tasse fisco indicatori di affidabilità fiscale
Connect with us
Pubblicità

Fisco e condominio

Indicatori di affidabilità fiscale. Attenzione contribuenti! sono in arrivo i nuovi ISA per i titolari di partita IVA

Pubblicato

-

Ad ogni modifica legislativa in materia fiscale la categoria dei commercianti, dei titolari di partita Iva e piccoli imprenditori teme per le proprie sorti.

Spesso in verità si è assistito ad un mero cambio del nome di un tributo non gradito da versare con delle maggiorazioni, un unificazione di più voci in una sola con degli aumenti nascosti o addirittura al cambio del nome di un ente non molto amato ( si pensi ad  Equitalia  con Agenzia Entrate – Riscossione) piuttosto che una modifica reale o una riduzione degli importi per il contribuente.

L’associazione Universal Salute Diritto Lavoro con sede a Trento grazie al contributo del dott. Agostino Torre, Commercialista e Revisore contabile, esperto fiscale nonchè socio fondatore dell’associazione stessa, informa i propri simpatizzanti ed i titolari di p.iva dei possibili risvolti della novità fiscale.

Pubblicità
Pubblicità

L’esperto dell’associazione esprime alcune condivisibili considerazioni informative molto utili ed interessanti sul tema.

Le promesse si mantengono, ed anche se con un ritardo di un anno, i “vecchi” studi di settore sono andati in pensione.

L’amministrazione finanziaria, a partire dal periodo d’imposta 2018, ha accontentato  contribuenti e professionisti, abolendo dopo circa 20 anni questo temutissimo strumento di accertamento.

Ha introdotto però i  “nuovi ”  indicatori di affidabilità fiscale, gli ISA!

Pubblicità
Pubblicità

Siamo pertanto stati presi in giro ? Saranno strumenti più affidabili per la lotta all’evasione ?

Nel concreto attribuiscono al contribuente una “pagella fiscale” con voti da 1 a 10 e relative inevitabili conseguenze.

L’invio del modello reddituale  contenente un ISA con un punteggio non sufficiente, cioè inferiore al 6, determina un inserimento del malcapitato possessore di partita iva in liste nere selettive da attenzionare ed eventualmente accertare, mentre l’ottenimento di un punteggio superiore ad 8 attribuisce addirittura dei premi fiscali, spesso però insignificanti per la gran parte dei contribuenti.

L’introduzione di questi indicatori di affidabilità fiscale, che prevedono anche cause di esclusione, ha portato con se una maxi proroga relativa ai versamenti delle imposte dirette, con lo slittamento  dei termini al 30 settembre o al 30 ottobre pagando una piccola mora pari allo 0,40% di quanto dovuto.

La data ultima di invio telematico delle dichiarazioni è stato previsto di conseguenza al 30 novembre.

Inizia da quest’anno per il popolo delle partite iva e per i loro consulenti fiscali una nuova era.

L’attenzione dovrà essere massima, farsi ben consigliare ed entrare subito nell’ ingranaggio  del nuovo <software di calcolo>, che l’Agenzia delle Entrate ha battezzato “Il tuo Isa”.

Il popolo delle p.ive dorme sonni agitati e molti degli appelli di leaders di vari movimenti come quello di Lino Ricchiuti iniziano ad essere recepiti ed accolti anche nelle sedi istituzionali. Sul territorio trentino tra le varie associazioni e movimenti anche l’Associazione Universal vuole dare il suo contributo. I lavoratori autonomi vanno rispettati ed agevolati in quanto alla base dell’economia reale.

L’associazione UNIVERSAL Salute Diritto Lavoro, attiva in Trentino Alto Adige, senza fini di lucro si pone quale utile veicolo di informazione ai propri associati e simpatizzanti, grazie al dott. Agostino Torre (e del suo staff), Dottore commercialista e Revisore contabile, esperto fiscale dell’Associazione .

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Fisco e condominio

Apertura di una finestra sul tetto condominiale, possibile anche senza le maggioranze previste?

Pubblicato

-

L’art. 1117 del codice civile elenca fra le parti di proprietà comune del condominio il tetto. Il regime di comproprietà vige a meno che non risulti il contrario da un titolo, cioè da un documento, o altro, che attesti che la proprietà è esclusiva.

Nella nostra provincia questo titolo è accertabile presso il libro fondiario, cioè quell’ufficio che custodisce tutti gli atti di proprietà, e la loro consistenza, riferiti a beni ubicati sul nostro territorio.

E’ evidente che se la proprietà del tetto è esclusiva non serve chiedere alcuna autorizzazione agli altri condomini, ma se la proprietà è comune le cose cambiano, nel senso che non è possibile fare tutto quello che si vorrebbe, si creerebbero due condizioni, e cioè una dettata dal codice civile e una stabilita dal regolamento condominiale di tipo contrattuale.

PubblicitàPubblicità

Partendo dai dettami del codice civile, l’art. 1102 dispone che ciascun comproprietario può servirsi della cosa comune, nel nostro caso del tetto, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri comproprietari di farne lo stesso uso secondo il loro diritto. L’applicazione di questo articolo alla questione in esame permette al condomino di aprire la finestra sul tetto, e se il sottotetto è di proprietà di altri condomini quest’ultimi possono realizzare anche loro la finestra.

Un altro articolo del codice civile che si applica è il 1122 il quale sottolinea che il condomino non può eseguire opere che rechino danno alle parti comuni, oppure compromettano la stabilità, la sicurezza o il decoro architettonico dell’edificio.

Questo significa che per aprire la finestra sul tetto devono essere adottate tutte quelle misure che non pregiudichino la solidità della copertura, e quindi le eventuali travi di sostegno devono essere di adeguato spessore, come di adeguato spessore devono essere i supporti di appoggio della finestra.

Ma se il codice civile, rispettando determinate disposizioni, permette le aperture sul tetto comune, il regolamento di condominio potrebbe vietarle. Infatti se il regolamento di condominio è di tipo contrattuale, cioè approvato all’unanimità dei condomini, esso può contenere delle clausole che limitino i diritti dei condomini, una di queste potrebbe essere quella di trasformare le soffitte in abitazioni o di aprire delle finestre in falda.

Pubblicità
Pubblicità

Pertanto, se il regolamento di condominio contrattuale contenesse tali limiti, la finestra non si può aprire ne si può fare il cambio di destinazione d’uso da soffitta a residenza.

A cura di Cristina Chemelli – amministratore di condominio

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Fisco e condominio

E’ corretto il calcolo delle spese condominiali che l’amministratore ti ha addebitato?

Pubblicato

-

L’amministratore di condominio è una figura obbligatoria prevista dall’art. 1129 del codice civile, il quale stabilisce che va nominato quando i condomini sono più di otto.

I suoi obblighi sono dettagliatamente elencati nell’articolo 1130 del c.c, il quale, fra i vari doveri riportati, cita anche quello di redigere il rendiconto condominiale annuale della gestione e convocare l’assemblea per la relativa approvazione entro centottanta giorni.

Il rendiconto condominiale contiene le voci di entrata e di uscita ed ogni altro dato inerente alla situazione patrimoniale del condominio, ai fondi disponibili ed alle eventuali riserve, che devono essere espressi in modo da consentire l’immediata verifica.

Pubblicità
Pubblicità

Si compone di un registro di contabilità, di un riepilogo finanziario, nonché di una nota sintetica esplicativa della gestione con l’indicazione anche dei rapporti in corso e delle questioni pendenti.

L’assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità specificamente identificate, nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio. La deliberazione è assunta con la maggioranza prevista per la nomina dell’amministratore e la relativa spesa è ripartita fra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà.

I condomini possono prendere visione dei documenti giustificativi di spesa (fatture, ricevute, ecc) in ogni momento, ovviamente previo appuntamento con l’amministratore.

Questi documenti sono parte dei documenti di cassa che compongono il bilancio, infatti è anche sulla base dei costi che l’amministratore redige il rendiconto condominiale. Ogni fattura o ricevuta viene inserita in un capitolo, ad esempio quello dell’ascensore condominiale, che contiene il costo a percentuale per l’alimentazione elettrica della macchina-la sua manutenzione e la sua gestione (interventi di emergenza, sblocco macchina, ecc).

Pubblicità
Pubblicità

Questo tipo di spesa viene ripartito fra i vari condomini utilizzando la “tabella ascensore” e non la “tabella scale” o quella di “proprietà generale“, quest’ultima viene utilizzata per suddividere le spese dell’amministratore-dell’assicurazione-della banca-delle CU e del modello 770.

Pertanto, per verificare se la ripartizione della spesa è corretta o meno è necessario verificare quale tabella millesimale è stata utilizzata dall’amministratore, successivamente dividere il costo riportato nel capitolo per mille e poi moltiplicare per i millesimi dell’unità immobiliare di nostra proprietà.

A cura di Cristina Chemelli amministratore di condominio (sito web)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fisco e condominio

Condominio: non sempre le spesa del tetto spetta a tutti i condomini

Pubblicato

-

Secondo l‘art. 1117 del codice civile il tetto nel condominio è di proprietà comune, a meno che non ci sia un titolo, cioè un atto o fatto giuridico, che dimostrino il contrario.

Essendo un bene di tutti, tutti devo partecipare alla spesa per una sua eventuale manutenzione e l’importo delle opere viene ripartito fra i condomini utilizzando la tabella di proprietà generale.

Questa tabella rappresenta “il valore” in millesimi delle singole unità immobiliari che compongono il condominio.

PubblicitàPubblicità

E’ espressa in millesimi in quanto la somma “del valore” di tutte le unità deve sempre dare 1.000,00.

Ogni condominio ha un tetto/copertura che può essere a falda (foto 1)

o piana (foto 2)

Pubblicità
Pubblicità

La ripartizione della spesa per la sua manutenzione cambia a seconda della sua tipologia, cioè se a falda o piana, se di proprietà comune o esclusiva,  se “copre” tutto il fabbricato o parte di esso.

La foto 1 mostra un edificio, immaginiamo un condominio, la cui copertura a falda “copre” l’intero stabile. Questo è il tipico esempio di tetto condominiale, cioè di proprietà di tutti i condomini. Un intervento di manutenzione  straordinaria su questa copertura, ad esempio la sostituzione della guaina isolante e delle tegole, verrebbe ripartito secondo i millesimi di proprietà generale.

La foto 2 evidenzia una copertura piana che essendo munita di parapetto lungo il perimetro non può essere definita un lastrico solare in quanto trattasi di una terrazza a livello. La copertura “copre” l’intero fabbricato, pertanto se la terrazza è di proprietà condominiale un intervento di manutenzione straordinaria , ad esempio il rifacimento della guaina isolante e delle piastrelle, verrebbe ripartito secondo i millesimi di proprietà generale di tutti i condomini, ma se la terrazza fosse di proprietà di un solo condomino 1/3 della spesa sarebbe a suo carico e i 2/3   a carico dei proprietari sottostanti la terrazza,  ripartendo l’importo sempre con i millesimi di proprietà generale.

Se la copertura non copre l’intero edificio, ma parte di esso, un eventuale intervento di manutenzione straordinaria non potrà essere ripartito utilizzando i millesimi di proprietà generale, ma mediante i millesimi derivanti dalla proiezione verticale del manufatto.

Come si vede nell’immagine la terrazza  non copre tutta la  superficie del condominio, ma parte di essa (sulla destra della foto si nota che l’edificio prosegue oltre il livello della terrazza). Immaginiamo che gli appartamenti posti ai piani sottostanti   abbiano alcuni una superficie totalmente compresa nel perimetro della terrazza, altri una superficie in parte sotto la terrazza e in parte oltre ad essa, cioè verso la parte a destra del condominio che prosegue oltre la terrazza. Nel caso di manutenzione straordinaria la spesa come dovrà essere ripartita?

La risposta la fornisce la sentenza n. 1451 del 23 gennaio 2014 della seconda sezione civile della corte di cassazione la quale ha chiarito, in tema di terrazze a livello, che la ripartizione delle spese spetta per 1/3 al proprietario esclusivo  e per 2/3 ai proprietari sottostanti la terrazza.

La stessa sentenza chiarisce che l’addebito delle spese ai proprietari sottostanti non va fatta sulla scorta dei millesimi di proprietà generale ma sulla parte di unità immobiliare sottesa alla proiezione verticale della terrazza.

Pertanto i condomini che hanno tutto l’appartamento sotto la terrazza pagheranno di più di coloro che hanno  soltanto alcuni locali perché il resto si sviluppa nella parte di fabbricato escluso dalla proiezione verticale della terrazza.

A cura di Cristina Chemelli amministratore di condominio (sito web)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza