Connect with us
Pubblicità

Trento

Licenza Cemt falsa: denunciato conducente bosniaco e multato con 4.130 euro

Pubblicato

-

Dal momento della sua istituzione, il Nucleo Autotrasporto della Polizia Locale di Trento è stato impegnato in controlli capillari sui veicoli destinati al trasporto di cose e di persone.

Nel corso di tali attività sono emerse non solo numerose irregolarità amministrative, ma anche comportamenti o fatti con rilevanza penale.

L’ultimo in ordine di tempo risale allo scorso venerdì 7 giugno, quando il Nucleo ha individuato una licenza Cemt falsa.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta di un’autorizzazione che consente il trasporto internazionale di merci tra gli stati che hanno aderito alla Conferenza europea dei ministri dei trasporti.

Tale licenza è rilasciata in modo contingentato e assegnata annualmente ad ogni Stato membro, in originale, secondo criteri fissati dallo Stato in cui l’impresa ha sede, non è cedibile ed è intestata ad un solo trasportatore che deve coincidere con il soggetto che utilizza il veicolo, è multilaterale (permette trasporti fra i vari Stati membri), accompagna il veicolo a motore, deve trovarsi a bordo in originale dal luogo di carico a quello di scarico e durante i percorsi a vuoto e, a richiesta, va esibita ai funzionari doganali o a qualunque agente del controllo.

Il controllo dello scorso 7 giugno, alle ore 17.20 in via San Sebastian, riguardava un autoarticolato impegnato nel trasporto internazionale di merci.

Durante la verifica dei documenti di circolazione e di trasporto emergeva che la licenza Cemt era presumibilmente contraffatta in quanto non conforme ai modelli conosciuti.

Pubblicità
Pubblicità

Per tale motivo, il documento è stato sequestrato e il conducente, S.S., 51 anni, di nazionalità bosniaca, è stato denunciato a piede libero ai sensi dell’articolo 489 del Codice penale per uso di atto falso.

Vista la non regolarità del trasporto internazionale, è stato contestato al conducente e all’azienda di trasporto il trasporto abusivo (articolo 46 della legge 298/1974), che prevede una sanzione pari a 4.130 euro, con contestuale applicazione della sanzione amministrativa accessoria del fermo del veicolo, un autoarticolato Mercedes di nazionalità bosniaca, con affidamento al cosiddetto “custode acquirente”.

Le licenze Cemt false hanno un rilevante valore economico, anche di migliaia di euro, dal momento che il loro uso fraudolento consente al titolare di una licenza di trasporto di far circolare contemporaneamente più veicoli anziché lo stretto numero autorizzato legalmente.

Altri fatti rilevati nel corso dell’anno da parte degli agenti del Nucleo Autotrasporto sono:

  • lo scorso 10 aprile in via Innsbruck denuncia a piede libero del conducente di nazionalità bulgara – M.G., 39 anni – per uso di un falso certificato di revisione di un trattore stradale immatricolato in Bulgaria (violazione dell’articolo 489 codice penale)

  • lo scorso 21 marzo, alle ore 22.15, in via Brennero, denuncia a piede libero della conducente di nazionalità moldava – B.V., 30 anni – per uso di falsa patente di guida di nazionalità moldava utilizzata per condurre un veicolo immatricolato in Romania. (violazione dell’articolo 489 del codice penale).

  • Lo scorso 18 gennaio alle ore 17.30 in via Innsbruck è stato accertato un illecito di natura penale inerente un trasporto internazionale di rifiuti pericolosi con violazione delle prescrizioni riportate sull’iscrizione all’Albo nazionale dei gestori ambientali da parte del conducente – P.S., 49 anni – dell’autoarticolato immatricolato in Germania.

In tre distinte occasioni sono stati trovati armi o oggetti atti ad offendere a bordo dei veicoli sottoposti a controlli di polizia stradale:

  • lo scorso 6 febbraio è stato trovato un coltello a serramanico, marca Buck modello Da88, con una lama lunga 11 cm circa.

  • lo scorso 11 febbraio è stata trovata una bomboletta spray con la dicitura “Military 50003 – Cs-Gas – Teargas – Super Defense”.

  • lo scorso 3 aprile è stato trovato un bastone estensibile flessibile chiaramente utilizzabile per l’offesa di persone

Tutti i conducenti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per porto di armi o oggetti atti ad offendere (violazione dell’art. 4 della Legge 18 aprile 1975, n. 110).

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Violenta e minaccia di uccidere la sua ex moglie. Divieto di avvicinamento per un 33 enne macedone di Trento

Pubblicato

-

La Squadra Mobile della Questura di Trento, coordinata dalla Procura della Repubblica, ha eseguito una misura cautelare di divieto di avvicinamento alla donna da parte del marito, un macedone di 33 anni residente a Trento

Dalle indagini affidate alla Squadra Mobile e coordinate dalla Procura della Repubblica di Trento, è scaturito che l’uomo avesse più volte costretto la donna ad avere rapporti sessuali contro la sua volontà.

Inoltre, avesse vessato la coniuge anche con maltrattamenti di tipo psicologico, insultandola per il suo aspetto fisico e costringendola a vere e proprie limitazioni della libertà personale, consistite in controlli assillanti dei suoi movimenti e frequentazioni nonché dei contatti telefonici.

PubblicitàPubblicità

La donna esasperata dal comportamento dell’uomo dal mese di maggio ha manifestato l’intenzione di separarsi dal marito.

Di contro l’uomo ha iniziato un vero e proprio pedinamento della donna, aspettandola fuori dal luogo di lavoro e chiedendole insistentemente, attraverso continui messaggi tramite servizi di instant messaging,  dove e con chi fosse, ordinandole di inviare foto e video per avere conferma della veridicità di quanto asserito dalla moglie.

L’epilogo della condotta vessatoria è avvenuto alla metà del mese di ottobre quando l’uomo è andato dai suoceri riferendogli che quando si fosse separato dalla figlia, l’avrebbe uccisa.

A questo punto la donna, venuta a sapere di quanto proferito dal marito si è decisa ad allontanarsi con i figli da casa, trovando la forza di enunciare gli abusi subiti presso la Questura di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

Le indagini portate avanti dalla Squadra Mobile hanno permesso di confermare quanto riferito dalla vittima in denuncia, determinando la Procura della Repubblica a richiedere al Giudice per le indagini preliminari l’adozione di un provvedimento di divieto di avvicinamento alla donna da parte del marito.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Maltempo, allerta gialla, ordinaria, su tutto il territorio provinciale

Pubblicato

-

Maltempo: è stata dichiarata, dalla Protezione civile, l’allerta gialla, ordinaria, su tutto il territorio provinciale.

La sala operativa si è riunita questa mattina alle 11.00 per un’analisi della situazione in corso e delle previsioni meteorologiche per le prossime ore.

Con l’allerta gialla è stato attivato tutto il sistema di Protezione civile del Trentino, questo significa che il territorio verrà costantemente presidiato e che gli uomini e mezzi a disposizione saranno pronti ad intervenire per affrontare eventuali problemi.

Pubblicità
Pubblicità

La popolazione è invitata a ridurre gli spostamenti e, in ogni caso, a porre particolare attenzione alle condizioni dei luoghi percorsi.

Eventuali situazioni di emergenza andranno comunicate al numero 112. “L’intero sistema della Protezione civile – sottolinea il dirigente generale Gianfranco Cesarini Sforza – è pronto ad affrontare la situazione. Sono allertati anche i Vigili del Fuoco, le amministrazioni comunali e i gestori di servizi”.

L’allerta è stata dichiarata anche in base all’aggiornamento della situazione meteorologica fatto questa mattina.

Sono possibili, nelle prossime ore e nei prossimi giorni, problemi dovuti alla caduta di rami o alberi e all’azione battente della pioggia che possono causare disagi alla viabilità, alle reti elettriche e alla stabilità dei versanti, con crolli e smottamenti.

Pubblicità
Pubblicità

Sono anche possibili fenomeni localizzati di allagamento e di erosioni nel reticolo idrografico minore.

In montagna tenderà ad aumentare il pericolo di valanghe con possibili fenomeni di slittamento anche su rampe vicine alle strade poste a quote medio-alte.

Queste le previsioni meteorologiche aggiornate a questa mattina – Dalla serata di ieri sono fino ad ora caduti mediamente sul territorio trentino 20 – 40 mm di precipitazioni, con punta massima di 104 mm a Passo Pian delle Fugazze. La quota neve si è attestata attorno ai 1.500 metri sui settori meridionali, più bassa altrove con valori minimi attorno a 500-600 metri nel settore nord-occidentale.

Nelle prossime ore e fino al pomeriggio-sera di oggi sono attese precipitazioni forti o molto forti diffuse, anche a carattere temporalesco. E’ possibile che sui settori orientali, nel pomeriggio, le precipitazioni risultino particolarmente intense. Attesi mediamente altri 40 -70 mm di pioggia con i valori più elevati sui settori orientali e nelle zone di stau dove il cumulato della giornata odierna potrà superare i 150 mm.

La quota neve tenderà a portarsi oltre i 1700 m sui settori meridionali ed orientali, a quote inferiori altrove e specie nelle valli più chiuse dei settori occidentali tenderà ad attestarsi attorno ai 1000 m e localmente anche più in basso. Oltre i 1800 – 2000 m si prevedono complessivamente fino a 70 – 100 cm di neve fresca. Per la giornata di sabato si prevede una decisa attenuazione dei fenomeni con precipitazioni assenti o deboli fino a sera.

Dalla sera di sabato fino alle ore centrali di domenica riprenderanno precipitazioni moderate con quota neve inizialmente a circa 1000 m e poi in graduale in innalzamento. Dal pomeriggio di domenica e fino alla sera di lunedì precipitazioni generalmente assenti. Per la giornata di martedì è attesa un’ulteriore fase perturbata con precipitazioni moderate che avranno carattere nevoso oltre 1200 m circa.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Maltempo, la situazione della viabilità: Nevica su tutto il Trentino al di sopra degli 800 metri

Pubblicato

-

La precipitazione in corso nell’intero territorio provinciale ha assunto carattere nevoso a quote superiori a 800 -1200 metri.

Al momento si registra la chiusura per neve, per pericolo valanghe o per alberi instabili vicino alla sede stradale, di alcune tratte stradali nelle zone di alta montagna o in prossimità dei passi.

La protezione civile raccomanda di viaggiare con prudenza e di prestare attenzione nella guida per possibili tratti ghiacciati o particolarmente sdrucciolevoli, soprattutto nelle zone a quote superiori a 800 – 1000 metri dove sono in attività i mezzi per lo sgombero neve per completare la pulizia delle strade e l’allargamento della carreggiata anche con l’impiego di frese o turbine da neve.

Pubblicità
Pubblicità

Si ricorda che da oggi scatta l’obbligo di viaggiare con pneumatici da neve o catene a bordo, montate durante le precipitazioni nevose.

Strade sett 1 – ALTA VALSUGANA

In questa zona le nevicate hanno inizio attorno ai 1300-1400 metri.

Non si rilevano particolari disagi alla viabilità.

Pubblicità
Pubblicità

Strade sett 4 – TRENTO – MONTE BONDONE – PAGANELLA

In questa zona le nevicate hanno inizio attorno ai 1300-1400 metri.

In loc. Vason si registrano circa 40 cm di neve fresca.

Sono chiuse, per pericolo caduta piante:

la SP 25 di Garniga da Garniga Vecchia a loc. Viote;

la SP 64 di Fai da loc. Santel ad Andalo.

Strade sett 8 – VALLAGARINA E ALTOPIANO DI FOLGARIA

In questa zona le nevicate hanno inizio attorno ai 1300-1400 metri.

Non si rilevano particolari disagi alla viabilità.

Si rammenta la chiusura stagionale delle seguenti strade:

SP 3 del Monte Baldo da loc. san Valentino al confine con la provincia di Verona.

SP 138 del Passo della Borcola dal km 5 a monte di loc. Incapo di Terragnolo.

Strade sett 5 – VAL DI NON E SOLE

La nevicata sta interessando quasi tutta la val di Sole e parte della val di Non (a quote superiori agli 800 metri).

Dalla mattina di oggi è attivo il presidio di Presson in comune di Dimaro Folgarida lungo la S.S. 42, per il controllo che i veicoli in transito lungo le strade dell’Alta val di Sole siano equipaggiati con attrezzatura invernale (pneumatici da neve o catene montate).

Permane il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della S.S. 42 tra Fucine e P. Tonale.

Da questa mattina è chiusa la S.P. 141 nel tratto tra le frazioni di Bolentina e Montes per pericolo valanghe. E’ consentito il transito solo nelle fasce orarie: 07:00-08:30, 12:00-13:30 e 18:00-19:00 sotto la sorveglianza dei Vigili del Fuoco volontari.

Sul resto della rete stradale delle valli del Noce non si registrano al momento particolari problemi per la circolazione.

Nelle zone boscate, tra 900 e 1200 metri, sono in corso verifiche ed interventi puntuali per la messa in sicurezza di alcuni alberi di alto fusto prossimi alla sede stradale carichi di neve.

Dalla tarda serata di ieri sono caduti 50 cm di neve fresca a Passo del Tonale, circa 40 cm a Passo Campo Carlo Magno, 15 cm a Passo Mendola.

Strade sett 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

In val Giudicarie ed in particolare in val Rendena sta nevicando intensamente a quote superiori a 900 – 1000 metri.

Non si registrano problemi di rilievo alla viabilità.

Nella notte e fino ad ora sono caduti fino a circa 40 cm di neve a M. di Campiglio.

Al momento sono in azione i mezzi per lo sgombero neve a quote superiori a circa 800 metri e, nella zona di M. di Campiglio anche le frese per l’allargamento della carreggiata.

Strade sett 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA  

La nevicata sta interessando principalmente le aree della val di Ledro, val di Gresta, valle di Cavedine e Monte Bondone a quote superiori a 1200-1300 metri.

Si misurano fino a 50 cm di neve fresca in loc. Vason del M. Bondone, 20 cm sui Passi Bordala e S. Barbara.

Al momento non si segnalano particolari criticità lungo le strade del Settore.

Strade sett 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Non si registrano particolari disagi alla viabilità. Quota neve oltre 1400 m. Passo Rolle 20 cm di neve, Passo Brocon 15 cm di neve.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Si rammenta la chiusura stagionale della S.P.31 del Passo Manghen da località Baessa (km  15+500) a località Piazzol a Molina di Fiemme nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 38+520).

Strade sett 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Neve sui passi circa 20 cm, nelle valli ai 5 cm.

Chiusi il Passo Pordoi in territorio bellunese e passo Sella nella provincia di Bolzano, entrambi raggiungibili dal territorio trentino.

Chiuso il passo Fedaia nel tratto ricompreso tra il confine di provincia e la località Diga km 11+500 per pericolo valanghe. Le stazioni turistiche presenti al passo sul territorio trentino sono comunque raggiungibili da Canazei.

Chiusa la SP 102 delle piramidi per pericolo caduta massi.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza