Connect with us
Pubblicità

Trento

Giornata Onu contro la droga: il presidente Fugatti ribadisce l’impegno della Provincia a fianco dei giovani e delle famiglie

Pubblicato

-

Ieri era la Giornata internazionale contro l’abuso e il traffico illecito di droga, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni unite nel 1987.

Se in tutto il mondo si rinnova l’impegno contro il consumo di droghe, anche il Trentino vuole testimoniare la sua ferma determinazione a contrastare questo flagello.

“La Giunta provinciale – sottolinea il presidente Maurizio Fugatti – ha deciso recentemente di istituire un apposito organo, che ho voluto incardinare presso la presidenza, perché mi sta particolarmente a cuore come crescono i giovani trentini. Si tratta di una sorta di presidio permanente, guidato da Federico Samaden, oggi apprezzato dirigente scolastico, ma per 20 anni responsabile della comunità di San Patrignano a Trento.”

Pubblicità
Pubblicità

“Sappiamo che non c’è una sola risposta, una sola strategia da mettere in campo. Ci vuole la repressione, con la preziosa attività delle Forze dell’Ordine, ma ci vuole soprattutto un’azione culturale ed educativa, fatta non per i giovani ma con i giovani e le loro famiglie, che mobiliti anche le migliori energie presenti nelle istituzioni, ad ogni livello, compresi gli enti locali e tutte le agenzie educative”.

Per Samaden il problema droga è legato inscindibilmente a quello dei diritti dei minori.

“Dobbiamo pensare alla enorme quantità di diritti negati dei minori che la droga produce, alla terribile violenza che investe vite giovani, che avrebbero diritto a buoni maestri, a famiglie che accompagnino lungo un cammino di crescita e di realizzazione responsabile. Troppo spesso invece anche il mondo adulto se ne dimentica, si concentra solo su se stesso, sull’affermazione del sé e sul perseguimento di valori meramente materiali”.

Pubblicità
Pubblicità

La Giornata internazionale contro l’abuso e il traffico illecito di droga è stata istituita con la Risoluzione 42/112 del 7 dicembre 1987. Il 19 dicembre 1988, la Conferenza delle Nazioni Unite contro il traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope ha adottato la relativa Convenzione, che ha ottenuto un’ampia adesione da parte degli Stati: ad oggi, sono 189 i paesi che l’hanno ratificata.

Secondo un recente rapporto dell’UNODC, l’ufficio delle Nazioni Unite per il contrasto al crimine e alla droga, sono oltre 275 milioni nel mondo le persone di età compresa tra i 15 e i 64 anni che fanno o hanno fatto uso di sostanze stupefacenti negli ultimi anni.

Oltre 31 milioni coloro che soffrono direttamente di disturbi legati alluso di queste sostanze, molte di più quelle coinvolte indirettamente: famiglie, vittime di reati connessi al consumo e al traffico di droga, e così via.

I costi del consumo e abuso di sostanze stupefacenti gravano pesantemente sulla sanità pubblica, sia in termini di prevenzione che di trattamento e cura dei disturbi legati all’uso, ma solo uno su sei, tra i consumatori di stupefacenti in tutto il mondo, ha accesso a cure adeguate.

Le morti direttamente legate al consumo di droghe sono aumentate del 60% dal 2000 al 2015.

Il 39% dei decessi riguarda oggi persone di 50 anni o più, segno che il problema interessa più generazioni, e in tre casi su quattro è legato al consumo di oppiacei: l’eroina, insomma, che si pensava confinata al XX secolo, e soppiantata da altre sostanze, è tornata tragicamente alla ribalta e oggi è molto più accessibile che in passato.

L’economia illegale generata dalla droga, infine, ha un impatto enorme sul sistema economico mondiale, e “contagia” anche altri ambiti della sfera produttiva, compresi ovviamente quelli leciti.

Ma cosa possono fare le comunità locali? Ad esempio lavorare per un’efficace prevenzione.

“Ce lo hanno chiesto in primo luogo le famiglie – sottolinea Fugatti – preoccupate per quello che potrebbe succedere o già succede ai propri figli. Abbiamo il dovere di raccogliere questo appello con maggiore forza e determinazione.”

“Gli approcci possibili sono molti, e investono una molteplicità di soggetti, ma io credo sia necessaria innanzitutto una mobilitazione culturale netta e senza equivoci: la droga fa male, qualsiasi tipo di droga.”

“Basta con i messaggi sbagliati, che tendono a minimizzare la portata del fenomeno. Dobbiamo costruire una narrazione responsabile, attendibile, che non minimizza il problema. E dobbiamo valorizzare di più il lavoro di chi in Trentino sta già operando in tal senso, costruendo una grande alleanza, oltre ogni divisione”.

Per Samaden: “Il fatto che si dedichi simbolicamente una giornata a questo problema è importante, ma la sfida ce l’abbiamo di fronte tutti i giorni. Si dice che ogni società ha i drogati che merita. Vorrei far sì che in Trentino si dicesse: no, la nostra è una società che sa produrre al suo interno gli anticorpi adeguati.”

E dovremmo farlo tutti assieme. Dobbiamo smetterla di dire a ragazzini di 14 anni che certe sostanze non fanno male. Ma soprattutto, dobbiamo mettere al centro i minori e i loro diritti, troppo spesso negati o trascurati”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza