Connect with us
Pubblicità

Trento

Fugatti: «Bene la decisione della Consulta.» Oggi la visita dei funzionari di Ispra alla struttura del “Casteller”

Pubblicato

-

Soddisfazione del presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti per la decisione della Corte Costituzionale, che si è pronunciata sulla legittimità delle leggi di Trento e Bolzano in merito alla cattura ed eventuale uccisione di orsi e lupi.

“Rimaniamo in attesa del deposito della sentenza – spiega il presidente Fugatti – ma è significativo il fatto che la Consulta abbia dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale, ritenendo che la materia rientri nell’ambito delle competenze legislative statutariamente affidate alle due Province autonome. Come più volte richiesto al Ministero competente, il Trentino deve poter gestire gli orsi e i lupi in piena autonomia, pur nel rispetto del quadro legislativo nazionale ed europeo. Questo significa assumerci in prima persona le nostre responsabilità, pianificare le politiche di gestione in tutti i loro aspetti ma anche poter intervenire tempestivamente se l’emergenza lo richiede”.

“Vogliamo leggere in questa sentenza che nasce da un’iniziativa avviata dal Consiglio provinciale nella scorsa legislatura – aggiunge Fugatti – anche una risposta alle azioni messe in campo negli ultimi mesi che, pur nella delicatezza della gestione di profili di contrasto istituzionale, hanno quantomeno evidenziato le difficoltà che devono affrontare i nostri territori e la gravità di determinate situazioni”

Pubblicità
Pubblicità

“Ora – conclude il presidente Fugatti- dobbiamo proseguire su questa strada assieme alla provincia di Bolzano, nell’interesse delle nostre comunità, che con i grandi carnivori sono chiamate a convivere, e nella consapevolezza degli svantaggi che possono derivare da una catena decisionale troppo lunga. Ho scritto più volte al ministro sollecitando una decisione in materia e confido che, al di là della situazione particolare venutasi a creare in questi giorni, la sua risposta possa essere positiva”.

Mentre una fototrappola ha confermato la presenza, alle 9.29 di questa mattina, di M49 nei boschi della Marzola, i funzionari di Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale hanno fatto visita questa mattina alla struttura del Casteller, da cui l’orso si è allontanato nella notte tra domenica e lunedì scorsi.

Accompagnati dal dirigente del servizio Giovanni Giovannini, da Claudio Groff del Servizio Foreste e fauna, e da personale del Corpo Forestale, hanno preso visione dell’area e, in particolare, della struttura adibita alla captivazione degli orsi.

Si sono soffermati in particolare sulle recinzioni e sui sistemi di sicurezza di cui la struttura è dotata.

Pubblicità
Pubblicità

I funzionari provinciali hanno fornito informazioni sulla dinamica relativa all’allontanamento di M49 rispondendo anche alle domande del personale di Ispra.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Fondazione Mach, diploma per 185 studenti. L’assessore Zanotelli: “Siete un tassello fondamentale per lo sviluppo dell’agricoltura trentina”

Pubblicato

-

“Oggi per questi studenti è una giornata molto importante e l’Istituto di San Michele è al centro dell’attenzione della Giunta provinciale con la valorizzazione della formazione dei nostri ragazzi che auspichiamo possano andare ad implementare l’attività agricola sul nostro territorio, all’insegna dell’imprenditorialità e dell’innovazione”.

Parole l’assessore provinciale all’agricoltura, foreste, caccia e pesca, Giulia Zanotelli, intervenuta ieri pomeriggio alla presenza del presidente FEM, Andrea Segrè e del dirigente del Centro Istruzione e Formazione, Ivano Artuso, alla cerimonia di consegna dei diplomi ai diplomati e qualificati dell’anno scolastico e formativo 2018/2019 contestualmente alla premiazione degli studenti meritevoli e alla presentazione del 10° Annuario del Centro Istruzione e Formazione.

L’assessore Zanotelli ha ricordato i primi interventi della Giunta provinciale come l’istituzione del Tavolo AgriYoung strumento partecipativo del mondo giovanile del comparto agricolo per la definizione della linee programmatiche e strategiche volte a sostenere l’imprenditoria giovanile agricola anche nella stesura del Psr.

Pubblicità
Pubblicità

“Ogni anno questo è un bellissimo momento. Questi nostri ragazzi e ragazze hanno motivo di essere veramente fieri della scuola che hanno frequentato – ha sottolineato il presidente Andrea Segrè. “Dal 1874 ad oggi l’Istituto agrario ha “coltivato” generazioni di studenti dando un valore aggiunto al loro bagaglio formativo: poter studiare e apprendere in un ecosistema unico caratterizzato dalla sinergia tra didattica, ricerca e consulenza, un unicum a livello internazionale, dove diverse figure professionali si parlano, condividono e arricchiscono le reciproche conoscenze e competenze”.

Il presidente Segrè ha spiegato che i giovani sono “i nostri interlocutori privilegiati, perché il futuro della nostra terra è nelle loro mani. E saranno loro a portare nel mondo del lavoro i cambiamenti necessari a mantenere la competitività del nostro territorio”.

Contestualmente alla consegna dei diplomi è stato presentato dal dirigente Ivano Artuso il 10° Annuario del Centro Istruzione e Formazione, che quest’anno giunge alla sua decima edizione e raccoglie le tante attività e i principali progetti di questa realtà con i suoi mille studenti e 1100 adulti in formazione ogni anno, 100 docenti, 2828 diplomati periti agrari dal 1958 ad oggi di cui 800.

Presenti anche i rappresentanti delle associazioni di categoria (periti agrari, agrotecnici, enologi ed enotecnici e Unione diplomati FEM): Mario Tonidandel, Denises Cristan, Goffredo Pasolli e Lino Lucchi. 10° Annuario. La copertina è dedicata ai 145 ° anniversario di fondazione dell’Istituto agrario. Il libro, curato e presentato nel dettaglio, dalla docente Roberta Bernardi, raccoglie progetti, attività didattiche, viaggi di istruzione, scritti da docenti e studenti. 195 pagine di attività, progetti ma anche riflessioni, racconti, emozioni raccontate da “dentro la scuola”.

Pubblicità
Pubblicità

La pubblicazione inizia con la prefazione dell’ex dirigente Marco Dal Rì, in pensione dal primo novembre, che ricorda la figura di un importante direttore della scuola, Giovanni Manzoni, primo preside dell’Istituto Tecnico Agrario che arrivò nell’anno scolastico 1958/59, quando ci fu lo storico passaggio dalla vecchia scuola agraria triennale al nuovo Istituto agrario quinquennale, e poi anche sessennale con il percorso enologico.

Dalla storia antica si passa alla storia recente con i primi sessant’anni dell’Istituto tecnico agrario e alla realtà con i protagonisti della scuola impegnati in classe ma molto anche sul territorio con la partecipazione alle manifestazioni: da Pomaria a Formai dal Mont a Tassullo, dalla settimana estiva a Malga Zochi agli incontri con l’autore ai progetti di recupero ambientale.

Infine lo spazio del corso post diploma per enotecnici, lo sguardo sul mondo del lavoro con un bilancio sul secondo anno del sistema duale che consente di conseguire il diploma professionale di Tecnico imprenditore agricolo attraverso l’apprendistato in azienda. Immancabile lo spazio dedicato alle gite di istruzione, l’album di classe e l’angolo UDIAS.

Diplomi e premi. Durante l’evento è stato consegnato il diploma a 185 studenti, dei quali 13 hanno raggiunto il voto 100/100 e uno 100 e lode. Sono stati consegnati i premi ai migliori progetti didattici ed a premiare sono stati i rappresentanti di Apot, Associazione libera Custodi forestali, scuola per il territorio e il paesaggio, cantina Mezzacorona, Comune Mezzolombardo, Federazione trentina della cooperazione, azienda Sthil e gruppo Cordenons.

1 Migliori progetti didattici, tesine, percorsi – Progetti dell’Articolazione Produzioni e Trasformazioni, Premia Apot:

• Classe 5A PT – materiale plastico in agricoltura (sostituzione del materiale plastico utilizzato per le reti antigrandine con dei polimeri ottenuti dal siero del latte);
• Classe 5 B PT – uno schianto di museo (una proposta di museo vivo, un percorso didattico educativo su un territorio colpito dalla tempesta Vaia),
• Classe 5 B PT – malgapp (un’applicazione per smartphone che integra Trentino Outdoor per mettere in rete e valorizzare delle malghe
Progetti dell’Articolazione Gestione Ambiente Territorio, premia l’Associazione Libera dei Custodi e STEP (Scuola per il territorio ed il Paesaggio):
• Classe 5 B GAT: “Il territorio in Val dei Laghi”
• Classe 5B GAT “Recupero dei castagneti di Sover”
Premio miglior percorso di Internalizzazione:
• Moriz Steiner (Classe 5B GAT) “Da Ora, a San Michele a Wageningen: GAT, il percorso che apre le porte del mondo”
Migliori tesine del percorso Tecnico superiore delle bevande:
• Martina Scrinzi “Artemisia absinthium e le sue controverse vicende. Aspetti legati alla produzione dell’assenzio nel corso del tempo, elementi legislativi e normativi
• Luca Mattè “Come la struttura dell’ambiente di vendita influisce sulla percezione del prodotto, caso applicato al caffè”.
Studenti meritevoli dell’Istruzione e Formazione Professionale, Premia la Federazione Trentina delle Cooperative:
• Penasa Joele, Tecnico della trasformazione Alimentare. settore Trasformazione lattiero casearia
Migliori Tesine del percorso Enotecnico
Premio Gruppo Mezzacorona Sca :
• “L’anidride solforosa nei vini, confronto e considerazioni sui metodi analitici usualmente impiegati”, Saltori Giacomo
• “Stabilizzazione tartarica, metodi diversi a confronto” Pedegani Mirco,
Premio Gruppo Cordenons:
• “Confronto tra due vini: Chardonnay Toscano e Chardonnay altroatesino”, Romen Lukas
Premio Comune Mezzolombardo:
• “Il Teroldego nel XXI° secolo” Postal Marco

2. Meriti scolastici (100/100)

Istruzione e Formazione Professionale: Stefan Linda (Classe Ortoflorovivaismo), Debiasi Giacomo (Capes)
Istruzione Tecnica Agraria: Cristoforetti Stefano, Ianes Michele, Mazzalai Stefania, Taller Alessio, Oberosler Damiano, Tamanini Anna, Lonardi Marco, Zambonato Leonardo
Corso post diploma in viticoltura e enologia – Enotecnico: Pedegani Mirco e Saltori Giacomo (con lode)
Corso Alta Formazione Professionale – Tecnico Superiore delle bevande: Martina Scrinzi e Davide Girardi
UDIAS. Domani, sabato 25 gennaio, alle 9, in aula magna, è in programma l’assemblea annuale di UDIAS, l’unione diplomati dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige con relazione del presidente Lino Lucchi (sc)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Ieri in piazza Dante il Capodanno cinese

Pubblicato

-

Il Capodanno è stato una festa più per i trentini che per i cinesi, presenti davvero in pochi in piazza Dante.

La comunità cinese è formata di circa 1200 residenti in Trentino, ma per lo più si tratta di gente che lavora in attività imprenditoriali e che quindi lascia ben poco al tempo libero.

Tuttavia col pensiero rivolto a quanto sta succedendo in queste ore in Cina, è stata festa lo stesso, aperta dal baritono Lui Ma e dalla soprano ZhouYue.

Pubblicità
Pubblicità

Poi hanno preso vita i leoni che si sono esibiti in una spettacolare danza acrobatica su pali.

Erano gli Italy Lion and Dragon Dance di Perugia che dopo i leoni, hanno dato vita al drago: tutti simboli di prosperità e fortuna della quale la Cina oggi ha veramente bisogno.

Alla fine dello spettacolo, i leoni hanno ripreso vita e si sono messi a disposizione dei bambini per le foto.

Quella del Capodanno Cinese è una tradizione che si ripete da migliaia di anni con un cerimoniale praticamente identico che però quest’anno in Cina è stato vietato per evitare di facilitare la diffusione del “coronavirus” con gli assembramenti.

Pubblicità
Pubblicità

Da oggi sarà l’anno del Topo, animaletto più furbo del leone che per mettersi in salvo, è stato capace di saltargli in testa, almeno così racconta la tradizione.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

La Provincia autonoma di Trento alla fiera “Il Trentino dei Bambini”

Pubblicato

-

Nel fine settimana, durante la fiera “il Trentino dei Bambini”, in programma presso la struttura di Trento Fiere, l’Agenzia per la Famiglia, la natalità e le politiche giovanili della Provincia presenterà le politiche provinciali in materia di famiglia e in particolare l’EuregioFamilyPass.

In una postazione dedicata sarà possibile, inoltre, il rilascio della carta famiglia che consente l’accesso a numerosi vantaggi.

Vi sarà anche uno sportello a cura del Servizio ICT e trasformazione digitale, che rilascerà le credenziali SPID e numerosi laboratori creativi.

Pubblicità
Pubblicità

Nello stand della Provincia autonoma di Trento, l’Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili illustrerà le possibilità offerte dall’EuregioFamilyPass, un innovativo strumento transfrontaliero, che consente alle famiglie con bambini minorenni di usufruire di sconti, offerte e vantaggi nei territori dell’Euregio.

Le famiglie non ancora in possesso della card potranno richiederne l’attivazione.

Inoltre, uno sportello a cura del Servizio ICT e trasformazione digitale, rilascerà le credenziali SPID che permettono ai cittadini di accedere ai servizi online delle Pubbliche Amministrazioni e dei soggetti privati con un’unica Identità Digitale.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza