Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Van Spitz 4 Simposio: Vince Arianna Gasperina, il pubblico premia il perginese Gino Lunz

Pubblicato

-

Ad aggiudicarsi il premio Giuria del Van Spitz Simposio internazionale della scultura è stata l’artista Arianna Gasperina con l’opera “e mi Rialzo”

Dal parere espresso dalla Giuria, composta dalla critica d`arte / curatrice Dora Bulart e lo scultore Simone Turra , risulta vincitrice della 4 edizione del Van Spitz Holzbildhauer Simposyum, l’artista di Pordenone Arianna Gasperina con la scultura intitolata “e mi Rialzo”, per aver dimostrato qualità tecniche ed artistiche di prim’ordine.

La giuria ha valutato innanzitutto il linguaggio artistico, la scelta espressiva mediante la forma scultorea e la qualità tecnica, nonché la coerenza con il tema dato e il contesto in cui l’opera si collocherà.

Pubblicità
Pubblicità

La scultura, tipica dello stile di Gasperina, si riferisce a una ricerca precisa a partire da una figurazione attenta a una poetica della realtà invisibile, considerando il connubio tra Natura, Memoria e lo Spirito come “sistema salva-vita” di speranza e rinascita.

La giuria, dopo un’attenta e scrupolosa valutazione ritiene doveroso menzionare anche il lavoro di Chris Bailey di Waiheke in Nuova Zelanda , assieme all’opera di Christoph Rossner di Bad an Schlena in Germania.

La giuria tecnica vuole altresì complimentarsi con tutti i partecipanti nella quarta edizione del Van Spitz Simposio Internazionale della scultura per l’alta qualità delle opere realizzate e la professionalità dimostrata.

Pubblicità
Pubblicità

Di diverso avviso è stata invece la votazione del pubblico, che ha assegnato il Premio all’opera del molto amato scultore perginese Gino Lunz .

Dal 16 al 21 luglio le località Kamauz e Van Spitz nel comune di Frassilongo in Val dei Mòcheni sono state per una settimana un laboratorio di scultura all’aperto.

Chris Bailey – Nuova Zelanda, Christoph Rossner – Germania, Jitka Kusova Valevska – Rep. Ceca, Arianna Gasperina di Pordenone, Gino Lunz dI Pergine Valsugana, Roberto Nones di Capriana , Paolo Vivian di Palù del Fersina e I tre artisti mocheni per una settimana hanno creato dieci nuove opere con le quali si completa il percorso circolare che da Kamauz arriva a Van Spitz e ritorna a Kamauz attraverso boschi e prati chiudendo un anello di circa 5 kilometri.

Più di 40 sculture di artisti da tutto il mondo, infatti hanno creato un nuovo parco trentino dedicato alla scultura contemporanea ed accompagneranno i visitatori in una passeggiata piacevole fra arte e natura nella valle incantata.

VAN SPITZ HOLZBILDHAUER SIMPOSYUM – E’ una manifestazione, organizzata dal comune di Frassilongo/Garait in collaborazione con Pro loco di Frassilongo, Comunità Alta Valsugana Bersntol, Associazione Avark, il Corpo volontario dei vigili del fuoco di Frassilongo, con il supporto di Metal Working srl , cantina sociale Rovere della Luna, Punto Verde e ristorante Van Spitz. L`evento è stato organizzato sotto la preziosa direzione artistica di Paolo Vivian.

Pubblicità
Pubblicità

Arte e Cultura

Mostra APT: il «Guercino» della collezione Cavallini Sgarbi è arrivato in val di sole

Pubblicato

-

Da oggi, venerdì 20 settembre, la mostra di Castel Caldes dedicata alla collezione Cavallini Sgarbi si arricchisce di uno straordinario dipinto del Guercino.

Dopo il prestito al Forte di Bard in Valle d’ Aosta, dove il dipinto di Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino era esposto nella mostra monografica dedicata al pittore emiliano, la tela sarà infatti visibile fino al 3 novembre a Castel Caldes assieme alla settantina di opere tra dipinti e sculture che vanno dal Quattrocento a metà Ottocento con capolavori di Lotto, Artemisia Gentileschi, Cagnacci.

Il quadro, raffigurante il legale Francesco Righetti, è approdato nella collezione Cavallini Sgarbi nel 2004, è stato dipinto dal pittore di Cento tra il 1626 ed il 1628 e raffigura un noto avvocato della città natale del Barbieri.

Pubblicità
Pubblicità

Lo stesso Righetti aveva in collezione due  dipinti del Guercino una Maddalena e un San Giuseppe.

Pochi i ritratti conosciuti eseguiti dal  Barbieri,  questo  raro esempio ne mette in luce le doti di buon ritrattista.

La mostra, fortemente voluta dall’Apt Val di Sole, dal Comune di Caldes e dalla Pat, sta raccogliendo consensi  di pubblico e critica raccontando  attraverso questa collezione d’arte la passione  e l’ amore per l’ arte della nota famiglia ferrarese.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Arte e Cultura

Arrivano le giornate del Patrimonio nei castelli trentini

Pubblicato

-

Arrivano le Giornate del Patrimonio: nei castelli del Trentino sono in programma mostre, attività per famiglia e visite guidate, inoltre domenica 22 settembre c’è l’ingresso gratuito al Castello del Buonconsiglio, a Castel Thun, a Castel Beseno e Castel Stenico, ridotto a Castel Caldes.

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio domenica 22 settembre 2019 l’ingresso al Castello del Buonconsiglio, a Castel Thun, Castel Stenico e Castel Beseno sarà gratuito mentre a Castel Caldes l’ingresso sarà a tariffa speciale di 5,00 euro.

Un’occasione davvero imperdibile per visitare gratuitamente non solo i castelli provinciali ma anche le mostre allestite nelle sedi museali: al Buonconsiglio si potranno ammirare preziosi tessuti e ricami oltre a importanti dipinti esposti nella mostra “Fili d’oro e dipinti di seta” con viste guidate  a pagamento sabato alle 15.30 e domenica alle 11.00 ;  a Castel Thun i visitatori potranno vedere, la mostra “À la mode française. Stile, modelli e modiste per le contesse Thun” dedicata alle riviste di moda illustrate del XIX secolo: strumenti di grande successo per la diffusione e divulgazione del gusto, offrivano un dettagliato e articolato panorama dell’eleganza femminile, che guardava a Parigi come centro dell’haute couture; nella Sala dei Fiori del Castello di Stenico, ancora per pochi giorni, è allestita la mostra “Colori fluttuanti” dedicata alla carta marmorizzata che chiuderà il 29 settembre.

Pubblicità
Pubblicità

A Castel Caldes l’ingresso sarà per tutti a tariffa speciale (5,00 euro) e si potrà ammirare la mostra “Cavallini Sgarbi”: un emozionante percorso lungo quattro secoli che, dalla seconda metà del Quattrocento, ha radunato 80 opere della celebre collezione in una inedita selezione “Da Niccolò dell’Arca a Francesco Hayez”.

In tutte le sedi sono previste attività autogestite per famiglie (Piccolo ma prezioso).

Quale bambino non ha mai creato la sua piccola collezione di tesori?

Grazie al kit operativo proposto dal museo, grandi e piccini potranno arricchire il proprio cofanetto andando alla ricerca di oggetti preziosi tra le sale del castello.

Pubblicità
Pubblicità

Risolvendo giochi e indovinelli, potranno scoprire alcune curiosità sulle raccolte museali collocate nelle diverse sedi, ragionando su cosa renda davvero “prezioso” ogni singolo oggetto custodito al museo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Arte e Cultura

Museo Diocesano Tridentino: fino al 4 novembre espone Sidival Fila

Pubblicato

-

Il Museo Diocesano Tridentino propone tra settembre e ottobre quattro visite guidate all’esposizione «Sidival Fila Opere», aperta fino al 4 novembre 2019.

Frate francescano e artista contemporaneo, Sidival Fila pone al centro delle sue opere i materiali tessili e le stoffe, anche umili o di scarto, a cui dona nuova vita grazie ad un importante lavoro di tessitura, ricucitura e colorazione.

Le visite guidate sono in programma domenica 22 settembre, domenica 6, 13 e 20 ottobre alle ore 16.

Pubblicità
Pubblicità

Il ritrovo è presso la biglietteria del Museo Diocesano Tridentino in piazza Duomo a Trento.

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (domenica 22 settembre) e della prima domenica del mese (domenica 6 ottobre) la partecipazione alle visite guidate è libera e gratuita.

Nelle restanti giornate compresa nel biglietto d’ingresso alla mostra.

In occasione della Settimana Mozartiana, sabato 21 settembre alle ore 12 il Museo Diocesano Tridentino ospiterà in Sala Arazzi il concerto del “Quartetto di Venezia” «Effetto Mozart. La piazza che suona.»

Pubblicità
Pubblicità

In programma musiche di Wolfgang Amadeus Mozart (quartetto kv 464 e kv 428) e Franz Joseph Haydn (quartetto op. 33 n. 6). Il “Quartetto di Venezia” è composto da: Andrea Vio, Alberto Battiston (violini), Mario Paladin (viola) e Angelo Zanin (violoncello).Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti disponibili.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza