Connect with us
Pubblicità

Trento

Dalla VIA al PAUP, semplificazione per le imprese

Pubblicato

-

Dalla Valutazione di impatto ambientale (VIA) al Provvedimento autorizzatorio unico provinciale (PAUP): è un “salto” notevole sulla strada della semplificazione burocratica a carico delle imprese il ddl, approvato venerdì dalla Giunta provinciale, di modifica della legge provinciale 19/2013 sulla valutazione d’impatto ambientale per adeguarla alla riforma della VIA che è stata approvata con il decreto legislativo 16 giugno 2017, n. 104.

La riforma, in particolare, ha previsto un diverso riparto delle competenze tra Stato e Regioni in merito allo svolgimento della VIA e ha introdotto, solo per le VIA di competenza regionale, il provvedimento autorizzatorio unico regionale che comprende la VIA e tutti i titoli abilitativi necessari per la realizzazione e l’esercizio del progetto.

Ma quali sono le principali novità contenute nel ddl presentato dall’Assessore all’urbanistica ed approvato dalla Giunta?

PubblicitàPubblicità

Per quanto riguarda il riparto di competenza allo svolgimento della VIA, il ddl prevede il rinvio alla normativa statale affermando contestualmente in modo chiaro la competenza provinciale in merito alle VIA relative ai progetti di viabilità stradale.

Le altre modifiche proposte nel ddl, pur essendo conseguenti ad un obbligo di adeguamento, si inseriscono appieno nel processo di semplificazione dei procedimenti amministrativi intrapreso con la legge provinciale n. 2 del 2019 recentemente approvata, in quanto questo nuovo procedimento unico consentirà agli imprenditori che intendono realizzare un progetto sottoposto a VIA di acquisire contestualmente anche tutti gli altri titoli abilitativi necessari per la realizzazione e l’esercizio dello stesso, non solo di competenza provinciale.

Questo dunque sarà il primo procedimento unico provinciale e fungerà da banco di prova per l’eventuale futura estensione di questo meccanismo di semplificazione ad altri settori.

La novità principale del ddl è proprio il procedimento per il rilascio del provvedimento autorizza torio unico provinciale in base al quale:

Pubblicità
Pubblicità

A) il proponente presenta la domanda trasmettendo in formato elettronico il progetto definitivo e tutta la documentazione necessaria per il rilascio dei titoli abilitativi che sono necessari per la realizzazione e l’esercizio del progetto e che individua in un elenco.

B) si avvia una fase di raccolta delle osservazioni degli interessati (sostanzialmente identica al testo attuale)

C) tutte le amministrazioni fanno contemporaneamente l’istruttoria di propria competenza e domandano (una sola volta) al proponente le integrazioni eventualmente necessarie

D) avvio della conferenza di servizi (di durata non superiore a 120 giorni) durante la quale tutte le strutture provinciali e le amministrazioni interessate rendono le proprie determinazioni in modo univoco e vincolante.

E) stesura del rapporto istruttorio e adozione del PAUP da parte della Giunta provinciale. Il PAUP è rilasciato dalla Giunta provinciale in esito alla conferenza di servizi sulla base delle posizioni prevalenti espresse in tale sede.

La vigente normativa provinciale in materia di VIA prevede già istituti (Conferenza di servizi) e forme di semplificazione e di razionalizzazione delle procedure.

La Conferenza di servizi, quale strumento di coordinamento degli apporti delle strutture provinciali ed amministrazioni chiamate ad esprimersi sui singoli progetti e momento di confronto con le associazioni di protezione ambientale, è risultato, in questi primi quattro anni di applicazione, un modulo procedi mentale risolutivo che consente significativi interventi di semplificazione e razionalizzazione dei procedimenti ed in particolare la possibilità di coordinare e comprendere, nell’ambito del procedimento di VIA, i provvedimenti permissivi necessari alla realizzazione dell’opera, evitando la duplicazione delle fasi istruttorie e decisorie.

Il ddl accentua questo modello della Conferenza di servizi, comprendendo anche i titoli abilitativi per la realizzazione e l’esercizio del progetto rilasciati dalle strutture provinciali e dalle amministrazioni interessate nell’ambito della conferenza di servizi.

Il PAUP infatti sostituisce l’elenco dei provvedimenti fissati nella legge attualmente in vigore, ampliando gli interventi di semplificazione e razionalizzazione già previsti nel procedimento di VIA.

Per quanto riguarda i tempi del procedimento, considerato che con legge provinciale non vi è la possibilità di ridurre i tempi previsti dalla normativa statale, difficilmente si possono individuare ulteriori interventi significativi di contenimento e riduzione.

Si tratta inoltre di un procedimento complesso che richiede dei tempi di preparazione dell’istruttoria (30 giorni), tempi per la presentazione delle osservazioni da parte del pubblico (60 giorni) e per lo svolgimento della conferenza di servizi (120 giorni), fatta salva la possibilità di richiedere sospensioni da parte della struttura competente per richiesta di integrazioni o da parte del proponente per integrare la documentazione.

La procedura risulta in astratto più lunga ma il soggetto proponente acquisirà, oltre alla valutazione di compatibilità ambientale, anche i provvedimenti permissivi che, al di fuori della VIA, dovrebbero essere rilasciati successivamente nell’ambito di procedimenti con termini medio-lunghi: si realizza dunque una concreta e effettiva razionalizzazione del procedimento.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Fugatti risponde a Ghezzi: trasporto pubblico gratuito solo ai richiedenti asilo che ne hanno necessità

Pubblicato

-

​Con il ritiro, dal 1° marzo di quest’anno, di parte degli abbonamenti per il trasporto pubblico gratuito (le smart card “contacless”) concessi ai richiedenti asilo, la Giunta ha voluto distinguere tra chi ha la necessità di vedere confermata la possibilità di circolare liberamente sui mezzi della Provincia e coloro che hanno invece esigenze diverse e più limitate.

Questa la risposta data a nome dell’esecutivo dal presidente Fugatti a un’interrogazione che Paolo Ghezzi, consigliere provinciale di Futura, aveva presentato il 20 marzo scorso.

“Questa amministrazione – scrive il governatore – ha ritenuto di commisurare il beneficio della gratuità dei viaggi in relazione ai bisogni specifici dei soggetti beneficiari”.

PubblicitàPubblicità

Le tessere, prosegue il presidente, che rispettano le norme sulla tutela dei dati personali, sono state ritirate dai centri che operano in collegamento  con Cinformi, mentre a Trentino Trasporti la Provincia ha chiesto di produrre titoli di viaggio con scadenza mensile in numero adeguato per gli utenti non beneficiari della libera circolazione.

“La limitazione degli spostamenti – precisa, concludendo, Fugatti – è stata effettuata per i soli richiedenti asilo che non necessitino di viaggiare con continuità (anche per evitare fenomeni, purtroppo avvenuti in passato, di utilizzo improprio e a fini impropri, della possibilità di viaggiare liberamente sul territorio trentino). Per coloro che hanno bisogni famigliari, di salute o formativi, le smart card continuano ad essere valide”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Segnana: “Il nostro impegno per aiutare i giovani a creare una loro famiglia”

Pubblicato

-

Si è svolto martedì pomeriggio in Sala Conferenze A. Silvestri presso la Facoltà di Economia il confronto sul Piano Famiglia della Provincia autonoma di Trento. Molti i soggetti e rappresentanti delle associazioni che vi hanno preso parte.

L’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana, ha concluso i lavori puntando l’attenzione sul piano straordinario per la famiglia approvato venerdì scorso in giunta provinciale “E’ ormai da qualche anno che si parla di denatalità e il Trentino non ne è esente. Questa, dunque, è la sfida che ci aspetta per i prossimi anni, sviluppare delle politiche che possano aiutare le giovani coppie a formare una famiglia ed evitare, anche, lo spopolamento dei territori di montagna”, ha detto l’assessore Segnana

“In assestamento e in finanziaria abbiamo inserito una serie di interventi che vanno dal ticket sanitario gratuito al voucher sportivo e al bonus bebè per i nati dal 2020. – ha continuato l’assessore Stefania Segnana – Altre forme di sostegno per le famiglie che sono presenti all’interno del piano verranno elaborate durante la legislatura, come è stato ampiamente illustrato oggi. L’aiuto deve arrivare su più fronti, a 360 gradi per sostenere le mamme e i papà nella quotidianità”

Pubblicità
Pubblicità

Accompagnata, nell’intervento finale dal dirigente generale, Agenzia per la Famiglia, la natalità e le politiche giovanili Luciano Malfer, l’assessore ha ascoltato anche una parte degli interventi in programma come quello dei professori Cristiano Gori (Politica sociale Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università di Trento) e Stefani Scherer (Sociologia dell’omonimo Dipartimento). Poco prima era stato il professor Carlo Buzzi (Sociologia Dipartimento Sociologia e Ricerca sociale) a valutare il piano straordinario che la Provincia autonoma ha adottato recentemente.

Sottolineato dall’assessore che si tratta di “un piano strategico straordinario di legislatura, che pone la famiglia e la natalità al centro dell’azione di governo. Suddiviso in 36 interventi, alcuni già in essere e articolati a loro volta in macro aree quali misure di sostegno al reddito, servizi di conciliazione vita-lavoro, iniziative per la transizione all’età adulta, azioni che vanno a rafforzare le reti familiari e l’associazionismo e altre che vanno a sviluppare il sistema trentino qualità famiglia”.

La dirigente dell’istituto di statistica della Provincia autonoma di Trento, Giovanna Fambri, ha illustrato in apertura di convegno le analisi dei pricncipali indicatori socio-economici mentre è toccato a Luciano Malfer spiegare alla sala gremita di giovani (in parte studenti) il Piano strategico di legislatura della provincia autonoma.

Sono intervenuti anche Paolo Holneider vicepresidente del Forum associazioni familiari del Trentino e Simona e Giuseppe Magistri segretari del Consiglio nazionale dell’associazione nazionale famiglie numerose.

Pubblicità
Pubblicità

“Le dinamiche demografiche saranno uno dei fattori cruciali dell’economia e lo stesso sviluppo del Trentino – è stato sottolineato dall’assessore e dal dirigente – dipenderà non solo dalle politiche economiche, ma anche da quelle sul benessere familiare, che aiutano a mantenere le persone sul territorio e sanno innescare dinamiche equilibrate, con rapporti sostenibile fra giovani e anziani. E’ fondamentale qualificare sempre più il nostro come un territorio amico della famiglia, accogliente e attrattivo per le famiglie e per tutti i soggetti che interagiscono, le famiglie rappresentano un presidio fondamentale per un territorio orograficamente complesso come il nostro, ma anche un presidio della struttura stessa della società. La famiglia è quel luogo fondamentale dove si creano i legami primari, dove si costruiscono i cittadini di domani, per questo è fondamentale promuoverla e sostenerla nelle proprie funzioni sociali. Vogliamo creare nella nostra comunità quelle condizioni di fiducia necessarie per rendere in grado le famiglie e i giovani di realizzare i propri progetti di vita: vanno in questa direzione i tanti interventi che abbiamo già messo in campo, penso all’assegno di natalità, all’abbattimento delle rette dei nidi, ai buoni sportivi e culturali, alla deduzione dei redditi di lavoro femminile.”

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

“L’agricoltura virtuosa”: la Lectio di Andrea Illy a 250 studenti di San Michele

Pubblicato

-

“Il riscaldamento globale è oggi la madre di tutte le cause, non solo per il suo impatto devastante ma anche perché presto diventerà irreversibile e autoalimentato. La decarbonizzazione è dunque oggi una priorità assoluta. L’agricoltura è responsabile del 25% delle emissioni di gas serra, a causa dell’esasperata ricerca della produttività tipica dell’agricoltura convenzionale. Un nuovo tipo di agricoltura, che chiamo rigenerativa, può invertire completamente il ciclo, che da vizioso può diventare virtuoso”.

Parole dell’imprenditore Andrea Illy, presidente di illycaffè, che ha tenuto ieri, alla Fondazione Edmund Mach, una lectio magistralis agli studenti delle classi quarte e quinte dell’Istituto Tecnico e del Corso di laurea in viticoltura ed enologia sul tema dell’agricoltura virtuosa ovvero delle migliori pratiche agronomiche in risposta al cambiamento climatico e alla sostenibilità di lungo periodo.

Ad introdurre la presentazione dell’imprenditore che da oltre 30 anni studia il clima, è stato il presidente FEM, Andrea Segrè, che ha ricordato i 17 obiettivi identificati dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e la necessità di declinare questi obiettivi in una specifica strategia di sviluppo, in un “modello” applicato.

PubblicitàPubblicità

“Ogni giorno, da 145 anni – ha spiegato Segrè- nei nostri laboratori, aule e campi sperimentali lavoriamo per trovare risposte concrete alle esigenze del territorio, inserite però in una prospettiva globale che è appunto quella degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030”.
La lectio magistralis, durata circa un’ora e mezza, è stata attentamente seguita dal giovane pubblico che non ha esitato a fare domande alla conclusione della presentazione.

“L’agricoltura è responsabile del 25% delle emissioni di gas serra –ha spiegato Andrea Illy-. Ciò ha portato anche ad un depauperamento del suolo, che è il più importante serbatoio di carbonio dopo gli oceani. La nota positiva, però, è che l’arricchimento dei terreni con materia organica può migliorare di molto la carbon efficiency, come già dimostrato ad esempio dall’agricoltura rigenerativa, al punto di ambire a diventare carbon negative. Oltre al sequestro di carbonio atmosferico, l’agricoltura ’carbon based’ porta con sé molti altri benefici, tra cui la migliore conservazione dell’acqua, l’aumento della biodiversità e delle conseguenti fissazione dell’azoto e difese naturali contro gli agenti patogeni, riducendo così la dipendenza dall’agrochimica”.

L’idea dell’agricoltura virtuosa sviluppata da Andrea Illy si basa su un doppio beneficio, per l’ambiente e per la salute. Alla base sta il concetto che la salute del suolo porta alla salute delle piante e ai conseguenti benefici nutrizionali degli alimenti. Oltre all’assenza di contaminanti, il microbiota del suolo aumenta infatti la produzione di agenti fitochimici che interagiscono anche con il microbiota umano, con possibili effetti protettivi per le malattie non trasmissibili che solo la principale causa di mortalità.

L’oggettivazione del doppio beneficio sfrutterà l’intelligenza artificiale, come tecnologia abilitante. A tal fine la Virtuous Agriculture necessiterà di un food system, che coinvolga tutta la catena: dagli agricoltori ai consumatori, che potranno in questo modo accedere alla totale tracciabilità e ad un network di innovazione aperta per la generazione continua di conoscenza.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza