Connect with us
Pubblicità

Food & Wine

Cucina: una tavolozza di colori e sapori sulla tavola di luglio

Pubblicato

-

Sulla tavola di luglio si presentano una varietà infinita di ortaggi gustosi e frutta succosa.

Non è stato facile scegliere quali ingredienti usare, sono talmente tanti che c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

Luglio è estate piena, io vivrei esclusivamente di melone ma stranamente non l’ho usato in nessuna ricetta, mi sono limitata a mangiarlo.

PubblicitàPubblicità

Gli darò sicuramente più spazio il mese prossimo… ho già una cosetta in preparazione.

Fra la frutta di luglio troviamo piccoli frutti gustosi lamponi, mirtilli e more, ma anche pesce, albicocche, susine, ancora qualche fragola e immancabili melone e anguria.

Per quello che riguarda verdura e ortaggi ricordo insalata, rucola, peperoni, zucchine, fave, pomodori, sedano, cetrioli e molti altri.

Avendo in casa una marea di “giocattoli” culinari fra cui l’estrattore, non potevo esimermi dal proporvi un succo; per iniziare bene la giornata potete gustarlo a colazione, oppure come merenda nelle giornate più calde. Se fate come me che lo preparo per le cene post corsa, potete aggiungere qualche carote.

Pubblicità
Pubblicità

Nel menù di luglio non poteva mancare una pasta con il mio condimento preferito, un sugo facile e veloce con peperoni e zucchine, e nemmeno un contorno di verdura mista.

Entrambi si prestano a diverse soluzioni; il sugo della pasta può essere usato anche per un piatto freddo, magari scegliendo un formato di pasta più corto (fusilli o pennette) e la verdura mista può trasformarsi facilmente in un piatto unico aggiungendo tonno o ceci.

Succo arancione

300 gr albicocche
300 gr pesche
2 carote

Lavare e sbucciare frutta e verdura, tagliarla a pezzi e inserirla nell’estrattore. Travasare il succo in un contenitore di vetro, diluire con acqua se troppo denso e conservare in frigo.

Insalata tutta verde
100 gr di lattura
100 gr di rucola
1 gambo di sedano
1 cetriolo
1 pugno di noci
100 gr di quartirolo

Preparare le verdure, lavare l’insalata, sbucciare il cetriolo (se si desidera privarlo dei semi) e tagliarlo in quarti. Pulire il gambo di sedano e tagliarlo sottilmente con una mandolina.

Mescolare le verdure, aggiungere il formaggio sbriciolato e le noci tritate in maniera grossolana. Aggiungere un filo d’olio e un pizzico di sale oppure un cucchiaio di salsa alla jogurt.

Pasta con peperoni e zucchine
1 peperone rosso
1 peperone giallo
1 zucchina

Per prima cosa lavare i peperoni, tagliarli e privarli dei filamenti bianchi nonchè dei semi. Tagliarli prima a strisce poi a piccoli pezzi e buttarli in una padella con un filo d’olio.

Aggiungere la zucchina tagliata prima a fette poi in pezzi più piccoli, e cuocere le verdure. Attenzione a non farle appassire troppo, devono essere leggermente croccanti.

Nel frattempo cuocere la pasta in abbondante acqua salata (io ho scelto degli spaghetti integrali); a cottura ultimata versare la pasta nel sugo di verdure, mescolare e servire nei piatti da portata.

Mousse ai lamponi
400 gr di lamponi
1/2 limone
150 gr di zucchero
15 gr colla di pesce
250 ml panna per dolci

Sciacquare i lamponi, metterli in un pentolino, aggiungere lo zucchero e il succo di limone; cuocere per 5 minuti, quindi setacciare la salsa, aggiungere la colla di pesce ammollata e strizzata. Far raffreddare a temperatura ambiente.

Aggiungere la panna montata mescolando dal basso verso l’altro; versare la mousse in una coppapasta e mettere in frigo per 1 ora circa.

Trascorso il tempo di riposo riprendere il dolce, sformarlo e decorarlo a piacere con frutta fresca e scaglie di cioccolato bianco.

Pubblicità
Pubblicità

Food & Wine

È morto Luciano Lunelli fondatore dell’Abate Nero

Pubblicato

-

Luciano Lunelli all’età di 73 anni se ne è andato nella sua casa di Lavis così come ha sempre vissuto: con educata discrezione con quel timore di disturbare tipico delle persone di una volta.

Era soprannominato il papà del Novello ed amava definirsi “ contadino” perché quelle erano le sue origini, ma poi negli anni aveva creato uno spumantificio tra i più noti del Trentino.

Qualità e competenza in quell’Abate Nero che è diventato prodotto di livello nazionale.

PubblicitàPubblicità

I risultati commerciali lo avrebbero potuto cambiare, invece Luciano Lunelli è sempre rimasto uomo semplice e di raffinata educazione.

Se ne è andato giovedì notte nel sonno, sognando un’altra annata di qualità.

Lo spumantificio ha compiuto i 40 anni di attività e la sua denominazione Abate Nero ricorda la figura dell’abate francese ritenuto il “papà” dello Champagne.

Era stato fondato agli inizi degli anni settanta, grazie all’impegno di alcuni amici tra cui Eugenio de Castel Terlago e Luciano Lunelli, tutti legati al comparto agronomico e del vino, decisi ad elaborare delle “bollicine” sempre e più singolari, buone, prestigiose.

Pubblicità
Pubblicità

La prima cuvée era stata assemblata quasi per gioco nel 1973, per provare l’ebbrezza di far rivivere un vino in bottiglia: già dalle prime sboccature, risalenti al 1976, era stato un successo.

La prima sede dell’azienda è stata la profonda cantina di palazzo de Schulthaus nel centro di Lavis, che aveva visto anche le prime spumantizzazioni di Giulio Ferrari.

L’ambiente era suggestivo, molto profondo e fresco: l’ideale per conservare lo spumante.

Ma passando da un’iniziale produzione di qualche migliaio di bottiglie ad una produzione più consistente, le cantine dell’antico palazzo si rivelarono insufficienti. Così nel 1980 l’azienda si trasferì nella nuova cantina di San Lazzaro che è anche la sede attuale.

Era stato anche apprezzato direttore della cantina rotaliana di Mezzolombardo.

In pochi se lo ricordano ma Luciano Lunelli era stato anche capitano lagunare della Serenissima.

A maggio del 1971 era stato richiamato per la promozione a Tenente e due anni dopo per ricevere i  gradi di Capitano (qui il report fotografico di allora)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Food & Wine

Vino made in Italy: aumenta l’export del 5,4%, ma la raccolta 2019 è in calo

Pubblicato

-

Sono molti i mercati che in Italia trovano un grande successo, ma in pochi riescono a competere con quello del vino.

Si tratta di uno dei settori in assoluto più importanti per l’economia del nostro Paese, e anche per l’export del made in Italy all’estero.

Non potrebbe essere altrimenti, considerando tutte le preziose risorse che appartengono al nostro territorio, a livello di coltivazioni, di vigneti e di cantine.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco perché oggi vedremo tutti i dati più rilevanti.

AUMENTA L’EXPORT NEL 2019, MA  CALA LA RACCOLTA – La Coldiretti ha fatto il punto sulla situazione italiana riguardante il comparto del vino, e questa si dimostra ricca di dati interessanti, anche se non sempre positivi. Conviene cominciare con i numeri in crescendo, che poi si pongono anche come i più importanti: in tal caso si fa riferimento all’aumento dell’export dei vini made in Italy, giunto nei primi cinque mesi del 2019 a quota +5,4%, superando il precedente valore di 6,2 miliardi di euro. Questi sono dati che portano il vino ad essere, ad oggi, la principale voce nella lista delle esportazioni agroalimentari nazionali.

Un’altra buona notizia è che l’Italia mantiene la prima posizione nella classifica dei paesi produttori, e lo fa a dispetto di un calo abbastanza consistente nel 2019. Sempre secondo i dati della Coldiretti, difatti, l’Italia ha registrato un calo del -16% in termini di produzione.

Ad ogni modo, è un crollo che viene giustificato da due elementi: in primis una raccolta da record nel 2018 (anno con il quale è stato fatto il confronto), e in secondo luogo una primavera piuttosto piovosa e fredda, che ha avuto un impatto negativo sulle nostre coltivazioni.

Pubblicità
Pubblicità

LE ECCELLENZE ITALIANE: TOSCANA IN VETTA – Tra le numerose eccellenze del territorio italiano, le notizie migliori giungono proprio dalla Toscana, una regione strategica nel settore del vino, nonché ricchissima di risorse. La Toscana, infatti, è stata l’unica zona a registrare il segno positivo nella produzione di vino che, come abbiamo visto, nel 2019 sta registrando un calo a livello nazionale.

Nel caso della Toscana, però, ci troviamo di fronte ad un incremento che, stando alle previsioni, a fine 2019 dovrebbe arrivare intorno al +10%. Non è una percentuale che deve stupire, considerando che la Toscana ospita tante etichette di grande qualità, che oggi si possono trovare anche online: basti pensare ai vini della cantina toscana Poliziano su Tannico, uno degli esempi più prestigiosi.

Per chiudere, ci sono alcune novità in arrivo molto interessanti per i vini di questa regione, come l’aggiunta “Toscana” nell’etichetta per distinguerlo dal Montepulciano d’Abruzzo. Un’altra news riguarda l’eliminazione della dicitura “Vino” nel Nobile di Montepulciano.

In conclusione, il mercato del vino made in Italy targato 2019 ha visto molte novità in arrivo. Ottime notizie per il comparto dell’export, e anche per la Toscana.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Food and Wine

Abbazia della birra, il mondo che rende unica la birra artigianale trentina.

Pubblicato

-

Alla base di una delle bevande più amate e bevute del mondo vi sono solo quattro ingredienti: acqua, malto (principalmente orzo), luppolo e lievito.

Decine sono gli stili riconosciuti ed ogni birrificio, che sia di impronta artigianale o commerciale, ha il proprio e unico stile.

Ne esistono di milioni di tipologie dalle più classiche e commerciali fino ad arrivare alle amatissime e particolari birre artigianali.

Solo in Italia esistono centinaia di realtà artigianali che producono cinque o sei tipologie di birra, spesso aggiungendo ingredienti del territorio come spezie agrumi o erbe.

In Trentino ad esempio, si caratterizzano alcune birre con mosto d’uva locale, castagne e luppoli autoctoni.

Esiste un posto in grado di guidare verso la scelta della giusta birra: “Abbazia della birra”, il beer shop con centinaia differenti tipologie di birre.

Aperta da 3 anni e mezzo, Abbazia propone birre che vanno dalla più conosciute, alle artigianali, fino ad arrivare a delle vere e proprie rarità; un beer shop unico nel suo genere.

Una parte importante del negozio è dedicata al “ vuoto a rendere”, una formula attenta all’ambiente e che consente il riutilizzo delle bottiglie, riducendo la maggior parte delle emissioni legate allo smaltimento dei rifiuti , alla produzione e al trasporto del vetro.

In Abbazia potrete poi trovare numerose idee regalo, dalla più semplice alla più scenografica.

Nella scelta della birra perfetta potrete essere seguiti da personale esperto che consiglierà nella scelta della giusta birra da abbinare ai vostri piatti o da portare ad una cena tra amici.

Abbazia della Birra di Via Unterveger di Trento è aperta con orario: lunedì 14.30-19.00 e dal martedì al sabato 9.00 -12.30 e 14.30 -19.00

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza