Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Frank Borzage, dalla Val di Non a Hollywood. Ronzone dedica una rassegna al regista vincitore di due Oscar

Pubblicato

-

Frank Borzage (1894-1962), figlio di un emigrato della valle di Non, fu un attore e regista, con oltre 100 film realizzati a cavallo tra l’epoca del film muto e quella del sonoro, oltre che vincitore di due Premi Oscar.

Proprio per ricordare questa grande figura, il Comune di Ronzone, con la collaborazione della Provincia autonoma di Trento e di Trentino Film Commission, hanno programmato una serie di eventi, il primo dei quali sarà costituito da una mostra, che si aprirà il 12 luglio a Ronzone.

Oggi si è tenuta la conferenza stampa, alla presenza dell’assessore provinciale all’istruzione, università e cultura Mirko Bisesti, del sindaco di Ronzone Stefano Endrizzi, dell’ideatore e curatore del progetto Ettore Zampiccoli, del curatore della mostra Roberto Festi, del consulente scientifico Gianluigi Bozza e del presidente dell’associazione culturale Sguardi Michele Bellio.

PubblicitàPubblicità

L’assessore provinciale Bisesti ha evidenziato l’importanza di far conoscere la figura di questo grande personaggio di origini nonese: “La storia di Borzage ci trasmette un grande messaggio: anche dalle piccole realtà del Trentino possono nascere grandi menti. Il nostro sforzo deve essere quello di far conoscere questo regista e il suo percorso di vita: un esempio per i nostri ragazzi perché anche chi arriva da realtà che a prima vista possono apparire periferiche può fare grandi cose. Sognare in grande è importantissimo”. Il primo cittadino si è detto orgoglioso che Ronzone abbia dato i natali a Borzage: “A lui sarà intitolata la strada che porta al nuovo centro Aqualido. Siamo davvero soddisfatti di essere riusciti a ideare e produrre un progetto di alto livello per ricordare degnamente un personaggio di grande valenza per la nostra comunità e per il Trentino”

Frank Borzage (1894-1962), attore e regista, con oltre 100 film realizzati a cavallo tra l’epoca del film muto e quella del sonoro, due Premi Oscar, nasce a Salt Lake City negli Stati Uniti.

Cittadino americano a tutti gli effetti, ma con origini trentine.

Pubblicità
Pubblicità

Il padre, Luigi Borzaga (il cognome venne modificato all’anagrafe americana), era nato in Trentino a Ronzone, piccolo paese della Val di Non da dove parte per tentare la fortuna in America.

Prendendo spunto da questa circostanza il Comune di Ronzone – con la collaborazione dell’Associazione culturale Sguardi di Cles, della Provincia autonoma di Trento e di Trentino Film Commission, nonché di altri enti e sponsor – ha avviato una serie di eventi che si articoleranno su due anni (2019 e 2020). L’obiettivo è quello di riscoprire le radici di questa famiglia ma anche presentare Borzage al grande pubblico.

Il suo nome è molto noto negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei, come Francia e Svizzera, mentre in Italia è meno conosciuto e l’iniziativa del Comune di Ronzone si propone di colmare questa lacuna.

Con il titolo “Frank Borzage. Dalla Val di Non a Hollywood” il programma delle celebrazioni prevede nel corso dell’estate una mostra allestita nel Museo di Ronzone. L’esposizione – con il supporto di materiali d’epoca, fotografie, documenti e preziosi manifesti originali – racconta la vita e i successi professionali di questo poliedrico uomo di cinema.

La mostra verrà inaugurata il 12 luglio prossimo alle ore 17 e rimarrà aperta dal 13 luglio al 13 ottobre. Contestualmente gli verrà intitolata una via di Ronzone. Il 2020 vedrà poi l’organizzazione di una retrospettiva dei suoi film più significativi e la pubblicazione di un volume biografico.

Ma chi era Frank Borzage? Il padre Luigi nasce a Ronzone nel 1859 e a vent’anni emigra prima in Svizzera e poi negli Stati Uniti, dove si stabilisce a Salt Lake City. Qui sposa Maria Ruegg, cittadina svizzera, dalla quale ha 14 figli.

Frank, nato il 24 aprile 1894, è il quintogenito. Grande appassionato di teatro, nel 1912 esordisce nel cinema muto come attore recitando in oltre 80 film. Nel 1915 passa alla regia inaugurando uno stile nuovo che fa perno sull’uso della luce e sulla mobilità della macchina da presa.

Dirige, e in molti casi produce, decine di film di successo internazionale ispirati da romanzi melodrammatici, d’amore o di avventure, dove vengono esaltati la forza dei sentimenti e i valori coniugali e familiari.

Ottiene due Premi Oscar: il primo nel 1928 con 7th Heaven (Settimo Cielo) e il secondo nel 1931 con Bad Girl (Ragazzaccia). Muore a Los Angeles nel 1962. Il regista e produttore Samuel Fuller lo ha definito “uno dei più grandi registi americani di tutti i tempi” e nel 1993 lo storico svizzero Hervé Dumont gli ha dedicato una fondamentale biografia critica.

Con Frank Borzage hanno lavorato alcuni tra i più famosi attori del cinema del secolo scorso, tra i quali Gary Cooper, Marlène Dietrich, Ginger Rogers, Robert Taylor, Spencer Tracy, Luise Rainer, Clark Gable, Joan Crawford e Victor Mature, anche quest’ultimo di origine trentina. Il padre di Victor, Gelindo Maturi, era nato a Pinzolo in Val Rendena e poi, con una vicenda umana dai contorni analoghi, emigrato negli Stati Uniti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza