Connect with us
Pubblicità

Trento

WebValley 2019, ambiente, qualità alimentare e salute

Pubblicato

-

Dal 16 giugno al 6 luglio torna la summer school organizzata dalla Fondazione Bruno Kessler.

Obiettivo di quest’anno, insegnare ai ragazzi come diventare protagonisti di una startup di intelligenza artificiale per l’healthcare.

Ritorna in Val di Non in Trentino la diciannovesima edizione di WebValley, il summer camp internazionale di Data Science e Intelligenza Artificiale (AI) organizzato da FBK per gli studenti delle scuole superiori, al via domenica 16 giugno a Casez (Sanzeno).

Pubblicità
Pubblicità

Venti sono i giovani ricercatori, 14 italiani e 6 americani, accompagnati da tutor ed esperti della Fondazione Bruno Kessler, lavoreranno in team dando vita ad un laboratorio di AI in cui il metodo di lavoro si ispira a quanto avviene in un luogo della ricerca, permettendo a studenti anche molto giovani di mettersi in gioco in un mestiere del futuro.

“Con questa edizione vogliamo immaginare nuove tecnologie per la salute e l’ambiente in montagna. Il modo di lavorare a WebValley è unico perché punta ad offrire in tempi rapidi competenze tecniche per applicarle in un contesto multidisciplinare  – le parole di Cesare Furlanello responsabile scientifico di WebValley.”

“In questo caso entriamo nella corsa a sviluppare modelli predittivi per dispositivi medici miniaturizzati e sistemi software che mettono in relazione salute e qualità alimentare. Vivere questa esperienza di ricerca in un piccolo centro a vocazione agricola del Trentino significa tenersi agganciati alla comunità e aprire un dialogo su salute e ambiente, combinando dimensione internazionale e obiettivi importanti per il territorio.”

“Sappiamo di essere in gara con nazioni che investono nella formazione in AI molto più dell’Italia, ed è quindi urgente far crescere nei giovani competenze, metodo e visione. Allo stesso tempo abbiamo un programma molto pratico, che apriamo in modo sistematico con momenti di incontro aperti al pubblico.” prosegue il ricercatore.

I 20 studenti sono accompagnati da esperti di AI, medicina e project management nella costruzione di una vera e propria startup di AI per l’healthcare, un tema fondamentale per FBK.

I ragazzi impareranno a sviluppare da solide basi scientifiche una nuova tecnologia e a far sì che diventi appetibile per il mercato. “In Webvalley ricreiamo un po’ l’ambiente che si respira a San Francisco e, mettendoli in contatto con un network di esperti, facciamo capire ai ragazzi le competenze che servono per diventare ricercatori, avviare una startup, o anche soltanto essere dei professionisti che sanno usare AI. Certamente sapranno sorprenderci anche quest’anno per entusiasmo, talento e capacità di lavorare insieme” conclude Furlanello.

Anche nel 2019 i partecipanti internazionali sono stati scelti i finalisti dell’ultimo Intel ISEF – International Science and Engineering Fair  , la più grande competizione scientifica a livello mondiale per studenti non universitari.

Una crescita continua dal 2001 ad oggi, come ci conferma Claudia Dolci, responsabile dell’unità Ricerca e Innovazione per la Scuola di FBK e co-direttore di Webvalley:

“La scuola è cresciuta moltissimo, anche in termini di reputazione internazionale, e questo per FBK non può che essere motivo di grande soddisfazione” .

A supportare il lavoro di guida della camp scientifico c’è anche quest’anno Giuseppe Jurman, che terrà un corso pilota di visualizzazione dei dati con contenuti preparati per il corso omonimo del Master in Data Science  .

Sono partner di questa edizione di WebValley  NVIDIA, l’Università degli Studi di Milano e Co.Di.Pra con cui sono organizzati due eventi pubblici in programma alle ore 18.00 del 20 e 26 giugno presso la scuola elementare di Sanzeno, in Via della Pontara.

Il primo, In montagna si vive meglio? Le connessioni tra ambiente, qualità alimentare e salute approfondirà il rapporto tra ambiente, stili di vita e rischio cardiovascolare insieme al professor Alberico Catapano professore dell’Università di Milano e direttore del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari.
Il secondo, L’agricoltura a colloquio con l’intelligenza artificiale, vedrà la partecipazione di Fausto Milletarìdi NVIDIA, che insieme ai ricercatori della Fondazione Bruno Kessler discuterà dell’impatto che applicazioni di AI possono avere sul mondo dell’agricoltura.

LA SQUADRA DI WEBVALLEY 2019

Studenti Internazionali:

Banan Garada, (Urbana, Illinois, USA), David Yue (Plano, Texas, USA), Ishana Shastri (Germantown, Maryland, USA), Karen Copeland (Jupiter, Florida, USA), Krithik Ramesh (Englewood, Colorado, USA), Neeyanth Kopparapu (Herndon, Virginia, USA).

Studenti Italiani:

Pietro Moretto (Bovolone, Verona), Paolo Somenzi (Bolzano), Mattia Cestari (Trento), Matteo Zigante (Vicenza), Marco Marinello (Bolzano), Leonardo Dusini (Trento), Julian Modanese (Lana, Bolzano), Giuseppe Izzo (Praia a Mare, Cosenza), Gianmarco Gamo (Brescia), Gabriel Tavernini (Riva del Garda, Trento), Erica Biancolino (Moggio Udinese, Udine), Clori Caprile (Trento), Daniele Marcon (Verona), Gianluca Libarti (Trento).

LA FORMULA

L’edizione 2019 di WebValley  , il camp di Data Science dedicato alle ragazze e ai ragazzi delle scuole superiori organizzato dalla Fondazione Bruno Kessler di Trento, si tiene dal 16 giugno al 6 luglio a Casez, in Valle di Non, ed ospita un team di 20 ragazzi di età compresa tra i 17 e i 19 anni provenienti dall’Italia e dagli Stati Uniti. Questi ultimi sono stati selezionati fra i finalisti del Premio INTEL ISEF  , la più grande competizione scientifica internazionale per studenti non universitari.

Come ogni anno, la formula di WebValley prevede la scelta di una piccola località di valle del Trentino in cui realizzare il laboratorio delle attività, a dimostrazione del fatto che, con una buona motivazione e con le risorse di Internet, si può fare ricerca anche in zone apparentemente più periferiche.

WebValley non è un’esperienza scolastica ma una vera e propria esperienza di ricerca che i ragazzi e le ragazze vivono insieme a ricercatori ed esperti.

L’iniziativa, nata nel 2001, è giunta quest’anno alla diciannovesima edizione e conta un totale di oltre 350 partecipanti.

Diversi studenti delle precedenti edizioni sono diventati ricercatori, anche di livello internazionale, alcuni hanno collaborato o lavorano presso FBK, altri ancora hanno dato vita a startup e iniziative rilevanti nell’ambito della ricerca e dell’innovazione.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Studi post-diploma, il sostegno alle famiglie con il Contributo provinciale

Pubblicato

-

Sostenere economicamente gli studenti trentini che affronteranno un percorso di studi post diploma, con un contributo provinciale proporzionale a quanto accantoneranno le famiglie di ciascuno studente durante la scuola superiore.

Questo, in sintesi, l’obiettivo della misura che fissa al 31 agosto la scadenza per effettuare il versamento annuale per gli studenti del secondo ciclo di studi.

Un’iniziativa di aiuto alle famiglie, che potranno così dare vita a un piano di risparmio al quale concorrerà la Provincia al momento dell’iscrizione all’università, con una somma in denaro tale da aumentare in maniera importante il capitale accumulato per le spese universitarie.

Pubblicità
Pubblicità

Si continua così ad investire nelle risorse umane, nella convinzione che una maggiore preparazione sia per i giovani un elemento determinante nella ricerca di lavoro.

Il contributo per gli studi post diploma è una misura voluta dalla Provincia autonoma di Trento per aiutare le famiglie trentine a sostenere le spese per gli studi dei propri figli.

La misura prevede, a fronte di un piano di risparmio effettuato dalla famiglia, l’erogazione di una somma di denaro al momento dell’iscrizione  ai percorsi di studi post-diploma, universitari e di alta formazione proporzionale a quanto accantonato.

Accedere al contributo è facile, sarà sufficiente:

– aprire un libretto di risparmio o un conto corrente o un piano di accumulo di capitale (PAC) o polizze assicurative;

– versare per ogni anno scolastico, entro il 31 agosto, una somma di denaro per un periodo da 3 a 5 anni precedenti all’iscrizione a percorsi di studio post diploma;

– accumulare una somma complessiva compresa tra 3.000 e 6.000 euro;

– avere un indicatore ISEE famigliare compreso tra 23.001 e 32.000 euro.

Si tratta di una misura importante se si pensa che, se una famiglia risparmia una cifra tra i 3.000 e i 6.000 euro negli anni delle scuole superiori, quando lo studente si iscriverà a un corso post-diploma, sia in Trentino che fuori provincia o all’estero, potrà ricevere un aiuto pubblico provinciale fino al doppio di quanto risparmiato.

La domanda dovrà essere presentata agli Uffici provinciali nell’anno di iscrizione ai percorsi post diploma, completa della documentazione che attesta l’avvenuto accumulo e dell’indicatore ISEE della famiglia. Ogni anno viene pubblicato un bando con le modalità e le scadenze per inoltrare la richiesta.

I versamenti per costituire il risparmio dovranno essere effettuati entro il 31 agosto.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Santa Chiara: ora arrivano anche i venditori di penne abusivi

Pubblicato

-

Il posto è il più frequentato di Trento, cioè, l’ospedale santa Chiara di Trento, il trucco è il solito ed è vecchio come il «cucco».

Da stamane due venditori di penne abusivi stazionano davanti all’entrata dell’ospedale tentanto di ricavare qualche offerta dai parenti in visita ai malati.

«Ti danno in mano due penne e ti dicono che devi fare un’offerta» – spiega un nostro lettore.

Pubblicità
Pubblicità

Alla domanda a chi andassero poi i soldi ecco la risposta: «siamo un associazione che con il ricavato aiuta i disoccupati».

Il dubbio che al primo posto tra i disoccupati ci siano proprio loro due, diviene certezza, specie dopo aver capito che non viene rilasciata nessuna ricevuta.

I due, intorno ai 40 anni, italiani, ma con accento meridionale durante la mattinata pare siano comunque riusciti a convincere qualche anziano a versare l’obolo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Orso M49: gli ultimi aggiornamenti

Pubblicato

-

Prosegue l’attività di monitoraggio, di informazione, supporto e presidio territoriale da parte del personale forestale nell’area interessata dalla presenza dell’orso M49 fuggito lunedì scorso dal recinto del Casteller.

Una nuova fotografia scattata da una fototrappola testimonia la presenza di M49 sui pendii della Marzola.

L’ultimo scatto risale alle 22.54 della scorsa notte in un’area non molto distante da quella dove è stata rilevata la sua presenza ieri mattina.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza