Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Ospedale di Cles: presentati i nuovi direttori

Pubblicato

-

Freschi di nomina, ma tutti e quattro professionisti di lungo corso dentro l’Azienda provinciale per i servizi sanitari e in particolare all’ospedale di Cles.

Sono i quattro nuovi direttori dell’ospedale Valli del Noce, tra cui il nuovo direttore medico, presentati ufficialmente questa mattina agli altri direttori delle Unità operative e al personale sanitario dal direttore del Servizio ospedaliero provinciale di Apss Giovanni Maria Guarrera, alla presenza del direttore generale di Apss Paolo Bordon e dell’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana.

Armando Borghesi guiderà la direzione medica, Renzo Franch l’Unità operativa di medicina interna, Gabriele Leli quella di anestesia e rianimazione, Lucia Ventura la radiologia, sia di Cles, sia di Tione.

Pubblicità
Pubblicità

I quattro nuovi direttori hanno raccolto con entusiasmo la sfida ringraziando i vertici di Apss per gli incarichi prestigiosi e la fiducia accordata.

L’impegno ora sarà quello di proseguire il lavoro all’interno di una struttura che già conoscono bene, con l’obiettivo di garantire prestazioni sempre di maggiore qualità e all’insegna della sicurezza.

“Di fronte ad un momento congiunturale non facile – ha sottolineato il nuovo direttore medico Borghesi – che vede allungarsi l’aspettativa di vita, aumentare le patologie croniche e quindi le esigenze di salute della popolazione, occorre puntare con forza su una maggiore integrazione con il territorio e investire sulle strutture per le cure intermedie (che possono accogliere i pazienti non più acuti ma non ancora in grado di essere inviati a domicilio)”.

Pubblicità
Pubblicità

Con l’obiettivo di “essere efficienti (nell’utilizzo delle risorse) per essere efficaci (nel raggiungere i risultati)”.

Pubblicità
Pubblicità

“In questo senso – ha concluso Borghesi – l’ospedale di Cles ha le dimensioni giuste per essere terreno fertile per le sperimentazione e le innovazioni”.

L’assessore Segnana ha ringraziato i nuovi direttori per l’impegno a favore di un presidio ospedaliero che serve un bacino di utenza – tra Val di Non, Val di Sole, Rotaliana e Paganella – di oltre 85mila abitanti e ha colto l’occasione per ribadire “quanto siano strategici gli ospedali di valle, che garantiscono servizi essenziali per chi le valli le abita. Chi vive lontano dai centri più popolosi deve avere gli stessi servizi e le stesse opportunità in termini di salute. Per questo i presidi di valle vanno garantiti e rafforzati”.

Secondo il direttore generale Bordon “il presidio ospedaliero di Cles è un nodo essenziale della rete ospedaliera provinciale. Grazie all’esperienza e alla capacità dei nuovi direttori l’ospedale continuerà, nel solco della tradizione, a garantire servizi di qualità e buoni risultati. Cles ha la dimensione giusta – ha sottolineato Bordon – per affrontare le nuove sfide della medicina moderna”.

Interessanti i numeri dell’ospedale di Cles, secondo quanto emerge dalla presentazione del direttore del Sop Guarrera, che ha passato in rassegna le attività delle diverse aree e unità operative.

Cles è uno dei sette presidi della rete provinciale ed è dotato di 77 posti letto; nel 2018 sono stati oltre 5500 i ricoveri e oltre 24mila gli accessi al pronto soccorso (in corso di ristrutturazione). Tra le esperienza di eccellenza spicca il percorso Fast Track – realizzato in collaborazione con l’ospedale di Tione – che ha consentito di ridurre i tempi di ospedalizzazione (senza aumentare i rischi) in caso di operazione all’anca, al ginocchio e alla spalla, investendo sulla preparazione dei pazienti e sul loro ruolo centrale nel pecorso di riabilitazione (svolto per la maggior parte a casa). Cles spicca inoltre per il basso numero di parti cesarei (14%) rispetto alla media provinciale.

I parti sono stati 449 nel 2018; il 35% delle donne è ricorso alla partoanalgesia.

Il centro dialisi di Cles lavora anche come centro a disposizione dei dializzati che vengono qui in vacanza e necessitano di terapia.

Quanto agli investimenti sulla struttura e gli impianti, a Cles sono previste opere (pari a 5 milioni di euro) per la messa in sicurezza (antincendio e gas medicinali), una nuova sala per le emergenze ostetriche e i cesarei e il completamento della sala travaglio-parto, alcuni aggiornamenti tecnologici delle strutture per la risonanza magnetica e la tac.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Anaune Pallavolo, via alle attività in palestra per i più piccoli

Pubblicato

-

Sono riprese le attività in palestra dell’Anaune Pallavolo di Cles per i piccoli sportivi che abbiano voglia di cimentarsi nel volley. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Il presidente Fugatti in visita alle gallerie di Miniera San Romedio e alle rinnovate “Plaze” di Dermulo

Pubblicato

-

Due progetti che possono contribuire allo sviluppo del territorio, grazie alle loro potenzialità turistiche e alla valorizzazione di luoghi di rilevanza storica e paesaggistica, sono stati i temi al centro della visita di ieri in Val di Non del presidente della provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Stop «Vinci Facile» per la Fondazione Mach e per il Caseificio di Coredo

Pubblicato

-

Avevamo denunciato, come è dovere del giornalismo d’inchiesta, alcune singolari e misteriose coincidenze che collegano il Caseificio di Coredo, attualmente sotto procedimento penale, ed alcune istituzioni trentine(leggi qui).

Ci eravamo occupati della Fondazione Mach, che per gli anni 2015, 2016, 2017, 2018 (e con molta probabilità anche per l’anno 2019) aveva stipulato con il caseificio di Coredo, contratti, per la fornitura di latte crudo per un importo totale di 40.200,00 euro, ma “l’anomalia” era che nelle procedure di affidamento risultava sempre un unico invitato, un unico partecipante e quindi un unico e ripetitivo aggiudicatario, l’azienda casearia nonesa.

In Trentino, tuttavia, c’è una rilevante offerta lattiero/casearia, tanto è vero che sono presenti ben 17 caseifici associati alla federazione della cooperazione trentina (elenco sotto l’articolo) e da numerose altre aziende casearie private, ma la Fondazione interpellava solo e sempre la stessa azienda.

Pubblicità
Pubblicità

Anche l’azienda del Vicepresidente della latteria di Coredo Mirko Endrizzi è stata premiata dalla procedura “Vinci Facile“.

Infatti, quella azienda è stata l’unica invitata, l’unica partecipante alla procedura di affidamento diretto in economia per attività didattica. Alla stessa azienda è stato corrisposto per gli anni 2015, 2016 e 2018 un compenso di 7.500 euro. Non abbiamo notizie relative all’anno 2019.

In Trentino esistono più di 1100 aziende di indirizzo zootecnico, ma stranamente la Fondazione Mach invitava esclusivamente sempre la stessa e più precisamente quella del Vicepresidente del caseificio di Coredo.

Pubblicità
Pubblicità

Le direttive che disciplinano i concetti di rotazione, trasparenza, libera concorrenza, economicità, ecc., sono pianificati e regolamentati fin dai primi anni 1990 e nell’ultimo periodo vengono evidenziati con maggior forza.

Pubblicità
Pubblicità

Nutrivamo e nutriamo fortissimi dubbi che gli affidamenti della fondazione Mach all'”incarnato” Caseificio di Coredo ed al suo Vicepresidente, siano rispettosi della normativa nazionale e provinciale di recepimento delle direttive comunitarie che garantiscono:

– il principio di rotazione che comporta, di norma, il divieto di invito a procedure dirette all’assegnazione di un appalto, nei confronti del contraente uscente.

– libera concorrenza, che si sostanzia nell’effettiva contendibilità degli affidamenti da parte dei soggetti potenzialmente interessati.

– economicità, ossia l’uso ottimale delle risorse da impiegare nello svolgimento della selezione ovvero nell’esecuzione del contratto.

Sappiamo che tali osservazioni erano state oggetto di una segnalazione datata 3 agosto 2018 all’Anac e alla Procura della Corte dei Conti di Trento.

È notizia recente che la Fondazione Mach ha deciso o “è stata obbligata” dal nuovo governo del Trentino ad adeguarsi alla normativa

A riguardo ci è stato inviato un documento  della Direzione Generale – Ripartizione Patrimonio, Contratti e Affari Generali dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige prot. n. 0006874 del 9 settembre 2019 avente come oggetto: “Consultazione preliminare di mercato invito a presentare manifestazione di interesse”, con la quale si informa che la Fondazione Mach ha intenzione di indire un confronto concorrenziale, per la conclusione di un accordo quadro relativo alla fornitura di latte vaccino crudo, per le esigenze del Centro Istruzione e Formazione della FEM di cui fa parte anche il “prode” incensatore dei formaggi a latte crudo Gianpaolo Gaiarin, che aveva contestato quanto da noi scritto in precedenza (leggi “Il Caseificio Coredo, la fondazione Mach, e le lezioni di morale di Gianpaolo Gaiarin“.

L’avviso invita gli operatori economici interessati a presentare entro lunedì 23 settembre 2019 una manifestazione di interesse.

La comunicazione prevede che l’importo stimato dell’accordo quadro per l’intera durata massima di sei anni, è di Euro 78.000,00 euro, al netto degli oneri fiscali e senza costi per la sicurezza.

L’importo è così suddiviso:

15.000 litri annui X 0,70 Euro al litro = 10.500,00 Euro annui x 6 anni = 63.000,00 euro totali
50 consegne annue X 50,00 Euro = 2.500,00 Euro annui X 6 anni = 15.000,00 euro totali
Totale compreso trasporto 63.000,00 + 15.000,00 = 78.000,00 euro

Per specifiche esigenze didattiche/produttive il latte deve possedere le seguenti caratteristiche tecniche minime: latte vaccino, crudo, caldo, di singola mungitura avvenuta il giorno stesso di quello della consegna, da alimentazione a fieno, di provenienza preferibilmente trentina in ogni caso italiana e deve rispettare tutti i requisiti prescritti dalle disposizioni di legge in materia.

La FEM si riserva la facoltà di provvedere direttamente al ritiro del latte ordinato presso la sede indicata dall’Impresa o alternativamente di chiedere a quest’ultima la consegna diretta presso Il Centro Istruzione e Formazione.

Ne consegue che se all’Azienda agricola conferitrice del latte non viene richiesto alcuna consegna l’importo annuo per la fornitura ammonta a euro 10.500,00 annui, importo molto simile se non identico a quanto riconosciuto per gli anni 2015, 2016, 2017, 2018 (2019?) con la procedura “Vinci Facile” al caseificio sociale di Coredo.

L’individuazione degli operatori economici da invitare alla procedura di affidamento viene effettuata secondo i seguenti criteri:

a) invitando tutti gli operatori economici che hanno manifestato interesse alla partecipazione.

b) in numero pari a quello risultante dall’applicazione del criterio di cui alla lettera a), in ogni caso in un numero minimo pari a 5 (cinque), tramite sorteggio tra cui gli operatori economici abilitati alla pertinente categoria merceologica all’interno del ME-PAT.

c) per massimo la metà rispetto al numero complessivo risultante dall’applicazione dei criteri a) e b), arrotondando per difetto all’unità inferiore, tramite scelta discrezionale della FEM tra gli operatori economici abilitati alla pertinente categoria merceologica all’interno del ME-PAT.

Ora la scelta deve avvenire tra almeno 5 Aziende mentre negli anni passati risultava come invitata un’unica Azienda, “l’incarnato” Caseificio di Coredo e di conseguenza un unico e ripetitivo aggiudicatario

Il responsabile del procedimento in fase di individuazione del contraente formula l’elenco degli operatori economici da invitare.

Per diritto di cronaca ricordiamo che i responsabili del caseificio di Coredo il “duo” Lorenzo Biasi in qualità di presidente e Gianluca Fornasari casaro, nonché responsabile dell’autocontrollo sono stati rinviati a giudizio per una serie di reati.

L’imputazione è stata formulata dalla p.m. Maria Colpani, che ha ritenuto (per la seconda volta), dopo le indagini svolte dai carabinieri del Nas, che siano emersi elementi sufficienti per sostenere l’accusa e nei prossimi giorni avrà inizio il processo penale.

L’indagine ed i relativi controlli con il sequestro del lotto di prodotto caseario, erano scattati nell’estate 2017 quando un bambino si era sentito male dopo aver mangiato il formaggio prodotto e commercializzato dal caseificio di Coredo, prodotto contaminato da cariche microbiche superiori al limite di legge (Stec e Escherichia Coli).

Il bambino riportò pesantissimi danni alla sua salute; è tuttora in cura in condizioni gravissime.

Sulle modalità con cui ha contratto l’infezione è in corso una indagine penale della magistratura, che si muove su una ipotesi di lesioni personali gravissime.

La selezione deve avvenire tra ditte ritenute idonee, siamo curiosi di sapere e ne daremo notizia, se anche questa volta la Fondazione Mach come negli anni passati (2017, 2018, 2019?), “certificherà” l’idoneità di un’azienda rinviata a giudizio ed indagata per lesioni personali gravissime nei confronti di un bambino di soli 4 anni.

Ricordiamo inoltre che la Fondazione Mach è un ente di interesse pubblico senza fine di lucro, è una stazione appaltante qualificata come organismo di diritto pubblico, compresa nell’elenco delle amministrazioni pubbliche, inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione; un ente di diritto privato in controllo pubblico.

Il Regolamento di organizzazione e funzionamento della F.E.M. prevede che: nell’individuazione del contraente a cui affidare lavori, forniture e servizi, la Fondazione si attiene alla normativa nazionale e provinciale che recepisce le direttive comunitarie.

E come tale si applica il principio di rotazione degli affidamenti e degli inviti, con riferimento all’affidamento immediatamente precedente a quello di cui si tratti, nei casi in cui i due affidamenti, quello precedente e quello attuale, abbiano ad oggetto una commessa rientrante nello stesso settore merceologico, ovvero nella stessa categoria di opere, ovvero ancora nello stesso settore di servizi. Il principio di rotazione comporta, di norma, il divieto di invito a procedure dirette all’assegnazione di un appalto, nei confronti del contraente uscente e dell’operatore economico invitato e non affidatario nel precedente affidamento.

Elenco aziende lattierocasearie:

Caseificio Comprensoriale Cercen società cooperativa agricola in sigla
Caseificio degli Altipiani e del Vezzena società cooperativa agricola
Caseificio Sociale Comprensoriale di Primiero società cooperativa agricola
Caseificio sociale di Coredo società cooperativa agricola
Caseificio sociale di Predazzo e Moena società cooperativa agricola
Caseificio sociale di Sabbionara società cooperativa agricola
Caseificio Sociale Monte Ozolo società cooperativa agricola
Caseificio sociale Presanella A.M.A.V. società cooperativa agricola
Caseificio Sociale Romeno società cooperativa agricola
Caseificio sociale Tovel società cooperativa agricola
Caseificio sociale Val di Fassa società cooperativa agricola
Caseificio sociale Val di Fiemme Cavalese società cooperativa agricola
Consorzio produttori agricoli di Rumo società cooperativa agricola
Consorzio produttori latte della Valli Trentine società cooperativa agricola in sigla LATTE TRENTO s.c.a.
Latteria Sociale Cavareno società cooperativa agricola
Latteria sociale di Castelfondo società cooperativa agricola
Latteria sociale Fondo società cooperativa agricola

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza