Connect with us
Pubblicità

Trento

Scienze della vita, per la prima volta il Trentino si presenta a Bio Philadelphia

Pubblicato

-

Per la prima volta il sistema trentino della ricerca e dell’innovazione ha partecipato al più importante evento mondiale dedicato alle scienze della vita, che si è tenuto dal 3 al 6 giugno a Philadelphia, negli Stati Uniti.

Attraverso la collaborazione tra Trentino Sviluppo, Hub Innovazione Trentino-HIT e Provincia autonoma di Trento è stato realizzato un articolato programma di attività finalizzato a promuovere l’emergente ecosistema del biotech trentino che accanto a CIBIO.

Il Centro di Biologia Molecolare dell’Università di Trento, principale protagonista della missione di promozione negli USA vede un numero crescente di piccole imprese e start up attive in questo settore di frontiera.

PubblicitàPubblicità

Tra gli obiettivi primari dell’iniziativa, quello di promuovere l’attrazione in Trentino di attività, competenze e investimenti internazionali nonché valorizzare le opportunità di partnership strategiche sul piano commerciale, industriale e scientifico-tecnologico sul mercato nordamericano ed europeo.

Una presenza indispensabile da parte del nostro territorio, ed una partecipazione attiva e diretta, con incontri d’affari, uno stand organizzato all’interno del Padiglione Italia – curato da ICE, l’Agenzia Italiana per il Commercio estero – e molte altre attività di business promotion per l’intera durata della Convention.

la città della Pennsylvania, ricca di luoghi e simboli legati alla rivoluzione per l’indipendenza americana, ma sviluppatasi anche come fulcro internazionale per il settore scientifico e medico, ha ospitato lo straordinario evento  dedicato alle scienze della vita, al quale il sistema trentino non è voluto mancare.

Bio International Convention è infatti il più importante appuntamento  mondiale del settore, grazie al coinvolgimento dei maggiori bio-cluster degli USA e  del panorama internazionale. Oltre 17 mila gli operatori partecipanti e più di 1.000 gli espositori (tutti i più importanti player del settore) , rovenienti da 74 Paesi.

Pubblicità
Pubblicità

Opportunità di investimento, partnership tecnologiche e collaborazioni industriali in tutti i segmenti del settore delle scienze della vita quali la genetica e la genomica, la biologia cellulare, la bioinformatica e l’intelligenza artificiale, il “drug discovery” con una focalizzazione industriale orientata allo sviluppo dei prodotti e delle piattaforme tecnologiche sono tra le motivazioni che hanno portato il Trentino a parteciparvi per la prima volta all’interno del programma di promozione italiano.

Già in altre tre occasioni le imprese e i centri di ricerca del Trentino si erano presentati agli eventi organizzati in collaborazione con ICE ed Invest in Italy a confermare una cooperazione crescente, al centro di un recente incontro tra l’assessore provinciale allo sviluppo economico ricerca e lavoro Achille Spinelli e il sottosegretario per il Commercio Internazionale Michele Geraci in occasione del Festival dell’Economia.

Nei tre giorni di lavoro e di partecipazione allo Stand Italiano, numerosi sono stati gli incontri con investitori, aziende farmaceutiche, centri di ricerca, governi territoriali e associazioni ‘impresa.

Una particolare menzione merita la presentazione del sistema trentino della ricerca e dell’innovazione all’evento organizzato dal Consolato Generale d’Italia a Philadelphia, il rinomato Studio d’affari Pepper and Hamiton e ICE nelle ore immediatamente precedenti all’apertura di Bio 2019 su: “Invest in Italy, regional schemes and incentives in the biotech area”, che ha avuto luogo presso la splendida sede dell’Union League di Philadelphia, uno dei più antichi e prestigiosi club americani.

L’evento aperto dal Console Generale d’Italia Forlano, ha visto la ristretta e assai qualificata presenza di rappresentanti di fondi di investimento, venture capitalist e operatori finanziari americani di settore.

La partecipazione a BIO 2019 é stata anche l’occasione per conoscere alcune selezionate realtà del bio-cluster della Pennsylvania e delineare alcune prospettive e ipotesi di cooperazione.

Tra di essi il Pennsylvania Biotechnology Center, importante polo scientifico localizzato a Doylestown con oltre 40 società pharma e biotech incubate tra cui anche realtà quotate al Nasdaq e la presenza del prestigioso istituto di ricerca Baruch Blumberg dedicato alla ricerca sulla epatite B e cancro al fegato.

Molto proficui anche le visite e gli scambi avuti con i vertici di FlowMetric Life Sciences, società specializzata nella ricerca a contratto in particolare con riguardo alle applicazioni biotech al settore del benessere e della prevenzione personalizzata.

“Quello delle biotecnologie è attualmente il settore a maggior crescita del panorama tecnologico ed economico internazionale – ha dichiarato l’assessore Spinelli a margine della missione – oltre che con la maggiore mobilità di investimenti ed iniziative imprenditoriali su scala globale. Il Trentino vuole essere parte di questi processi di crescita e sviluppo economico internazionale valorizzando i risultati del lavoro di ricerca svolto in questi anni”.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Africano tenta di aggredire un «fotografo» in via Prepositura e finisce sotto una macchina

Pubblicato

-

Un giovane africano di 33 anni è stato investito in via Prepositura poco dopo le 19.15 di oggi mercoledì 13 novembre 2019.

Secondo una prima ricostruzione l’africano avrebbe aggredito verbalmente un uomo sotto i portici mentre stava facendo delle fotografie alle scritte sui muri.

Il «fotografo» per evitare problemi avrebbe deciso di andarsene salendo sulla sua macchina.

PubblicitàPubblicità

Mentre stava partendo però l’africano non contento si sarebbe avvicinato al suo mezzo cercando ancora di aggredirlo.

Nella foga l’africano sarebbe finito addosso all’autovettura che stava ripartendo, terminando la sua corsa sull’asfalto. 

Sul posto è intervenuta la Polizia Locale insieme ai Carabinieri che stanno compiendo i rilievi del caso per capire la dinamica dell’investimento e le eventuali responsabilità

Sul posto è intervenuta anche un’ambulanza del 118 che ha soccorso il giovane. Per lui nessuna ferita grave. Ma è stato comunque portato al pronto soccorso del santa Chiara per essere monitorato.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Maltempo in Trentino: nuovo aggiornamento sulla viabilità. Domani sera torna la neve

Pubblicato

-

Le precipitazioni che dalla serata di ieri hanno interessato l’intero territorio provinciale hanno assunto carattere nevoso a quote superiori a 600-700 metri

Gran parte delle strade è stata sgomberata e trattata con sale.

Al momento si registra la chiusura per neve, per pericolo valanghe o per alberi instabili vicino alla sede stradale, in alcune tratte nelle zone di alta montagna o in prossimità dei passi.

Pubblicità
Pubblicità

Si raccomanda di viaggiare con prudenza e di prestare attenzione nella guida per possibili tratti ghiacciati, in considerazione delle temperature relativamente rigide, soprattutto nelle zone a quote superiori a 700 – 1000 metri.

Per l’attività di sgombero neve sono stati utilizzati 96 mezzi della Provincia e 130 mezzi di ditte private. L‘allerta riprenderà domani sera dove sono previste intense piogge e neve al di sopra dei 500 metri.

Strade sett. 1 – ALTA VALSUGANA

Anche in questa zona le nevicate sono state oltre i 700 metri, raggiungendo in quota 30-40 cm. E’ stata riaperta la SP 224 del Passo Redebus nel comune di Bedollo.

Pubblicità
Pubblicità

Strade sett. 4 – TRENTO – MONTE BONDONE – PAGANELLA

La neve è caduta a monte di loc. Candriai. In loc Viote si registrano circa 60 cm di neve. Rimangono chiuse, per pericolo caduta piante:

la SP 25 di Garniga da Garniga Vecchia a loc. Viote;

la SP 64 di Fai da loc. Santel ad Andalo.

Strade sett. 8 – VALLAGARINA E ALTOPIANO DI FOLGARIA

La neve è caduta a partire da 700 metri e nelle località in quota lo spessore è circa 30-40 cm.

E’ stata disposta la chiusura stagionale delle seguenti strade:

Sp 3 del Monte Baldo da loc. san Valentino al confine con la provincia di Verona;

Sp 138 del Passo della Borcola dal km 5 a monte di loc. Incapo.

Strade sett. 5 – VAL DI NON E SOLE

La nevicata, ora esaurita, ha interessato l’intera val di Sole, la media e l’alta Val di Non (a quote superiori a 500-600 metri).

Da ieri è in vigore il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della S.S. 42 tra Fucine e Passo Tonale.

E’ stata riaperta la S.P. 141 di Bolentina.

Nelle zone boscate a quota tra 900 e 1200 metri, sono state eseguite verifiche ed interventi puntuali per la messa in sicurezza degli alberi di alto fusto prossimi alla sede stradale, carichi di neve.

Da ieri sera sono caduti circa 70 cm a Passo Tonale; 50 cm a Passo Campo Carlo Magno, 40 cm a Passo Mendola, 20-30 cm a quota 1000 metri.

Strade sett. 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

La nevicata ha interessato gran parte della val Rendena e le valli Giudicarie a quote superiori ai 600 -700 metri.

Tutte le strade risultano percorribili.

Da ieri sera sono caduti circa 50 cm a M. di Campiglio.

Strade sett. 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA 

La nevicata ha interessato la Valle dei Laghi, la Val di Ledro, la Val di Gresta e la Valle di Cavedine a quote superiori a 700-800 metri.

Si misurano fino a 60 cm di neve fresca in loc. Viote del M. Bondone, 20 cm sui Passi Bordala e S. Barbara.

Al momento non si segnalano particolari criticità lungo le strade del settore.

Strade sett. 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Non si registrano particolari disagi alla viabilità. Passo Rolle 40 cm di neve, Passo Brocon 15 cm di neve.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Si rammenta la chiusura stagionale della S.P.31 del Passo Manghen da località Baessa (km  15+500) a località Piazzol a Molina di Fiemme, nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 38+520).

Strade sett. 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Neve sui passi circa 60 cm, nelle valli ai 25-30 cm.

Chiuso il Passo Pordoi in territorio bellunese e passo Sella nella provincia di Bolzano, entrambi raggiungibili dal territorio trentino.

Chiuso il passo Fedaia nel tratto ricompreso tra il confine di provincia e la località Diga (km 11+500) per pericolo valanghe. Le stazioni turistiche presenti al passo sul territorio trentino sono comunque raggiungibili da Canazei. Chiusa la SP 102 delle Piramidi per pericolo caduta massi. Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Maltempo in Trentino: la situazione e gli aggiornamenti della viabilità

Pubblicato

-

Le precipitazioni che dalla serata di ieri hanno interessato l’intero territorio provinciale hanno assunto carattere nevoso a quote superiori a 600-700 metri.

La nevicata in esaurimento nelle zone occidentali, del Trentino, si sta attenuando anche nelle vallate orientali.

Al momento si registra la chiusura per neve, per pericolo valanghe o per alberi instabili vicino alla sede stradale, di alcune tratte stradali nelle zone di alta montagna o in prossimità dei passi.

Pubblicità
Pubblicità

Si raccomanda di viaggiare con prudenza e di prestare attenzione nella guida per possibili tratti ghiacciati, in considerazione delle temperature relativamente rigide, soprattutto nelle zone a quote superiori a 700 – 1000 metri, dove sono in attività i mezzi per lo sgombero neve per completare la pulizia delle strade e l’allargamento della carreggiata anche con l’impiego di frese o turbine da neve.

Strade sett. 1 – ALTA VALSUGANA

Anche in questa zona le nevicate sono state oltre i 700 m, raggiungendo in quota 30-40 cm.

E’ chiusa la SP 224 del Passo Redebus nel comune di Bedollo, per pericolo caduta piante.

Pubblicità
Pubblicità

Strade sett. 4 – TRENTO – MONTE BONDONE – PAGANELLA

La neve è caduta a monte di loc. Candriai. In loc Viote si registrano circa 50 cm di neve.

Sono chiuse, per pericolo caduta piante:

la SP 25 di Garniga da Garniga Vecchia a loc. Viote;

la SP 64 di Fai da loc. Santel ad Andalo.

Strade sett. 8 – VALLAGARINA E ALTOPIANO DI FOLGARIA

La neve è caduta a partire da 700 m e nelle località in quota lo spessore è circa 30-40 cm.

E’ stata disposta la chiusura stagionale delle seguenti strade:

Sp 3 del Monte Baldo da loc. san Valentino al confine con la provincia di Verona;

Sp 138 del Passo della Borcola dal km 5 a monte di loc. Incapo.

Strade sett. 5 – VAL DI NON E SOLE

La nevicata ha interessato l’intera val di Sole, la media e l’alta Val di Non (a quote superiori a 500-600 metri).

Dalla mattina di oggi è attivo il presidio di Presson in comune di Dimaro Folgarida lungo la S.S. 42, per il controllo che i veicoli in transito lungo le strade dell’Alta val di Sole siano equipaggiate con attrezzatura invernale (pneumatici da neve o catene montate).

Da ieri è in vigore il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della S.S. 42 tra Fucine e P. Tonale.

Al momento è chiusa, per consentire la messa in sicurezza dal pericolo di caduta piante, la S.P. 141 di Bolentina.

Nelle zone boscate a quota tra 900 e 1200 m, sono in corso verifiche ed interventi puntuali per la messa in sicurezza gli alberi di alto fusto prossimi alla sede stradale, carichi di neve.

Da ieri sera sono caduti circa 70 cm a Passo Tonale; 50 cm a Passo Campo Carlo Magno, 40 cm a Passo Mendola, 20-30 cm a quota 1000 m.

Strade sett. 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

La nevicata ha interessato gran parte della val Rendena e le valli Giudicarie a quote superiori ai 600 -700 metri.

Non si registrano problemi alla viabilità.

Da ieri sera sono caduti circa 50 cm a M. di Campiglio.

Al momento sono ancora in azione i mezzi per lo sgombero neve a quote superiori a circa 1000 metri e, nella zona di M. di Campiglio anche le frese per completare l’allargamento della carreggiata.

Strade sett. 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA

La nevicata ha interessato la valle dei Laghi, la val di Ledro, la val di Gresta e la valle di Cavedine a quote superiori a 700-800 metri.

Nelle prime ore del mattino si è registrata la temporanea chiusura della S.P. 85 del Bondone a monte di Lagolo, per la caduta di rami o alberi piegati dal peso della neve.

Si misurano fino a 60 cm di neve fresca in loc. Viote del Bondone, 20 cm sui Passi Bordala e S. Barbara.

Al momento non si segnalano particolari criticità lungo le strade del settore.

Strade sett. 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Non si registrano particolari disagi alla viabilità. Passo Rolle 40 cm di neve, Passo Brocon 15 cm di neve.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Si rammenta la chiusura stagionale della S.P.31 del Passo Manghen da località Baessa (km 15+500) a località Piazzol a Molina di Fiemme nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 38+520).

Strade sett. 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Neve sui passi circa 60 cm, nelle valli ai 25-30 cm.

Chiuso il Passo Pordoi in territorio bellunese e passo Sella nella provincia di Bolzano, entrambi raggiungibili dal territorio trentino.

Chiuso il passo Fedaia nel tratto ricompreso tra il confine di provincia e la località Diga (km 11+500) per pericolo valanghe. Le stazioni turistiche presenti al passo sul territorio trentino sono comunque raggiungibili da Canazei.

Chiusa la SP 102 delle piramidi per pericolo caduta massi.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza