Connect with us
Pubblicità

Trento

Cooperazione internazionale, Cia e Ambrosi: «È ora di dire basta e chiudere con il parassitismo»

Pubblicato

-

Giornata dedicata alla discussione sui tagli alla cooperazione internazionale quella di ieri in consiglio provinciale.

Ad iniziare dal mattino quando le organizzazioni trentine che si occupano di cooperazione allo sviluppo e di solidarietà internazionale sono scese sotto il palazzo di piazza Dante per protestare apertamente contro la cancellazione del vincolo minimo di finanziamento annuo (pari allo 0,25 per cento del bilancio) da parte della Giunta provinciale.

La  manifestazione era promossa dal coordinamento «FaRete», che riunisce 53 delle oltre duecento organizzazioni impegnate nel settore della cooperazione allo sviluppo.

Pubblicità
Pubblicità

Poi la discussione è proseguita in aula nel pomeriggio con un’apparente calma fino all’intervento della consigliera di minoranza Sara Ferrari, «Dichiarare oggi che una parte delle risorse finora destinate alla cooperazione internazionale potranno andranno a sostegno di politiche sociali e di famiglie trentine in difficoltà, equivale a mettere in alternativa bisogni che andrebbero invece entrambi soddisfatti»ha esordito Ferrari.

La Giunta ha dichiarato di non essere interessata a questa strategia di educazione alla cittadinanza “perché i risultati sono immateriali”.

«Certo, ha replicato Ferrari, nel settore educativo i risultati sono sempre immateriali. Inoltre i 200.000 euro su bandi che finanziano l’educazione alla cittadinanza globale servivano ad intervenire sui e con i cittadini trentini. Bene – ha stigmatizzato – da oggi in poi queste attività non si faranno più”. “Fate pure le scelte che avete il diritto di fare, ma dopo aver visto e dopo aver capito», ha concluso.

A Sara Ferrari hanno replicato Claudio Cia e Alessia Ambrosi con due interventi di grande effetto.

La verità per Claudio Cia è che questa Giunta non ha cancellato la solidarietà internazionale dalla propria agenda. Però ci vuole vedere chiaro, perché di abusi ne sono stati fatti e molti, in nome della solidarietà.

Perché la Giunta ha la responsabilità di amministrare il denaro pubblico. Lo 0,25% del bilancio, pari secondo qualcuno a poco meno di un caffè al giorno (5 centesimi).

«Invito tutti i trentini a comperare campi e coltivare caffè. Un caffè che in 5 anni, dal 2013 al 2018 è costato alla comunità trentina oltre 40 milioni di euro».

Un esempio per Cia riguarda un progetto di 4.490.000 euro per l’Uganda, assegnati attraverso una determina di un dirigente. Nello stesso periodo, dal 2013 al 2018 la regione ha pagato il caffè per oltre 16 milioni di euro. Ma in questo caso c’era la responsabilità politica di una delibera di Giunta.

«In 5 anni il nostro caffè è costato 56 milioni di euro», ha lamentato Cia.

Certo vi sono stati progetti che hanno prodotto ricadute positive nei territori in cui le risorse provinciali venivano investite.

Ma Cia ha espresso dubbi circa la buona fede di chi ha finanziato questi progetti, come nel caso della marsupioterapia in Vietnam, costato in un anno 100.000 euro.

Vi sono stati anche associazioni che promuovevano feste e danze non all’estero ma a Riva del Garda (15.000 euro tolti dalle casse di chi magari non riesce a pagarsi una bolletta o l’affitto).

Sono stati anche finanziate 60 storie di fumetti con 13.000 euro.

Piccole cifre che sommate fanno maturare le grandi cifre fino ai 56 milioni di caffè.

Quando quindi l’assessore Spinelli dice che c’è stato anche un impiego un po” allegro” di queste risorse, non gli si può dare tolto.

La sinistra parla tanto di solidarietà internazionale sostenendo che le politiche della Giunta contrastano con lo slogan della Lega “aiutiamoli a casa loro”. Ma è accaduto che la Provincia per la cooperazione internazionale abbia finanziato con 15.000 euro un festival e con appena 8.000 gli aiuti ad una popolazione colpita da un’alluvione.

«E’ quindi ora di dire basta – ha tuonato Cia – di potare i rami secchi e di liberarci di quanti vivono all’ombra di un valore distintivo della nostra terra»

“Curioso è poi anche il fatto che la maggioranza delle delibere con le quali sono stati ammessi i finanziamenti dei progetti siano in realtà delibere di Dirigenti e non dell’Esecutivo, fatto che sicuramente solleva qualche perplessità circa l’autonomia dei dirigenti pubblici e l’assunzione della responsabilità politica da parte della Giunta per progetti che, de facto, approva o respinge

Alessia Ambrosi (Lega) ha dichiarato di credere nella cooperazione internazionale, ma proprio per questo in un periodo di spending rewiew nei settori della sanità, dell’assistenza e di altri servizi essenziali, non si vede perché la cooperazione internazionale sia intoccabile, godendo di una quota fissa nel bilancio provinciale.

Il centrosinistra che difende questa quota fissa del bilancio provinciale per la cooperazione internazionale non si capisce perché non abbia difeso una quota fissa per finanziare i servizi essenziali.

Di particolare effetto la frase riportata dalla consigliera della Lega pronunciata anni addietro dal professor Gianfranco Miglio sulla cooperazione internazionale che a livello globale si è rivelata talvolta fonte di parassitismo.

Il professor Gianfranco Miglio ha definito la cooperazione internazionale un fenomeno più dannoso della fame stessa che vorrebbe combattere. La cooperazione internazionale corrode i ricavi dei cittadini che producono, e sottrae risorse preziose che servono per la comunità dove vengono prodotte.

«Il grado di civiltà politica di un Paese dipende dal modo con cui si riesce a limitare la quantità e la presenza dei parassiti. I parassiti sono nella società così come sono sugli animali. Chi di voi ha un cane o un gatto sa che a un certo punto, se i parassiti crescono al di là di un certo limite l’animale muore. E muore una società.
Ci sono esempi storici di società che sono scomparse per eccesso di parassitismo». – Scrisse Miglio

Questi tratti mal si sposano con la cooperazione internazionale che i trentini intendono. L’aiuto internazionale attualmente offerto rischia di apparire un business. Di certo occorre per Ambrosi cambiare registro. La lotta al sottosviluppo e alla povertà è importante per frenare le ondate migratorie.

La revisione della spesa promossa dalla Giunta è quindi solo uno stimolo a crescere e a responsabilizzarsi. Se un’associazione è credibile non avrà difficoltà a reperire i fondi di cui ha bisogno, La Provincia deve limitarsi a valutare le associazioni e i loro progetti per quel che sono e non per quel che pretendono. “Lungi da noi una carità che uccide, finto perbenista. La vera sfida è offrire un’attività di supporto ai Paesi più poveri e non di sostituzione alle responsabilità e alle iniziative locali”.

Ambrosi ha concluso criticando il fatto che senza lo 0,25% non si possano più effettuare operazioni di sensibilizzazione alla solidarietà internazionale nelle scuole. L’impressione che si dà allora è che la cooperazione sia sostenuta dal centrosinistra a fini di lucro.

Oggi la risposta del Governatore che comunque tirerà diritto e confermerà i tagli. «Si è spesso troppo in questi anni»– ha dichiarato Fugatti a margine del consiglio provinciale ieri.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]
  • Arriva il caldo: è tempo di bevande e cibi detox in vista dell’estate
    Dopo due mesi di pizze, focacce e torte, è tempo di rimettersi in forma in vista dell’estate. Questo, non solo perché è “bello” essere in forma ed avere un bel fisico da sfoggiare, ma anche perché seguire un’alimentazione corretta ed uno stile di vita sano sono fondamentali per mantenere al meglio il nostro corpo e […]
  • Bonus vacanze 2020: i dettagli del bonus fino a 500 euro da spendere per le ferie italiane
    Mentre si iniziano a intravedere le prime aperture di stabilimenti balneari e spiagge, l’incognita vacanza è ancora viva su tutto il territorio italiano, insieme alle riaperture delle strutture ricettive, le limitazioni agli spostamenti tra Regioni e l’ormai noto bonus vacanze per le famiglie. Non è fatto nuovo che tra le ultimissime novità varate dal Governo […]
  • Ristrutturare casa a costo zero: Detrazioni fino al 110% grazie al nuovo Ecobonus
    In questo momento di grave crisi sociale ed economica causata dall’arrivo dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, è stato più volte immaginato e sospettato un’eventuale e inevitabile shock per gli investimenti privati ma sopratutto per il settore dell’edilizia. Per questo motivo, il Governo italiano con il recente Decreto Rilancio varato 13 maggio 2020 ha messo sul […]
  • Cena in serra: da Amsterdam la soluzione originale, romantica e perfetta per cenare in sicurezza
    L’attuale emergenza sanitaria che sta coinvolgendo il mondo intero e la magica atmosfera di una cena romantica sono unite da un filo sottilissimo che passa dall’obbligo del distanziamento sociale, previsto per evitare il rischio di contagio da Covid – 19. In questo caso la misura è stata perfettamente reinventata e sfruttata per dedicare alle coppie […]

Categorie

di tendenza