Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Pass per Tovel, rilasciate 1.200 tessere a Ville d’Anaunia

Pubblicato

-

Nuove regole per il rilascio di pass e permessi temporanei per l’accesso alla Val di Tovel. Con il cambio delle tessere di accesso per i residenti (non più nominali ma legate alla targa del veicolo di proprietà), l’Amministrazione con l’assessore competente Gloria Concini ha portato sui banchi del consiglio comunale il nuovo regolamento che è stato approvato con il voto contrario di Samuel Valentini (Ora).

Come è stato spiegato in aula, sono circa 1.200 i nuovi pass emessi finora dal Comune di Ville d’Anaunia ai residenti: i cittadini di Tuenno – titolari dell’uso civico – ricevono dagli uffici una tessera che li distingue da quelli di Nanno e Tassullo. Tutti loro possono comunque posteggiare il proprio veicolo presso il parcheggio del Lago.

Il rilascio dei “Pass Val di Tovel” tutela l’esercizio dei diritti e il godimento dei beni di uso civico comunali e frazionali. Per questo motivo è garantito il rilascio dei pass differenziati per i veicoli in uso ai residenti dei Comuni di Ville d’Anaunia e Contà” sono state le parole dell’assessore Concini.

Pubblicità
Pubblicità

Il regolamento introduce nuove tipologie di pass. Una di queste tutela l’esercizio del diritto di accesso alle casette da parte dei proprietari, ai quali sarà fornito un massimo di due pass che si chiameranno “Pass proprietario baita” e “Pass ospite baita” con il numero di particella per la quale sono validi.

Inoltre, per tutelare la fascia di popolazione anziana residente senza patente e non automunita ed evitare i potenziali disagi legati all’utilizzo del servizio navetta che, nella terza età, possono rappresentare un ostacolo alla libera fruizione del territorio comunale (attese in piedi sotto il sole, scalette d’accesso ai bus, etc.), è garantito il rilascio di un “Pass Val di Tovel” nominale agli over 65 che non sono proprietari di auto e moto.

Questo pass non sarà associato a uno specifico numero di targa ma riporterà nome, cognome e data di nascita dell’over 65 e gli consentirà di farsi accompagnare a Tovel anche a bordo di veicoli dei non residenti. Il pass ovviamente non è cedibile a terzi e, per evitare abusi nell’utilizzo di tale agevolazione, l’anziano residente titolare del pass dovrà necessariamente essere a bordo del veicolo durante il transito per ottenere l’esenzione da divieti, limitazioni e tariffe.

Infine, per quanto riguarda i frequentatori della Val di Tovel per oggettive esigenze temporanee (ricerca scientifica, gestione delle malghe, caccia e pesca, etc.), il sindaco in accordo con l’ente proprietario della strada, su istanza motivata e documentata da parte del richiedente, avrà la facoltà di emettere permessi temporanei che conterranno le motivazioni alla base del rilascio, eventuali prescrizioni e necessariamente una data di scadenza.

Per ottenere il rilascio dei “Pass Val di Tovel” gli aventi diritto devono presentare al Comune di Ville d’Anaunia la documentazione attestante l’uso personale ed esclusivo dei mezzi, dimostrando di esserne proprietario, intestatario o comunque di avere disponibilità continuativa dei veicoli per cui il pass è richiesto.

Oltre alle verifiche iniziali effettuate in fase di rilascio, verranno eseguiti controlli sistematici per rilevare eventuali abusi anche all’interno della Val di Tovel. Qualora dai controlli a campione effettuati d’ufficio dal Comune di Ville d’Anaunia risultasse che un soggetto non più dotato dei requisiti per l’agevolazione non abbia provveduto alla restituzione del pass, si procederà a emettere una sanzione amministrativa e a segnalare l’episodio alle autorità competenti.

Lo stesso vale per la cessione a terzi di pass o permessi nominali. La cessione temporanea dei veicoli associati ai “Pass Val di Tovel”, è ovviamente consentita all’interno del nucleo familiare convivente, oltre che tra aventi diritto alle medesime agevolazioni fatti salvi i differenti diritti di uso civico frazionali.

Samuel Valentini (Ora) ha chiesto quali benefici questa novità comporti per i cittadini, tenuti ad affrontare un “aggravio burocratico”. L’assessore Concini ha evidenziato come il ritiro dei nuovi pass sia molto semplice (basta presentarsi in una delle tre sedi municipali con carta d’identità e libretto del veicolo) e abbia il fine di riconoscere l’accesso gratuito solo agli aventi diritto, a tutela dell’uso civico.

INTERROGAZIONE CAMPO TAMBURELLO TOVEL – La seduta del Consiglio comunale è stata aperta con l’interrogazione del gruppo Ora (consiglieri Stefano Zanini, Samuel Valentini e Davide Odorizzi), attraverso la quale è stato chiesto quali siano i progetti futuri dell’Amministrazione comunale per l’area adibita a campo di tamburello in Val di Tovel che “da anni versa in stato di degrado”.

Il sindaco Francesco Facinelli ha evidenziato come da diversi anni sia stato intrapreso un percorso, partito dagli ex Comuni, di riorganizzazione degli spazi e delle strutture sportive, ragionando in un’ottica sovracomunale per garantire alle società sportive impianti all’altezza delle loro esigenze e creando sinergie, riducendo le inefficienze. In quest’ottica si è inserita la creazione del Polo del Tamburello al Palù.

Dal punto di vista logistico e sportivo – ha evidenziato il sindaco Facinelli – la struttura comunale al Palù, una volta terminata in tutti i suoi dettagli (panchine, impianto audio, tabellone segnapunti, locale bar, recinzioni campo vecchio) è ampiamente adeguata per l’utilizzo da parte di entrambe le squadre tamburellistiche di Ville d’Anaunia. Attualmente, non si ritiene opportuno investire ulteriori soldi pubblici per un terzo campo ufficiale”.

Per l’area Tamburello in Val di Tovel non c’è ancora un progetto preliminare di riqualificazione, ma l’idea condivisa dall’attuale amministrazione è quella di immaginare una zona ricreativa a servizio della popolazione, delle associazioni e dei visitatori. Soluzione emersa anche dal processo partecipativo Avvianaunia Lab.

RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2018 – Il responsabile del Servizio finanziario Giorgio Pasquali ha fatto il punto sul rendiconto dell’esercizio finanziario 2018: “Il nostro è un bilancio sano ed ha le potenzialità per esserlo anche nei prossimi anni”.

Il consigliere Samuel Valentini (Ora) ha evidenziato come il documento economico sia tecnicamente ineccepibile, ma politicamente piuttosto flebile: “Abbiamo 2,4 milioni di fondi disponibili, sintomo di come le casse del Comune siano in salute, ma si tratta di tasse (risorse sottratte alla popolazione) che non sono state reinvestite nel territorio, forse a causa della difficoltà di decidere come spenderle, senza comunque azzerare i fondi. L’obiettivo deve essere quello di promuovere nuove opportunità di investimento per il nostro territorio. Da anni si parla di cantieri, ma ogni anno al momento del rendiconto ci troviamo a constatare come nessuno di questi sia stato aperto: basti pensare al piazzale delle scuole e alla nuova sede municipale”.

Il sindaco Facinelli ha affermato che un avanzo di gestione consistente non è sinonimo di immobilismo: “L’avanzo ci ha permesso di gestire dal punto di vista finanziario le emergenze e i 2,4 milioni serviranno non appena saranno avviati i due principali cantieri; quell’importo si aggiunge infatti ai 10 milioni impegnati per gli investimenti”.

La vicesindaco Romina Menapace ha dunque puntualizzato che l’avanzo di amministrazione è stato sbloccato da pochi mesi, mentre in passato sono state sfruttate le finestre degli “spazi finanziari” che venivano aperte dalla Provincia.

Il consigliere Rolando Valentini (Dinamica) ha sostenuto che nel corso della legislatura la pianificazione ha lasciato un po’ a desiderare: “Non abbiamo visto alcuna nuova opera, nonostante gli annunci. Per quanto riguarda la spesa per la tariffa dell’acqua potabile, nel passaggio al Comune unico dopo la fusione a Tassullo e Nanno ci sono stati degli aumenti considerevoli ed oggi la spesa è coperta al 110%: invito dunque ad ipotizzare una riduzione di questa tariffa”.

Il sindaco ha spiegato che la tariffa è stata mantenuta nel 2019 come negli anni scorsi per coprire nuove spese e introiti che sarebbero potuti mancare in seguito alla tempesta Vaia, dunque dal prossimo anno si valuterà il da farsi.

Il ragionier Pasquali ha aggiunto che gli introiti legati alla tariffa nel 2018 superavano le spese perché in quell’anno nel Cantiere comunale mancava la figura dell’elettricista.

Intervenendo sul tema delle opere pubbliche da realizzare, l’assessore ai lavori pubblici Sergio Larcher ha evidenziato come in questi tre anni di mandato siano state portate a compimento nove opere per circa 2 milioni di euro, mentre sono in corso opere per oltre 3 milioni e si sta lavorando su opere per 9 milioni.

VARIAZIONE DI BILANCIO – Dopo l’approvazione del conto consuntivo dei vigili del fuoco volontari di Nanno, Tassullo e Tuenno relativo all’esercizio finanziario 2018, in Consiglio è stata approvata con l’astensione delle minoranze (Samuel Valentini di Ora, Rolando Valentini di Dinamica e Giuseppe Mendini di Insieme verso il futuro) la prima variazione di bilancio del 2019.

La variazione prevede, tra le altre cose, 130mila euro di interventi straordinari per le caserme dei vigili del fuoco volontari e il contributo del Bim per la realizzazione di arredi urbani e la sistemazione dei parchi urbani di Sanzenone e Rallo.

Il consiglio è stato chiuso in anticipo per il venir meno del numero legale.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Una giornata all’insegna dello sport per tutti con il Trofeo GSH

Pubblicato

-

Cinquanta e cento metri, trenta metri carrozzina in autonomia e sessanta in assistita, salto in lungo, vortex, giochi di squadra: sono le specialità che hanno visto cimentarsi nella giornata di ieri decine di atleti diversamente abili, accompagnati da numerosi educatori e volontari, nella decima edizione del Trofeo sportivo GSH, che ha avuto per cornice il centro sportivo di Cles.

Una giornata festosa, che dopo le gare svoltesi in mattinata ha visto anche un momento conviviale, seguito da un simpatico e scatenato zumba party.

Quindi le premiazioni, cui hanno partecipato i campioni Maurizio Fondriest e Melania Corradini, le autorità locali e in rappresentanza della Giunta provinciale l’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana.

Pubblicità
Pubblicità

“Sono colpita dal calore e dalla passione che caratterizza questa giornata, anche emotivamente molto coinvolgenteha detto Segnana, portando i saluti del presidente Maurizio Fugatti e degli altri colleghi della Giunta. “Ringrazio tutti gli organizzatori, le cooperative sociali qui rappresentate e i volontari. Il connubio sport e disabilità va sempre sostenuto, perché lo sport è vita e unisce le persone, grazie quindi per il vostro impegno ha concluso l’assessore.

Alle premiazioni erano presenti anche il sindaco di Cles Ruggero Mucchi, l’assessore allo sport del comune noneso Andrea Paternoster, l’assessore alle politiche sociali della Comunità della Val di Non Luciana Pedergnana, il consigliere provinciale Lorenzo Ossanna e il presidente della cooperativa sociale GSH Michele Covi, che ha sottolineato l’importanza per tutti di portare con sé il ricordo di una intensa giornata di vita, al di là dei limiti che ciascuno di noi può avere.

Il decimo Trofeo Sportiva GSH nasce per iniziativa della cooperativa sociale che opera da dal 1990 in vari territori della Provincia di Trento, con l’intento di offrire servizi a persone con disabilità, in età evolutiva ed adulta e con l’obiettivo di rispondere in modo preciso ai loro bisogni.

La manifestazione ludico sportiva, che corona dal 2010 un percorso costante di attività motoria, è aperta alle Cooperative sociali di tutta la Regione.

Composta da circa trenta soci, GSH ha circa sessanta dipendenti e diversi volontari che seguono più di 120 persone con disabilità.

I principi fondamentali a cui si ispira sono l’eguaglianza, l’imparzialità, la continuità, il diritto di scelta, la partecipazione, l’efficienza ed efficacia, perché le persone con disabilità possano crescere, esprimersi ed avere un pieno riconoscimento dei loro diritti, superando situazioni di svantaggio e dipendenza e normalizzando i propri percorsi di vita.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Il Gruppo Bandistico Clesiano ha spento 20 candeline

Pubblicato

-

Il Gruppo Bandistico Clesiano ha festeggiato la settimana scorsa, nel giorno di Ferragosto, i 20 anni di attività. Un traguardo importante e sentito, celebrato nei migliore dei modi con un concerto all’auditorium delle scuole medie di Cles che ha richiamato tante persone tra appassionati e simpatizzanti. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

A Cles torna il mercato contadino

Pubblicato

-

Sabato prossimo, 24 agosto, torna il mercato contadino a Cles. L’appuntamento è dalle 8 alle 12.30 in via Bergamo con il mercato e le “Ricette della Tradizione”. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza