Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Presentata a Cles la mostra “Ursus – storie di uomini e orsi”

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Si è tenuta oggi, 4 luglio, la conferenza stampa sulla mostra “Ursus – storie di uomini e orsi” e non a caso si è scelto come luogo di presentazione la Sala Patronale del magnifico Palazzo Assessorile di Cles, proprio perchè questo sarà la location della mostra in oggetto.

L’Assessore alla Cultura, Avv. Vito Apuzzo, apre la conferenza: “Cles quest’estate sarà ricca di eventi culturali. Non è stato facile allestire una mostra sull’orso, ma non sarà una mostra naturalistica, per quella ci sono musei molto più adeguati, sarà una mostra dallo stampo culturale, sociologico, sul rapporto uomo/orso nei millenni. Voglio sottolineare un particolare evento collaterale che si terrà l’8 agosto prossimo, il concerto dell’orchestra ‘Bazzini Consort’ di Brescia, che suonerà tra l’altro un brano di Gustav Mahler tratto dalla 1a Sinfonia, 3° movimento, ripreso dalla cantilena ‘Fra Martino’, deformata e in tonalità minore, che diventa una marcia funebre dove gli orsi accompagnano il cacciatore alla tomba, tipico del ‘mondo alla rovescia’ nella cultura popolare nordeuropea; un funerale dove gli animali provano pietà verso chi li uccide. Tutti gli eventi collaterali si ricollegano alla tematica della mostra”.

Parla ora la Dott.ssa Silvia Spada, storica dell’arte ed ex Direttrice dell’Ufficio Servizi Museali e Storico-Artistici del Comune di Bolzano, qui in veste di curatrice della mostra: “La mostra si snoda su due binari: il rapporto complesso uomo/orso, e la ricerca di tipo locale, in questo caso rivolta al Trentino Alto-Adige, narrata per immagini. Una storia articolata, affascinante, dove nell’emisfero settentrionale non si conoscevano le scimmie, e l’animale più simile all’uomo era l’orso, in quanto cammina eretto, usa le zampe come mani, ha una visione frontale, è in grado di scendere da una scala a pioli, è onnivoro, cura l’educazione dei propri piccoli a lungo; insomma, un alter-ego dell’uomo. La storia è complessa, inizia dal paleolitico, per arrivare all’epoca contemporanea”.

Pubblicità
Pubblicità


La Dott.ssa Spada prosegue descrivendo minuziosamente nei dettagli le varie sezioni della mostra, strutturate non cronologicamente, ma per tematica, iniziando dalla preistoria e la caccia, con reperti archeologici, e cosa significava l’orso per le nostre genti, che catturavano l’orso per venderne pelli e grasso. Persino a Cles esisteva una famiglia di cacciatori di orsi, la famiglia Lorenzoni, e le sue catture sono documentate attraverso un libretto all’epoca redatto da un sacerdote.

Rappresentazioni e raffigurazioni dell’orso dal medioevo ai giorni nostri: l’orso passa attraverso scene di caccia e stemmi araldici, fino a diventare incarnazione dei peggiori vizi umani, colpa anche della chiesa e della lotta contro il paganesimo, fino a divenire simbolo di virtù.

Ancora l’orso e la chiesa: orsi domati da santi, vedi il popolare San Romedio, ed ex voto dedicati.

Pubblicità
Pubblicità

L’orso ballerino: alla fine catturato, spesso da cucciolo, domato ed addomesticato, portato nelle fiere e costretto a danzare ed a mimare combattimenti con l’uomo, dove gli addestratori erano circensi itineranti.

L’orso e il carnevale: da sempre simboleggiato nelle maschere, e sottomesso dal cacciatore, come metafora del dominio umano sulla natura; in particolare nelle maschere del carnevale di Egetmann a Termeno (Bz), uno dei più famosi di tutto l’arco alpino.

L’orso ed i giocattoli: verso fine ‘800, inizio ‘900, l’orso viene visto sotto una luce diversa; in val Gardena si iniziano a costruire statuine di legno con le sue sembianze, fino a divenire l’orsacchiotto ‘Teddy Bear’, nomignolo acquisito grazie al Presidente Roosvelt ed a una battuta di caccia fallita. Da qui in poi è un susseguirsi di peluche, libri, fumetti, cartoons; l’orso diviene beniamino dei bambini, amato e benvoluto, in un proseguo attuale più che mai fortuito.

Il progetto Life Ursus: il ripopolamento nei parchi dell’Adamello-Brenta iniziato nel 1999, ed le diatribe che sono seguite, causa gli ovvi problemi derivati dalla reintroduzione.

A questo proposito l’Assessore Apuzzo precisa che l’Amministrazione comunale si astiene assolutamente dal porre giudizi in merito a ciò che sta accadendo, specialmente in questi giorni, dove l’orso è apparso in tutte le cronache; ognuno ha diritto alla propria opinione personale.

Presente anche il Presidente della Cassa Rurale Val di Non, Arch. Silvio Mucchi, il quale ricorda che anche nella finanza l’orso è presente, insieme al toro, cioè bull e bear, che sono indici di borsa. “Come main partner sosteniamo volentieri mostre poste nelle dimore storiche, ma poniamo molta attenzione a sostenere i vari progetti proposti; affiancati sempre dalla Provincia Autonoma di Trento, scegliamo meno iniziative ma di qualità, come stimolo a continuare su questo modus operandi”.

In conclusione, il Sindaco di Cles, Arch. Ruggero Mucchi: “Abbiamo colto l’opportunità per sviluppare una mostra così complessa ma con un tema attuale, e uno degli aspetti è dare un contributo per farsi delle idee in merito all’argomento orso. Il rapporto uomo/orso è un rapporto viscerale, storico, culturale, uomo e orso sono in cima alla catena alimentare; di sicuro l’orso ne fa le spese, ma l’uomo rimane terrorizzato da lui. Questa è una mostra diversa per gli standard estivi, rispetto alle mostre d’arte, ma c’è già sul territorio l’importante collezione artistica di Castel Caldes, era illogico avere due spazi simili. Anticipo che l’ultima mostra organizzata da questa Amministrazione, in primavera, sarà una mostra dedicata a Cles, alla sua storia, al suo patrimonio culturale. Spero che il nostro operato fin qui raggiunto funga da strategia per trovare collaborazioni nuove, e per mantenere la rete attuale di collaborazioni”.


La mostra verrà inaugurata sabato 6 luglio ad ore 18,00 con l’accompagnamento musicale del “Mason Brass Trio”.

Orari: lunedì: 14.30-18.30

Dal martedì alla domenica 10.00-12.30 / 14.30-18.30

In luglio e agosto aperture serali sabato e domenica con orario 20.00-22.00

Le foto sono di Orietta Coletti, Laura Paternoster e Nicola Bortolamedi

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Valsugana e Primiero21 minuti fa

Frontale tra due vetture, una abbatte un palo telefonico: feriti i due conducenti

Val di Non – Sole – Paganella34 minuti fa

La Fondazione Ivo de Carneri raccoglie fondi per due nuovi progetti con regali solidali

Riflessioni fra Cronaca e Storia42 minuti fa

Un appello al papa, per una tregua di Natale, come fece De Gasperi

Trento2 ore fa

Firmato il protocollo di intesa con il comparto Sanità – area della categorie

Trento12 ore fa

100 anni di Itea: concluso il concorso “Scuole in copertina”

Trento12 ore fa

A22, finanza di progetto: via libera del Ministero per 7,5 miliardi di euro di investimenti

Trento12 ore fa

Gruppo italiano interparlamentare, Ambrosi: «Mia elezione a vicepresidente grande onore e responsabilità»

Ambiente Abitare14 ore fa

Gli studenti, grazie a un fumetto, insegnano agli adulti come difendersi dalle alluvioni

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Attraversamento dell’abitato di Romallo, aggiudicati i lavori per la messa in sicurezza

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Mobilità sicura e scorrevole sulla statale 42 del Tonale: una rotatoria per lo svincolo Ossana-Peio

Giudicarie e Rendena15 ore fa

Giudicarie: fermato 3 volte in pochi giorni sprovvisto di patente

Rovereto e Vallagarina15 ore fa

“Giotto e il Novecento”: a cavallo tra passato e futuro, una mostra sorprendente

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

La magia del Natale avvolge Ville d’Anaunia: ecco tutti gli appuntamenti

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

Vigili del Fuoco Denno, consegnate le benemerenze di servizio attivo a Pier Luigi Poda e Paolo Vielmetti

Bolzano17 ore fa

Una stazione di polizia cinese In Trentino Alto Adige: Safeguard Defenders fornisce le prove

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…5 giorni fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento4 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Trento2 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento7 giorni fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento4 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web3 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

Trento3 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza