Connect with us
Pubblicità

Trento

Ala si trasforma nella città di velluto

Pubblicato

-

Dal 12 al 14 luglio va in scena “Baroccheggiando”. Meraviglia e divertimento tra musica e teatro.

Da venerdì 12 a domenica 14 luglio Ala si trasforma nella “Città di velluto”.

La manifestazione, dedicata appunto al velluto di seta che rese la città famosa in tutta Europa, è giunta alla 22esima edizione.

Pubblicità
Pubblicità

Il tema di quest’anno, nel ricordare i secoli d’oro di Ala, è stato scelto per offrire anche uno sguardo alla creatività artistica contemporanea proponendo una reinterpretazione dell’immaginario barocco attraverso le arti performative, la musica e il teatro, sempre presenti nella storia di Ala.

L’evento è stato presentato da Claudio Soini (sindaco di Ala), Antonella Tomasi (vicesindaco di Ala), Riccardo Ricci (direttore artistico), Gloria Preschern (direttore ufficio Promozione culturale della Provincia autonoma di Trento), Loreta Failoni (presidente Coordinamento Teatrale Trentino), Laura Dal Prà (direttrice Museo Castello del Buonconsiglio).

“Sembra nata ieri, eppure siamo già alla ventiduesima edizione di Città di velluto – ha ricordato il sindaco di Ala Claudio Soini – una manifestazione con la quale la nostra città vuole orgogliosamente ricordare il periodo d’oro in cui diventò famosa in tutta Europa per la produzione di sete e velluti finissimi.”

“La proposta di quest’anno, che porta il titolo “Baroccheggiando” è frutto della collaborazione tra Amministrazione comunale e Associazione per il coordinamento teatrale trentino, una collaborazione nata molti anni fa e consolidata nel tempo, che quest’anno va ad intensificarsi con gli eventi estivi.”

“Ed è grazie a questo prezioso supporto che la nostra città sarà in grado ancora una volta di accogliere gli ospiti, offrendo nelle tre giornate di festa una moltitudine di proposte interessanti”.

“Il tema di quest’anno è stato scelto per offrire anche uno sguardo sulla creatività artistica contemporanea – ha specificato il direttore artistico Riccardo Ricci – proponendo una reinterpretazione dell’immaginario barocco attraverso le arti performative, la musica e il teatro, sempre presenti nella storia di Ala e della manifestazione”.

Leit motiv della manifestazione è la mostra fotografica della designer olandese Suzanne Jongmans che presenta immagini ispirate alla ritrattistica barocca tra sei e settecento con l’utilizzo di materiali d’uso moderno.

Da qui prendono spunto gli spettacoli con artisti di strada, rappresentazioni teatrali e concerti come l’omaggio al grande pittore barocco Caravaggio, con ventitré suggestivi quadri viventi di sue opere; il concerto dei Rondò Veneziano, famoso gruppo musicale che seppe negli anni ’80 reinterpretare la musica barocca; la performance “Butterfly” dedicata alla trasformazione del baco da seta in abito barocco; lo spettacolo itinerante “Tozzabancone & Fittifitti” in ricordo del ciclo pittorico di Giandomenico Tiepolo dedicato a Pulcinella, importante figura della Commedia dell’Arte; infine l’adattamento barocco itinerante di “Romeo e Giulietta”, tra i saloni e il giardino di un palazzo: un omaggio alla famosa storia universale che attraversa ogni epoca.

A coronamento dei principali eventi la magnifica città invita i turisti ad immergersi in un divertente passato con molteplici appuntamenti di animazioni, laboratori e giochi per bambini curati dalle intraprendenti associazioni alensi, nella meravigliosa atmosfera del centro storico affollato da numerosi figuranti in abito barocco che è il protagonista della manifestazione legata al prezioso filo.

Protagoniste del gusto sono invece le locande, con le tipiche e prelibate proposte eno-gastronomiche del territorio, allestite nelle corti e nei giardini del centro di Ala.
In occasione di Città di Velluto ed ogni prima domenica del mese è possibile visitare il Museo del Pianoforte Antico di Ala con concerto su strumenti d’epoca e partecipare alle visite animate al centro storico in compagnia di figuranti in costume.

Città di Velluto, il Festival Città di Musica (dal 28/6 al 31/8) e il Natale nei Palazzi Barocchi (nei weekend dal 23/11 al 22/12) sono un progetto di turismo culturale promosso dal Comune di Ala.

Programma degli eventi principali:

12 luglio dalle ore 18

-Compagnia dei Beffardelli, spettacolo itinerante
-“La Conversione di un Cavallo” dall’opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio, 23 tableaux vivants (omaggio al grande pittore barocco) – Ludovica Rambelli Teatro
Ore 21.30
-Raul Cremona live – spettacolo teatrale tra comicità e magia

13 luglio dalle ore 18

-“Lirico Sofà-Opera Pocket”, spettacolo di strada comico musicale – Compagnia Can Bagnato
-“Luce, danza in abatjour”, performance che unisce il circo e la danza – Martina Nova
-“Butterfly”- la trasformazione del baco da seta in abito barocco – performance di Biljana Bosnjakovic –
-“Tozzabancone & Fittifitti” – spettacolo itinerante dedicato a Pulcinella e a Giandomenico Tiepolo – Compagnia degli Sbuffi
Ore 21.30
-I solisti dei Rondò Veneziano in concerto – il famoso gruppo musicale che seppe negli anni ’80 e ’90 reinterpretare la musica barocca – Direttore Gian Piero Reverberi

14 luglio dalle ore 18

-“Hansel e Gretel”– fiaba ambientata in epoca barocca raccontata con la tecnica del Silent Play (sistema audio con cuffie senza fili) – La Piccionaia
-“Romeo e Giulietta”– adattamento itinerante, in chiave barocca, tra saloni, androni e giardini (omaggio al grande drammaturgo) – Teatro Stabile di Verona

-“A_Strati, incursioni comiche surreali – spettacolo itinerante – Edoardo Nardin
Ore 21.30

-“Simurgh” – danza su trampoli e musica dal vivo dedicata al volo – Compagnia Teatro dei Venti
Ore 23.00

-Fuochi d’artificio, finale pirotecnico dal punto più alto della città – Parente Fireworks

Mostre:

Mind over matter

Suzanne Jongmans, come fotografa, trasforma immagini tridimensionali e le rappresenta su una superficie piana. Per realizzare i suoi abiti utilizza principalmente materiali di imballaggio come il polistirolo e la gommapiuma.

Le tradizioni di scultura e ideazione di abiti sono quindi fuse all’interno del suo lavoro fotografico. Nella serie di opere intitolata Mind over Matter, Jongmans affronta il potere dell’osservazione.

Fin dall’infanzia, l’artista si è infatti concentrata su cosa considerava degno di essere inserito nei suoi lavori ed il suo potere analitico di osservazione l’ha condotta alla rivelazione che forme di plastica e polistirolo possono assomigliare a pizzo o seta; da quel momento in poi ha sviluppato il suo stile unico di dettagliata creazione di abiti del periodo medievale.

Palazzo De’ Pizzini von Hochenbrunn, via Santa Caterina 2

6 e 7 luglio dalle 10,00 alle 12,30 e dalle 16,00 alle 19,30
9, 10 e 11 luglio dalle 16,00 alle 19,30
12, 13 e 14 luglio dalle 16,00 alle 23,00

Vellutum

Un omaggio al prezioso filo, con l’esposizione di un telaio originale del 1700 e la mostra “Dal baco da seta alla pezza di velluto”.

La mostra illustra l‘affascinante percorso per ottenere il prezioso tessuto, con l‘esposizione di numerosi attrezzi del mestiere, l’allevamento del “bombyx mori” (baco da seta) e gli originali tessuti del 1700. Iniziativa a cura dell’Associazione Culturale “Vellutai Città di Ala”.

Laboratorio di tintura e trattura della seta . L‘atmosfera delle antiche filande rivive con il laboratorio della dott.ssa Maria Vittoria Zucchelli attraverso la trattura del filo di seta dal bozzolo e la tintura naturale delle stoffe. A cura della dott.ssa Maria Vittoria Zucchelli in collaborazione con il Muse di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Si tuffa dalla Torre dell’Orso, grave un sedicenne trentino in vacanza

Pubblicato

-

Un tuffo pericoloso dal costone roccioso dell’Orsetta a Torre dell’Orso potrebbe costare carissimo a un sedicenne trentino.

Il ragazzo, che da ieri è nel Salento per le vacanze assieme ai propri famigliari, si è infatti lanciato con una capriola dalla falesia in un tratto transennato per pericolo di crollo.

Una sciocchezza che potrebbe costarli la vita.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo il lancio nel frequentato tratto della baia, i bagnanti lo hanno visto riemergere privo di coscienza e hanno dato l’allarme.

Immediati i soccorsi da parte dei bagnini dello stabilimento vicino, il “Lido l’Orsetta”, e poi dagli operatori del 118 e militari della guardia costiera dell’Ufficio marittimo di San Foca, tutti accorsi a bordo delle idromoto.

All’arrivo dei soccorritori, il ragazzino era tornato cosciente ed è stato allacciato a una barella spinale, per garantirgli l’immobilità visto il serio sospetto che nell’urto con gli scogli abbia riportato un trauma alla spina dorsale.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Tonina: nessun ritorno alla politica delle seconde case. Sì al riuso del patrimonio edilizio esistente.

Pubblicato

-

No all’ulteriore consumo del territorio e nessun ritorno alla politica delle seconde case.

Sì alla continuità con le scelte compiute dalle Giunte nel decennio 2005-2015 attraverso le leggi provinciali che hanno frenato la proliferazione degli alloggi destinati a fini turistico-ricreativi.

Questa in sintesi la risposta dell’assessore all’urbanistica e all’ambiente Mario Tonina (nella foto) a un’interrogazione del consigliere del Pd Luca Zeni.

Pubblicità
Pubblicità

Nel chiedere lumi sulla posizione dell’esecutivo, Zeni sosteneva che il “Trentino a trazione leghista apre all’edificazione delle seconde case, incentivando in tal modo un ulteriore consumo del territorio a scapito dell’economia alberghiera e della qualità ricettiva“. Così – proseguiva – si contribuisce “a scalmierare il mercato immobiliare, mantenendo alto il costo delle abitazioni per le giovani coppie”.

Con la sua risposta Tonina respinge anche l’accusa rivolta da Zeni alla Giunta di proporre un modello afflitto da “strabismo”.

Secondo il consigliere, infatti, l’esecutivo è in “palese confusione “, con un presidente “che riafferma l’ormai trito ritornello possibilista” sulla cancellazione di quel che di positivo si era pur fatto fin qui nei settori dell’edilizia e dell’urbanistica per la difesa dei nostri territori di montagna, e un “Vice Presidente che sostiene l’esatto contrario, nell’assordante silenzio dell’albergatore assessore al turismo”.

L’assessore smentisce:è noto e condiviso – scrive – che la legge provinciale 16 del 2005 ha contribuito alla tutela del territorio e del paesaggio e insieme alle esigenze abitative primarie e alla qualificazione del settore turistico”.

E per fugare ulteriormente i dubbi rassicura: “le recenti modifiche introdotte in materia urbanistica con la legge 2 del 2019 hanno confermato tale disciplina”.

Il provvedimento, precisa Tonina, si è limitato ad elencare nella legge i casi, prima demandati a regolamento, di possibile autorizzazione per l’utilizzo temporaneo di un alloggio destinato a residenza ordinaria come alloggio per tempo libero e vacanze.

Quanto al futuro, conclude, “eventuali interventi normativi sulla disciplina urbanistica provinciale verranno condotti solo sulla base di un adeguato approfondimento delle dinamiche di trasformazione del patrimonio esistente e dopo aver ponderato i possibili effetti sull’assetto del territorio”.

L’obiettivo dell’amministrazione provinciale, insomma, è favorire il riuso del patrimonio edilizio esistente servendosi di più strumenti, come dimostrano anche gli incentivi per il recupero dei centri storici.  

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Nella notte tenta il furto in un B&B al quartiere le Albere. Arrestato nigeriano per rapina, ricettazione e resistenza

Pubblicato

-

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Trento hanno arrestato in flagranza di reato il 19enne D. I., nigeriano, poiché ritenuto responsabile di rapina impropria, resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione.

Nelle prime ore di oggi, lunedì 19 agosto 2019, intorno alle ore 01,50, il nigeriano si è introdotto all’interno di un “B&B” di piazza Donne Lavoratrici presso il quartiere delle Albere dove, per impossessarsi di un telefono cellulare di proprietà di un ospite, non ha esitato ad aggredire un altro cliente per garantirsi una via di fuga.

Tale condotta veniva bloccata da ulteriori ospiti presenti nel “B&B” che trattenevano l’extracomunitario fino all’arrivo de dei militari operanti, nel frattempo allertati a seguito della richiesta di intervento pervenuta sul numero unico di emergenza.

Pubblicità
Pubblicità

Anche contro quest’ultimi, il fermato assumeva un atteggiamento di violenta resistenza che, comunque, non provocava nessuna conseguenza.

L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato trattenuto presso il Comando di via Barbacovi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per il processo in direttissima.

Nella mattina di Domenica u.s. (18.08.2019), in una via del centro è stato fermato un pregiudicato già destinatario di una misura cautelare restrittiva emessa dall’A.G. trentina. S.F. minorenne tunisino, oltre ad essere stato sottoposto alla misura cautelare e conseguentemente tradotto presso il Carcere Minorile di Treviso per scontare giorni trenta di reclusione è stato segnalato per violenza e resistenza nei confronti dei militari intervenuti.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza