Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Aquila Basket saluta Alessio Marchini e Alessandro Giuliani

Pubblicato

-

Dolomiti Energia Basket Trentino comunica che Alessio Marchini non e piu il responsabile del settore giovanile bianconero e che Alessandro Giuliani lascia il club e il suo ruolo di responsabile scouting.

Alessio Marchini, arrivato a Trento nel 2011, ha ricoperto nelle ultime stagioni il ruolo di responsabile del settore giovanile aquilotto oltre che quello di allenatore della formazione Under 18 con cui ha colto cinque accessi alle Finali Nazionali (compresa una finale scudetto nel 2017) e la vittoria della Next Gen Cup 2019. A questo link il suo saluto alla societa bianconera.

Alessandro Giuliani lascia il club dopo una sola stagione per cogliere un’importante opportunit a professionale: Giuliani e stato per un anno responsabile scouting, coordinando contestualmente le attivita e lo sviluppo della Dolomiti Energia Basketball Academy.

Pubblicità
Pubblicità

LUIGI LONGHI (Presidente DOLOMITI ENERGIA BASKET TRENTINO): «Da parte mia e di tutto il club, ad Alessio e ad Alessandro un grosso in bocca al lupo per le loro prossime sfide professionali. Con Alessio abbiamo percorso assieme un lungo tratto di strada che ci ha regalato delle splendide soddisfazioni. A lui va il più grande ringraziamento da parte di tutta la famiglia Aquila Basket: coach Marchini ha contribuito a fare grande questa società con professionalità e umanità uniche, siamo quindi profondamente riconoscenti per ciò che ha fatto per noi. Il percorso con Alessandro Giuliani stato più breve ma comunque abbiamo apprezzato la sua professionalità e la sua infinita passione per la pallacanestro. Anche a lui il nostro grazie e gli auguri per il proseguo della carriera».

L’ultima stagione di coach Alessio Marchini alla guida del settore giovanile della Dolomiti Energia Trentino si chiude con tante soddisfazioni e con qualche rimpianto per i gruppi bianconeri.

ALESSIO MARCHINI: «Per il settore giovanile dell’Aquila Basket è stata una stagione che considero nel complesso soddisfacente: il gruppo Under 13 ha vinto il campionato regionale mettendo in mostra ragazzi che possono avere un buon futuro, gli U14 hanno ben figurato nel girone veneto finendo settimi su 28 squadre; per gli U15 è stata una stagione con tanti alti e bassi ma in crescita, così come per il gruppo Under 16 che ha faticato un po’ di più nel campionato Eccellenza. Ogni squadra del nostro settore giovanile però ha proseguito nel processo di crescita dei ragazzi, che è sempre stato il nostro primo obiettivo anche al di là dei risultati.

Per il mio gruppo, gli Under 18 Eccellenza, questa è stata un’annata un po’ particolare, con grandi soddisfazioni e un pizzico di amarezza per il finale di stagione: con una squadra più giovane della media, con un gruppo di fatto “nuovo” senza alcuni punti di riferimento rispetto al recente passato, credo che sia stato un 2018-19 più che buono. La cosa che ci tengo a sottolineare è che abbiamo visto crescere e migliorare alcuni ragazzi su cui puntavamo, che hanno fatto passi in avanti e dimostrato di poter ambire a giocare ad un certo livello. Sono convinto che i risultati del lavoro, nostro e loro, con il tempo emergeranno.

Pubblicità
Pubblicità

Alla fine nonostante gli infortuni e i problemi fisici abbiamo sfiorato l’accesso alle Finali Nazionali in cui prendevano parte solo le migliori 8 d’Italia e non più 16 come in passato: abbiamo giocato alla pari con formazioni di qualità come Pistoia e Cantù e nella fase finale siamo stati beffati dalla differenza punti. Entrare nelle Finali Nazionali sarebbe stato il perfetto coronamento di una stagione che ci ha visti vincere la NextGen Cup di Legabasket a febbraio: un successo di prestigio e di grande visibilità anche per il club, sollevare la coppa di fronte a seimila persone al Mandela Forum di Firenze è stato molto emozionante, e gratificante anche per i ragazzi».

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Pallamano serie A: la cura Fusina funziona, Pressano batte Bressanone

Pubblicato

-

Nella foto il nuovo allenatore del Pressano Alessandro Fusina

La cura Fusina fa subito effetto ed il Pressano vince il derby casalingo giocato col Bressanone, guadagnando due punti fondamentali per la classifica.

Il Bolzano batte Cassano e raggiunge il team brissinese a quota 22, a sei punti dalla capolista (Conversano) ed a quattro dalla seconda (Siena).

In coda inattesa sconfitta del Merano a Gaeta che con questa vittoria raggiunge l’Appiano sconfitto a Siena.

Pubblicità
Pubblicità

Si diceva della convincente prestazione del Pressano che dopo aver subito il 2 a 0 è stato in vantaggio per tutta la partita.

Dopo l’intervallo – punteggio parziale di 15 a 12 – i gialloneri hanno allungato sul 18 a 13, ma a quel punto si sono smarriti.

Tanto che Bressanone è rientrato in gioco sul 18 a 16.

Immediata la reazione del Pressano con un break di 6 a 1 ( 24 a 17) che di fatto chiude la partita.

Pubblicità
Pubblicità

Sabato prossimo sarà trasferta sul campo di Siena: una partita da vincere se si vogliono guadagnare punti per recuperare la zona play off. Mentre sarà scontro diretto tra Bolzano e Bressanone.

RISULTATI. Fondi – Cologne 22 – 21. Siena – Appiano 32 – 27. Bolzano – Cassano 26 – 18. Conversano – Sassari 19 – 18. Fasano – Trieste 29 – 26. Gaeta – Merano 31 – 28. Pressano – Bressanone 30 – 25.

CLASSIFICA: Conversano 28. Siena 26. Bressanone e Bolzano 22. Cassano 21. Sassari 19. Pressano e Fasano 15. Merano 13. Fondi 10. Appiano e Gaeta 8. Trieste 6. Cologne 4.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Dolomiti Energia Trentino, Ale Gentile la vince sulla sirena! Sassari espugnata 87-90

Pubblicato

-

La Dolomiti Energia Trentino vince al PalaSerradimigni di Sassari 87-90 e lo fa con la vendetta perfetta, pareggiando i conti con quella tripla della vittoria di Jerrells alla BLM Group Arena nel match di andata grazie ad una pazzesca conclusione di Alessandro Gentile che a fil di sirena ferma la striscia di nove successi consecutivi dei sardi con la tripla della vittoria.

I bianconeri giocano 40′ di energia, determinazione e qualità, trascinati da un fantastico Justin Knox da 23 punti (10-13 al tiro), cinque rimbalzi e tre stoppate: in vantaggio intorno alla doppia cifra di margine per buona parte dell’incontro, gli ospiti vengono raggiunti da una tripla di Michele Vitali che a quattro secondi dalla fine sembra condannare la Dolomiti Energia al supplementare.

Poi il “canestrone” di Gentile ammutolisce i 5000 del PalaSerradmigni e regala ai trentini due punti pesantissimi in trasferta che rilanciano le ambizioni dei ragazzi di coach Nicola Brienza (che ha festeggiato il quarantesimo compleanno nel migliore dei modi) anche in classifica.

Pubblicità
Pubblicità

«Siamo molto contenti, avevamo bisogno di fare una partita importante: l’abbiamo indirizzata bene fin dal primo minuto, mettendo in campo al meglio il nostro piano partita. Sappiamo che Sassari è un’eccellente squadra, siamo stati bravi nel limite del possibile a limitare le loro situazioni di gioco spalle a canestro in post e allo stesso tempo ad essere aggressivi sul loro tiro da tre, visto che sono la migliore squadra del campionato dall’arco. Abbiamo fatto extra sforzo a rimbalzo, alla fine determinante: all’andata loro avevano vinto per quella tripla di Jerrells ma anche perché avevano preso 18 rimbalzi d’attacco, stavolta siamo stati più bravi noi sotto i tabelloni, in difesa e in attacco. Bene così, ora sarà importante mettere stessa attenzione in casa domenica prossima e in settimana nella trasferta di Bologna in EuroCup». – Nicola BRIENZA, Allenatore Dolomiti Energia Trentino

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Coach Brienza: «A Sassari per riprendere a crescere e ripetere le performance che ci hanno permesso di espugnare campi tosti»

Pubblicato

-

La Dolomiti Energia domani sera (ore 20.30) affronta il Banco di Sardegna nel 20° turno di campionato: i sardi hanno vinto le ultime nove partite consecutive in Serie A, i bianconeri vogliono voltare pagina dopo la sconfitta contro Reggio Emilia.

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Sassari è un’eccellente squadra che gioca una bellissima pallacanestro, probabilmente oggi esprimono quella più efficace dell’intero campionato e i risultati lo dimostrano: vanno fatti i complimenti e riconosciuto il lavoro della società e di coach Pozzecco per il percorso che stanno portando avanti, e in cui la virtù principale dei giocatori in campo è la capacità e il piacere che hanno nel passarsi il pallone. Ogni giocatore si sente importante nel suo ruolo, hanno tutti grande fiducia nei propri mezzi. Noi avremo bisogno di uno sforzo extra per giocare una partita da provare a mettere su ritmi e “binari” a noi più congeniali senza dover inseguire Sassari giocando la sua pallacanestro. Ale Gentile? È in ripresa, nelle ultime settimane ha avuto un po’ di acciacchi e di situazioni non gravi ma che non gli hanno permesso di lavorare bene nel quotidiano, non sarà al top ma è della trasferta. Dopo una settimana difficile ci siamo allenati bene in questi due giorni e vogliamo fare una partita importante in trasferta, ripetendo il tipo di performance che quest’anno ci ha permesso di vincere partite toste lontani da casa su campi difficili e contro grandi squadre».

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza