereno, un lampo che manda in corto circuito le nostre credenze comuni. Senza preavviso, senza cautele…

Un giorno come un altro, il telefono squilla, all’altro capo un’assistente sociale di un’altra regione chiede informazioni: “Dobbiamo trovare una sistemazione per un bambino di 11 anni con diagnosi di autismo”.

È la norma per il nostro centro. Centinaia di telefonate, da quando abbiamo inaugurato Casa “Sebastiano” appena due anni fa, da tutta Italia e da italiani all’estero, operatori e famiglie, alla ricerca di informazioni, risposte, servizi, di un’opportunità, di un futuro migliore.

Ed eccolo, l’inaspettato, uno schiaffo che toglie il fiato: «La famiglia non lo vuole più». Non credo di aver capito. «La famiglia non lo vuole più».

Silenzio. Come un’eco la frase si moltiplica nell’aria intorno.

«La famiglia non vuole più tenerlo – riprende la voce – è affidato al Tribunale dei minori».

Le parole rotolano fuori dal telefono, come massi, travolgenti, indomabili.

In un battito di cuore l’irriducibile speranza che porta in avanti l’umanità da milioni di anni vacilla. Quel rassicurante sentire profondo, che permea il nostro quotidiano di ripetitiva tranquillità, si crepa.

Viene fuori il pensare emotivo, che sgorga dalla pancia: o sono disgraziati o sono disperati. In ogni caso abbiamo fallito.

Le Istituzioni hanno fallito, la società ha fallito.

E’ mancato il supporto delle Istituzioni, i servizi, l’aiuto necessari a che un bambino e i suoi genitori possano affrontare insieme la drammaticità di una disabilità dura, a volte durissima.
E’ venuto meno il patto di aiuto ai deboli, il mandato etico, ancor prima che costituzionale -fondamento di ogni società che voglia dirsi civile-, di sostegno ai componenti più fragili delle nostre comunità.

Se una famiglia si arrende, le Istituzioni hanno fallito.

Domani, forse, avremo una bella storia da raccontare, piccole e grandi conquiste di tante famiglie che lottano quotidianamente contro uno spettro, l’autismo, senza pietà. Oggi no.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza