Pedoni e ciclisti indisciplinati sulle tangenziali e sulle autostrade
Connect with us
Pubblicità

Trento

Pedoni e biciclette in tangenziale a Trento. Un pericolo in più per gli automobilisti

Pubblicato

-

Sono sempre di più le segnalazioni di pedoni in gruppi e ciclisti in tangenziale  a Trento che scavalcano il guardrail.

Non fanno scalpore come il giovane africano sorpreso in bici in autostrada qualche tempo fa e scortato dalla polizia stradale ma il comportamento dei ciclisti e pedoni che intralciano la circolazione in tangenziale a Trento non solo è irrispettoso e pericoloso ma contro la legge.

È vietato infatti ai pedoni sostare o indugiare sulla carreggiata, salvo i casi di necessità; I pedoni che si accingono ad attraversare la carreggiata in zona sprovvista di attraversamenti pedonali devono dare la precedenza ai conducenti. Cosi recita l’art 190 del nostro Codice della Strada se non bastasse per qualcuno il buon senso.

Pubblicità
Pubblicità

Sono giunte varie segnalazioni da parte di automobilisti preoccupati che a Trento percorrendo la tangenziale hanno notato con frequenza la presenza di gruppi di pedoni e ciclisti in tangenziale, specie in ore notturne.

Persone che camminano invadendo la corsia destinata alle vetture e tentano anche l’attraversamento.

E’ stata notata perfino la presenza di mamme con neonati in braccio.

E’ vero quindi che la mamma è sempre la mamma ma le mamme cosi non sempre hanno ragione! in particolare se girano dove è vietato con neonati e di notte passeggiando sulla tangenziale o in bicicletta senza i previsti mezzi di visibilità luminosa.

Sono un pericolo per loro stessi e per gli automobilisti.

Anche in questi giorni la sera si sono potuti notare pedoni oltre che vicino al ponte di Ravina (probabilmente ospiti della Residenza Fersina) anche sulla tangenziale tra motorizzazione e uscita fronte centro raccolta – smaltimento rifiuti direzione sud.

Noncuranti delle segnalazioni acustiche e ” sfanalate” dei conducenti delle vetture ponevano in essere comportamenti pericolosi e gravi.

Alcuni di questi vestiti di nero e dalla carnagione scura di notte sono effettivamente meno visibili, anche in gruppi, a volte  con la presenza di minori e bambini in tenera età attraversavano addirittura la barriera anti traffico.

Altri muniti di velocipedi senza alcuna segnalazione luminosa in spregio del valore della vita e della salute percorrevano la carreggiata invadendo la parte riservata alle autovetture.

Sempre più incoscienti i pedoni si dimenticano che  il codice della strada prevede che debbano stare sui marciapiedi, sulle banchine, sui viali e sugli altri spazi per essi predisposti; qualora questi manchino, siano ingombri, interrotti o insufficienti, devono procedere sul margine della carreggiata opposto al senso di marcia dei veicoli in modo da causare il minimo intralcio possibile alla circolazione.

Pedoni e ciclisti per abbreviare il proprio tragitto incuranti del rispetto della civile convivenza creano notevoli disagi e mettono a rischio la loro stessa ed altrui incolumità.

Tra il Guardrail  e la linea continua di delimitazione della corsia non vi è fisicamente lo spazio per un pedone, figuriamoci per gruppetti muniti di biciclette.

La sicurezza è un valore primario, a tutela della salute, ed è bene che tutti la rispettino, anche chi non ha la patente o viene da altri paesi non può esimersi dal rispetto della legge.

Fuori dei centri abitati i pedoni hanno l’obbligo di circolare in senso opposto a quello di marcia dei veicoli sulle carreggiate a due sensi di marcia e sul margine destro rispetto alla direzione di marcia dei veicoli quando si tratti di carreggiata a senso unico di circolazione.

Da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere, ai pedoni che circolano sulla carreggiata di strade esterne ai centri abitati, prive di illuminazione pubblica, e’ fatto obbligo di marciare su unica fila.

L’ amministrazione ha correttamente posizionato anche cartellonistica di divieto di transito per le biciclette a rimarcare la tipologia di strada ma per alcuni utenti la tangenziale è una passeggiata.

Se redarguiti a volte si sentono perfino offesi e diventano aggressivi, si può comprendere alcune difficoltà linguistiche e di inserimento nella nostra società ma non fino a questo punto.

Già in passato inoltre la Cassazione aveva affermato tre importanti principi  che regolano l’ investimento di pedoni:

«(a) il pedone può essere ritenuto responsabile esclusivo del sinistro soltanto quando si pari improvvisamente ed imprevedibilmente dinanzi a traiettoria del veicolo;

(b) la violazione di una regola di condotta da parte del pedone non è di per sé sufficiente a ritenere la colpa esclusiva di quest’ultimo;

(c) la violazione di una regola di condotta da parte del pedone è però sufficiente a ritenere un concorso di colpa del pedone stesso nel provocare il sinistro».

L’art. 182 C.d.S. prevede anche norme spesso sconosciuti ai ciclisti sulla circolazione dei velocipedi:

I ciclisti devono procedere su unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano, devono avere libero l’uso delle braccia e delle mani e reggere il manubrio almeno con una mano e rispettare tutta la segnaletica verticale ed orizzontale. I ciclisti inoltre devono condurre il veicolo a mano quando, per le condizioni della circolazione, siano di intralcio o di pericolo per i pedoni.

Gli automobilisti non possono essere infatti gli unici ad essere costantemente discriminati o sempre essere i soli ad essere definiti pirati, anche i pedoni e ciclisti hanno degli obblighi. La pirateria stradale è una condotta che non valuta il solo mezzo. Sulle strade prestiamo tutti attenzione! non lo dimentichiamo.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]
  • Arriva il caldo: è tempo di bevande e cibi detox in vista dell’estate
    Dopo due mesi di pizze, focacce e torte, è tempo di rimettersi in forma in vista dell’estate. Questo, non solo perché è “bello” essere in forma ed avere un bel fisico da sfoggiare, ma anche perché seguire un’alimentazione corretta ed uno stile di vita sano sono fondamentali per mantenere al meglio il nostro corpo e […]
  • Bonus vacanze 2020: i dettagli del bonus fino a 500 euro da spendere per le ferie italiane
    Mentre si iniziano a intravedere le prime aperture di stabilimenti balneari e spiagge, l’incognita vacanza è ancora viva su tutto il territorio italiano, insieme alle riaperture delle strutture ricettive, le limitazioni agli spostamenti tra Regioni e l’ormai noto bonus vacanze per le famiglie. Non è fatto nuovo che tra le ultimissime novità varate dal Governo […]
  • Ristrutturare casa a costo zero: Detrazioni fino al 110% grazie al nuovo Ecobonus
    In questo momento di grave crisi sociale ed economica causata dall’arrivo dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, è stato più volte immaginato e sospettato un’eventuale e inevitabile shock per gli investimenti privati ma sopratutto per il settore dell’edilizia. Per questo motivo, il Governo italiano con il recente Decreto Rilancio varato 13 maggio 2020 ha messo sul […]
  • Cena in serra: da Amsterdam la soluzione originale, romantica e perfetta per cenare in sicurezza
    L’attuale emergenza sanitaria che sta coinvolgendo il mondo intero e la magica atmosfera di una cena romantica sono unite da un filo sottilissimo che passa dall’obbligo del distanziamento sociale, previsto per evitare il rischio di contagio da Covid – 19. In questo caso la misura è stata perfettamente reinventata e sfruttata per dedicare alle coppie […]

Categorie

di tendenza