Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Rovereto: africani si affrontano con i bastoni. Poi nel parco rimane il degrado

Pubblicato

-


Rissa ieri sera poco dopo le 22.00 al parco NicolaJewka, di fronte all’ospedale santa Maria del Carmine a Rovereto.

Una decina di africani si sono affrontati muniti di bastoni, in due parti diverse dentro il parco, attirando l’attenzione di numerosi passanti che poi hanno chiamato le forze dell’ordine.

Uno di loro – secondo un testimone – ha anche brandito un coltello.

PubblicitàPubblicità

Sarebbero infatti state le grida di un ragazzo italiano che minacciava di essere accoltellato a richiamare l’attenzione delle persone.

La Polizia di Stato è subito intervenuta ma non è stato facile far tornare la calma fra i contendenti.

Pubblicità
Pubblicità

Fra gli africani anche un gruppetto di italiani e due ragazze tossicodipendenti, una minore e una di circa 30 anni che sono intervenuti  per cercare di fermare la rissa. 

Secondo una prima ricostruzione la rissa sarebbe scattata per il controllo del mercato della droga e per qualche sgarro fatto da parte delle ragazze.

Pubblicità
Pubblicità

Sul corpo di una delle ragazze erano ben visibili delle grosse ecchimosi che però potevano essere antecedenti all’episodio di ieri sera. 

Purtroppo non è la prima volta che nella zona succedono episodi simili che vedono protagonisti sempre persone stranieri.

Sono molti i disagi, i malumori, ed i timori dei residenti, che ora hanno paura di transitare nella zona per paura di essere aggrediti. 

il gruppetto di africani, che ormai si è impossessato della zona, a detta dei residenti abbandonato il parco a notte fonda lascia immondizie di ogni genere e degrado ovunque ( foto scattate stamane).

Tutti – riferiscono alcuni residenti – arrivano vestiti con abiti firmati, biciclette nuove ogni sera e cuffiette al seguito.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Rovereto: si è conclusa con successo la terza edizione del Festival di Informatici Senza Frontiere

Pubblicato

-


Si è conclusa con successo la terza edizione del Festival di Informatici Senza Frontiere, svoltasi a Rovereto dal 17 al 19 ottobre.

Più di 1500 persone hanno partecipato al ricco programma di eventi: 40 conferenze, 5 laboratori per ragazzi, 1 documentario in anteprima nazionale e una conferenza spettacolo, che hanno visto impegnati nei tre giorni di Festival oltre 50 relatori (docenti, ricercatori, esperti, imprenditori, giornalisti e anche ragazzi) da tutta Italia e dagli Stati Uniti.

Numerosi i ragazzi e gli studenti coinvolti, con una decina di classi scolastiche, dalla provincia e da Reggio Emilia, e un numeroso gruppo di universitari di Ferrara.

Pubblicità
Pubblicità

Un pubblico attento e partecipe che si è mostrato pronto a riflettere sull’impatto sociale delle nuove tecnologie, scopo principale del festival organizzato dall’associazione Informatici Senza Frontiere e dal Comune di Rovereto.

La formula di quest’anno, curata da Impact Hub Trentino, è stata all’insegna della commistione: quella tra linguaggi (spettacoli, film conferenze e spettacoli), quella tra professionalità dei relatori coinvolti e quella di pubblici diversi sia per età che per competenze.

Pubblicità
Pubblicità

«La rivoluzione digitale tocca ognuno di noi e c’è la necessità da parte di tutti, dai giovani ai meno giovani, di acquisire le conoscenze necessarie a un uso consapevole e sano delle nuove tecnologie. Ma la conoscenza non basta, è necessaria anche una cultura che aiuti a gestire i cambiamenti profondi che queste tecnologie introducono nella vita di tutti i giorni: cambia il rapporto di comunicare tra pubblico e privato, il modo con cui ci relazioniamo agli altri, la fiducia che abbiamo quando ci troviamo di fronte a una notizia, solo per fare alcuni esempi» spiega il presidente di ISF Dino Maurizio.

Tante le tematiche trattate: sicurezza, cyberbullismo, educazione alla tecnologia, informatica come strumento per superare le barriere e aiutare l’integrazione, collaborazione fra istituzioni e società, etica nell’utilizzo delle nuove tecnologie ed evoluzione e utilizzi dell’intelligenza artificiale.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Ala: presentato il progetto Lessina for You

Pubblicato

-


Lessinia 4u”, da pronunciare Lessinia For You, è il progetto di marketing territoriale dedicato alla montagna veronese e ai Monti Lessini.

Ha come capofila il Comune di Bosco Chiesanuova, e vi aderiscono 120 tra aziende, Comuni e realtà che operano sul territorio della Lessinia veronese. Produce un sito web con un calendario unificato degli eventi e delle proposte, una fitta rete di infopoint su tutta l’area e una serie di servizi per chi aderisce.

L’obiettivo – soprattutto per un territorio, come quello del lato veronese, dove non esistono Apt vere e proprie – è quello di creare delle strategie condivise per la promozione e lo sviluppo turistico, con una progettazione condivisa.

Pubblicità
Pubblicità

I responsabili del progetto si sono rivolti anche al Comune di Ala, in cui ricade tutto il versante settentrionale dei Lessini. L’amministrazione ha così organizzato una serata di presentazione a palazzo Pizzini, tenendo un incontro mirato (e riservato ad operatori e residenti della Sega di Ala, associazioni locali che in qualche modo operano sul territorio montano interessato, e la Cassa Rurale Vallagarina, presente in diversi Comuni lessinici). Erano presenti una trentina di realtà.

Il progetto di Lessinia 4U è stato illustrato da Alessandra Albarelli, responsabile della società Beipassi.it, in-house del Comune di Bosco che si occupa di turismo e marketing.

Pubblicità
Pubblicità

“Sulla Lessinia abbiamo fatto in questi anni diversi investimenti – commenta il sindaco Claudio Soini – questo progetto potrebbe aiutarci a trovare una vocazione per l’area. Non vogliamo turismo di massa, ci piacerebbe sviluppare il potenziale dei Lessini preservando e tutelando il loro paesaggio.

Con Lessinia 4U potremmo creare un infopoint alla Sega ed entrare a far parte del bacini di eventi del lato veronese, con beneficio per i nostri operatori. Come Comune siamo disposti ad aderire, vogliamo capire se c’è un tessuto locale pronto a raccogliere questa sfida”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Mercatino del riuso a Mori sabato 26 ottobre

Pubblicato

-


All’insegna delle cinque R – ridurre, riutilizzare, riparare, riciclare, rallentare – ritorna al Soardi Center di Mori, lungo la strada statale per il lago di Garda, il mercato del riuso organizzato per la terza volta dall’Associazione Trentina Mercatino delle Pulci in collaborazione con il Comune di Mori.

L’appuntamento è in programma sabato 26 ottobre, a partire dalle ore 8.30 e per tutta la giornata.

Sulle bancarelle – ne sono attese poco meno di trenta – si potranno trovare ed acquistare oggetti usati, di collezionismo, modernariato, oggetti di uso quotidiano che possono abbellire le nostre case oppure che possono essere trasformati, anche riparati ed avere un altro riutilizzo.

Pubblicità
Pubblicità

Ci sarà inoltre, nello spirito del mercato del riuso, il “tavolo scambio” dove lasciando un oggetto sarà possibile prenderne un altro.

L’Associazione Trentina Mercatino delle Pulci è nata dall’esigenza di diffondere la pratica del riuso degli oggetti salvandoli dalla dismissione e dalla discarica e da quest’anno – oltre al nuovo appuntamento negli spazi aperti del Soardi Center – organizza il mercatino dei libri in via Suffragio a Trento e il mercatino delle pulci e dell’ingegno creativo a Pieve di Ledro.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza