Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Brentonico: premiati i migliori progetti per portabici

Pubblicato

-

Da sinistra stefano Pagani Federico Milan Moreno Togni Giulia Bruni accovacciata e Luisa Giuliani

Si è concluso il concorso di idee per progettare portabiciclette originali e caratteristici per l’Altopiano di Brentonico.

Tra i requisiti c’era quello di prevedere l’uso di legno locale e, tra gli obiettivi, c’erano il migliorare l’immagine del luogo e l’incentivare la cultura della mobilità alternativa e salutare.

I progetti vincitori sono stati presentati ufficialmente all’ultima edizione della Golosa bici –  una giornata tra amici in mountain bike sul Sentiero della Pace con soste golose in malga –  alla presenza di tre dei progettisti premiati.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco quindi il podio. Al primo posto con il progetto “BikehouseStefano Pagani di Como.

Secondo posto per il progetto “Sistema modulare” di Luca Luigi Messina della provincia di Milano. Terzo posto per Davide Colombo, comasco, con “Bicytree”. Sono state date menzioni particolari a due progetti interessanti e meritevoli: “Puntoorizonte” di Giulia Bruni di Ascoli Piceno e “Paese che bike… portabici che trovi”, della trentina Luisa Giuliani.

La giuria era composta da Giorgio Viesi responsabile dell’Area servizi alla persona del Comune, Federico Milan direttore dell’Apt Rovereto e Vallagarina e Michela Baldessari designer roveretana.

L’assessore comunale al turismo e sport Moreno Togni spiega: «Al concorso hanno partecipato più di sessanta progettisti. Sono pervenute proposte progettuali da tutta Italia; un terzo quelle arrivate dal Trentino. Per questo non è stato semplice, per la giuria, scegliere le migliori. Ora stiamo provvedendo a richiedere i preventivi per la realizzazione di alcuni portabici coi progetti vincitori. L’idea è di sfruttare tutte le proposte, differenziandone l’ubicazione, dato che alcuni progetti si addicono di più all’ambiente urbano e altri più a quello montano».

I premi in denaro erano fissati in 1.000 al primo classificato, 500 al secondo e 300 al terzo. Il concorso era stato lanciato lo scorso inverno.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Rovereto: le aziende assoldano vigilantes, il fallimento della politica buonista

Pubblicato

-

A Rovereto le agenzie interinali sembrano non sentirsi al sicuro.

Basta passeggiare per il centro per notare che una famosa Agenzia interinale ha deciso di correre ai ripari assoldando le guardie giurate per presidiare sia il luogo di lavoro che per proteggere l’incolumità fisica sia dei clienti che dei lavoratori.

Grande assente, l’amministrazione di Rovereto.

Pubblicità
Pubblicità

Come di ricorda nella notte del 30 luglio la forte esplosione di un ordigno avvenuta alle 2.30 in via Indipendenza presso l’agenzia del lavoro Randstad aveva mandato in pezzi le vetrine del negozio e ha fatto sobbalzare dal letto i residenti.

La matrice si è subito capito fosse di carattere anarchico e in quel senso da allora la Digos ha iniziato le indagini.

Ma certo ora in molti sottolineano l’incapacità dell’amministrazione nel far sentire sicuri e protetti cittadini e aziende ricordando che le deleghe alla sicurezza sono in mano al Sindaco.

Il fatto fa riflettere sul perché ora le aziende debbano tutelarsi e proteggersi da sole e a proprie spese naturalmente.

Si dovrà arrivare a doversi organizzare per auto proteggersi da chi si fa gioco delle regole della società?

Una bella domanda a cui speriamo il Sindaco risponderà presto magari con qualche fatto in più e parola in meno.

Il fatto che i cittadini e le aziende per difendersi da balordi e criminali debbano assoldare guardie giurate o vigilantes dovrebbe far riflettere il Sindaco Valduga.

Rovereto vive certamente un momento storico delicato con problemi sociali pronti ad esplodere e molte difficoltà nel trovare un piano di espansione economica che porti lavoro e benessere alla comunità.

Se a questo si aggiunge la percezione di poca sicurezza si rischia di finire in un baratro difficile da risalire.

Forse l’amministrazione pensa di non doversene occupare, che sono segnali di poco conto ma denotato una rassegnazione che è un po’ quella dell’elettorato di maggioranza, stufo di subire ingiustizie.

A Rovereto le elezioni comunali si avvicinano e il 2020 non è poi così lontano.

Mettere al centro i cittadini e le aziende che operano sul territorio dovrebbe essere il must di ogni amministrazione intelligente e lungimirante.

Le aziende del territorio portano lavoro e reddito per chi viene assunto e nello stesso tempo pagano tasse che non dovrebbero servire solo per pagare stipendi ma per dare benessere e serenità alla cittadinanza che sia essa azienda o cittadino.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Il Sindaco di Calliano Lorenzo Conci rinviato a giudizio per diffamazione contro Enrico Rizzi

Pubblicato

-

Il Tribunale di Rovereto ha rinviato a giudizio l’attuale sindaco del Comune di Calliano (Trento) Lorenzo Conci, che il prossimo 29 ottobre andrà a processo per “diffamazione aggravata” nei confronti di Enrico Rizzi, Capo Segreteria Nazionale del Partito Animalista Europeo.

I fatti risalgono al 2014 quando il rappresentante del PAE si occupò della vicenda della povera orsa Daniza, poi uccisa

Lorenzo Conci decise di creare un gruppo su Facebook dal nome “RIZZI BIMBO MINKIA” dove gli internauti cominciarono a scatenarsi con una serie di pesanti insulti verso il rappresentante animalista: “Rizzi sei un pezzo di merd*, sei un mentecatto, due cose sono infinite…l’universo e la stupidità del RizziBimboMinkia, Rizzi vattene a fanculo, mi chiedo come mai nessuno fino ad ora non lo ha fatto affogare nella mer**, minchione dell’anno”, ecc ecc

Pubblicità
Pubblicità

La Procura della Repubblica di Rovereto ravvisando estremi di colpevolezza e non ritenendo opportune ulteriori indagini, condannò un paio di mesi fa l’attuale sindaco alla pena di 5 mila euro di multa.

Lorenzo Conci si è opposto, motivo per cui adesso inizierà il normale processo presso il Tribunale Ordinario di Rovereto.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Brentonico: terreni comunali per fieno e agricoltura

Pubblicato

-

Agricoltura, orticoltura e sfalcio: il Comune mette a disposizione alcuni terreni di proprietà pubblica per le aziende che sono disposte a valorizzarli.

L’assessore comunale al turismo, agricoltura, foreste e sport Moreno Togni spiega: «Si tratta della disponibilità di lavorare terreni comunali e di uso civico per lo sfalcio e la coltivazione.

Sono suddivisi in lotti distinti e l’intenzione è quella di valorizzare aree da sempre lavorate dalle aziende locali che, in tanti anni, hanno così permesso di mantenerli in buono stato assicurandone una buona produttività.

Pubblicità
Pubblicità

Si è voluto incentivare le aziende agricole e zootecniche locali anche in un’ottica di ecosostenibilità e rispetto ambientale, in linea con la filosofia del chilometro zero. Questo evita infatti l’impiego di mezzi e macchinari, che dovrebbero compiere lunghi tragitti».

Le procedure di assegnazione sono due e sono entrambe pubblicate sul sito internet del Comune.

Nel dettaglio, una procedura è finalizzata ad acquisire le manifestazioni di interesse per la gestione e riqualificazione di terreni destinati alla coltivazione e/o all’orticoltura nella frazione di Castione.

Possono partecipare le aziende agricole, o loro forme associative, iscritte nella sezione I e II dell’archivio provinciale delle imprese agricole (Apia), iscritte presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura per pertinente settore di attività. La manifestazione di interesse dovrà pervenire, utilizzando il modello predisposto, tramite raccomandata, corriere o consegna a mano all’ufficio protocollo del Comune entro le ore 12 del 23 settembre 2019.

L’altra procedura è un avviso di gara per l’affitto, a soli fini di sfalcio e concessione in uso (per i fondi gravati dal vincolo del diritto di uso civico) di fondi rustici del Comune.

Per essere ammessi alla gara gli interessati dovranno far pervenire tramite raccomandata, corriere o consegna a mano all’ufficio protocollo – entro le ore 12 del 16 settembre 2019 – un plico chiuso, sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura recante esternamente il nominativo del concorrente e la dicitura: “offerta sfalcio di terreni in Brentonico”.

Il criterio di aggiudicazione del contratto è quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Il giorno fissato per l’apertura delle offerte è il 18 settembre 2019 alle ore 9.30

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza