Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Dagli sci ai banchi di scuola: Simone Deromedis alla conquista di medaglie e diploma

Pubblicato

-

Un ottimo risultato agli esami di maturità – 72 il voto finale – dopo aver inanellato medaglie e piazzamenti incredibili nello skicross.

Per Simone Deromedis il 2019 è un anno davvero speciale, che lo ha visto protagonista sugli sci, ma anche sui banchi di scuola. Il giovane campioncino di Taio è riuscito infatti a diplomarsi all’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico “C.A. Pilati” di Cles, nonostante le numerose assenze dovute alla sua grande passione.

Il merito è sicuramente di un ragazzo brillante, che con grande impegno è riuscito a colmare le lacune dovute a più di 90 giorni di assenza solo nell’ultimo anno, ma anche di un istituto e di un gruppo di professori che hanno sempre sostenuto la sua attività sportiva.

PubblicitàPubblicità

Senza la tranquillità di avere alle spalle una scuola che appoggiava il suo percorso sportivo, magari Simone non sarebbe riuscito a portare a casa gli importantissimi risultati a livello internazionale che ha ottenuto nella scorsa stagione, tra cui il secondo posto ai Campionati Italiani Juniores, il podio in Coppa Europa e la partecipazione ai mondiali negli Stati Uniti.

Quest’anno, un po’ a sorpresa, ho disputato diverse competizioni importanti – racconta il talento classe 2000 di Taio –. In tutto ho superato i tre mesi di assenza, concentrati nel periodo invernale, ma grazie all’aiuto dei professori sono riuscito a tenermi al passo con il programma e a recuperare tutte le verifiche, arrivando a fine anno con lo stesso numero di voti dei miei compagni”.

Pubblicità
Pubblicità

Simone Deromedis ha iniziato a gareggiare ad alto livello nello skicross in terza superiore e in quarta è stato aggregato per la prima volta alla squadra nazionale, svolgendo degli allenamenti intensificati.

Quest’anno, poi, il salto di qualità: i risultati ottenuti a inizio stagione, in maniera anche un po’ inaspettata, gli sono valsi le convocazioni in nazionale e la partecipazione a gare sempre più importanti e impegnative.

Pubblicità
Pubblicità

Lo sciatore di Taio Simone Deromedis ha conquistato importanti tranguardi quest’anno, sia in ambito sportivo, sia in quello scolastico

Ho avuto un colloquio con il dirigente Alfredo Romantini e i suoi collaboratori, che si sono dimostrati disponibili e pronti a darmi una mano – rivela Deromedis –. Durante i giorni di ritiro avevo sempre con me il computer e nelle ore libere cercavo di tenermi più o meno al passo con i miei compagni. Quando rientravo a scuola frequentavo gli sportelli nelle seste ore e programmavo le verifiche insieme ai professori, in modo da non avere carenze ed essere preparato”.

Quando poi è arrivato il momento degli esami di maturità, Simone ha dimostrato di avere talento non solo sugli sci. Anche se non è stata proprio una passeggiata.

Agli scritti ho un po’ faticato – confessa – ma sono riuscito comunque a ottenere la sufficienza. Gli orali invece sono andati molto bene, sono sicuramente soddisfatto. Ho apprezzato tanto che i professori si interessassero alle mie gare e fossero dei miei tifosi. Così come i compagni di classe, erano più gasati di me quando ottenevo bei risultati”.

Almeno per un annetto, ora, i libri resteranno chiusi. “L’anno prossimo ho deciso di impegnarmi al 100% nello sci – dichiara Simone Deromedis –. Non escludo comunque la possibilità di frequentare più avanti l’università”.

Senza abbandonare l’ambito sportivo, naturalmente. “Eventualmente pensavo a Scienze Motorie”.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Il Presepe di Lino Peroceschi di Cles in Consiglio regionale

Pubblicato

-

Anche quest’anno il Consiglio regionale ospita, in occasione del Santo Natale, un’opera di Lino Peroceschi, appassionato artista del Presepe, che ha allestito una piccola ma significativa opera nell’atrio, affacciato su Piazza Dante, del Palazzo della Regione.

“Il Presepe appartiene alla cultura della gente trentina – spiega il Presidente Roberto Paccher – ed è un simbolo di quei valori, nel rispetto di tutte le sensibilità religiose, che hanno portato alla costituzione dell’Europa moderna.  Per questo è importante che anche in una sede istituzionale come quella del Consiglio regionale, che rappresenta la storia della nostra Autonomia, possa trovare spazio un Presepe come questo che, pur piccolo, racchiude uno spaccato della storia trentina e altoatesina”.

Il primo Presepe (dal latino praesepe, mangiatoia), secondo la Legenda Maior, fu fatto da San Francesco d’Assisi: tornato da poco dal viaggio in Egitto e Palestina, in occasione del Natale del 1223 allestì nel borgo di Greccio, in Lazio, una rappresentazione vivente della natività.

PubblicitàPubblicità

Da allora la tradizione del Presepe si è diffusa in tutta l’Italia e l’Europa medievale, per giungere fino a noi.

Lino Peroceschi, di Cles, da più di trent’anni si dedica con passione alla costruzione artigianale di Presepi che sono oggi visibili in molti luoghi della nostra Regione.

Pubblicità
Pubblicità

In quest’opera, che è visibile nell’ingresso del Consiglio e dalle vetrate affacciate su Piazza Dante, ha voluto rappresentare la natività all’interno di una casa contadina tradizionale trentina e l’ha collocata accanto alla torre di Castelforte, una antica e suggestiva rocca nei pressi di Andriano, in Alto Adige.

Il presepe sarà visibile da Piazza Dante fino al  6 gennaio.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Castel Belasi si veste di magia per Natale e si prepara a un weekend fatto di musica, arte e laboratori

Pubblicato

-

Castel Belasi in versione "invernale" (foto Alberto Franzoi)

Sarà un Natale magico a Castel Belasi. Sabato e domenica prossimi, 14 e 15 dicembre, il maniero di Campodenno ospiterà una due giorni di eventi, musica e laboratori per adulti e bambini. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

A fuoco un’abitazione a Denno: 17 persone evacuate, 100 Vigili del Fuoco sul posto

Pubblicato

-

Risveglio tra le fiamme a Denno, dove è scoppiato un incendio in una palazzina in via Santi Gervasio e Protasio, proprio in prossimità della caserma dei Vigili del Fuoco volontari e della canonica. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza