Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Tragedia ad Arco, bambino muore investito

Pubblicato

-

In via Nas ad Arco tragico investimento alle ore 19.00 di oggi (20 giugno 2019)

Un’autovettura ha investito un bambino di 3 anni che è deceduto sul posto. 

Sul luogo dell’incidente sono arrivati l’ambulanza di Trentino emergenza insieme ai vigili del fuoco e alla polizia locale.

Pubblicità
Pubblicità

Da Trento si è subito alzato l’elicottero, ma purtroppo i soccorsi sono stati inutili.

Le ferite del piccolo di 3 anni erano troppo gravi e non c’è stato nulla da fare

L’incidente è successo mentre il piccolo Mario era insieme alla sua famiglia di origini macedoni e albanesi.

Pubblicità
Pubblicità

Insieme al padre, alla madre, ai due fratelli, un gemello e la sorella di 8 anni, Mario stava stava passando un breve periodo di vacanza ad Arco in visita da parenti in arrivo da Monaco dove abitava.

Pubblicità
Pubblicità

Il bambino accompagnato dal padre stava uscendo dalla palazzina di via Nas 15  quando ha mollato la presa del padre tentando di correre per la strada.

Il destino ha voluto che in quel momento sopraggiungesse una Hyundai condotta da una signora con la famiglia a bordo che non ha potuto evitare l’impatto.

Il mezzo ha centrato il piccolo con la parte anteriore in modo violento trascinandolo per una cinquantina di metri sotto gli occhi del padre.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Turista tedesca vola da 8 metri sul Dòs de Vila. Salvata dai Vigili del fuoco di Riva del Garda

Pubblicato

-

Ieri alle 13:40 circa una signora sulla settantina di nazionalità tedesca in vacanza con il marito sul Garda, mentre era intenta a praticare arrampicata sportiva è rovinata a terra da un’altezza di circa 7/8 metri in località Dòs de Vila presso una delle zone frequentate appunto da arrampicatori.

La chiamata avvenuta tramite 112 ha attivato l’ambulanza con infermiere di Arco, il Soccorso Alpino di Riva, l’elisoccorso e 2 squadre di soccorso dei VV.F. di Riva.

Raggiunto il luogo la Signora è stata immobilizzata e stabilizzata dal medico d’urgenza calato con il verricello  dall’alto.

Pubblicità
Pubblicità

Successivamente trasportata a mano fino ad un luogo idoneo per il prelievo aereo avvenuto sempre con verricello.

La turista tedesca in stato cosciente e non critico è stata trasportata al S.Chiara di Trento.

Il marito ha vivamente ringraziato tutti i soccorritori intervenuti. Presenti i carabinieri di Torbole per l’identificazione dei luoghi e delle persone.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Due rifugiati africani arrestati per spaccio a Bolognano

Pubblicato

-

Tutto è partito da alcune segnalazioni da parte di cittadini del centro storico della frazione di Bolognano

Questi avevano notato dei giovani africano accedere in un condominio per poi recarsi verso il campo sportivo della Stivo.

I carabinieri della Stazione di Arco, si sono subito attivati e dopo alcune indagini nella tarda serata di sabato scorso, hanno arrestato 2 extracomunitari, in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di 520 grammi di marijuana.

Pubblicità
Pubblicità

I due arrestati sono un 25 enne senegalese ed un 22 enne gambiano, entrambi con permesso di soggiorno per rifugiato.

Le perquisizioni personali hanno permesso di rinvenire, nella tasca interna della felpa del primo, la somma di 600 euro in contanti e nelle suole delle scarpe del secondo 900 euro in contanti.

Il tutto è stato sottoposto a sequestro, ritenendo la somma di denaro frutto dell’attività di spaccio di stupefacenti.

Pubblicità
Pubblicità

Il 25 enne si trova ai domiciliari, mentre il 22enne è stato portato in carcere a Spini di Gardolo. 

Pubblicità
Pubblicità

Nella giornata di oggi 17 settembre, i due saranno portati presso il Tribunale di Rovereto dove sarà celebrata l’udienza di convalida dell’arresto. È intenzione della Procura richiedere l’emissione di una misura cautelare per entrambi gli arrestati.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Agente di polizia travolto a Tenno: il presidente Fugatti incontrerà il sindaco Marocchi

Pubblicato

-

“Chi garantisce la sicurezza dei cittadini deve poterlo fare in sicurezza” Così il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, commenta l’episodio verificatosi nella giornata di ieri a Tenno, dove un agente della polizia intercomunale dell’Alto Garda è stato investito da un motociclista che non si è fermato all’alt.

“Nei prossimi giorni, annuncia il presidente, incontrerò il sindaco di Tenno, Giuliano Marocchi e gli amministratori locali per verificare quali interventi poter intraprendere per permettere agli operatori della polizia locale di poter lavorare al meglio e senza rischi per la propria incolumità”.

L’agente Marco Sartori (foto) nel tentativo di fermare un motociclista che tentava la fuga dopo essere stato fermato per un controllo era stato trascinato per 400 metri sulla Statale finchè esausto e ferito si era lasciato andare finendo in un prato adiacente alla strada.

Pubblicità
Pubblicità

Il centauro, un 23 enne proveniente da Milano, incastrato dalle telecamere di sorveglianza in serata attraverso il suo avvocato aveva manifestato l’intenzione di costituirsi.

Le accuse per lui sono di lesioni gravi, resistenza alla forza pubblica e omissione di soccorso. Ma rimangono da verificare anche le condizioni della sua moto che sembra apparire palesemente truccata. A queste accuse quindi potrebbero aggiungersene altre.

Per i suoi amici potrebbe scattare l’accusa di favoreggiamento visto le menzogne rilasciate alle forze dell’ordine durante il fermo e di omissione di soccorso.

Pubblicità
Pubblicità

Il gruppo di motociclisti infatti pur vedendo quanto successo si sono dati alla fuga senza aiutare l’agente ferito

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza