Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Scoprire la Valle di Rabbi con lo “Stelviobus”

Pubblicato

-

Lasciare l’automobile fuori dall’area protetta, al parcheggio gratuito a Plazze dei forni, e godersi l’aria pulita e il silenzio: è l’invito del Parco Nazionale dello Stelvio ai visitatori della Valle di Rabbi, che anche quest’anno – dopo il successo del debutto, nel 2018 – potranno usufruire dello “Stelviobus” Rabbi per raggiungere comodamente i principali punti di interesse ed itinerari escursionistici.

Il servizio di trasporto extraurbano (linea 1 Plazze dei Forni-Coler, linea 2 Còler-Malga Stablasolo) è partito oggi  sabato 29 giugno e durerà fino  al 8 settembre 2019 (+ le giornate di sabato 21 e domenica 22 settembre) dalle ore 9.45 alle ore 17.

La valle è accessibile solamente a piedi, in bici o con i bus navetta per il cui servizio la Giunta provinciale, con una delibera firmata dal presidente Maurizio Fugatti, ha stabilito oggi le tariffe.

Pubblicità
Pubblicità

Lo scorso anno la risposta di turisti ed escursionisti, molti dei quali trentini, fu davvero positiva, con ben 27.800 persone che usufruirono del sistema di bus navetta.

Stelviobus, insomma, ha cambiato il modo di vivere la Val di Rabbi: il progetto, creato per togliere la pressione del traffico dalla val di Rabbi, è riuscito a far vivere ai turisti, in maniera sostenibile e più rispettosa dell’ambiente, l’accesso all’area trentina del Parco naturale dello Stelvio.

Pubblicità
Pubblicità

L’estate dello scorso anno sono rimaste fuori dal parco oltre 18 mila automobili, mentre nel Parco naturale dello Stelvio sono entrati dalla val di Rabbi, a piedi (61%) o con il servizio navetta di Stelviobus (39%), circa 72 mila persone.

Da luglio a settembre 2018 ben 24.593 auto sono rimaste nei parcheggi a pagamento di Coler, Plan e Plazze dei Forni, mentre pochissimi sono stati i parcheggi abusivi (una ottantina le multe).

Pubblicità
Pubblicità

Stelviobus ha dunque centrato l’obiettivo, considerando che nell’estate 2017 l’imbocco del parco fu segnato da migliaia di parcheggi ‘selvaggi’, circa 8 mila mezzi, quasi un terzo dei totali.

Nella sua stagione di esordio, il servizio navetta Stelviobus è stato utilizzato da 27.794 persone, a cui si aggiungono altri 43.696 visitatori che hanno preferito salire a piedi verso l’alta valle.

Sono questi i numeri che certificano il successo, nell’anno del suo esordio, di Stelviobus, il servizio di mobilità sostenibile, promosso dal Parco Nazionale dello Stelvio e Comune di Rabbi in collaborazione con l’Apt della Val di Sole.

Trattandosi di servizio di trasporto speciale, così come definito dalla deliberazione della Giunta provinciale n. 391 di data 22 marzo 2019, le tariffe adottate per il 2019 sono le seguenti:

 LINEA 1 (Plazze dei forni-Còler): servizio di trasporto attivato dal 29 giugno all’8 settembre 2019

 TARIFFE: Ticket giornaliero:

– € 5,00  per adulti

– € 2,00  per bambini dai 4 agli 11 anni

– gratuito per bambini < 4 anni

– € 3,00 per adulti con TGC-Val di Sole Opportunity Card e/o Rabbi card e proprietari di seconde case nel comune di Rabbi

– gratuito per bambini <12 anni con TGC-Val di Sole Opportunity Card e/o Rabbi card e proprietari di seconde case nel comune di Rabbi

– gratuito per residenti nel comune di Rabbi

  Solo ritorno:

– € 3,00  per adulti

– € 1,00  per bambini <12 anni

– gratuito per bambini < 4 anni

– € 1,00  per adulti con TGC-Val di Sole Opportunity Card e/o Rabbi card e proprietari di seconde case nel comune di Rabbi

–  gratuito per bambini <12 anni con TGC-Val di Sole Opportunity Card e/o Rabbi card e proprietari di seconde case nel comune di Rabbi

–  gratuito per residenti nel comune di Rabbi

LINEA 1 Ridotta per festa del latte (Plazze dei forni-Plan): servizio di trasporto attivato nelle giornate del 21 e 22 settembre 2019

TARIFFE: Ticket giornaliero:

– € 3,00 per adulti

– gratuito per bambini <12 anni

– gratuito per residenti nel comune di Rabbi

LINEA 2 (Còler-Malga Stablasolo): servizio di trasporto attivato dal  29 giugno all’8 settembre 2019

TARIFFE: Ticket giornaliero:

– € 5,00  per adulti

– € 2,00  per bambini dai 4 agli 11 anni

– gratuito per bambini < 4 anni

– € 3,00 per adulti con TGC-Val di Sole Opportunity Card e/o Rabbi card e proprietari di seconde case nel comune di Rabbi

– gratuito per bambini <12 anni con TGC-Val di Sole Opportunity Card e/o Rabbi card e proprietari di seconde case nel comune di Rabbi

– gratuito per residenti nel comune di Rabbi

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Il Comune di Cles sensibilizza i cittadini nella lotta contro gli avvelenamenti dei cani

Pubblicato

-

“Avvelenamenti. Conoscerli per proteggere i nostri animali e noi stessi”. Questo il titolo dell’opuscolo informativo divulgato dal Comune di Cles per sensibilizzare i cittadini su questo spinoso argomento.

Le persone che lasciano in giro bocconi avvelenati sono degli infami senza coscienza che non si preoccupano minimamente delle conseguenze che possono derivare dai loro gesti. Un animale che mangia un boccone avvelenato è destinato a sopperire tra atroci sofferenze, le esche non sono solo alla portata di animali domestici, ma anche selvatici, e tra queste ci sono anche specie protette, e sono a rischio anche gli animali da allevamento.

Ma non tralasciamo i bambini, che inconsapevolmente possono raccogliere i bocconi e, anche se non necessariamente ingeriti, possono causare problemi seri se poi il bimbo si mette le mani in bocca, per non pensare a quelle confezionate con lamette all’interno, che senza ombra di dubbio feriscono chi inavvertitamente le raccoglie. Le esche avvelenate inoltre inquinano l’ambiente, rilasciando le sostanze tossiche che contengono nel terreno dove vengono poste, nelle falde acquifere ecc..

PubblicitàPubblicità

Le pene per chi compie questi reati esistono, grazie alle misure contemplate dalle Ordinanze Ministeriali, ma purtroppo non abbastanza severe per dissuadere di agire in modo così crudele.

Per questo le campagne contro gli avvelenamenti sono così importanti, per portare la problematica a conoscenza della popolazione, fornendo informazioni adeguate e cercando di fare prevenzione.

Pubblicità
Pubblicità

E’ necessario contrastare questo ignobile fenomeno in ogni modo, ed è encomiabile che il Comune di Cles abbia emesso questa pubblicazione per rendere i cittadini consapevoli sui potenziali pericoli inerenti.

Chi sospetta di aver trovato un’esca avvelenata deve immediatamente avvertire le forze dell’ordine, e chi sospetti che il proprio animale ne avesse ingerita una, deve recarsi subito da un veterinario; se così non fosse, meglio farlo controllare per nulla, perchè in caso di avvelenamento la tempistica è fondamentale per salvargli la vita.

Pubblicità
Pubblicità

Nell’opuscolo sono pubblicati numeri utili, informazioni, fotografie, tutti gli approfondimenti inerenti; scaricabile dal sito del Comune di Cles

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Tanti appassionati di ciclismo e ospiti illustri alla festa dell’U.C. Valle di Non

Pubblicato

-

Festa grande per  l’Unione Ciclistica Valle di Non, che ha suggellato nel migliore dei modi, coinvolgendo tanti appassionati, la lunga stagione ciclistica appena conclusa. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Fugge allo stop della Polizia a Monclassico con la Jeep Compass. Mazzata di 5.615 euro di multa e sequestro del veicolo

Pubblicato

-

foto archivio

Nel pomeriggio di martedì 3 dicembre 2019 una pattuglia del Distaccamento Polizia Stradale di Malè mentre si trovava in servizio nel Comune di Dimaro- Folgarida, precisamente in località Monclassico all’intersezione stradale SS.42/ via Molini, notava un autovettura Jeep Compass giungere nei pressi dell’intersezione ad alta velocità e sorpassare un altro veicolo senza alcun accorgimento atto ad evitare pericoli per la sicurezza delle persone e degli altri utenti della strada che solo per caso fortuito non venivano coinvolti in un possibile incidente.

La pattuglia della Polstrada intimava prontamente l’alt al conducente della Jeep che proseguiva, tuttavia, la propria marcia cercando di allontanarsi ad alta velocità.

Gli operatori della Polizia Stradale, adottando ogni possibile misura per evidenziare la propria presenza quali lampeggiante e sirena accesa, si ponevano nella direzione di marcia del conducente della Jeep cercando di fermarlo per le contestazioni del caso.

PubblicitàPubblicità

Con non poca difficoltà lo stesso veniva raggiunto nella limitrofa località di Terzolas ed indotto a fermare il mezzo.

Alla richiesta degli agenti sul motivo per cui non aveva ottemperato all’invito di arresto del veicolo intimatogli poco prima, il giovane conducente della Jeep affermava di aver avuto fretta in ragione della necessità di dover accompagnare al lavoro la propria ragazza.

Pubblicità
Pubblicità

Il conducente, abitante nella zona e proprietario del mezzo, risultava anche sprovvisto di patente di guida in quanto già oggetto di revoca da parte dei Carabinieri di Cles, per esaurimento dei punti a carico, nella primavera scorsa.

Allo stesso venivano, pertanto, applicate le sanzioni di cui: 5.110 euro per guida di veicolo senza patente di guida (poiché già revocata) e per aver omesso di fermarsi all’intimazione della pattuglia della polizia stradale.

Pubblicità
Pubblicità

172,50 per la velocità non commisurata alle condizioni della strada.  333,00 per sorpasso pericoloso.

Il veicolo Jeep Compass veniva inoltre sottoposto a Fermo Amministrativo per mesi tre.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza