Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Acquedotto di Vigo di Fassa: 90 persone con la gastroenterite. Trovata la presenza di Escherichia coli

Pubblicato

-

Nei giorni scorsi sono pervenute all’Unità operativa di igiene e sanità pubblica dell’Apss segnalazioni relative a casi di gastroenterite accompagnate da vomito e diarrea che potevano far supporre una contaminazione dell’acquedotto di Vigo di Fassa, nel comune di San Giovanni di Fassa – Sèn Jan.

Apss ha immediatamente avviato controlli analitici in più punti della rete idrica ripetendoli su più giorni.

Tali controlli hanno rilevato, in alcuni punti, la presenza di inquinamento batteriologico, seppur a bassi livelli, di Escherichia coli.

Pubblicità
Pubblicità

Dall’inchiesta epidemiologica effettuata dal Servizio territoriale di zona è stato accertato che la sintomatologia gastroenterica ha colpito circa 90 persone, tutte afferenti all’area di Vigo di Fassa, che in parte si sono rivolte alla guardia medica, alcune alla guardia turistica, mentre altre si sono recate direttamente in farmacia per l’acquisto di fermenti lattici e disinfettanti intestinali.

Si è proceduto a fornire indicazioni al competente ufficio tecnico comunale affinché provvedesse alla pulizia dei serbatoi e alla disinfezione della rete idrica aumentando il livello della clorazione e all’emissione di un’ordinanza per il consumo di acqua ad uso alimentare solo dopo bollitura.

Pubblicità
Pubblicità

È stato, inoltre, programmato un incontro a Vigo di Fassa per mercoledì 17 luglio per una valutazione e monitoraggio delle sorgenti da cui si rifornisce l’acquedotto per esaminare l’area di rispetto circostante alle sorgenti e trovare eventuali soluzioni tecniche che permettano la messa in sicurezza.

Ulteriori controlli sono stati programmati nel corso dei prossimi giorni fino al rientro dalla non conformità a garanzia della salute pubblica.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Valli Fiemme e Fassa, Operazione «Sciamano»: si consegnano gli ultimi due latitanti albanesi

Pubblicato

-

Nella serata del 10 ottobre 2019 sono finiti nella rete degli inquirenti gli ultimi due latitanti, dei 18 trafficanti (tutti condannati) colpiti dalle misure cautelari emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Trento, nell’ambito dell’indagine “Sciamano” condotta dal N.O.R. della Compagnia Carabinieri di Cavalese, che ha decapitato un florido traffico di sostanza stupefacente di tipo cocaina attivo nelle Valli di Fiemme e Fassa con articolazioni nel Milanese.

Nel merito i carabinieri ricordano che alle operazioni di cattura del 20 novembre 2018, BEJTE Afrim ed ARAPI Arber organici al segmento Milanese deputato al rifornimento dei flussi di cocaina sulla tratta Rozzano – Castello di Fiemme, erano infatti sfuggiti in quanto si trovavano in terra Albanese.

A seguito delle condanne inflitte il 4.10.2019 dal Giudice del Tribunale di Trento nei confronti dei due e alla pena di 2 anni e 10 mesi di reclusione e 14.000,00€ di multa ed in ragione del mandato di cattura internazionale emesso a loro carico, i due latitanti hanno deciso di consegnarsi alle autorità Italiane attraverso una rapida intermediazione sviluppata tra i loro legali di fiducia e l’Autorità Giudiziaria coadiuvata dagli investigatori del N.O.R. di Cavalese in esito alla quale veniva concordata, la consegna dei due latitanti alle autorità Italiane, presso lo scalo aeroportuale Valerio Catullo di Verona.

Pubblicità
Pubblicità

Alle 19.00 del 10 Ottobre quindi, gli operatori della Pol Aria della Polizia di Stato di Verona, su attivazione dei Carabinieri di Cavalese, hanno notificavano le richiamate misure cautelari ai due albanesi appena sbarcati da un volo proveniente da Tirana. I due poi venivano trasferiti al carcere di Verona Montorio e messi a disposizione dell’A.G.

Nel merito si ricorda ARAPI Arber, collaboratore dell’apicale ARAPI Petrit era parte del gruppo che nell’aprile 2018 aveva pianificato un’incursione all’interno del perimetro della caserma dei Carabinieri di Cavalese, con l’obbiettivo di recuperare 210 grammi di cocaina dall’autovettura utilizzata da un loro corriere, ritenendo erroneamente non fossero stati ancora rinvenuti dagli operanti.

Pubblicità
Pubblicità

Analogamente anche BEJTE Afrim era risultato essere uno dei uomini di fiducia del Boss ARAPI Petrit che gestiva i rifornimenti in favore del Gruppo Fiemmese del Bar Anny.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Predazzo: una targa in memoria di Roberto Degaudenz, per non dimenticare….

Pubblicato

-

Roberto Degaudenz vigile del fuoco di Predazzo è scomparso il 20 gennaio 2017 all’età di 53 anni colpito da un improvviso ictus che non gli ha lasciato scampo. Per ricordarlo i suoi colleghi hanno affisso una targa su un castello di manovra a servizio della caserma dei Vigili del Fuoco Volontari di Predazzo.La data riportata è quella del 5 ottobre 2019. La dicitura del post: «In sua memoria, per non dimenticare….» Roberto era titolare del notissimo «Bar Caorèr», e godeva di grande popolarità, grazie alle due innate doti di sportivo. Faceva parte ormai da 25 anni  del Corpo dei pompieri, dove si è sempre distinto per una costante e generosa disponibilità ogni qual volta ci fosse bisogno della sua presenza. Roberto Degaudenz, poco prima di morire era stato anche uno dei quattro premiati per 25 anni di servizio.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Travolto da un tronco nel Cermis: ferito boscaiolo

Pubblicato

-

E’ grave ma non in pericolo di vita il boscaiolo rumeno di 51 anni vittima oggi di un incidente sul lavoro, avvenuto poco prima delle 16, nei boschi della val di Fiemme. L’uomo, dipendente di una ditta austriaca, è stato travolto da un tronco mentre si trovava nella zona del Cermis per interventi dovuti ai danni causati dalla tempesta Vaia dello scorso ottobre. L’albero che lo ha colpito alla schiena era appena stato tagliato e in procinto di essere caricato e portato a valle.

Sul posto gli uomini del soccorso alpino e l’elicottero dei vigili del fuoco permanenti che assieme ai volontari di Cavalese hanno trasportato il ferito all’ospedale Santa Chiara.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza