Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Borgo, elezioni comunali: i promossi e i bocciati

Pubblicato

-


Si sono concluse da poco più di un mese le elezioni comunali di Borgo Valsugana che hanno visto vincere al ballottaggio l’ex Vice Sindaco Enrico Galvan con 1.621 voti a discapito di Martina Ferrai staccata di 174 preferenze decretando cosi la terza sonora sconfitta consecutiva del centro sinistra di Borgo (Voltolini nel 2009, Pompermaier nel 2015).

Le elezioni del 25 Maggio hanno premiato ancora una volta la lista Borgo Olle Comune in appoggio ad Enrico Galvan dove, Paolo Dalledonne è passato dalle 76 preferenze del 2015 alle 162 del 2019 guadagnando 86 voti.

Ottimo risultato anche di Giacomo Nicoletti che è passato anche lui dalle 57 preferenze del 2015 alle 136 del 2019 guadagnano 79 voti.

Pubblicità
Pubblicità

Perde terreno invece l’unica donna dell’attuale giunta, Mariaelena Segnana che passa dai 111 voti del 2015 agli 81 del 2019 perdendo sul terreno 30 voti.

Stefano Armellini esponente della frazione di Olle che nel 2015 aveva raccolto 57 voti in questo 2019 ne porta a casa solamente 12, registrando una perdita di 45 preferenze che lo relega fuori dal consiglio comunale.

Pubblicità
Pubblicità

Per quanto riguarda la lista Borgo Domani che sosteneva anche essa Galvan, l’ex assessore Luca Bettega passa dalle 62 preferenze del 2015 alle 122 del 2015 guadagnano 60 preferenze conquistando così il ruolo di Vice Sindaco.

Ottimo risultato anche per Emanuele Deanesi che passa dai 44 voti del 2015 ai 66 del 2019 guadagnano 22 preferenze.

Si salva in “extremis” ” l’ex esponente di spicco del PATT Armando Orsingher che passa dalle 63 preferenze del 2015 alle 28 del 2018 perdendo sul terreno 35 voti ma riuscendo comune a restare in consiglio comunale varcando così la soglia dei trent’anni di presenza all’interno dell’amministrazione di Borgo Valsugana.

Per quanto riguarda il Centro Sinistra che per l’occasione ha provato a mascherarsi dietro la dicitura “Polo Civico” in sostanza quelli del Partito Democratico in casa Civitas, storica lista di sinistra Marco Galvan (figlio dell’ex vice sindaco della giunta Froner ,Carlo Galvan) passa dai 99 voti del 2015 ai 118 del 2019 incrementando di 19 preferenze.

Nella stessa lista, debacle di Patrizia Dallafior che passa dai 110 voti del 2015 ai 68 del 2019 perdendo per strada 42 preferenze.

Su di lei pesa sicuramente l’annuncio dal ritiro, con tanto di dimissioni, dal consiglio comunale nel 2017 cui la nostra testata aveva dato notizia , per poi risalire sul carro “annusando” un potenziale assessorato.

Debacle anche per Mario Bastiani che nonostante la presidenza dell’oratorio “Beato Stefano Bellesini” passa dai 77 voti del 2015 ai 41 del 2019 lasciando per strada 36 preferenze.

Nella lista Innova creata appositamente per l’occasione sulle ceneri dell’UPT Samuele Campestrin passa dagli 89 voti del 2015 ai 96 del 2019 guadagnano 7 preferenze.

Fabio Capraro che aveva raccolto 73 preferenze nel 2015 ne porta a casa 89 in questo 2019 raccogliendo 16 preferenze in più.

Per finire, la terza lista del “Polo Civico” la lista Viviamo Borgo Ollesuccursale di Civitas” ha schierato all’interno numerosi candidati ex Civitas provando l’effetto “sorpresa“. Ma la lista è andata incontro ad una sonora sconfitta.

Carlo Boneccher che nel 2015 ha portato a casa 50 voti in questo 2019 ne ha raccolti 49 lasciando sul campo una preferenza, mentre Daniele Bertoldi che nel 2015 raccoglieva 45 preferenze nel 2019 ne ha portati a casa 33 lasciando per strada 12 preferenze.

Sia Boneccher che Bertoldi provengono da Civitas.

Per quanto riguarda la “coalizione del cambiamento” che sosteneva Marika Sbetta formata da Lega, Lorenzo Trentin in quota Lega Nord passa dai 40 voti del 2015 ai 26 del 2019 perdendo per strada 14 preferenze e l’ex assessore Rinaldo Stroppa (silurato dalla giunta per non aver appoggiato Fabio Dalledonne alle recenti elezioni provinciali) passa dai 166 voti del 2015 agli attuali 89 del 2019 lasciando per strada 77 preferenze.

In casa Rivivere Borgo, a sostegno del candidato Sunil Pellanda tutti i candidati erano alla prima esperienza. Da registrare l’ottimo risultato del giovane Zeus Fiorese che porta a casa 49 voti.

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Quello che un ciclista non dovrebbe mai fare. Il video

Pubblicato

-


Sono numerosi i video che i lettori ogni giorno inviano al numero whatsApp della nostra redazione (3922640625).

Quasi tutti sono ripresi con la Dash Cam, la telecamera di sicurezza installata di solito sul cruscotto, e in grado di registrare quello che accade all’interno ma soprattutto all’esterno dell’abitacolo, sulla strada che si sta percorrendo o, ad esempio, in un parcheggio.

La dashcam è una specie di scatola nera in grado d fornire immaginivideo e informazioni precise (i modelli con GPS integrato forniscono anche dettagli sulla posizione) sulle tutte le dinamiche in cui la macchina è coinvolta.

Pubblicità
Pubblicità

Oggi abbiamo scelto il video che ritrae alcuni ciclisti che transitano tranquillamente in via Andante a Caldonazzo. 

La loro velocità è da passeggio e visto la corsia ristretta provoca delle code formate da mezzi che possono sorpassarle temendo di travolgerle.

Pubblicità
Pubblicità

L’incongruenza pazzesca è che sulla destra degli stessi ciclisti scorre una tranquilla pista ciclabile dove circolano normalmente le biciclette.

Ma a rendere ancora più incredibile la scena è il fatto che dal senso opposto sbuchi un’altra bicicletta che viaggia quasi in mezzo alla strada. 

L’utilizzo della bicicletta comporta notevoli vantaggi tra cui il miglioramento della qualità della vita e la riduzione dell’inquinamento causato dalle automobili.

Tuttavia va ricordato che è necessario, per ciclisti ed automobilisti, conoscere le regole di civile convivenza mentre si usano i rispettivi mezzi di trasporto.

In questo caso possiamo tranquillamente dire che da parte dei ciclo turisti sono venute meno le regole di convivenza tra biciclette ed automobili

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Scontro fra due autovetture a Bedollo, sette feriti lievi

Pubblicato

-


Sette persone in ospedale, fra cui due donne di 48 e 69 anni e un uomo di 70.

È questo il bilancio dell’incidente successo oggi pomeriggio alle 15.00 sull‘Altopiano di Pinè lungo la provinciale 83.

Protagoniste due autovetture che all’altezza del lago della Piazze  si sono scontrate fra di loro finendo entrambe fuori strada.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto sono arrivati i Vigili del Fuoco di Bedollo e 4 ambulanze del 118.

I sette feriti, tutti per fortuna lievi e soccorso tutti sul posto, sono stati comunque trasportati presso gli ospedali di Trento e Borgo Valsugana per alcuni accertamenti.

Pubblicità
Pubblicità

I Vigili del fuoco hanno messo in sicurezza la carreggiata chiudendo per circa un’ora la strada.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Borgo Valsugana, Sbetta diventa capogruppo Lega. AGIRE: «Siede in Consiglio al posto nostro. Comportamento scorretto, neppure un confronto».

Pubblicato

-


Rottura fra Lega ed Agire per il Trentino a Borgo Valsugana.

Marika Sbetta, candidata di coalizione alla carica di Sindaco nelle ultime elezioni comunali, è stata nominata capogruppo della Lega in consiglio comunale

Secondo «AGIRE per il Trentino – Borgo e Olle» la sua nomina è un evoluzione che «riteniamo poco rispettosa dell’impegno e del risultato di AGIRE e della coalizione a tre che l’ha sostenuta. Non abbiamo fatto polemica quando il nome della candidata della coalizione lo abbiamo scoperto sui media, e abbiamo fatto pure buon viso a cattivo gioco quando sulle pagine dei social, appositamente aperte per la campagna elettorale, il lavoro della squadra di AGIRE non veniva minimamente considerato. Ora però ci sembra davvero troppo…» – Si legge nel comunicato del movimento

Pubblicità
Pubblicità

«Sbetta siede in Consiglio comunale non grazie ai voti della sua lista,  – si legge ancora nella nota – e neppure grazie ai voti della Lega, ma grazie a quelli raccolti da AGIRE, che di fatto ha maturato un consigliere. La norma prevede però che, laddove un candidato sindaco non vinca le elezioni, a questo venga ceduto il seggio di una delle liste che lo sostenevano: questa parte è toccata ad AGIRE, ed è per questo che oggi Sbetta è in Consiglio comunale al posto di uno dei nostri candidati».

Secondo Agire «Appare dunque sfrontata la scelta politica di Marika Sbetta, da qualche giorno tesserata Lega, di fare il capogruppo di una delle forze politiche che la sostenevano, senza neppure sentire la necessità di un minimo confronto con la nostra segreteria politica. Sono comportamenti che lasciano l’amaro in bocca e obbligano ciascuno di noi a prendere atto che la correttezza, pare proprio, sia una virtù non compatibile con la politica. Noi nella campagna elettorale per le comunali di Borgo Valsugana e Olle ci abbiamo messo cuore, lealtà e rispetto. Facendo così forse abbiamo sbagliato lo stesso,  – conclude la nota – ma non ce ne pentiamo, ne valeva la pena, perché per noi vale di più la correttezza che una poltrona».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza