Connect with us
Pubblicità

Trento

Al via “Sentinelle di pietra 2019”

Pubblicato

-

Presentata stamani la nuova edizione di “Sentinelle di pietra“, la rassegna organizzata dall’Assessorato alla Cultura e dalla Fondazione Museo storico del Trentino.

La manifestazione, che mette al centro i forti del Trentino, riparte ancora più ricca di appuntamenti nella sua rinnovata veste grafica, ispirata al writer inglese Bansky. L’apertura è prevista per sabato – 22 giugno – al Forte Colle delle Benne di Levico Terme con un concerto dei Symphoniacs.

Al termine del centenario della Grande Guerra i forti del Trentino, resi visitabili grazie ad un intenso lavoro di recupero edilizio e protagonisti di numerose e stimolanti iniziative, non possono ritornare ad essere meri manufatti storici, ma devono rimanere luoghi di aggregazione destinati alla produzione culturale e allo scambio di emozioni.

Pubblicità
Pubblicità

E’ questo l’ambizioso obiettivo che l’Assessorato alla Cultura e la Fondazione Museo storico del Trentino vogliono perseguire con la rassegna “Sentinelle di Pietra”, che riparte ancora più ricca di appuntamenti nella sua rinnovata veste grafica ispirata al writer inglese Bansky, uno tra gli artisti più controversi del momento, che riesce a trasporre temi di atroce sofferenza in opere giocose dai colori brillanti.

I dettagli degli appuntamenti in calendario sono stati presentati questa mattina nel corso di una conferenza stampa da:

Claudio Martinelli (dirigente Servizio Attività Culturali della Provincia autonoma di Trento), Gloria Preschern (direttore ufficio Promozione culturale della Provincia autonoma di Trento), Pino Putignani (consulente per la comunicazione della rassegna), Enzo Bassetti (presidente Centro Servizi Culturali S. Chiara) e Giuseppe Ferrandi (direttore Fondazione Museo Storico del Trentino). Alla conferenza sono intervenuti anche Francesco Antoniolli (presidente Strada del Vino e dei Sapori del Trentino), Camilla Nacci (Studio d’Arte Raffaelli), Loredana Camin (vice sindaco di Tenna), Massimo Lazzeri (Teatro delle quisquilie), Mariano De Tassis e Carlo Casillo (Miscele d’Aria Factory).

Come già anticipato, il percorso è ricchissimo di eventi, trekking, narrazioni e arte e caratterizzato da un profilo qualitativo importante, senza paura di restringere il target che recepirà le proposte. Gli organizzatori si augurano che il numero degli affezionati al festival “Sentinelle di Pietra” cresca sempre più.

Pubblicità
Pubblicità

Lo si può già vedere dall’intensa attività social che per quest’edizione è stata potenziata. Per citare un esempio, il video promo del festival ha concretizzato in pochi giorni oltre 6.000 visualizzazioni.

PROGRAMMA

EVENTO DI APERTURA

Sabato 22 giugno – Forte Colle delle Benne – Levico Terme
ore 18.30

Eventi Forti – Concerto dei Symphoniacs:

I Symphoniacs sono una formazione musicale di levatura internazionale. Pionieri nel mondo dell’electro-classica, guidati dal musicista produttore/compositore Andy Leomar. Il loro stile è caratterizzato da una combinazione tra classica ed elettronica, in una ricerca continua di atmosfere che ci portano su temi universalmente riconosciuti, guidandoci però verso una ricerca innovativa sempre crescente. Classica, dance, underground ed elettronica in un unico straordinario spettacolo.
Il concerto si svolgerà sul prato del forte. Si consiglia di munirsi di coperta.

Ingresso libero

Possibilità di prenotare servizio bus navetta (€ 5 a/r) con partenza da ufficio A.P.T. Viale Vittorio Emanuele ore 17.00, 17.30, 18.00

Per info e prenotazioni: Azienda per il Turismo Valsugana Lagorai 0461 727700

In caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà presso il Teatro comunale di Pergine Valsugana – ore 21.00

LUGLIO

Giovedì 4 luglio – Forte Cherle – Folgaria
ore 15.30
Forti nel Gusto – percorso enogastronomico

Domenica 14 luglio – Batteria di Mezzo – Riva del Garda
ore 7.30 ritrovo, ore 9.00 spettacolo
Buongiorno al Forte – narrazione e musica

Giovedì 18 luglio – Tagliata superiore di Civezzano – Civezzano
ore 15.30
Forti nel Gusto – percorso enogastronomico

Sabato 20 luglio – Forte superiore di Nago – Nago Torbole
ore 7.30
Buongiorno al Forte – narrazione e musica

Sabato 20 luglio – Forte Werk Lusérn – Luserna
ore 10.30
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

Domenica 21 luglio – Forte Larino – Sella Giudicarie
ore 7.30
Buongiorno al Forte – narrazione e musica

Giovedì 25 luglio – Forte Strino – Vermiglio
ore 10.30
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

Sabato 27 luglio – Forte Tenna – Tenna
ore 8.00
Buongiorno al Forte – narrazione e musica

Domenica 28 luglio – Forte Belvedere – Lavarone
ore 21.00
Eventi Forti – The Act of Touch
Tovel aka Matteo Franceschini e Jacopo Mazzonelli

In caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà presso
Centro Congressi di Lavarone ore 21.00

Domenica 28 luglio – Forte Sommo Alto – Folgaria
ore 10.30
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

AGOSTO

Giovedì 1 agosto – Forte Corno – Valdaone
ore 15.30
Forti nel Gusto – percorso enogastronomico

Domenica 4 agosto – Forte Pozzacchio – Trambileno
ore 15.00 e 17.00
Frequenze Forti – percorso sensoriale

Lunedì 5 agosto – Forte Dossaccio/Paneveggio – Predazzo
ore 10.00
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

Sabato 10 agosto – Forte Tenna – Tenna
ore 18.00 e 19.30
Frequenze Forti – percorso sensoriale

Domenica 11 agosto – Forte Larino- Sella Giudicarie
ore 15.00 e 17.00
Frequenze Forti – percorso sensoriale

Martedì 13 agosto – Forte Tenna – Tenna
ore 11.00
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

Sabato 17 agosto – Forte Strino – Vermiglio
ore 15.00 e 16.00
Frequenze Forti – percorso sensoriale

Domenica 18 agosto
Forte Werk Lusérn – Luserna
ore 10.30
Frequenze Forti – percorso sensoriale

Giovedì 22 agosto – Forte Cherle – Folgaria
ore 10.30
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

Sabato 24 agosto – Forte Corno – Valdaone
ore 10.30
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

Domenica 25 agosto – Forte Belvedere – Lavarone
ore 16.30 e 18.00
Frequenze Forti – percorso sensoriale

Domenica 25 agosto – Forte Pozzacchio – Trambileno
ore 10.30
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

Sabato 31 agosto – Forte di Nago – Nago Torbole
ore 18.30
Frequenze Forti – percorso sensoriale

SETTEMBRE

Domenica 1 settembre – Batteria Roncogno – Trento
ore 18.00
Frequenze Forti – percorso sensoriale

Sabato 7 settembre – Tagliata superiore di Civezzano – Civezzano
ore 10.30
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

Domenica 15 settembre – Forte Colle delle Benne – Levico Terme
ore 10.30
Sentieri Silenziosi – Trekking animato

Domenica 22 settembre – Forte Garda – Riva del Garda
ore 15.00
Frequenze Forti – percorso sensoriale
ore 17.00 concerto Coro Castel sezione S.A.T. Arco

FORMAT

Sentieri Silenziosi è un insolito trekking per vivere il paesaggio con uno sguardo attento al bioritmo della natura attraverso il trekking, il teatro e la letteratura. Allenare il corpo nel cammino immersi profondamente nell’ambiente naturale verso luoghi di significativa attrazione storica e al contempo coltivare lo spirito con il pensiero letterario e il gioco del teatro.

La grande cornice dell’esperienza è il silenzio ed è anche l’unica regola da seguire per partecipare al trekking.
Un percorso evocativo per scoprire i luoghi della memoria nell’incanto del camminare, del vedere e dell’ascoltare insieme.

Durata: un’ora e trenta minuti circa.

Il trekking ha un grado di percorribilità facile ed è adatto a tutti a partire dai 12 anni di età.
Partecipazione gratuita – è richiesta la prenotazione (max 40 persone)
A cura della Compagnia “I Teatri Soffiati”

Frequenze forti “…le pietre raccontano…” frequenze, canzoni, lettere, suoni
1919\2019 un secolo di vita, di memoria Percorso sensoriale in cuffia wireless

Le frequenze e le antenne captano segnali, onde di storia che il forte racchiude nelle sue mura, nelle sue pietre. Uno scrigno di sensazioni \ vibrazioni che svelano un secolo di episodi, di avventure, di conquiste.

Miscele d’Aria Factory per il dopo Centenario crea uno spettacolo unico ed emozionale, un viaggio che parte dal telegrafo per arrivare agli smartphone passando dalla radio e dalla televisione. Tutto questo è una timeline di sound designer di ricordi, che si mixa con le canzoni più importanti che hanno segnato un periodo dal 1920 fino ai giorni nostri. Canzoni di protesta, d’amore, di condanna, di memoria per non dimenticare

A cura di Miscele d’Aria Factory
La visita dura circa 50 minuti
Partecipazione gratuita
E’ richiesta la prenotazione
Ogni percorso prevede un max di 35 partecipanti

Forti nel Gusto:

Concedersi un pomeriggio diverso, per andare a conoscere più da vicino una parte importante della nostra storia. Osservare quelle che un tempo furono “sentinelle di pietra” e che oggi rappresentano un simbolo di pace. Respirare le emozioni qui vissute, tra nostalgia, paura e coraggio. E poi tornare al presente e concedersi un momento di relax all’ombra di un albero e godersi, da un punto assolutamente privilegiato, una vista mozzafiato, coccolati dalle migliori specialità enogastronomiche 100% trentine e dalle suggestive note del Nuovo Ensemble di Trento.

Questo l’emozionante viaggio che avvolge tutti i sensi di Forti nel Gusto. A cura di Strada del Vino e dei Sapori del Trentino in collaborazione con Nuovo Ensemble di Trento
I posti sono limitati: è richiesta la prenotazione

Gli eventi si svolgeranno all’aperto

Si consigliano abbigliamento e calzature adeguate ad un trekking in montagna.

Buongiorno al forte Guerra e pane:

Lo spettacolo di narrazione, con brani e canzoni dal vivo ispirati agli scritti di Primo Levi, Vasilij Grossmann, Etty Hillesum ed Elsa Springer, racconta la storia del panettiere Gino, che ha combattuto nella Grande Guerra e, negli anni successivi, si rifiuta di aderire al partito fascista. Per questo viene mandato a Sobibor dove, assieme ad altri prigionieri, mette in atto un complotto per distruggere il campo di sterminio. Lo spettacolo alterna recitazione e canzoni, il ritmo è incalzante, la narrazione lineare e schietta e, a tratti, anche leggera e ironica.

A cura de “Il teatro delle quisquilie”

Partecipazione gratuita, lo spettacolo dura 1 ora circa

Al termine dello spettacolo i Panificatori del Trentino offriranno pane fresco.

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Africano tenta di aggredire un «fotografo» in via Prepositura e finisce sotto una macchina

Pubblicato

-

Un giovane africano di 33 anni è stato investito in via Prepositura poco dopo le 19.15 di oggi mercoledì 13 novembre 2019.

Secondo una prima ricostruzione l’africano avrebbe aggredito verbalmente un uomo sotto i portici mentre stava facendo delle fotografie alle scritte sui muri.

Il «fotografo» per evitare problemi avrebbe deciso di andarsene salendo sulla sua macchina.

PubblicitàPubblicità

Mentre stava partendo però l’africano non contento si sarebbe avvicinato al suo mezzo cercando ancora di aggredirlo.

Nella foga l’africano sarebbe finito addosso all’autovettura che stava ripartendo, terminando la sua corsa sull’asfalto. 

Sul posto è intervenuta la Polizia Locale insieme ai Carabinieri che stanno compiendo i rilievi del caso per capire la dinamica dell’investimento e le eventuali responsabilità

Sul posto è intervenuta anche un’ambulanza del 118 che ha soccorso il giovane. Per lui nessuna ferita grave. Ma è stato comunque portato al pronto soccorso del santa Chiara per essere monitorato.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Maltempo in Trentino: nuovo aggiornamento sulla viabilità. Domani sera torna la neve

Pubblicato

-

Le precipitazioni che dalla serata di ieri hanno interessato l’intero territorio provinciale hanno assunto carattere nevoso a quote superiori a 600-700 metri

Gran parte delle strade è stata sgomberata e trattata con sale.

Al momento si registra la chiusura per neve, per pericolo valanghe o per alberi instabili vicino alla sede stradale, in alcune tratte nelle zone di alta montagna o in prossimità dei passi.

PubblicitàPubblicità

Si raccomanda di viaggiare con prudenza e di prestare attenzione nella guida per possibili tratti ghiacciati, in considerazione delle temperature relativamente rigide, soprattutto nelle zone a quote superiori a 700 – 1000 metri.

Per l’attività di sgombero neve sono stati utilizzati 96 mezzi della Provincia e 130 mezzi di ditte private. L‘allerta riprenderà domani sera dove sono previste intense piogge e neve al di sopra dei 500 metri.

Strade sett. 1 – ALTA VALSUGANA

Anche in questa zona le nevicate sono state oltre i 700 metri, raggiungendo in quota 30-40 cm. E’ stata riaperta la SP 224 del Passo Redebus nel comune di Bedollo.

Pubblicità
Pubblicità

Strade sett. 4 – TRENTO – MONTE BONDONE – PAGANELLA

La neve è caduta a monte di loc. Candriai. In loc Viote si registrano circa 60 cm di neve. Rimangono chiuse, per pericolo caduta piante:

la SP 25 di Garniga da Garniga Vecchia a loc. Viote;

la SP 64 di Fai da loc. Santel ad Andalo.

Strade sett. 8 – VALLAGARINA E ALTOPIANO DI FOLGARIA

La neve è caduta a partire da 700 metri e nelle località in quota lo spessore è circa 30-40 cm.

E’ stata disposta la chiusura stagionale delle seguenti strade:

Sp 3 del Monte Baldo da loc. san Valentino al confine con la provincia di Verona;

Sp 138 del Passo della Borcola dal km 5 a monte di loc. Incapo.

Strade sett. 5 – VAL DI NON E SOLE

La nevicata, ora esaurita, ha interessato l’intera val di Sole, la media e l’alta Val di Non (a quote superiori a 500-600 metri).

Da ieri è in vigore il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della S.S. 42 tra Fucine e Passo Tonale.

E’ stata riaperta la S.P. 141 di Bolentina.

Nelle zone boscate a quota tra 900 e 1200 metri, sono state eseguite verifiche ed interventi puntuali per la messa in sicurezza degli alberi di alto fusto prossimi alla sede stradale, carichi di neve.

Da ieri sera sono caduti circa 70 cm a Passo Tonale; 50 cm a Passo Campo Carlo Magno, 40 cm a Passo Mendola, 20-30 cm a quota 1000 metri.

Strade sett. 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

La nevicata ha interessato gran parte della val Rendena e le valli Giudicarie a quote superiori ai 600 -700 metri.

Tutte le strade risultano percorribili.

Da ieri sera sono caduti circa 50 cm a M. di Campiglio.

Strade sett. 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA 

La nevicata ha interessato la Valle dei Laghi, la Val di Ledro, la Val di Gresta e la Valle di Cavedine a quote superiori a 700-800 metri.

Si misurano fino a 60 cm di neve fresca in loc. Viote del M. Bondone, 20 cm sui Passi Bordala e S. Barbara.

Al momento non si segnalano particolari criticità lungo le strade del settore.

Strade sett. 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Non si registrano particolari disagi alla viabilità. Passo Rolle 40 cm di neve, Passo Brocon 15 cm di neve.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Si rammenta la chiusura stagionale della S.P.31 del Passo Manghen da località Baessa (km  15+500) a località Piazzol a Molina di Fiemme, nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 38+520).

Strade sett. 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Neve sui passi circa 60 cm, nelle valli ai 25-30 cm.

Chiuso il Passo Pordoi in territorio bellunese e passo Sella nella provincia di Bolzano, entrambi raggiungibili dal territorio trentino.

Chiuso il passo Fedaia nel tratto ricompreso tra il confine di provincia e la località Diga (km 11+500) per pericolo valanghe. Le stazioni turistiche presenti al passo sul territorio trentino sono comunque raggiungibili da Canazei. Chiusa la SP 102 delle Piramidi per pericolo caduta massi. Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Maltempo in Trentino: la situazione e gli aggiornamenti della viabilità

Pubblicato

-

Le precipitazioni che dalla serata di ieri hanno interessato l’intero territorio provinciale hanno assunto carattere nevoso a quote superiori a 600-700 metri.

La nevicata in esaurimento nelle zone occidentali, del Trentino, si sta attenuando anche nelle vallate orientali.

Al momento si registra la chiusura per neve, per pericolo valanghe o per alberi instabili vicino alla sede stradale, di alcune tratte stradali nelle zone di alta montagna o in prossimità dei passi.

Pubblicità
Pubblicità

Si raccomanda di viaggiare con prudenza e di prestare attenzione nella guida per possibili tratti ghiacciati, in considerazione delle temperature relativamente rigide, soprattutto nelle zone a quote superiori a 700 – 1000 metri, dove sono in attività i mezzi per lo sgombero neve per completare la pulizia delle strade e l’allargamento della carreggiata anche con l’impiego di frese o turbine da neve.

Strade sett. 1 – ALTA VALSUGANA

Anche in questa zona le nevicate sono state oltre i 700 m, raggiungendo in quota 30-40 cm.

E’ chiusa la SP 224 del Passo Redebus nel comune di Bedollo, per pericolo caduta piante.

Pubblicità
Pubblicità

Strade sett. 4 – TRENTO – MONTE BONDONE – PAGANELLA

La neve è caduta a monte di loc. Candriai. In loc Viote si registrano circa 50 cm di neve.

Sono chiuse, per pericolo caduta piante:

la SP 25 di Garniga da Garniga Vecchia a loc. Viote;

la SP 64 di Fai da loc. Santel ad Andalo.

Strade sett. 8 – VALLAGARINA E ALTOPIANO DI FOLGARIA

La neve è caduta a partire da 700 m e nelle località in quota lo spessore è circa 30-40 cm.

E’ stata disposta la chiusura stagionale delle seguenti strade:

Sp 3 del Monte Baldo da loc. san Valentino al confine con la provincia di Verona;

Sp 138 del Passo della Borcola dal km 5 a monte di loc. Incapo.

Strade sett. 5 – VAL DI NON E SOLE

La nevicata ha interessato l’intera val di Sole, la media e l’alta Val di Non (a quote superiori a 500-600 metri).

Dalla mattina di oggi è attivo il presidio di Presson in comune di Dimaro Folgarida lungo la S.S. 42, per il controllo che i veicoli in transito lungo le strade dell’Alta val di Sole siano equipaggiate con attrezzatura invernale (pneumatici da neve o catene montate).

Da ieri è in vigore il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della S.S. 42 tra Fucine e P. Tonale.

Al momento è chiusa, per consentire la messa in sicurezza dal pericolo di caduta piante, la S.P. 141 di Bolentina.

Nelle zone boscate a quota tra 900 e 1200 m, sono in corso verifiche ed interventi puntuali per la messa in sicurezza gli alberi di alto fusto prossimi alla sede stradale, carichi di neve.

Da ieri sera sono caduti circa 70 cm a Passo Tonale; 50 cm a Passo Campo Carlo Magno, 40 cm a Passo Mendola, 20-30 cm a quota 1000 m.

Strade sett. 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

La nevicata ha interessato gran parte della val Rendena e le valli Giudicarie a quote superiori ai 600 -700 metri.

Non si registrano problemi alla viabilità.

Da ieri sera sono caduti circa 50 cm a M. di Campiglio.

Al momento sono ancora in azione i mezzi per lo sgombero neve a quote superiori a circa 1000 metri e, nella zona di M. di Campiglio anche le frese per completare l’allargamento della carreggiata.

Strade sett. 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA

La nevicata ha interessato la valle dei Laghi, la val di Ledro, la val di Gresta e la valle di Cavedine a quote superiori a 700-800 metri.

Nelle prime ore del mattino si è registrata la temporanea chiusura della S.P. 85 del Bondone a monte di Lagolo, per la caduta di rami o alberi piegati dal peso della neve.

Si misurano fino a 60 cm di neve fresca in loc. Viote del Bondone, 20 cm sui Passi Bordala e S. Barbara.

Al momento non si segnalano particolari criticità lungo le strade del settore.

Strade sett. 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Non si registrano particolari disagi alla viabilità. Passo Rolle 40 cm di neve, Passo Brocon 15 cm di neve.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Si rammenta la chiusura stagionale della S.P.31 del Passo Manghen da località Baessa (km 15+500) a località Piazzol a Molina di Fiemme nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 38+520).

Strade sett. 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Neve sui passi circa 60 cm, nelle valli ai 25-30 cm.

Chiuso il Passo Pordoi in territorio bellunese e passo Sella nella provincia di Bolzano, entrambi raggiungibili dal territorio trentino.

Chiuso il passo Fedaia nel tratto ricompreso tra il confine di provincia e la località Diga (km 11+500) per pericolo valanghe. Le stazioni turistiche presenti al passo sul territorio trentino sono comunque raggiungibili da Canazei.

Chiusa la SP 102 delle piramidi per pericolo caduta massi.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza