Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Aquila Basket saluta Alessio Marchini e Alessandro Giuliani

Pubblicato

-

Dolomiti Energia Basket Trentino comunica che Alessio Marchini non e piu il responsabile del settore giovanile bianconero e che Alessandro Giuliani lascia il club e il suo ruolo di responsabile scouting.

Alessio Marchini, arrivato a Trento nel 2011, ha ricoperto nelle ultime stagioni il ruolo di responsabile del settore giovanile aquilotto oltre che quello di allenatore della formazione Under 18 con cui ha colto cinque accessi alle Finali Nazionali (compresa una finale scudetto nel 2017) e la vittoria della Next Gen Cup 2019. A questo link il suo saluto alla societa bianconera.

Alessandro Giuliani lascia il club dopo una sola stagione per cogliere un’importante opportunit a professionale: Giuliani e stato per un anno responsabile scouting, coordinando contestualmente le attivita e lo sviluppo della Dolomiti Energia Basketball Academy.

Pubblicità
Pubblicità

LUIGI LONGHI (Presidente DOLOMITI ENERGIA BASKET TRENTINO): «Da parte mia e di tutto il club, ad Alessio e ad Alessandro un grosso in bocca al lupo per le loro prossime sfide professionali. Con Alessio abbiamo percorso assieme un lungo tratto di strada che ci ha regalato delle splendide soddisfazioni. A lui va il più grande ringraziamento da parte di tutta la famiglia Aquila Basket: coach Marchini ha contribuito a fare grande questa società con professionalità e umanità uniche, siamo quindi profondamente riconoscenti per ciò che ha fatto per noi. Il percorso con Alessandro Giuliani stato più breve ma comunque abbiamo apprezzato la sua professionalità e la sua infinita passione per la pallacanestro. Anche a lui il nostro grazie e gli auguri per il proseguo della carriera».

L’ultima stagione di coach Alessio Marchini alla guida del settore giovanile della Dolomiti Energia Trentino si chiude con tante soddisfazioni e con qualche rimpianto per i gruppi bianconeri.

ALESSIO MARCHINI: «Per il settore giovanile dell’Aquila Basket è stata una stagione che considero nel complesso soddisfacente: il gruppo Under 13 ha vinto il campionato regionale mettendo in mostra ragazzi che possono avere un buon futuro, gli U14 hanno ben figurato nel girone veneto finendo settimi su 28 squadre; per gli U15 è stata una stagione con tanti alti e bassi ma in crescita, così come per il gruppo Under 16 che ha faticato un po’ di più nel campionato Eccellenza. Ogni squadra del nostro settore giovanile però ha proseguito nel processo di crescita dei ragazzi, che è sempre stato il nostro primo obiettivo anche al di là dei risultati.

Per il mio gruppo, gli Under 18 Eccellenza, questa è stata un’annata un po’ particolare, con grandi soddisfazioni e un pizzico di amarezza per il finale di stagione: con una squadra più giovane della media, con un gruppo di fatto “nuovo” senza alcuni punti di riferimento rispetto al recente passato, credo che sia stato un 2018-19 più che buono. La cosa che ci tengo a sottolineare è che abbiamo visto crescere e migliorare alcuni ragazzi su cui puntavamo, che hanno fatto passi in avanti e dimostrato di poter ambire a giocare ad un certo livello. Sono convinto che i risultati del lavoro, nostro e loro, con il tempo emergeranno.

Pubblicità
Pubblicità

Alla fine nonostante gli infortuni e i problemi fisici abbiamo sfiorato l’accesso alle Finali Nazionali in cui prendevano parte solo le migliori 8 d’Italia e non più 16 come in passato: abbiamo giocato alla pari con formazioni di qualità come Pistoia e Cantù e nella fase finale siamo stati beffati dalla differenza punti. Entrare nelle Finali Nazionali sarebbe stato il perfetto coronamento di una stagione che ci ha visti vincere la NextGen Cup di Legabasket a febbraio: un successo di prestigio e di grande visibilità anche per il club, sollevare la coppa di fronte a seimila persone al Mandela Forum di Firenze è stato molto emozionante, e gratificante anche per i ragazzi».

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Superlega: quinta vittoria consecutiva, Itas Trentino batte Piacenza per 3 a 1

Pubblicato

-

La marcia dell’Itas Trentino in regular season 2019/20 di SuperLega Credem Banca prosegue spedita e senza battute d’arresto.

Superando per 3-1 la Gas Sales Piacenza nel match giocato ieri sera alla BLM Group Arena, i Campioni del Mondo hanno infatti inanellato la quinta vittoria consecutiva in campionato, restando imbattuti e al terzo posto della classifica con appena un punto di ritardo da Modena e quattro da Civitanova (che però ha giocato un turno in più).

Per avere ragione dello storico avversario, tornato in estate in massima serie, la squadra di Lorenzetti ha messo in mostra una pallavolo efficace e convincente per tre dei quattro set disputati grazie ad un fronte di attacco che Giannelli ha saputo far viaggiare su ottime percentuali (60% di squadra, col picco di Cebulj al 71%), trovando ottime risposte dall’intero trio di palla alta e dal Lisinac al centro della rete.

Pubblicità
Pubblicità

Grande conferma per Vettori, mvp per la seconda volta consecutiva e best scorer gialloblù con 21 punti, il 62% a rete, tre muri e due ace, ma in ottima condizione sono apparsi anche Russell (18) e lo stesso Klemen (16). La crescita costante della squadra si è palesata anche dopo il passaggio a vuoto fatto registrare nel terzo set; a differenza di quattro giorni prima nel derby dell’Adige, stavolta i ragazzi di Lorenzetti sono subito tornati in campo col piglio giusto, chiudendo i conti sul 3-1.

La cronaca del match. L’Itas Trentino si presenta per la terza volta in questa stagione di fronte al proprio pubblico con uno schieramento che prevede Giannelli in regia, Vettori opposto, Cebulj e Russell in posto 4, Candellaro e Codarin al centro, Grebennikov libero.

La Gas Sales Piacenza deve fare a meno dell’attesissimo ex di turno Nelli (a riposo per ancora qualche giorno dopo l’infortunio al ginocchio sinistro) e si propone con Cavanna al palleggio, Fei opposto, Kooy e Berger schiacciatori, Krsmanovic e Stankovic centrali, Scanferla libero. L’avvio di match è nel segno dell’equilibrio (3-3, 6-6), tant’è vero che il primo break point arriva solo sul 7-6 (errore in attacco di Kooy).

Pubblicità
Pubblicità

In seguito Vettori firma da solo, con un contrattacco ed un muro su Fei, il primo vero allungo (11-8), che Trento si tiene stretta sino al 15-12, prima di subire la rimonta firmata da Stankovic (block ed ace per il 16-15). Ci pensano Russell (attacco) e Lisinac (stampo su Berger) a spingere nuovamente avanti i gialloblù (20-17); Piacenza si disunisce in ricezione sui servizi di Giannelli (22-17) e l’Itas Trentino chiude il conto già sul 25-20 con un primo tempo di Candellaro.

I padroni di casa rientrano in campo con la stessa determinazione mostrata nell’ultima parte della precedente frazione e, sospinti da un Vettori ancora in palla, scappano via subito (4-2, 7-3, 9-4). Gardini interrompe il gioco ed avvicenda Botto con Berger, ma i gialloblù non abbassano la tensione e con Lisinac difendono il cospicuo vantaggio (13-7, 16-10). Sul 18-13 la Gas Sale ha un sussulto d’orgoglio e si riporta a meno tre (18-15); provvidenziale il time out richiesto da Lorenzetti, che ha il merito di chiarire le idee ai suoi e fargli ripartire (22-18) verso il 2-0, che arriva sul 25-21, dopo che il solito Vettori si è fatto notare ancora fra battute ed ace.

La Gas Sales prova a reagire in avvio di terzo set, sfruttando al massimo la vena di Fei e Berger (2-4, 3-7); Lorenzetti scuote i suoi con un pronto time out ed ottiene la reazione desiderata, che passa per i servizi di Cebulj e gli attacchi di Vettori (8-10). Basta un niente però per riportare Piacenza al +4 (11-15) e stavolta però l’interruzione del gioco del tecnico gialloblù non riesce a cambiare le carte in tavola, anche perché gli emiliani tengono alte le percentuali di ricezione e di conseguenza di cambiopalla (15-20, 18-23). Il 2-1, che riapre il match arriva sul 19-25.

L’Itas Trentino rialza la testa nel quarto periodo, partendo alla riscossa con Russell in battuta (6-1) e poi anche in attacco (9-4). Piacenza fatica a tenere il ritmo avversario e sbanda (da 10-6 a 14-7) quando anche Lisinac fa la voce grossa in posto 3. Non c’è più spazio per alcun calo di attenzione, Trento tira dritto verso la quinta vittoria consecutiva (18-12 e 21-14), permettendo di far vivere a Sosa Sierra l’emozione (ed il primo punto) con la maglia trentina (in campo al posto di Cebulj e autore del 25-14 finale).

Volevamo iniziare il campionato vincendo le prime cinque partite e ci siamo riusciti; dobbiamo quindi essere soddisfatti di quanto sin qui fatto nel nostro cammino anche se ovviamente si può fare sempre meglio e crescere – ha commentato l’allenatore dell’Itas Trentino Angelo Lorenzetti al termine del match – . Stasera per tre set la squadra ha giocato su buoni livelli e, cosa più importante, è tornato a farlo anche dopo aver perso il terzo parziale, tenendo conto anche di quanto fatto vedere nell’arco della gara da una Piacenza comunque volitiva”.

Per l’Itas Trentino un giovedì di riposo prima di tornare ad allenarsi in vista del prossimo impegno di SuperLega Credem Banca, in programma già domenica 17 novembre all’Allianz Cloud di Milano (ore 18 – diretta Radio Dolomiti e Lega Volley Channel).

Di seguito il tabellino della gara della quinta giornata di regular season di SuperLega Credem Banca 2019/20 giocata questa sera alla BLM Group Arena di Trento.

Itas Trentino-Gas Sales Piacenza 3-1
(25-20, 25-21, 19-25, 25-14)
ITAS TRENTINO: Cebulj 16, Candellaro 3, Giannelli 1, Russell 18, Lisinac 11, Vettori 21, Grebennikov (L); Michieletto, Kovacevic, Sosa Sierra 1. N.e. Daldello, De Angelis, Djuric e Codarin. All. Angelo Lorenzetti.
GAS SALES: Berger 10, Stankovic 12, Cavanna 1, Kooy 14, Krsmanovic 8, Fei 10, Scanferla (L); Botto 1, Yudin 3, Paris. N.e. Copelli, Tondo e Fanuli. All. Andrea Gardini.
ARBITRI: Zanussi di Treviso e  Curto di Gorizia.
DURATA SET: 26’, 26’, 27’, 25’; tot 1h e 44’.
NOTE: 2.902 spettatori, per un incasso di 24.992 euro. Itas Trentino: 8 muri, 5 ace, 14 errori in battuta, 6 errori azione, 60% in attacco, 69% (41%) in ricezione. Gas Sales: 5 muri, 4 ace, 17 errori in battuta, 5 errori azione, 50% in attacco, 59% (24%) in ricezione. Mvp Vettori.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Superlega: stasera alla BLM Group Arena Itas Trentino-Gas Sales Piacenza

Pubblicato

-

SuperLega Credem Banca 2019/20 subito in campo per il quinto turno di regular season, il primo che si giocherà integralmente in infrasettimanale.

L’Itas Trentino sarà di nuovo protagonista di un incontro casalingo: stasera mercoledì 13 novembre alla BLM Group Arena i Campioni del Mondo riceveranno la visita della Gas Sales Piacenza.

Fischio d’inizio previsto per le ore 20.30: cronaca diretta su Radio Dolomiti e live streaming su Lega Volley Channel all’indirizzo www.elevensports.it.

PubblicitàPubblicità

A quattro giorni dal derby dell’Adige, i gialloblù affrontano subito un altro impegno di fronte al proprio pubblico e contro un’altra formazione ambiziosa che, al pari di Verona, punta a scalare le tradizionali gerarchie del campionato.

Mi aspetto una partita difficile come quella che abbiamo appena giocato contro la Calzedonia – ha preannunciato l’allenatore Angelo Lorenzetti presentando l’impegno – . Come Verona, Piacenza è infatti una squadra che sbaglia poco e che nelle azioni lunghe si esalta. Dobbiamo perciò farci trovare pronti per una sfida che presenterà insidie, che dovremo essere bravi a superare per portare a casa un’altra vittoria. Il successo ovviamente dà gusto, ma in questo periodo conta anche il modo in cui arriva e soprattutto la capacità di accettare i propri limiti e riuscire a superarli, anche soffrendo”.

In vista del match di mercoledì il tecnico marchigiano può disporre di tutti i tredici effettivi della rosa, che completerà la propria preparazione con un allenamento nel primo pomeriggio odierno ed uno di rifinitura nella mattinata della gara.
Trentino Volley in questa circostanza scenderà in campo per la 821a partita ufficiale di sempre e andrà a caccia della 574a vittoria assoluta, eventualmente la 301a di sempre di fronte al proprio pubblico (su 377 disputate).

Il successo al tie break contro Vibo Valentia di domenica sera al PalaBanca ha consegnato la prima vittoria stagionale alla Gas Sales Piacenza, Società differente da quella che in passato aveva vinto lo scudetto 2009 a Trento ma che di fatto ne ha raccolto pienamente l’eredità.

Pubblicità
Pubblicità

Partito dalla Serie A2 nella passata stagione e raccolta subito la promozione in SuperLega, il Club biancorosso non nasconde le proprie importanti velleità di alta classifica, che ha fatto immediatamente capire di avere già durante l’estate in sede di mercato. In Emilia sono infatti arrivati giocatori di livello assoluto come i centrali serbi Krsmanovic e Stankovic, lo schiacciatore italo-olandese Kooy, l’ex posto 4 di Perugia Berger, il palleggiatore argentino Cavanna (in Italia già a Ravenna) e soprattutto l’opposto Nelli.

Il martello toscano cresciuto nel Settore Giovanile di Trentino Volley e prestato per una stagione alla Gas Sales rischia però di non essere fra i protagonisti del match da fresco ex di turno a causa di un problema accusato al ginocchio sinistro durante la sfida con la Tonno Callipo. Al suo posto dovrebbe quindi giocare Fei, fra i principali fautori della promozione della passata stagione.

In questo campionato Piacenza ha raccolto sin qui tre punti, perdendo al tie break a Verona e per 0-3 a Civitanova ed in casa contro Modena.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Dolomiti Energia Trentino, terzo quarto fatale: alla BLM Group Arena passa il Buducnost 69-76

Pubblicato

-

I bianconeri comandano le operazioni nel primo tempo, poi però la partita cambia padrone nel terzo quarto quando i montenegrini piazzano un 8-31 di break. Domenica a mezzogiorno di nuovo in casa per la sfida di campionato con Cremona.

Un terzo quarto da incubo costa alla Dolomiti Energia Trentino il Round 7 di 7DAYS EuroCup: alla BLM Group Arena la spunta 69-76 il Buducnost VOLI Podgorica, che conquista il primo successo nel gruppo D lasciando a quota tre vittorie (e quattro sconfitte) i bianconeri.

La Dolomiti Energia parte bene e conduce con autorevolezza i primi 20’ cavalcando un James Blackmon da 14 punti nel primo tempo, ma cede di schianto nel terzo parziale (8-31 di parziale nei 10’) quando l’attacco dei bianconeri si inceppa e il Buducnost ingrana le marce alte.

Pubblicità
Pubblicità

A quel punto Trento, nonostante un disperato assalto nel finale lanciato da un paio di triple di Fabio Mian, non riesce più a riacciuffare il match, con Cobbs e compagni a strappare il primo successo stagionale in 7DAYS EuroCup.

Oltre ai 16 punti di Blackmon, buone prestazioni individuali per Rashard Kelly (12 punti, sette rimbalzi e due assist) e per il solito Aaron Craft da 10 punti, sette rimbalzi, sei assist e due recuperi.

Domenica a mezzogiorno i bianconeri hanno occasione per un pronto riscatto in casa contro la Vanoli Cremona nel nono turno di regular season in Serie A, mentre in 7DAYS EuroCup per continuare a inseguire il sogno qualificazione alle Top 16 saranno decisive le trasferte a Oldenburg e Gdynia, al momento alla pari con Trento in classifica nel gruppo D.

Pubblicità
Pubblicità

«Abbiamo giocato due partite all’interno dei 40’, questa sera: i nostri avversari hanno giocato con consistenza per tutto l’arco del match, noi abbiamo attraversato troppi alti e bassi e abbiamo pagato i nostri passaggi a vuoti con dei grandi break subiti in particolare nel terzo quarto. Ora in EuroCup ci aspettano due partite decisive in casa di ottime squadre come Oldenburg e Gdynia: abbiamo già vinto in trasferta su campi difficili come Podgorica e Istanbul contro Buducnost e Galatasaray, proveremo a ripeterci»  – Nicola BRIENZA, Allenatore Dolomiti Energia Trentino

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza