Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Inaugurata a Cles la mostra “La flora del Monte Peller”

Pubblicato

-

Sabato 29 nell’atrio del Municipio di Cles è stata inaugurata la mostra “La flora del Peller”, allestita dal ‘Gruppo Micologico Anaune – Giorgio Luchi’, con il patrocinio della Cassa Rurale Val di Non e della Farmacia De Maffei di Cles.

Ad accogliere i presenti il Consigliere del Gruppo Micologico Mariano Bonanno, che introduce il Prof. Roberto Lucchini, esperto micologo del Gruppo: “Abbiamo allestito questa mostra perchè pensiamo che oltre a quella ‘storica’ sui funghi, potesse interessare molto anche una sui fiori. Per arrivare al Monte Peller si sale prima sulla Montagna di Cles, passando per zone, conosciute da tutti, come il Bersaglio, poi le Boiare, il Verdè, i Malgaroi fino a giungere al Rifugio sotto il Monte Peller. Il Peller è una montagna da sempre amata dai clesiani per vari motivi, ed ha una ricchezza, una varietà e una unicità di flora, che ci ha spinto, come Gruppo, a realizzare un libro, “La flora del Peller” in collaborazione con il Corpo Forestale. Il volume è bello, oltre che per gli amanti dei fiori, per i nomi delle piante, per conoscere vari ambienti distinti. Ad ogni tipo di flora corrisponde una varietà di ambiente dove cresce, come l’altezza, zone umide, aride, la roccia, il terreno fertile dove ci sono le malghe, una montagna veramente ricca di fiori. Il Gruppo Anaune Micologico è un’associazione che svolge numerose attività, ma è particolarmente attiva in autunno, periodo di funghi; tutti gli eventi solitamente vengono segnalati in Pro Loco.”


La parola passa al Sindaco di Cles, Arch. Ruggero Mucchi: “La mostra dei fiori è sempre molto apprezzata dalla gente. Per l’esposizione sono stati sacrificati tanti fiori, ma sono stati tolti alla montagna per una giusta causa, per far scoprire qualcosa di meraviglioso anche a chi non è proprio un appassionato, ma in chi la ammira può nascerne una passione. Quest’anno sia sul Peller che sul Monte Cles ci sono una quantità strepitosa di fiori, ma non togliamoli al loro ambiente, basta portarsi la macchina fotografica e scattare delle belle foto. Il Comune ha organizzato parecchie iniziative inerenti la montagna, per appassionare i clesiani a riappropiarsene. Sono sempre benvenuti anche i turisti; sicuramente questo ‘vivere la montagna’ creerà degli effetti collaterali, ma a quelli penseremo a tempo debito. Come Comune recentemente abbiamo rivisitato la toponomastica dei sentieri, segnalando alcuni nuovi percorsi adatti alle biciclette elettriche. L’importante è riuscire a trovare sfogo, divertimento e relax quando si va in montagna. Il Comune apprezza molto l’enorme lavoro da sempre svolto dal Gruppo Micologico a favore della Comunità”.

Pubblicità
Pubblicità

L’Assessore alla Montagna Diego Fondriest fa presente quanto sia fondamentale l’equilibro per la montagna: “Tutti coloro che sfruttano la montagna, i clesiani, i turisti, gli sportivi, gli imprenditori, devono preservarla. Anche le opere svolte in questi ultimi quattro anni devono servire come linea guida per il futuro. Grazie anche all’aiuto del Corpo Forestale, qui rappresentato dal Sovrintendente Giuliano Failoni, e coadiuvato da Adriano Taller“.

L’Assessore alla Cultura Avv. Vito Apuzzo interviene consigliando di prolungare la mostra, se possibile, anche alla giornata di lunedì, così sarebbe visibile a molte più persone, specialmente quelle che si dovranno recare in Comune, visto che l’esposizione è nell’atrio del Municipio.


A questo punto la sottoscritta (Orietta Coletti) è invitata a presentare il libro ‘Luciano Debiasi – Il camoscio del Peller’, causa la mancanza degli autori e del protagonista. Nel mio breve intervento ribadisco le parole del Sindaco, peraltro già riportate nell’articolo di presentazione della mostra, ” I fiori sono stupendi da vedere nel loro habitat naturale; possiamo invece portarceli a casa, e per sempre, semplicemente scattando una bella fotografia”.

Pubblicità
Pubblicità

“Ripropongo il manoscritto, in sostituzione di Walter Corradini, autore del volume, scritto a quattro mani con Giuseppe Mendini, perchè questo libro si associa molto bene con la mostra odierna, ‘La flora del Peller’; infatti nel volume si parla di montagna, con il ‘Camoscio del Peller’ Luciano Debiasi, che oltre a essere un eccellente sportivo, è da sempre un grande appassionato di montagna. Questo libro è dedicato a lui, ma si scrive anche di altri sport, di campioni del mondo, come Maurizio Fondriest che ha curato la prefazione, di Costantino Bertolla, un altro clesiano campione del mondo di corsa in montagna, e di tanti altri sportivi, perchè la Val di Non ha dato i natali a tantissimi campioni. La presentazione è avvenuta in maggio, (qui l’articolo ) con una notevole affluenza di pubblico, e molti di voi conoscono sia il libro che Debiasi; per concludere voglio ricordare che il ricavato della vendita sarà devoluto in beneficenza ad una missione in India”.

La mostra rimarrà aperta sabato e domenica con orario 10,00 – 12,00 e 15,00 – 19,00.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza