Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Trentino, elezioni 2020: è possibile un nuovo centro sinistra moderato? – di Paolo Farinati

Pubblicato

-

Se all’esito delle elezioni europee dello scorso 26 maggio, che hanno visto affermarsi a livello continentale in maniera significativa i partiti fedeli all’Europa, seppur da correggere negli obiettivi e nelle politiche, aggiungiamo la quotidiana litigiosità di chi oggi governa la nostra Italia, il nostro pensiero va subito ad ipotizzare una crisi dell’attuale maggioranza M5S e Lega.

La naturale conseguenza sarebbe la nomina di un governo tecnico, che porti noi italiani a nuove elezioni politiche prevedibilmente in autunno.

Stando così le cose, forse questo sarebbe il male minore e la prospettiva più giusta e più democratica.

Pubblicità
Pubblicità

Ma con quale possibile alternativa ?

Qui lo schema europeo, Popolari, PSE, ADLE e Verdi, può darci una grossa mano. Infatti queste forze politiche, tradotte in versione italiana, hanno in più città anche in quest’ultima domenica superato la Lega e il fronte populista, o quantomeno hanno mostrato alla nostra gente il potenziale per proporre una qualificata credibile alternativa.

Stante che la sinistra non è, e non lo è storicamente mai stata, maggioritaria in Italia, ritengo che un’ampia e ben ragionata alleanza di un centro – sinistra moderato possa tornare a vincere. Non solo, ma ritengo possa anche acquisire il consenso di almeno la metà di quel 40% di persone che hanno deciso da tempo di non recarsi più al voto. Sono altresì convinto che gli italiani, più che di continui litigi, hanno bisogno oggi più che mai di veder rifiorire una forte fiducia nazionale.

Pubblicità
Pubblicità

Questo mio ragionamento troverà interessante occasione di prova pure nelle elezioni comunali del maggio 2020, molto attese anche qui in Trentino. Pur sapendo che le elezioni locali hanno dinamiche e caratteristiche del tutto diverse e molto particolari.

Pubblicità
Pubblicità

Veniamo a ragionare, quindi, per il nostro Trentino.

Lo schema europeo, a cui affido ancora la mia riflessione, nella città di Trento alle elezioni del 26 maggio ha vinto, e non di poco: 46,5% il CS e 28% la Lega. Ma pure a Rovereto ha mostrato numeri interessanti, al fine di riportare il centro – sinistra moderato al governo della città: 43% il CS e 30% la Lega.

Numeri che sono una base importante e decisiva da cui partire.

Un progetto elettorale richiede tempo per affinarsi e per farsi apprezzare dagli elettori. Chiedo, pertanto, che chi oggi è ai vertici dei partiti di un possibile nuovo Centro Sinistra Moderato non lasci passare troppi mesi. Riconquistare la fiducia della gente vuol dire, innanzitutto, stare tra la gente, ascoltare, dialogare e proporre una visione e un progetto comunitario con intelligenza, umiltà e determinazione.

Il Trentino non deve temere una nuova inevitabile fase storica.

Deve aprirsi di più alle comunità viciniore, deve essere costantemente al fianco delle sue aziende, sollevandole anche da un’eccessiva burocrazia, deve mantenere alto il livello di qualità del suo sistema scolastica, dalle scuole elementari all’università, deve dare ad ogni sua comunità le chance che in parte si sono perse con la lunga crisi iniziata nel 2007/08.

In particolare, per Rovereto e la Vallagarina, la valle che più soffre oggi in occupazione, si devono attuare politiche e scelte che rilancino il sistema produttivo, la vera prerogativa di questo territorio.

Anche con nuove adeguate infrastrutture, che sappiano catturare l’interesse di nuovi imprenditori e facilitino l’insediamento di nuove imprese.

Istruzione e Lavoro, sono e saranno sempre i temi fondamentali per la costruzione del benessere in ogni comunità, piccola o grande che sia, e dovunque essa si trovi.

Non tergiversiamo.

La storia le opportunità ce le offre con una certa frequenza. Sta a noi coglierle. Il rischio è insito in ogni decisione, ma la non decisione è anticamera di sospetti, di sfiducia, di apatia, di indifferenza e di sicura sconfitta.

Siccome a me, da ormai vecchio sportivo, piaceva e piace sempre vincere, invito i protagonisti della politica trentina, e roveretana in particolare, all’azione. Ma che sia un’azione coinvolgente, tempestiva, determinata, coraggiosa e chiara.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Ala – Avio: prorogati i termini di iscrizione ai corsi di inglese

Pubblicato

-

Il direttivo del circolo Arci Avio-Ala ha deciso di posticipare il termine per le iscrizioni ai corsi di lingua inglese.

Le attività cominceranno dopo la metà ottobre e si concluderanno entro dicembre.

Sono proposti tre livelli: elementare (A1/A2): il martedì e il giovedì dalle ore 14.00-16.00 e dalle ore 18.00 alle 20.00. intermedio(B1/B2) : il lunedì e il giovedì dalle 20.00 alle 22.00. Avanzato (B2/C1) : il lunedì e il giovedì dalle ore 20.00 alle ore 22.00.

Pubblicità
Pubblicità

La quota di iscrizione è di 260 euro (intera), mentre quella ridotta è di 230 euro (per pensionati, disoccupati, studenti, partecipanti alle edizioni precedenti). (+10 euro di tessera Arci, obbligatoria ai fini assicurativi).

E comprende le lezioni, tutto il materiale fornito durante gli incontri e l’attestato finale.

I corsi si svolgeranno presso la sede dell’associazione, ad Ala, in via C. Battisti 5, dove adesso è attivo anche il progetto “La Piazzetta”, spazio cogestito da diverse realtà che operano sul territorio, e che propone svariate iniziative in ambito culturale, sociale e ricreativo. Per chi volesse maggiori dettagli è possibile contattare l’associazione via mail (avioala@arcideltrentino.it), al numero 347/1345946 oppure la pagina Facebook arciavioala.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

A Brentonico riprendono i corsi di lingue moderne

Pubblicato

-

Anche quest’anno il Comune di Brentonico propone i corsi di lingue moderne, ormai un’iniziativa consolidata, ma che si è deciso di potenziare.

Lo spiega l’assessore comunale alla cultura Quinto Canali: «L’iniziativa è portata avanti, storicamente, dalla biblioteca comunale e dall’assessorato. Abbiamo sempre proposto l’inglese e il tedesco, con l’inglese che è sempre il più richiesto, tanto da essere attivato anche su più livelli. Ma quest’anno abbiamo deciso di aprirci anche alle altre lingue moderne: raccoglieremo le richieste e i suggerimenti degli utenti e, se si raggiungeranno numeri ragionevoli – dunque almeno 8 persone per ogni gruppo – potremmo attivare corsi di francese, spagnolo, russo, perché no, magari anche l’arabo».

Per proporre un’offerta che potrebbe dunque essere molto più ampia del solito, il Comune ha individuato una scuola specializzata, attraverso un confronto pubblico bandito nelle scorse settimane. «Abbiamo chiesto esplicitamente – continua l’assessore – di poter attivare corsi adatti all’utenza media ma capaci, se ce ne sarà la necessità, di diventare professionalizzanti, dunque di preparare alle certificazioni di vario livello per chi ne facesse richiesta».

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta ora di vedere quante saranno le iscrizioni e in che direzione andranno.

L’apertura da parte del Comune è massima e le capacità del partner individuato sono altrettanto ampie. Entro il 31 ottobre, dunque, chiunque può chiedere informazioni o iscriversi direttamente: in biblioteca o telefonando al numero 0464-394027, 0464-395059.

I corsi si svolgeranno sempre in giorni feriali e in orario serale, a partire dalle ore 18. Ogni corso durerà 30 ore e sarà richiesto un contributo di 100 euro per ogni partecipante. L’eventuale acquisto del libro di testo sarà a carico dei partecipanti e i titoli saranno indicati dagli insegnanti. Il corso è rivolto in primo luogo ai residenti dell’Altopiano di Brentonico.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Il “bookcrossing” arriva anche ad Ala

Pubblicato

-

Il bookcrossing è una forma di libero scambio di libri, in luoghi pubblici o comunque accessibili a tutti.

Si può lasciare un libro che per vari motivi non si usa più, e prenderne uno che desta interesse o curiosità: il tutto liberamente, senza obblighi e sempre gratis.

Questa forma di libero scambio di libri è diffusa da tempo, più di recente alcune amministrazioni pubbliche e biblioteche in Vallagarina hanno cominciato ad adottarla e promuoverla.

Pubblicità
Pubblicità

Anche Ala non è da meno: in questi giorni il Comune ha aperto un avviso pubblico per manifestazioni d interesse. Al progetto collabora la biblioteca comunale. L’obiettivo è aprire nei prossimi mesi alcuni punti di bookcrossing, sia all’aperto che al chiuso, sempre in luoghi pubblici, sia ad Ala che nelle frazioni.

Ci sono tre modi per proporsi. Ci si può dichiarare disponibili a realizzare uno scaffale o una casetta per i libri; attivare un punto per il bookcrossing (casetta o scaffale) suggerendo il luogo o anche proporsi per gestire per un certo periodo un sito di bookcrossing.

In alcuni casi queste proposte possono rientrare nel programma dei beni comuni del Comune, avendo così la possibilità per farsi riconoscere delle spese sostenute. Qualche proposta è già pervenuta.

Pubblicità
Pubblicità

Il Comune ha anche ricevuto due progetti per una casetta e uno scaffale, realizzati dagli studenti dell’istituto d’arte Vittoria di Trento. La biblioteca comunale di Ala parteciperà al progetto, mettendo a disposizione dei libri. Per proporsi o partecipare al progetto c’è un modulo da compilare, si trova un Comune ed in biblioteca, o sul sito www.comune.ala.tn.it; le manifestazioni di interesse vanno consegnate entro le 12 di venerdì 18 ottobre

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza