Connect with us
Pubblicità

Trento

Vallesinella: lavori sul Sentiero delle Cascate Alte

Pubblicato

-

Il Parco Adamello Brenta sta per iniziare importanti interventi di manutenzione sul Sentiero delle Cascate Alte di Vallesinella.

Per questo, è stata emessa un’ordinanza di chiusura al transito pedonale del sentiero. La raggiungibili dell’alta valle e dei rifugi non sarà comunque preclusa.

La Vallesinella sarà nei prossimi giorni interessata da lavori e chiusure di alcuni sentieri che, tuttavia, non precluderanno la raggiungibilità dell’alta valle e dei rifugi. A causa dei forti danni causati dalla tempesta Vaia, in attesa delle condizioni per iniziare il ripristino, rimangono chiusi il Sentiero dell’Orso e il Sentiero dell’Arciduca.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, con ordinanza del Comune di Tre Ville su richiesta del Parco, è stato interdetto al transito pedonale il Sentiero delle Cascate Alte. Su questo tratto, infatti, sarà effettuato un importante intervento di manutenzione per un suo adeguamento e la sua messa in sicurezza.

La neve e le condizioni meteorologiche non hanno permesso fino ad ora l’apertura del cantiere quindi, in via precauzionale l’ordinanza è stata emessa fino al 20 luglio, ma la previsione è quella di rendere il sentiero percorribile ben prima di tale data.

Le attuali passerelle in legno in salita verso Vallesinella alta, grazie alle quali si possono raggiungere, o addirittura attraversare, le cascate, furono realizzate dal Parco nel 1996 e ora presentano diversi punti di marcescenza. Inoltre, il fondo del sentiero è in diversi passaggi malagevole e invaso dalle radici degli alberi.

Le passerelle saranno rifatte integralmente in larice al naturale, dalle travi portanti a ogni componente.

Pubblicità
Pubblicità

Saranno rifatte le staccionate rovinate e saranno posizionate nuove protezioni nei punti più pericolosi.

Saranno realizzati dei gradini in legno o in pietra, con i relativi corrimano, per superare tratti impervi mentre alcune passerelle, scale e gradini marcescenti saranno sostituiti. Saranno realizzati dei sistemi di drenaggio e stesi stabilizzati per colmare buche o coprire radici.

Verranno prolungate alcune staccionate per chiudere passaggi critici verso il fiume o verso il bosco e si intaglieranno dei gradini nelle rocce che possono diventare scivolose.

Il progetto è stato elaborato dall’Ufficio Tecnico Ambientale del Parco, che ne seguirà anche la Direzione lavori.

L’importo complessivo di 95.000 euro è stato coperto anche con un consistente contributo del Servizio Turismo della Provincia autonoma di Trento.

Sabato 15 giugno il Parco darà inizio anche alla gestione della viabilità e dei parcheggi in Val Genova e in Vallesinella.

In Val Genova i parcheggi saranno a pagamento tutti i giorni fino al 15 settembre dalle 8.00 alle 17.00 e saranno aperti anche i punti info “Ponte Verde” (solo nei weekend) e “Ponte Rosso” (tutti i giorni). La Casa del Parco Geopark a Carisolo sarà aperta per ora nei weekend mentre dal 2 luglio all’8 settembre tutti i giorni.

In Vallesinella il parcheggio sarà a pagamento tutti i giorni da sabato fino al 15 settembre, dalle 6.30 fino alle 18.30 (fino al 22 giugno con orario ridotto 7.00 – 16.00).

Il servizio di trasporto pubblico, in collaborazione con i Comuni di Pinzolo, Strembo, Tre Ville e le Regole di Spinale e Manèz, prenderà avvio sabato 22 giugno in Vallesinella con il bus navetta Fortini – Campiglio – Vallesinella mentre in Val Genova sabato 29 giugno con il Val Genova Express da Campiglio a Malga Bedole e il Trenino Pinzolo – Ponte Verde.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Investita da un’auto in centro a Cles: grave bimba di 7 anni

Pubblicato

-

Grave incidente questa mattina poco prima delle 8 a Cles dove una bambina di 7 anni è stata investita da un’auto mentre attraversava sulle strisce pedonali.

Il fatto è avvenuto in via Degasperi: l’auto, guidata da un uomo di Revò, è sopraggiunta a velocità sostenuta centrando in pieno la piccola che è stata sbalzata a qualche metro.

Sul posto gli agenti della Polizia locale per i rilievi e l’elicottero dei vigili del fuoco che ha elitrasportato la bimba all’ospedale Santa Chiara di Trento.

PubblicitàPubblicità

A fare chiarezza sulla dinamica dell’accaduto saranno ora di aiuto anche i filmati delle telecamere installate in zona.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

“I due Foscari” al Festival Verdi di Parma: Stefan Pop, un Pavarotti in paradiso?

Pubblicato

-

Parliamo subito del tenore Stefan Pop: la sua presenza in scena è sempre altruistica e leggiadra (so quel che scrivo, l’arte cambia i connotati). L’ho visto sempre bravissimo, anche quando era perplesso, da ultimo come Jacopo Foscari al Festival Verdi 2019, e sapete perché? Lui canta per noi, dal suo vero cuore e, per farlo, deve cantare per i suoi colleghi di scena: Stefan è Achille, grande professionista al servizio degli Achei, prima che della vittoria su Troia, che è la seconda cosa che gl’importa. Un vero primouomo, mai primadonna.

E Troia siamo noi, che l’ascoltiamo, e ci conquista con l’intelligenza della sua presenza scenica individuale e integrata. Per questo sosteniamo Stefan Pop: perché, magari rinunciando a qualche personalismo da star, lui è “l’opera”, cioè l’impresa, d’intrattenere ad alti livelli in squadra complessa, che richiede tanta flessibilità e comprensione reciproca tra gli artisti e tra le arti…

Quante, le arti comprese nell’Opera! Pensate: Musica, e di Verdi e Arrivabene il 6 ottobre non si discute; Canto lirico, ed erano grandi i cantanti ne “I due Foscari”; Regia teatrale, bravissimo il non-mio-amore Muscato; Costumi, impeccabili; Scenografia, geniale, con un cerchio in mezzo al palcoscenico che dona continuità e magia alla messinscena, da fare invidia ad altri “cerchi magici”; Letteratura (testi e libretto) di ottima drammaturgia, cioè Byron e un lucido Francesco Maria Piave.

Pubblicità
Pubblicità

Ma fatemi riparlare di Stefan Pop, perché è il caso di fare il punto sulla fase di maturazione di questa splendida realtà del canto lirico contemporaneo: con il suo sano modo di stare in scena, Stefan lavora benissimo in squadre di smaliziati professionisti, che non hanno nessuno da incantare perché hanno già incantato l’incantabile col canto loro (sembra uno scioglilingua), niente da dimostrare più salvo il nostro piacere di uno spettacolo elevato.

E allora eccolo brillante accanto a Stoyanov (in grandissima forma canora e teatrale), Katzarava e Prestia, tutti bravi come gli altri, come il coro e il direttore d’orchestra Arrivabeni, che non deve fare le fatiche di Ivan Campa in Nabucco per “Ricci e capricci”. Questo “gioco di squadra” è una condizione magistrale dell’opera lirica, del teatro musicale: quanto meno i componenti della squadra (anche singolarmente eccellenti) combinano, tanto più il risultato è a rischio. Perché infatti scrivo che Pop è primouomo e non primadonna: perché non sentendosi star, ma essendo spesso il punto di riferimento dello spettacolo, come accade frequentemente al tenore nell’opera lirica, insieme al soprano, si fonde nell’opera e lascia spazio agli altri fattori e artisti. È già capitato, recentemente, sempre sul palco del Regio in un bel Rigoletto con Leo Nucci che si ritirava dalle scene, anche se lo abbiamo rivisto poi più volte e con piacere, anche al Gala Verdidi quest’anno in ottima forma: il bravo Pop lasciò a Nucci tutto lo spazio che meritava una ricorrenza del genere, per un grande come lui.

Mai avremmo potuto chiedere altrettanto a Pavarotti, che era un leone di indole e anche di comportamento, e i registi sanno che cosa significa: l’opera girava intorno a lui, era lui il sole e tutto il resto erano elementi orbitanti. Che importa se la sua luce e il suo calore li bruciavano, come all’inferno… Invece dove c’è Pop, c’è armonia, l’opera (I Due Foscari) appare equilibrata e apollinea e tutti hanno la loro vera e meritata gloria, sotto una regia equilibrata e sapiente.

La voce è buona anzi ottima, ancora un poco di coraggio e davvero Pop, nel dolce gravitare dei sistemi operistici di cui è parte, figurerà ai posteri come un Pavarotti in Paradiso

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Trentino-Giappone: missione commerciale nella terza potenza economica al mondo

Pubblicato

-

Tra le maggiori potenze economiche al mondo e leader tecnologico, il Giappone è un paese di grande interesse commerciale per l’Italia e il Trentino.

L’elevata capacità di spesa della popolazione e la ricerca di fornitori di eccellenza premiano i prodotti di qualità.

Per questi fattori, cui si somma un nuovo accordo commerciale stipulato con l’Unione Europea che facilita l’interscambio verso questo Paese, Trentino Sviluppo d’intesa con la Provincia autonoma di Trento ha scelto di organizzare una missione commerciale dal 14 al 17 gennaio 2020.

PubblicitàPubblicità

Il termine per presentare la manifestazione di interesse scade il prossimo 24 ottobre.

L’opportunità è rivolta alle imprese con sede legale e operativa in provincia di Trento e attive in diversi settori ed in particolare quelli della meccanica/meccatronica, alimentare e smart building.

La missione sarà preceduta da un’analisi e una preparazione personalizzata e prevede il coinvolgimento delle imprese in incontri di business con potenziali partner e compratori giapponesi attivi nei settori più affini alla propria attività. Tutte le informazioni sono consultabili sul sito trentinosviluppo.it.

Il Giappone è la terza potenza al mondo in termini di PIL, dietro a Stati Uniti e Cina. L’interscambio con l’Italia è intenso ed è incrementato sempre più negli ultimi vent’anni. Per quanto riguarda il Trentino nello specifico, il Giappone rappresenta il ventottesimo Paese per quanto riguarda le vendite internazionali. Il valore dei beni trentini esportati in Giappone supera i 26 milioni di euro.

Pubblicità
Pubblicità

I prodotti di punta sono le parti e gli accessori per autoveicoli e i macchinari per impiego generale, ma significative sono anche le vendite per quanto riguarda le bevande e gli articoli di abbigliamento. Di particolare rilevanza è poi l’introduzione, dal primo febbraio 2019, di un nuovo accordo commerciale di partenariato tra Unione Europea e Giappone che consente di eliminare il 90% dei dazi doganali in un’area di libero scambio che rappresenta circa un terzo del PIL mondiale e 635 milioni di abitanti.

Trentino Sviluppo promuove, in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento, una missione commerciale dedicata al Giappone, rivolta ad una decina di imprese trentine interessate a intessere relazioni commerciali con il Paese nipponico. La possibilità di presentare le manifestazioni di interesse è stata estesa fino al 24 ottobre.

L’opportunità è rivolta alle aziende attive in determinate categorie merceologiche, indicate nell’apposito bando, e attinenti, in particolare, agli ambiti: meccanica e meccatronica, alimentare e sistema casa. Le attività, per le imprese che aderiranno, comprendono una completa preparazione, con analisi di mercato, affinamento del profilo aziendale e individuazione dei possibili partner.

Nel corso della missione sono in programma incontri B2B con operatori economici giapponesi, la predisposizione di agende personalizzate e il supporto da parte del personale di Trentino Sviluppo.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza