Connect with us
Pubblicità

Trento

Il valzer dei parroci in Trentino. Le nomine dell’arcivescovo Lauro Tisi

Pubblicato

-


Resi noti ieri dalla Diocesi Trentina i cambiamenti relativi alle parrocchie del Trentino. che diventeranno esecutivi nell’ottobre del 2019 

Si conferma ormai il sistema di riorganizzazione della Diocesi trentina che prevede in capo ad un solo parroco numerose «parrocchie»

Don Francesco Scarin si interscambia con Don Rolando Covi e diventa il nuovo parroco di Arco e San Giorgio, mentre don Rolando Covi prende in  mano la parrocchia di Rovereto-S. Maria del Monte Carmelo, Albaredo, Camposilvano, Matassone, Obra, Parrocchia, Raossi, Riva di Vallarsa, Sant’Anna, Valmorbia.

Pubblicità
Pubblicità

Il rettore del Seminario diocesano Tiziano Telch diventa anche delegato vescovile dell’Area annuncio e sacramenti

In arrivo da Besenello e Calliano in Bassa Valsugana si trasferirà don Roberto Ghetta che sarà parroco di Borgo Valsugana, Olle, Castelnuovo, Telve, Telve di Sopra, Carzano, Torcegno, mentre don Corrado Prandi prenderà il suo posto.

La parrocchia di Povo, sarà sostituito  da Padre Giorgio Favero , che rimane parroco di Villazzano.

Alla parrocchia di Ala, Chizzola, Pilcante, Santa Margherita, Serravalle andrà don Alessio Pellegrin , che lascia Denno, Campodenno, Cunevo, Dercolo, Flavon, Lover, Quetta, Sporminore, Termon, Terres, Toss, Vigo di Ton a don Daniele Armani , che è attuale vicario parrocchiale di Cles, Mechel, Nanno, Pavillo, Rallo, Tassullo, Tuenno.

Pubblicità
Pubblicità

don Giampietro Baldo, attuale parroco di Ala, Chizzola, Pilcante, Santa Margherita, Serravalle, andrà a Loppiano (Firenze).

Il missionario Fidei donum don Angelo Gonzo diventerà parroco di Civezzano, Bosco di Civezzano, Sant’Agnese, Seregnano.

L’altro missionario don Gianni Poli parroco di Ponte Arche, Balbido, Ballino, Campo Lomaso, Cares, Cavrasto, Fiavè, Godenzo-Poia, Lundo, Quadra, Rango, S. Croce del Bleggio, Vigo Lomaso, Dorsino, S. Lorenzo in Banale, Seo, Stenico, Tavodo, Villa Banale.

Infine il terzo missionario di ritorno dall’America Latina don Bruno Morandini diventa parroco di Cavedine, Calavino, Lasino, Stravino, Vigo Cavedine.

Don Bruno Tomasi da amministratore parrocchiale viene nominato parroco di Cembra, Faver, Grauno, Grumes, Lisignago, Montesover, Piazzo, Piscine, Segonzano, Sevignano, Sover, Valda.

L’attuale vicario parrocchiale di Mori, don Lorenzo Iori , sarà il nuovo incaricato per la pastorale giovanile della zona di Trento.

Dovranno lavorare per una parrocchia in più don Paolo Devigili (parroco di Vezzano, Fraveggio, Padergnone, Pergolese, Pietramurata, Ranzo, S. Massenza, Sarche e dall’autunno prossimo pure di Terlago e Covelo) e don Albino Dell’Eva (parroco Cavalese, Capriana, Carano, Casatta, Castello di Fiemme, Daiano, Masi di Cavalese, Molina di Fiemme, Montalbiano, Varena e fra qualche mese anche di Tesero, nella foto).

Entrano come nuovi collaboratori pastorali don Stefano Granello in Fiemme, don Luigi Benedetti in valle di Cavedine (dove è ora è parroco); don Guido Corradini saluterà la parrocchia di Civezzano per ricoprire l’incarico di collaboratore dell’Unità pastorale Santo Spirito (Cles).

Anno sabbatico invece per don Renzo Scaramella , che saluterà i fedeli di Telve, Telve di Sopra, Carzano e Torcegno

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Giovane della Lega aggredito dagli estremisti della sinistra

Pubblicato

-


Nuovamente in azione i «fenomeni» dell‘estrema sinistra a Trento. 

Questa volta non se la sono presa con le vetrine dei negozi e non hanno nemmeno rovinato i muri della città, il tutto naturalmente fatto come al solito coperti dai passamontagna.

Mercoledì se la sono presa con un giovane militante della Lega, studente universitario.

Pubblicità
Pubblicità

5 persone appartenenti a gruppi dell’estrema sinistra hanno aggredito il giovane leghista prima con le minacce e gli insulti e poi sono passati alle vie di fatto aggredendolo. 

A rendere nota la cosa è stato il coordinatore Leonardelli che ha diffuso sulla pagina facebook della Lega Giovani questo messaggio:

«Mercoledì sera in via Verdi a Trento un nostro giovane militante è stato aggredito da 5 persone appartenenti a gruppi dell’estrema sinistra che hanno accusato nelle ultime settimane la Lega di essersi associata con degli squadristi. Ci dobbiamo domandare ora chi siano gli squadristi, quelli che manifestano per la libertà di espressione o quelli che aggrediscono militanti di un partito libero e pacifico? Non ci resta che esprimere rammarico e aspettarci un netto intervento del rettorato, che deve limitare le azioni violente e criminali di gruppi antagonisti e garantire la sicurezza degli studenti. Ringraziamo il consueto pronto intervento dei carabinieri, Il nostro militante fortunatamente non ha riscontrato lesioni. È questa l’università che vogliamo avere a Trento? Bisogna agire subito! Non ci faremo intimidire, noi ci siamo!»

Fra i commenti sotto il post un commento laconico: «I soliti che accusano gli altri di fascismo» e un invito: «Che si faccia un po’ di pulizia della monnezza che c’è in giro cominciando a fare dei bei controlli sanitari e antidroga in alcuni locali del centro storico frequentati da questi illuminati estremisti di sinistra»

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Il presidente Fugatti ha visitato le zone più colpite dal maltempo

Pubblicato

-


Dopo aver presieduto il vertice della Protezione civile a Trento, il presidente Maurizio Fugatti si è recato, nel primo pomeriggio, accompagnato dal dirigente generale, Gianfranco Cesarini Sforza e da Giancarlo Anderle dirigente del Servizio gestione strade, in visita ad alcune delle zone più colpite dal maltempo di ieri, al fine di visionare i lavori sulle strade e per lo sgombero degli alberi caduti.

Prima in Val di Fassa, dove è stato incontrato l’ispettore dei Vigili del fuoco volontari Giancarlo Pederiva.

Poi in Val di Non, a Fondo, dove si è fatto il punto dei danni con l’ispettore Corrado Asson ed il sindaco di Ruffrè-Mendola, Donato Sepp<

PubblicitàPubblicità

Infine a Rumo, dove si è svolto l’incontro con l’ispettore Raffele Michelet e il sindaco Michela Noletti.

Qui è stato fatto un sopralluogo aereo della zona, per verificare la situazione della strada per Bresimo, tutto’ora interrotta.

“Ringrazio gli uomini del sistema della Protezione civile del Trentino, i volontari, i tecnici e gli amministratori dei comuni per quanto stanno facendo – ha detto al termine il presidente Fugatti. Come sempre, in queste situazioni, dimostrano le loro capacità, la passione e la professionalità che mettono nel loro lavoro al servizio della comunità”

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Contrabbando: in 10 mesi sequestrati 24 tonnellate di carburanti e lubrificanti e 28 mila litri di prodotti alcolici.

Pubblicato

-


La Guardia di Finanza riserva un’attenzione particolare al controllo del flusso veicolare, soprattutto di mezzi pesanti, in transito sulle principali vie di comunicazione che collegano l’Italia al resto d’Europa.

Per la sua connotazione di asse di collegamento tra l’Italia ed il resto d’Europa  il corridoio del Brennero si presta, anche, a costituire una delle principali rotte utilizzate dai trafficanti, per introdurre nel territorio nazionale le più svariate tipologie di merci illegali.

Nelle ultime 48 ore è stato, quindi, attuato uno specifico “Dispositivo di contrasto ai traffici illeciti”, che ha visto dispiegati, con pattuglie automontate, 61 finanzieri dei Comandi Provinciali di Trento e di Bolzano, che hanno operato, presso la barriera di Vipiteno, in ingresso Stato, nonché presso gli autoporti, interporti ed aree di sosta, con servizi di pattugliamento e perlustrazione, sottoponendo a controllo 105 automezzi ed identificando 123 persone.

Pubblicità
Pubblicità

Nei primi 10 mesi del corrente anno, proprio grazie alle mirate indagini ed al costante monitoraggio del territorio e del traffico commerciale, lungo le principali arterie stradali e ferroviarie, i Reparti del Trentino Alto Adige hanno sequestrato, nel solo settore delle accise, oltre 24 tonnellate di carburanti e lubrificanti e circa 28 mila litri di prodotti alcolici, con la denuncia di 12 responsabili, nonché intercettato movimentazioni transfrontaliere di contanti non dichiarati per diverse centinaia di migliaia di euro, sottraendo alle organizzazioni criminali anche 15 automezzi, utilizzati per trasportare generi illegali.

Sempre più insidiosi i sistemi di frode adottati dai “contrabbandieri”, in particolare, di carburanti. In uno dei casi scoperti, infatti, era stata predisposta falsa documentazione commerciale, all’apparenza ineccepibile, che attestava trattarsi di un trasporto di lubrificanti provenienti dalla Germania.

Dagli accertamenti esperiti, nell’immediato, dalla pattuglia operante, però, emergeva che la presunta impresa destinataria, pur realmente esistente, non avesse mai effettuato un tale ordine e che le migliaia di litri di prodotto trasportati fossero, in realtà, gasolio miscelato con infinitesimali quantitativi di oli lubrificanti, destinato ad essere commercializzato “in nero” sul territorio nazionale.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre a reprimere un illecito traffico, in questo modo, è stata evitata l’immissione sul mercato di carburanti di dubbia qualità, fonte di potenziali rischi per i consumatori finali e di ingentissimi guadagni per la criminalità organizzata.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza