Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Vendeva droga sui social: arrestato giovane spacciatore del Vanoi

Pubblicato

-

I Carabinieri del Comando Stazione di Canal San Bovo (TN), a conclusione di un’attività d’indagine finalizzata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nelle Valli del Vanoi, del Primiero e della comunità del Feltrino (BL), hanno tratto in arresto un giovane del luogo, P.S. 24enne, già noto alle Forze di Polizia, in esecuzione di un’ordinanza cautelare emessa dal Tribunale di Belluno, che ha disposto la misura restrittiva degli arresti domiciliari, condividendo le risultanze operative prodotte dai militari.

L’attività investigativa dei Carabinieri del Vanoi, durata alcuni mesi, ha consentito di evidenziare la condotta messa in atto dal giovane, il quale aveva messo in vendita mediante l’utilizzo dei social network, spacciando sostanze stupefacenti di vario tipo, nel periodo da luglio 2018 a marzo 2019, agendo nelle valli del Vanoi, del Primiero e nel confinante Feltrino.

Durante la perquisizione sia personale che del suo domicilio, i militari, hanno rinvenuto e sequestrato diverso materiale per l’assunzione di sostanze stupefacenti, nonché sostanza da taglio.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Baselga di Pinè: il parcheggio di piazzale Costalta nella bufera

Pubblicato

-

Torna alla ribalta Piazzale Costalta al centro di Baselga di Piné.

Attraverso alcune persone nei gruppi Facebook riemergono nuovi dubbi a riguardo ai lavori che l’amministrazione comunale di Baselga di Piné, vuole fare al centro di Baselga.

L’attuale maggioranza di Baselga di Piné targata PD (rappresentato da una lista civica) alleata con il PATT è in scadenza di mandato il prossimo maggio 2020 e vuole trasformare il piazzale Costalta (al centro di Baselga) da un parcheggio/piazza polivalente ad un parco pedonale, togliendo tutti i parcheggi presenti per le attività commerciali e i privati presenti sul posto.

Pubblicità
Pubblicità

Già mesi fa le minoranze presenti in consiglio hanno tentato di far cambiare idea al sindaco, senza risultato.

Il gruppo locale della Lega di Piné ci ha provato anche con una petizione e raccolta firme, la lista civica Piné Futura ha fatto nell’ottobre scorso un incontro pubblico molto partecipato dove tutti erano d’accordo sul trovare soluzioni alternative. Oggi Baselga Piné si trova con una delibera della giunta datata 08/08/2019 che approva un progetto esecutivo per l’enorme costo di Euro 1.051.833,75. Un milione di Euro per togliere un parcheggio al centro di Baselga e mettere in ulteriore difficoltà le varie attività commerciali presenti.

Pubblicità
Pubblicità

Le minoranze hanno anche proposto una soluzione di parcheggio interrato, proponendo un progetto preliminare che avrebbe dato una quarantina di posti interrati, ma la maggioranza fa orecchie da mercante e non vuol sentire nessuno.

Tra l’altro, mentre in un primo momento l’Amministrazione di Baselga, sosteneva che i parcheggi in centro erano sufficienti, in data 11/07/2019 stipulava un contratto di affitto con dei privati con questa premessa: “É in corso di ultimazione, a cura dei professionisti incaricati con la deliberazione giuntale nr. 259 di data 15.11.2018, la progettazione esecutiva dei lavori di riqualificazione urbana di piazzale “Costalta” in Corso Roma a Baselga di Piné, che comporteranno la chiusura dell’area attualmente adibita a parcheggio, la quale sarà destinata esclusivamente al traffico pedonale;

Quindi si elimina un parcheggio pubblico e si affitta un terreno privato da adibire allo stesso uso.

Il contratto pare tra il resto che sia stato stipulato con i suoceri dell’attuale presidente del consiglio comunale di Baselga di Piné. E se così fosse potrebbe essere annullato perché in netto conflitto di interessi.

Si parla anche di un’opzione per l’acquisto di quest’area gravata qualche anno fa di un importante fallimento. Ma alla fine ne varrà veramente la pena? si chiedono i commercianti, molti cittadini e le minoranze comunali.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Stop alla gestione associata per i comuni di Segonzano, Bieno, Pieve e Ospedaletto

Pubblicato

-

nella foto il sindaco di Segonzano Pierangelo Villaci

Dopo Grigno e Castello Tesino anche il Consiglio di Cinte ha chiesto alla giunta provinciale di sciogliere la gestione associata che coinvolge i comuni di Bieno, Pieve e Ospedaletto.

Stessa procedura che sarà chiesta dal Sindaco di Segonzano Pierangelo Villaci. 

In questo caso a deciderlo è stata una votazione che si è svolta lunedì sera in consiglio comunale che ha approvato con i voti della maggioranza e tre voti contrari della minoranza, che dal 1 di settembre non saranno più esercitati in forma associata funzioni e servizi comunali con i Comuni di Albiano, Lona-Lases e Sover.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo il Sindaco Villaci che ha definito la decisione «un atto di indirizzo politico forte», è la fine di un capitolo di vita amministrativa che ha portato più danni che benefici.

Per Cinte Tesino il progetto generale approvato il 27 febbraio 2017 prevedeva una gestione associata per i servizi di segreteria, contratti e commercio, ma ciò non è mai avvenuto in quanto non sono state approvate le convenzioni per la gestione associata degli altri servizi.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre con un solo voto di astensione e sei favorevoli è stato messo mano allo schema di convenzione delega alla Comunità di Valle per i lavori di manutenzione straordinaria dell’Ippovia del Trentino Orientale.

Ugo Locatelli è stato eletto in seno alla commissione comunale per la formazione dei cittadini residenti nel comune e per la funzione del giudice popolare.

Il Consiglio poi ha approvato la quarta variazione di bilancio di previsione che comprende anche 8.500 euro per i mezzi meccanici, 8.000 euro per la manutenzione straordinaria di acquedotto e fognatura e 5.000 euro per contributo acquisto ambulanza e progettazioni varie.

Inoltre sono stati deliberati 2.000 euro per il centro sportivo, 5.348 euro per gli  interventi di manutenzione immobili e 1.500 euro per le attrezzature del magazzino comunale.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Era in vacanza sul lago di Caldonazzo. Latitante Iraniano arrestato dalla squadra mobile

Pubblicato

-

Ieri la Squadra Mobile ha arrestato un Iraniano 36 enne, latitante, che doveva scontare la pena di 6 anni per reati contro la persona, inflitta dal Tribunale di Ferrara, per fatti del 2012.

L’uomo che si trovava in ferie sul lago di Caldonazzo è stato rintracciato grazie al meticoloso lavoro dagli Agenti della Sala Operativa che consultando il sistema «Web alloggiati» hanno scoperto che lo straniero era appena arrivato in trentino per trascorrere alcuni giorni di vacanza.

Gli investigatori della Squadra Mobile di Trento, in contatto con quelli di Ferrara, si sono immediatamente recati sul posto e dopo alcuni appostamenti hanno rintracciato l’uomo.

Pubblicità
Pubblicità

Condotto in Questura lo straniero ha ripetutamente cercato di convincere gli investigatori che si trattava di una omonimia ma, suo malgrado, poco dopo è stato sconfessato dal riconoscimento delle impronte digitale tramite l’AFIS.

Al termine è stato condotto nel carcere di Spini.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza