Connect with us
Pubblicità

Trento

Approvato dalla Giunta l’Assestamento di Bilancio 2019-2021 e il Defp 2020-2022

Pubblicato

-

Approvato dalla Giunta l’Assestamento di Bilancio 2019-2021 e il Defp 2020-2022

Tre documenti importanti giungono a maturazione in questi giorni, caratterizzati da un forte livello di interazione.

Due di loro sono stati approvati venerdì dalla Giunta provinciale: si tratta dell’Assestamento di Bilancio 2019-2021, di fatto il primo bilancio interamente ascrivibile alla nuova legislatura, e del Defp-Documento di economia e finanza provinciale 2020-2022, all’interno del quale vengono evidenziate le politiche da adottare a partire dal 2020 (analogamente al Def nazionale), che per legge deve essere approvato entro il 30 giugno.

PubblicitàPubblicità

Il Programma di sviluppo provinciale, principale documento di programmazione della legislatura, verrà approvato a metà luglio, alla conclusione dell’ampia fase di consultazione con gli enti locali, le categorie economiche e sociali, ma anche tutti i cittadini, che nelle scorse settimane hanno potuto far pervenire alla Provincia le loro osservazioni per via telematica.

Un’approvazione molto anticipata, questa del Psp, rispetto al passato: mai infatti questo documento era stato licenziato in soli 6 mesi.

Contributi importanti sono giunti ad arricchire i documenti dagli Stati generali della montagna, l’ampia consultazione avviata dalla Giunta con i territori che si è articolata in oltre 70 incontri , sfociati nella due giorni di Comano Terme di metà giugno dove, a prescindere dalla provenienza politica dei partecipanti e dai ruoli politico-istituzionali, sono stati espressi ragionamenti utili a tutto il Trentino.

L’assestamento di Bilancio, come noto contiene alcune decisioni importanti, che testimoniano degli orientamenti generali della nuova Giunta provinciale, guidata dal presidente Maurizio Fugatti: innanzitutto una forte attenzione alle famiglie e alle politiche per incentivare la natalità ed un deciso impulso alla realizzazione di nuove infrastrutture. Si conferma inoltre l’impegno per riparare i danni prodotti della tempesta Vaia dell’ottobre dello scorso anno.

La Manovra di Assestamento, sottoposta ad una doppia tornata di consultazioni con le rappresentanze dell’economia e del lavoro e con gli enti locali, conclusasi nei giorni scorsi, ammonta a circa 262 milioni di euro nel 2019 (53 nel 2020 e 8,6 nel 2021).

Pubblicità
Pubblicità

Essa prevede innanzitutto di consolidare e integrare gli investimenti in opere pubbliche, confermando le opere già programmate nel corso della precedente Legislatura e arricchendole con nuovi investimenti, fra cui la variante di Pinzolo, il collegamento Mori-Passo San Giovanni, la circonvallazione di Rovereto (con risorse di A22).

A queste risorse si aggiungono 60 milioni di euro per il finanziamento di investimenti dei Comuni tramite Cassa del Trentino.

Si rafforzano inoltre le politiche a sostegno della natalità attraverso un ulteriore abbattimento delle tariffe degli asili nido e con l’attivazione di un assegno di natalità per i nuovi nati, a partire dal 1 gennaio 2020, da corrispondere al bambino fino al compimento del terzo anno di età.

Vengono anche proseguiti gli interventi di ripristino a seguito della calamità naturale del 2018, tenuto conto anche del piano di investimenti ammessi a finanziamento da parte dello Stato (360 milioni di euro circa, di cui 153 nel 2019). Previste infine anche misure a sostegno delle attività economiche, della promozione turistica, del lavoro, delle politiche per la casa, della scuola, della cultura.

Per quanto riguarda il Defp 2020-2022, il documento individua le politiche da adottare nel triennio 2020-2022, collegate alle sette aree strategiche e agli obiettivi di medio lungo periodo definiti dalle Linee guida per il Programma di Sviluppo Provinciale della XVI legislatura.

La sua configurazione permette una comparazione in termini di confronto tra un anno e l’altro.

Il documento si articola in tre parti: l’analisi del contesto economico e sociale internazionale, nazionale e provinciale; il quadro finanziario con particolare riferimento alla dinamica delle entrate; le politiche da adottare nel periodo 2020-2022 per perseguire gli obiettivi di medio e lungo periodo definiti nelle linee guida del Programma di sviluppo provinciale della XVI legislatura e raccolti in sette aree strategiche:

  • per un Trentino della conoscenza, della cultura, del senso di appartenenza e delle responsabilità ad ogni livello.
  • per un Trentino che fa leva sulla ricerca e l’innovazione, che sa creare ricchezza, lavoro e crescita diffusa;
  • per un Trentino in salute, dotato di servizi di qualità, in grado di assicurare benessere per tutti e per tutte le età;
  • per un Trentino dall’ambiente pregiato, attento alla biodiversità e vocato a preservare le risorse per le future generazioni;
  • per un Trentino sicuro, affidabile, capace di prevenire e di reagire alle avversità;
  • per un Trentino di qualità, funzionale, interconnesso al suo interno e con l’esterno;
  • per un Trentino Autonomo, con istituzioni pubbliche accessibili, qualificate e in grado di creare valore per i territori e con i territori

Il Documento è arricchito da un allegato statistico che riporta informazioni importanti sull’assetto del Trentino, raccolte sempre sulla base delle sette aree strategiche.

Il Defp  rappresenta il primo “mattone” di  quella costruzione che sempre a fine anno trova suo compimento nella manovra finanziaria. In autunno con l’aggiornamento del documento si indicheranno gli interventi più rilevanti da realizzare a precisazione delle politiche descritte. Il Defp infatti va approvato entro il 30 giugno di ogni anno.

Alcuni dati: sul versante della crescita, si conferma nel 2018 il segno + sul pil provinciale (la stima è di +1,6% rispetto all’anno precedente, la crescita nazionale è di + 0,9%).

Nel 2019 la crescita dovrebbe essere più contenuta (+0,3-0,5%), ma in misura maggiore negli anni successivi, con un’accelerazione delle esportazioni e un moderato aumento dei consumi delle famiglie, dei consumi pubblici ma soprattutto degli investimenti.

Crescono quindi anche le entrate fiscali, nel 2019, anche se a fronte di ciò il territorio continua a scontare gli effetti del Patto di garanzia. Al netto degli accantonamenti per il contributo al risanamento delle finanze nazionali le risorse effettivamente disponibili in Trentino passeranno da 4.749 milioni di euro nel 2019 a circa 4.500 milioni di euro nel biennio 2020-2021, per ridursi a circa 4.300 milioni di euro nel 2022.

Se a questo sommiamo i possibili effetti della Flat tax, il quadro diventa più complesso.

Da un lato, la prevista riduzione fiscale potrebbe stimolare i consumi e gli investimenti, con effetti benefici sull’economia locale, ma non è scontato che questo effetto si produca subito, mentre il fabbisogno dell’amministrazione, per gestire tutte le competenze previste dall’Autonomia, rimane costante.

Sul versante della qualità della vita, in ogni caso, allo stato attuale il Trentino si conferma ai vertici. Nel 2018 il 56,3% della popolazione ritiene di essere soddisfatta della propria vita, un valore molto superiore rispetto alla media italiana (41,4%).

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]
  • Arriva il caldo: è tempo di bevande e cibi detox in vista dell’estate
    Dopo due mesi di pizze, focacce e torte, è tempo di rimettersi in forma in vista dell’estate. Questo, non solo perché è “bello” essere in forma ed avere un bel fisico da sfoggiare, ma anche perché seguire un’alimentazione corretta ed uno stile di vita sano sono fondamentali per mantenere al meglio il nostro corpo e […]

Categorie

di tendenza