Connect with us
Pubblicità

Trento

Bocciofila Canova, la replica di Vernarelli: «Chiuderemo la bocciofila e il circolo»

Pubblicato

-

Sembra non finire mai la polemica tra Franco Vernarelli presidente della bocciofila Canova e l’amministrazione comunale.

Com’è noto la vicenda è legata alla variazione dei termini dell’accordo per l’utilizzo dei campi di bocce che Vernarelli giudica inaccettabile e che rifiutandosi di sottoscriverlo, porterà alla chiusura dello storico Gs Canova.

Dopo un primo sfogo di Vernarelli (qui articolo), Mosna e Serra avevano replicato (qui articolo).

Pubblicità
Pubblicità

Poi nella diatriba verbale era intervenuto anche l’assessore comunale dello sport Tiziano Uez, unico esponente istituzionale ad avere le competenze per rispondere a Vernarelli (qui la sua risposta)

«Voglio replicare a quanto dichiarato dalla Presidente della Circoscrizione di Gardolo Antonella Mosna e al consigliere comunale sig. Serra (qui articolo)» – dice Vernarelli  ripartendo all’attacco.

LA REPLICA DI VERNARELLI – 1) va bene che il compenso sia stato aumentato da 3 a 5 mila euro, però con dei paletti che sono all’art.5 punto 3 della convenzione che ci ha sottoposto il Comune che dice: “il Comune di Trento riconosce al Gruppo Sportivo Canova il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate imputabili all’attività oggetto della presente convenzione , al netto delle entrate riscosse, il rimborso è limitato ad oneri ben individuati ( oneri assicurativi, tariffa rifiuti, costi sostenuti per acquisto materiale necessario per l’espletamento delle attività, dispositivi di sicurezza, attrezzature varie, formazione sulla sicurezza, pulizie straordinarie) ed a quelli preventivamente autorizzati fino ad un importo massimo annuo presunto di euro 5.000,00 (cinquemila) (oneri fiscali esclusi).”

Alla domanda del sottoscritto al Dirigente perché non sono previste le spese ordinarie giornaliere di pulizie e rimessa a posto dei campi di bocce, la risposta è stata “ quelle dovete farle volontariato senza alcun compenso”.

Questa parola mi ha fatto pensare “ forse è cambiato il significato di volontariato ed io non sono aggiornato”, prendo il vocabolario che recita .”riferito a persona che fa qualcosa per libera scelta, in particolare che presta spontaneamente la propria opera”, quindi volontariato non è un’imposizione bensì libera scelta.

Sono 20 anni che faccio volontariato e ne sono orgoglioso. Noi in base a questo articolo dovremmo fare le pulizie giornaliere, rimettere a posto i campi giornalmente, aprire chiudere e vigilare il bocciodromo senza remunerazione, ci verrebbero riconosciute solo spese fatte da ditte esterne che noi dovremmo pagare anticipatamente ed ogni semestre emettere una fattura elettronica riepilogativa e aspettare due mesi per il rimborso dal Comune. Ma secondo voi chi è quel “matto” che lavora senza aver alcun compenso, anticipa le spese sostenute da altri e aspetta il rimborso dell’Ente?

Faccio presente che i 4.000,00 ivati che il Comune ci ha riconosciuto fino al 30 giugno 2019, non venivano e non vengono incassati da chi faceva pulizie e metteva a posto i campi (volontari) ma servivano per a coprire le spese per la nostra attività.

2)Il giorno 21 giugno scorso ho telefonato al presidente del bocciodromo di via Fermi e mi ha confermato che non avevano ancora firmato la convenzione e che il giorno 24 andavano dal loro commercialista e solo dopo avrebbero deciso cosa fare. Per quanto riguarda Villazzano c’è sentore che a fine contratto non rinnoveranno la convenzione.

In conclusione, con gli 800,00 euro di media degli ultimi cinque anni che il Comune ci ha dato per l’attività agonistica che svolgiamo, non ci bastano neanche a pagare l’affitto degli altri campi per svolgere il campionato il nostro bocciodromo non è idoneo in quanto ci vogliono 4 corsie quindi dobbiamo andare a Villazzano o Villa Lagarina, accollandoci ulteriori spese. Per finire ribadisco che le nostre fatture che emettiamo sono fiscalmente legali in quanto facciamo regolarmente dichiarazione dei redditi e pagamento dell’IVA. Purtroppo se non riusciamo a trovare una soluzione siamo costretti a chiudere anche il Circolo annesso in quanto non esiste un bagno idoneo, e saremo costretti, non avendo più entrate, a ritirare la quadra e non partecipare più al campionato di serie A2 2019-2020 in quanto non riusciamo più a coprire le spese che dovremo sostenere.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]

Categorie

di tendenza