Connect with us
Pubblicità

Trento

Grande successo per la festa del decennale del riconoscimento UNESCO alle Dolomiti

Pubblicato

-

I vertici amministrativi dei territori su cui si elevano maestose le Dolomiti hanno partecipato a Cortina alla grande festa per i dieci anni dal riconoscimento UNESCO.

Per la Provincia autonoma c’era il vicepresidente Mario Tonina che, nelle sue vesti di vicepresidente della Fondazione Dolomiti, raccoglierà il testimone della presidenza dal Friuli Venezia Giulia entro l’anno.

“Uno degli obiettivi primari della mia presidenza sarà fare in modo che gli amministratori che condividono le Dolomiti riconoscano il ruolo della Fondazione che finora ha saputo fare bene e proporre altre opportunità per migliorare ancora. Credo che tutela e sviluppo possano andare di pari passo se prima rispondiamo alla domanda, che tipo di sviluppo vogliamo dare alle Dolomiti“, ha detto Tonina.

Pubblicità
Pubblicità

“La Fondazione può essere una piattaforma importante per supportare i territori nel percorso verso una visione diversa e aperta. Il mio impegno sarà fare in modo che questo strumento venga valorizzato e utilizzato come merita, come laboratorio per costruire insieme un futuro sostenibile per i territori montani.”

“Porto anche il saluto del presidente Fugatti e della Giunta della Provincia autonoma di Trento. Voglio ringraziare tutte le persone che in questi dieci anni, e anche prima, hanno portato avanti un lavoro di squadra molto importante e vincente”, ha detto in apertura il  vicepresidente della Provincia autonoma di Trento e della Fondazione Dolomiti UNESCO.

Il vicepresidente Tonina ha aggiunto che: “Immagino anche – e spero non sia solo un sogno – che le Dolomiti possano diventare il luogo in cui si progetta e si sperimenta il futuro delle aree cosidette marginali, lavorando sulla tutela e la valorizzazione del territorio, l’agricoltura di montagna, la formazione, il turismo, le infrastrutture, la ricerca.”

“Perché, seppur con notevoli differenze tra loro, i territori che condividono le Dolomiti hanno tendenze analoghe: spopolamento delle terre alte, necessità di trovare equilibrio tra tutela del paesaggio e sviluppo economico, ricchezza e diversità culturali, rischi di frammentazione, di chiusure e di scarsa coesione.”

“Il riconoscimento UNESCO è ciò che ci dà una visione strategica e complessiva. Le Olimpiadi saranno un grande banco di prova in questo senso. Se vogliamo davvero, non solo a parole, che queste Olimpiadi restino nella storia come prima edizione che fa dello sviluppo sostenibile la colonna portante, creando occasioni di sviluppo duraturo per le comunità locali, occorre che già da domani iniziamo a lavorare in questo senso. La Fondazione c’è ed è a disposizione di chi voglia mettersi in gioco”.

Pubblicità
Pubblicità

Il primo a prendere la parola è stato Gianpietro Ghedina, sindaco di Cortina d’Ampezzo, seguito da Graziano Pizzimenti, presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO, quindi Enrico Vicenti , segretario generale della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.

Ha poi preso la parola Vannia Gava, sottosegretario di Stato per l’ambiente e la tutela del territorio e del mare e presidente del Comitato per le celebrazioni del decennale del riconoscimento Dolomiti UNESCO.

E’ stato letto il testo della mail che il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte ha voluto inviare.

Le quattro bande dei quattro territori dolomitii che hanno proposto i brani di apertura, chiusura e intermezzo hanno ad un certo punto proposto il brano commissionato da Artur Kammerer, una delle colonne portanti della candidatura UNESCO che, purtroppo, è mancato prematuramente qualche anno fa.

E’ stato ricordo anche Sergio Reolon, presidente della Provincia di Belluno quando l’iter di candidatura ebbe inizio.

Matteo Rosati ha introdotto tavola rotonda a cui hanno partecipato, oltre al Vicepresidente Tonina, Federico Caner assessore regionale del Veneto, Roberto Padrin, presidente della Provincia di Belluno, Arno Kompatscher, presidente della Regione Trentino Alto Adige, Maria Magdalena Hochgruber Kuenzer, assessora urbanistica tutela e paesaggio e beni culturali, Provincia autonoma di Bolzano, Alessandro Benetton, presidente Fondazione Cortina 2021,Roberto Padrin, presidente Provicia di Belluno, Natalia Ranza, amministratore delegato Dolomitibus e Antonio Montani, vicepresidente del CAI nazionale

I ragazzi delle associazioni sportive, accompagnati da Kristian Ghedina, in un momento particolarmente emozionante e divertente, hanno poi lasciato le impronte delle proprie mani sull’argilla, come segno significativo dell’impegno delle generazioni future per il Patrimonio Mondiale. Marcella Morandini, direttrice della Fondazione Dolomiti UNESCO  ha poi presentato tre progetti: #SOSerrai, realtà aumentata e Dolomites Today.

Quest’ultimo è un racconto collettivo in forma di film che raccoglierà tutti i contributi video che arriveranno sul sito della Fondazione www.dolomitiunesco, info e narrano le Dolomiti da un punto di vista personale.

Si è quindi passati alla presentazione del progetto Campo Sentieri: i presidenti del CAI Veneto, CAI FVG, SAT (Società Alpinisti tridentini) e CAI Alto Adige hanno illustrato il progetto di sistemazione dei sentieri del Sistema 1 distrutti dalla tempesta Vaia nell’ottobre 2018 che vede coinvolti 45 ragazze e ragazzi dei CAI giovanili di tutti e 4 i territori.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza