Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Il parco naturale locale Monte Baldo ha la sua casa

Pubblicato

-

E’ stata una domenica di festa domenica pomeriggio a Brentonico dove è stata inaugurata la Casa del Parco naturale locale Monte Baldo.

Palazzo Eccheli – Biasi, questa la sede, ospita il centro visite dell’area naturale, dove il pubblico potrà conoscere la straordinaria biodiversità del monte Baldo e la ricchezza di un patrimonio unico in Italia e in Europa.

“Il monte Baldo – ha sottolineato il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento ed assessore provinciale all’urbanistica ambiente e cooperazione, Mario Tonina – è una delle aree naturali di maggiore pregio del Trentino. Il centro contribuirà a far conoscere alle migliaia di trentini e, soprattutto, di turisti che frequentano la montagna affacciata sul lago di Garda, le peculiarità di un ambiente che abbiamo saputo preservare nel migliore dei modi. La tutela del territorio e della montagna è una delle priorità della giunta provinciale”.

Pubblicità
Pubblicità

“L’inaugurazione della casa è stata anche l’occasione per presentare il video “Baldo Bio… è logico”.

L’allestimento permanente della Casa del Parco naturale locale Monte Baldo, organizzato all’interno delle stanze di Palazzo Eccheli-Baisi di Brentonico, si propone come luogo rappresentativo dell’area protetta. L’obiettivo del centro visitatori è di raccontare i temi della nascita, della connessione uomo-ambiente e del paesaggio del Parco.

Ieri è stata presentata la nuova struttura che diventerà uno dei punti di riferimento dell’offerta turistica del Monte Baldo e del comprensorio di Brentonico. All’inaugurazione hanno preso parte, tra gli altri, anche Christian Perenzoni, presidente del parco naturale locale Monte Baldo; Michele Lanzinger, direttore del Muse; Alessio Bertolli, vicepresidente della fondazione Museo civico di Rovereto; Alessio Andreolli, progettista del centro visitatori; e il giornalista Rosario Fichera.

“L’ambiente e il territorio – ha sottolineato il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento, Mario Tonina, presente all’inaugurazione – è la risorsa principale del Trentino. Dal territorio dipendono anche tutti gli altri settori economici, quali il turismo, l’agricoltura e le attività produttive. Tutelare l’ambiente – ha continuato Tonina – consente di garantire al Trentino uno sviluppo sostenibile e la corretta gestione del rapporto tra uomo e territorio”.

Gli spazi espositivi sono stati realizzati su progetto museografico del Muse in collaborazione con la Fondazione Museo Civico di Rovereto.

Gli allestimenti sono stati curati dall’architetto Alessandro Andreolli, grazie ad un progetto che è stato cofinanziato dalla Provincia autonoma di Trento, tramite il Servizio sviluppo sostenibile ed aree protette.

L’inaugurazione della struttura ha visto anche la presentazione del documentario “Baldo Bio… è logico” che narra, attraverso la testimonianza dei produttori biologici locali, le tipicità del territorio.

Il filmato è uno dei risultati del percorso partecipato “Progettiamo insieme il futuro del Monte Baldo” che ha visto la sottoscrizione di Patti di collaborazione tra associazioni, enti pubblici e il parco.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Rovereto: le aziende assoldano vigilantes, il fallimento della politica buonista

Pubblicato

-

A Rovereto le agenzie interinali sembrano non sentirsi al sicuro.

Basta passeggiare per il centro per notare che una famosa Agenzia interinale ha deciso di correre ai ripari assoldando le guardie giurate per presidiare sia il luogo di lavoro che per proteggere l’incolumità fisica sia dei clienti che dei lavoratori.

Grande assente, l’amministrazione di Rovereto.

Pubblicità
Pubblicità

Come di ricorda nella notte del 30 luglio la forte esplosione di un ordigno avvenuta alle 2.30 in via Indipendenza presso l’agenzia del lavoro Randstad aveva mandato in pezzi le vetrine del negozio e ha fatto sobbalzare dal letto i residenti.

La matrice si è subito capito fosse di carattere anarchico e in quel senso da allora la Digos ha iniziato le indagini.

Ma certo ora in molti sottolineano l’incapacità dell’amministrazione nel far sentire sicuri e protetti cittadini e aziende ricordando che le deleghe alla sicurezza sono in mano al Sindaco.

Il fatto fa riflettere sul perché ora le aziende debbano tutelarsi e proteggersi da sole e a proprie spese naturalmente.

Si dovrà arrivare a doversi organizzare per auto proteggersi da chi si fa gioco delle regole della società?

Una bella domanda a cui speriamo il Sindaco risponderà presto magari con qualche fatto in più e parola in meno.

Il fatto che i cittadini e le aziende per difendersi da balordi e criminali debbano assoldare guardie giurate o vigilantes dovrebbe far riflettere il Sindaco Valduga.

Rovereto vive certamente un momento storico delicato con problemi sociali pronti ad esplodere e molte difficoltà nel trovare un piano di espansione economica che porti lavoro e benessere alla comunità.

Se a questo si aggiunge la percezione di poca sicurezza si rischia di finire in un baratro difficile da risalire.

Forse l’amministrazione pensa di non doversene occupare, che sono segnali di poco conto ma denotato una rassegnazione che è un po’ quella dell’elettorato di maggioranza, stufo di subire ingiustizie.

A Rovereto le elezioni comunali si avvicinano e il 2020 non è poi così lontano.

Mettere al centro i cittadini e le aziende che operano sul territorio dovrebbe essere il must di ogni amministrazione intelligente e lungimirante.

Le aziende del territorio portano lavoro e reddito per chi viene assunto e nello stesso tempo pagano tasse che non dovrebbero servire solo per pagare stipendi ma per dare benessere e serenità alla cittadinanza che sia essa azienda o cittadino.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Il Sindaco di Calliano Lorenzo Conci rinviato a giudizio per diffamazione contro Enrico Rizzi

Pubblicato

-

Il Tribunale di Rovereto ha rinviato a giudizio l’attuale sindaco del Comune di Calliano (Trento) Lorenzo Conci, che il prossimo 29 ottobre andrà a processo per “diffamazione aggravata” nei confronti di Enrico Rizzi, Capo Segreteria Nazionale del Partito Animalista Europeo.

I fatti risalgono al 2014 quando il rappresentante del PAE si occupò della vicenda della povera orsa Daniza, poi uccisa

Lorenzo Conci decise di creare un gruppo su Facebook dal nome “RIZZI BIMBO MINKIA” dove gli internauti cominciarono a scatenarsi con una serie di pesanti insulti verso il rappresentante animalista: “Rizzi sei un pezzo di merd*, sei un mentecatto, due cose sono infinite…l’universo e la stupidità del RizziBimboMinkia, Rizzi vattene a fanculo, mi chiedo come mai nessuno fino ad ora non lo ha fatto affogare nella mer**, minchione dell’anno”, ecc ecc

Pubblicità
Pubblicità

La Procura della Repubblica di Rovereto ravvisando estremi di colpevolezza e non ritenendo opportune ulteriori indagini, condannò un paio di mesi fa l’attuale sindaco alla pena di 5 mila euro di multa.

Lorenzo Conci si è opposto, motivo per cui adesso inizierà il normale processo presso il Tribunale Ordinario di Rovereto.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Brentonico: terreni comunali per fieno e agricoltura

Pubblicato

-

Agricoltura, orticoltura e sfalcio: il Comune mette a disposizione alcuni terreni di proprietà pubblica per le aziende che sono disposte a valorizzarli.

L’assessore comunale al turismo, agricoltura, foreste e sport Moreno Togni spiega: «Si tratta della disponibilità di lavorare terreni comunali e di uso civico per lo sfalcio e la coltivazione.

Sono suddivisi in lotti distinti e l’intenzione è quella di valorizzare aree da sempre lavorate dalle aziende locali che, in tanti anni, hanno così permesso di mantenerli in buono stato assicurandone una buona produttività.

Pubblicità
Pubblicità

Si è voluto incentivare le aziende agricole e zootecniche locali anche in un’ottica di ecosostenibilità e rispetto ambientale, in linea con la filosofia del chilometro zero. Questo evita infatti l’impiego di mezzi e macchinari, che dovrebbero compiere lunghi tragitti».

Le procedure di assegnazione sono due e sono entrambe pubblicate sul sito internet del Comune.

Nel dettaglio, una procedura è finalizzata ad acquisire le manifestazioni di interesse per la gestione e riqualificazione di terreni destinati alla coltivazione e/o all’orticoltura nella frazione di Castione.

Possono partecipare le aziende agricole, o loro forme associative, iscritte nella sezione I e II dell’archivio provinciale delle imprese agricole (Apia), iscritte presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura per pertinente settore di attività. La manifestazione di interesse dovrà pervenire, utilizzando il modello predisposto, tramite raccomandata, corriere o consegna a mano all’ufficio protocollo del Comune entro le ore 12 del 23 settembre 2019.

L’altra procedura è un avviso di gara per l’affitto, a soli fini di sfalcio e concessione in uso (per i fondi gravati dal vincolo del diritto di uso civico) di fondi rustici del Comune.

Per essere ammessi alla gara gli interessati dovranno far pervenire tramite raccomandata, corriere o consegna a mano all’ufficio protocollo – entro le ore 12 del 16 settembre 2019 – un plico chiuso, sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura recante esternamente il nominativo del concorrente e la dicitura: “offerta sfalcio di terreni in Brentonico”.

Il criterio di aggiudicazione del contratto è quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Il giorno fissato per l’apertura delle offerte è il 18 settembre 2019 alle ore 9.30

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza