Connect with us
Pubblicità

Trento

Morte Michele Demattè, SBM: «Dichiarazione squallida e tardiva di Unifarm»

Pubblicato

-

Durissima presa di posizione del sindacato di base multicategoriale dopo 10 giorni dalla morte di Michele Demattè, l’operaio deceduto lo scorso 29 giugno 2019 all’ospedale di Trento, a seguito di un colpo di calore mentre prestava servizio all’interno di Unifarm.

Una morte assurda – spiega il sindacato – dove non si riescono a comprendere appieno le reazioni della direzione aziendale e delle rappresentanze “sindacali” ufficialmente riconosciute dalla ditta di fronte a questa tragedia.

«Le condotte della dirigenza Unifarm sono le stesse di sempre. Durante una manifestazione che organizzammo il 16 settembre 2014, esponemmo davanti alla fabbrica di Ravina uno striscione provocatorio che recitava: “Sopra il lavoratore l’unifarm campa, sotto l’unifarm il lavoratore crepa” – dichiara il sindacato – allora fummo accusati, dall’amministratore delegato, di essere degli estremisti, di lanciare accuse diffamanti per il buon nome della società, di immaginare problemi inesistenti, persino di inventarci le leggi sulla sicurezza. Ci dissero che saremmo stati tutti denunciati, che ci avrebbero “spazzato via” dall’azienda. A distanza di cinque anni, però, grazie alla nostra denuncia, l’impresa è stata costretta a sottoporre a visita di sorveglianza, dal medico competente, tutto il proprio personale. E così sono emersi numerosi casi di malattie professionali, di patologie invalidanti e sono molti i lavoratori e le lavoratrici dichiarati idonei alla mansione con limitazioni e prescrizioni nell’esecuzione del proprio lavoro».

PubblicitàPubblicità

Con l’avvento della nuova dirigenza SBM sperava in un cambio di rotta. «Ma questa tragedia ha dimostrato il contrario»

Michele Demattè si è sentito male venerdì 28 giugno 2019. Solo casualmente un suo collega si è accorto che era ancora in azienda fuori orario e, nel cercarlo, lo trovava riverso a terra in stato di incoscienza. Subito trasferito in ambulanza al reparto rianimazione dell’ospedale Santa Chiara di Trento, decedeva il successivo sabato 29 giugno 2019.

«Nonostante la notizia fosse trapelata già da domenica 30 giugno 2019, – ricorda il sindacato –  la direzione aziendale emetteva uno scarno comunicato solo alle ore 15:56 di lunedì 1° luglio 2019:“Buongiorno, in merito a quanto riportato sui giornali locali del Trentino siamo addolorati per quanto accaduto al nostro dipendente alla fine del turno di lavoro. Il lavoratore, che svolgeva le proprie mansioni in locali idonei e climatizzati, era sottoposto a visite periodiche ed era stato ritenuto anche recentemente idoneo alla mansione sia dal medico competente che dalla commissione sanitaria provinciale. Oggi hanno avuto accesso le autorità competente a cui abbiamo fornito e forniremo il massimo supporto per ricostruire l’accaduto. Cordiali saluti. La Direzione”».

«Una dichiarazione squallida e tardiva, che lascia sgomenti,  – aggiunge SBM – funzionale solo ad escludere ogni responsabilità dell’azienda sulla morte dell’operaio. Null’altro. Come ci ha fatto notare una dipendente, “per tutti colleghi venuti a mancare [si tratta di quelli deceduti fuori dall’ambiente di lavoro, n.d.r.] c’è sempre stato un momento di silenzio, interrompendo le attività lavorative dei due turni, anche da parte dei lavoratori operanti nei magazzini UNIFARM siti in Liguria e Sardegna. Ma per Michele non è stato così, è stato solo disposto in fretta e furia un minuto di silenzio in concomitanza dei funerali, quando buona parte degli operai non era in azienda”. E’ una condotta emblematica, atta solo a minimizzare e cancellare quanto prima la tragedia, senza incidere sulla produzione e sui profitti della S.p.A., più importanti della vita umana…»

Pubblicità
Pubblicità

Il sindacato di base multicategoriale non risparmia critiche nemmeno alla triplice:  «È sempre la stessa. Dapprima in pompa magna sui giornali con i propri segretari generali a strombazzare che non si può morire di lavoro. Poi richieste d’incontro all’assessore provinciale ed alla direzione Unifarm. E poi le fatidiche, inutili assemblee organizzate per turno, promosse allo scopo di “aggiornare e valutare i fatti occorsi in azienda”. Hanno dichiarato scioperi? NO. Hanno effettuato denunce? NO. Hanno proposto iniziative di lotta a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici? NO. Come ci ha riferito una dipendente, le assemblee sono state “utilizzate per riportare ai lavoratori ciò che ha comunicato loro la direzione: i locali di UNIFARM sono tutti climatizzati e il lavoratore era sottoposto alle visite mediche periodiche. Ovvero l’azienda è in regola. Le maestranze lì presenti hanno però sbugiardato l’azienda. Sono stati denunciati lavori manuali svolti all’esterno nelle ore più calde, reparti con temperature oltre i 40°C con farmaci stoccati per la partenza, furgoni fermi sotto il sole in attesa di caricare e reparti con umidità oltre il 70%. Altri operai tacciono, temono le ritorsioni di dirigenti, capi e capetti e non si fidano della triplice che per noi è complice»

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Federazione, si dimette il vicepresidente Marco Misconel

Pubblicato

-

“Un passo indietro per stimolare una ampia riflessione nel credito cooperativo trentino sui principali temi che riguardano il futuro delle Casse Rurali. Ho ritenuto necessario dare un segnale forte al movimento di credito cooperativo per rilanciare il ruolo delle Casse Rurali e della Federazione che le rappresenta”.

Il vicepresidente del credito della Federazione Marco Misconel motiva così le proprie dimissioni consegnate oggi alla presidente Mattarei, che ne ha preso atto.

La presidente Marina Mattarei porterà le dimissioni in consiglio di amministrazione convocato per lunedì prossimo.  “Comprendo e rispetto le motivazioni che hanno portato a questa scelta radicale – ha affermato la presidente della Federazione – e ringrazio il collega Misconel per l’impegno svolto fin qui con passione e competenza”. Misconel era stato eletto vicepresidente nel giugno del 2018 e consigliere del fondo comune delle casse rurali trentine il 25 ottobre 2019

Pubblicità
Pubblicità

Nomina del 08/06/2018

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Ciclisti in via Brennero, rischio incidente. Il Video

Pubblicato

-

Il video è stato ripreso con la dash Cam poco prima delle ore 19.00 di oggi venerdì 17 gennaio 2020.

Due ciclisti provenienti da Gardolo stanno percorrendo la via Brennero poco prima dello svincolo della tangenziale.

La loro manovra oltre che pericolosissima per se stessi e per le autovetture che transitano è vietata dal codice della strada.

Pubblicità
Pubblicità

Come si vede nel video, il conducente arrivato nei pressi dei due ciclisti deve rallentare vistosamente per evitare di investirli non potendosi spostare sulla corsia di sorpasso già occupata da altri veicoli.

I due ciclisti, pare di origine nord africana hanno poi imboccato lo svincolo che porta alla tangenziale. 

Nel video non è ben visibile se i fari sono in funzione o meno. Da ricordare che per raggiungere Trento da Gardolo ci sono comunque numerose alternative sia percorrendo delle strade comunali oppure prendendo la ciclabile.

L’episodio non sarebbe isolato, infatti gli avvistamenti nel merito sono numerosi e riguardano anche i ciclisti che viaggiano sulla tangenziale e anche di notte.  

Pubblicità
Pubblicità

Come tutti gli utenti della strada, anche i ciclisti devono rispettare precise regole di comportamento, sia in città, che nei percorsi extraurbani.

I Ciclisti possono pedalare su tutte le strade comunali, provinciali, statali. Non possono transitare sulle autostrade e sulle strade a scorrimento veloce o superstrade e in talune gallerie.

In proposito l’Art. 182 comma 9 del codice della strada recita: “I velocipedi devono transitare sulle piste loro riservate quando esistono, salvo il divieto per particolari categorie di essi, con le modalità stabilite nel regolamento”.

La violazione, se contestata è di 35 euro per non aver rispettato il divieto imposto dalla segnaletica

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Parcheggi selvaggi e viabilità poco chiara. I cittadini di Pergine protestano

Pubblicato

-

Da Pergine Valsugana arrivano due segnalazioni comprensive di fotografie al numero whatsApp della nostra redazione. (3922640625)

La prima riguarda Viale Dante  dove i mezzi traditi dal navigatore imboccano la via Maoro per raggiungere la tangenziale, ma arrivati a pochi metri dal passaggio a livello si ritrovano il divieto.

E in un budello poi si ritrovano a fare manovre assurde bloccando il traffico.

PubblicitàPubblicità

«Tutto questo – segnala il cittadino – perché da anni è stato richiesto un divieto per camion fino all’imboccatura. Inoltre la strada è stretta e senza marciapiede, e tutte le volte che c’è un incidente sulla statale 47 se ne approfitta per passare impedendo alle persone di uscire dai cancelli e chi va a scuola o al lavoro a piedi devono fare il segno della croce»

L’altra segnalazione riguarda i parcheggi selvaggi di via Bellini. «Ormai il fenomeno è giornaliero – osserva un altro cittadino – e succede anche quando i parcheggi regolari sono vuoti. Se proprio il Comune vuole far cassa, può mandare i vigili, così poi hanno i soldi per sistemare le buche delle strade del paese»

Nel merito rimane un mistero il perché le autovetture siano posteggiare sulla carreggiata in divieto invece che utilizzare il posteggio ex Cederna tanto acclamato dal sindaco che rimane sempre vuoto.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza