Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

La storia di una donna che viene da lontano

Pubblicato

-

Un viaggio senza ritorno.

‘Mi chiamo Natija, vengo dal Continente Nero, dove il colore dell’oro brilla solo nel cuore di chi è capace di scorgere il vero negli occhi scuri e profondi di ogni fratello nero. Questa mia storia vi voglio raccontare perché possa arrivare ai cuori, a tutti coloro che non osano parlare.

La mia vita scorreva serena tra faccende, famiglia e tante bocche da sfamare.

Pubblicità
Pubblicità

Un dì mio marito tornò a casa in lacrime perché la terra che lavorava e che ci donava il pane quotidiano gli era stata strappata dalla mani. L’Occidente se ne era impossessato.

Cosa fare senza terra? Terra significa lavoro, significa cibo ed educazione per i nostri figli.

Da quel giorno tutto è cambiato. I nostri cuori sono stati avvolti dal terrore. La paura di non poter più essere genitori per i nostri figli, di non essere più in grado di dare loro il cibo e quanto era necessario per il loro futuro.

Pubblicità
Pubblicità

Una notte mio marito, che non dormiva ormai più da quel fatidico giorno, mi disse: ‘dovete partire’.

Quelle parole furono un fulmine gelido e profondo, così laceranti che non osai replicare o chiedere altro.

Pubblicità
Pubblicità

Organizzò tutto lui: tutti i miei figli furono affidati ai parenti più stretti, a me lasciò tra le braccia l’ultimo nato, di neanche due anni.

Cosa avrei potuto dire?

Cosa avrei potuto fare?

Non riuscivo a vedere futuro per i miei figli e quello che i miei occhi vedevano ogni giorno erano le loro pance vuote e le loro lacrime per la fame.

Arrivò quel giorno.

Salutai i miei figli nel sonno e me ne andai con in braccio il più piccolo, accompagnata da mio marito.

Indossavo un vestito, mio figlio anche. Con me non avevo altro.

Arrivammo al punto di ritrovo, che io non conoscevo. Vidi una barca e tante persone in attesa. Arrivò il nostro turno: senza neanche rendermene conto mio marito mi fece salire e mi lasciò la mano. Solo in quel momento, soltanto in quell’istante ho realizzato cosa stava accadendo. Solo in quel secondo tutto il dolore di quei giorni è esploso dentro di me, spezzando il mio cuore, frantumando la mia anima, lacerando quanto avevo dentro di me.

Lacrime interrotte hanno iniziato a scendere sul mio viso, mentre capivo, solo allora, che non avrei più rivisto mio marito, la mia famiglia e che ero rimasta sola con il mio bambino. Io e lui senza alcun cibo, su una nave gelida pronta a salpare verso il mare.

Avrei voluto urlare con tutta la mia voce a mio marito di tornare indietro, di non lasciarmi lì da sola ma, come in un tunnel buio senza ritorno, la voce si è bloccata. Non avevo scelta. O la morte certa nella mia Terra, senza cibo e lavoro, o una morte probabile in un viaggio così pericoloso verso un Paese sconosciuto.

É così che si sentono tutte le donne che salpano verso il mare non su uno yacht o per le vacanze estive, ma in cerca di una salvezza, lontano da una Terra che non offre più futuro.

È questo il dolore lacerante che provano tutti coloro che salgono su quelle navi e che capiscono, solo in quel preciso istante, la solitudine e il vuoto di una condizione che non hanno scelto e che non possono cambiare.

E mio marito? Il tormento straziante del dubbio, della colpa per una scelta senza scelta. Un tarlo continuo e incessante notte e giorno: ho donato la libertà alla mia famiglia o sono colpevole della loro morte?

Tante sono le vittime. Tanti sono gli innocenti, morti tra le onde di un mare che li ha accolti.

Tante sono le grida di dolore che solo quelle acque hanno conosciuto.

Tanto il terrore che ha graffiato scogli e onde.

Tanto il vuoto di una condizione senza ritorno.’

Questa è la storia di una donna che in sogno ho incontrato.

Questo è il grido della storia che ancora resta sordo.

Questo è il pianto di un bambino che da quel viaggio non ha più fatto ritorno.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]

Categorie

di tendenza