Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Ritrovata in un negozio di antiquariato di Rovereto dopo 43 anni dal furto. Denunciato il titolare del negozio

Pubblicato

-

Il 16 giugno 2019, alle ore 16.00 presso la Chiesa di San Bernardo nella frazione di Signayes ad Aosta, alla presenza del Sindaco, Avvocato Fulvio Centoz, del Soprintendente per i beni e le attività culturali, Dottor Roberto Domaine, il Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC) di Udine Maggiore Lorenzo Pella, al termine della Santa Messa, restituirà al Parroco Don Nicola Corigliani una statua lignea policroma raffigurante Santa Barbara, asportata da quella chiesa nel 1976.

Il manufatto sacro, realizzato nel XVII secolo dalla scuola di intagliatori valdostana, era stato individuato dai militari del Nucleo TPC di Udine, nell’ambito dell’attività di ricerca su piattaforme on-line di materiale sacro e devozionale illecitamente sottratto, posto in vendita da un antiquario trentino.

Le attività di indagine immediatamente esperite, coordinate dalla Procura della Repubblica di Rovereto (TN), avevano consentito di accertare la perfetta corrispondenza tra il manufatto posto in vendita e quello presente nella Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti – gestita dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale – identificandola come quella sottratta da ignoti la notte tra il 6 ed il 7 aprile del 1976 dall’interno della Chiesa di San Bernardo in Signayes, assieme ad altri beni di natura ecclesiastica.

Pubblicità
Pubblicità

Il manufatto ligneo, al momento del furto, era posizionato all’interno della sacrestia poiché veniva esposto solamente in occasione della ricorrenza della Santa Patrona protettrice del Corpo valdostano dei Vigili del Fuoco.

La preziosa collaborazione intercorsa tra l’Ufficio Beni Ecclesiastici della Diocesi di Aosta, una parrocchiana memoria storica della Chiesa di San Bernardo e la locale Soprintendenza per i beni e le attività culturali consentiva al Nucleo TPC di Udine di richiedere all’Autorità Giudiziaria il sequestro dell’opera che ha permesso la successiva restituzione all’avente diritto.

Il titolare dell’esercizio antiquariale, ove l’opera era stata posta in vendita, è stato deferito in stato di libertà per il reato di ricettazione.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Ritorno alle radici: la Giunta incontra un giovane brasiliano originario di Avio

Pubblicato

-

Nell’ambito delle iniziative rivolte al mondo dell’emigrazione trentina, organizzato dall’Ufficio Emigrazione provinciale, la Giunta comunale ha incontrato, qualche giorno fa, Pietro Francesco Leonardi, un giovane brasiliano la cui famiglia è originaria di Avio.

Il giovane, classe 1992 e di professione architetto, ha raccontato in italiano (lingua che conosce e parla molto bene) alla giunta di come abbia fortemente voluto ricostruire la storia del nonno che, negli anni ’50, partì da Avio, per recarsi in Brasile e stabilirsi in Blumenau- Santa Catarina.

È stata, quindi, una grande emozione conoscere l’abitato di Avio e osservare – dall’esterno – la casa natale dove nacque proprio il nonno oltre ad un’occasione per una reciproca opportunità di conoscenza.

Pubblicità
Pubblicità

La Giunta gli ha donato alcuni libri di storia locale.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Pedibus Mori: ancora troppo poche le adesioni

Pubblicato

-

L’assessore comunale alla cultura e istruzione Filippo Mura rinnova il suo appello: «Invito genitori, nonni, volontari ad aderire al servizio pedibus che, senza il loro prezioso aiuto, non può partire».

L’assessore aveva consegnato personalmente, negli ultimi giorni di scuola, i moduli di adesione a ogni bambino, ma a oggi sono solo 9 i ragazzi iscritti e 2 gli adulti che hanno dato disponibilità ad accompagnarli.

«Molti Comuni a noi vicini riescono ad attivare anche 2 o 3 “linee”.

Pubblicità
Pubblicità

Qui sembra che si sia persa la sensibilità verso questo tipo di servizio che pure potrebbe essere educativo, ecologico e socialmente valido sia per i ragazzi sia per gli adulti. Recentemente si è anche parlato di necessità di creare un servizio di posticipo scolastico, ma il pedibus potrebbe benissimo sopperire a questo tipo di bisogno.

Purtroppo, l’ente pubblico non può garantire tutto e, per iniziative come questa, è indispensabile un impegno civico, un’attenzione da parte della popolazione. Avviene nei Comuni della Busa, avviene nella vicina Villa Lagarina.

Qui invece, su questo progetto, il concetto di “cittadinanza attiva” sembra non prendere piede. Cosa curiosa, visto che, al contrario, il nostro mondo associativo mostra una straordinaria e disinteressata vitalità».

Mura non rinuncia del resto a un ultimo tentativo: «Per parte mia posso tenere aperti i termini per l’adesione anche fino ad agosto, ma per la fine di quel mese bisogna poter sapere se il servizio può effettivamente partire oppure no».

Chi volesse ulteriori informazioni può rivolgersi all’assessore o contattare via email o telefono il servizio Comunità e Attività produttive del Comune di Mori.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Il comune di Calliano premia i suoi Carabinieri

Pubblicato

-

Significativa cerimonia presso il Comune di Calliano: nella serata del 18 luglio 2019 presso la sala consigliare del Comune di Calliano sono stati consegnate ai Carabinieri di Calliano, tre riconoscimenti nominativi per l’opera pluridecennale dei militari al servizio della comunità Lagarina.

In particolare, le amministrazioni comunali di Calliano, Nomi, Besenello e Volano hanno voluto rendere un apprezzamento, attraverso un simbolico oggetto ricordo, all’Appuntato Scelto Q.S. Cristoforetti Andrea e agli Appuntati Sc. Compare Giuseppe e Fuggitti Giovanni, da un ventennio Carabinieri di quelle Comunità, omaggiando i militari con tre targhe nelle quali veniva espresso l’affetto e il ringraziamento della popolazione ai agli stessi per la dedizione al servizio e la vicinanza alla popolazione dimostrata.

La partecipata cerimonia evidenzia sempre di più l’attaccamento radicale dell’Arma al territorio, suggellando in senso generale il diuturno operato dei Carabinieri a favore della sicurezza delle comunità ove viene prestato servizio.

Pubblicità
Pubblicità

La consegna delle targhe è avvenuta alla presenza delle autorità politiche locali e del Comandante della Stazione Carabinieri di Calliano Maresciallo Maggiore Luca Liber.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza