Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Il climatologo Stefano Caserini ospite al convegno “Investiamo per un mondo migliore” tenutosi a Cles

Pubblicato

-

Venerdì 7 giugno scorso, nella Sala Polifunzionale della Cassa Rurale Valle di Non, si è tenuto il convegno sul clima dal titolo ‘Investiamo per un mondo migliore’, che, considerate le tematiche, ha attirato un pubblico davvero numeroso.

Ad presentare la serata, il Presidente della Cassa Rurale Dott. Silvio Mucchi che ha sottolineato come la Cassa Centrale delle Casse Rurali sia l’ottavo gruppo italiano in termini di espansione, e di come le problematiche legate al clima siano strettamente legate alla finanza ed agli investimenti, che ormai convergono tutti nella stessa direzione, cioè la sostenibilità.

“Mi sembra incredibile di come, pur avendo tutti la consapevolezza che il clima stia cambiando, ci fosse voluto l’intervento di una bambina, Greta Thunberg, per coinvolgere il mondo a riflettere” conclude Mucchi, cedendo il posto a Gianluca Filippi, Responsabile Commerciale Finanza di Cassa Centrale Banca, che introduce il programma e gli interventi degli oratori, parla di risparmio gestito, credito cooperativo, finanza sostenibile e aggiorna sulle novità riguardanti le normative del settore.

PubblicitàPubblicità

“Le Nazioni Unite hanno sottoscritto 17 obiettivi da raggiungere, non vincolanti, ma che impegneranno i Paesi aderenti a rispettarli. Inoltre il gruppo Nef (gestione fondi) devolve una parte dei propri guadagni in progetti solidali; quest’anno sono destinanti alla Fondazione Archè che opera sul Lago di Garda con una barca a vela usata da persone disabili che vogliono imparare a veleggiare con il progetto ‘SailAbility’, ed all’organizzazione internazionale ‘Save the Children’, che si occupa di salvare bambini in difficoltà”.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo un breve intervento del Dott. Antonio Volpe, Responsabile ETF Business Unit di Amundi, che snocciola alcuni dati statistici inerenti Amundi e gli investimenti socialmente etici, la parola passa al Dott. Giordano Beani, responsabile dei fondi azionari globali SRI presso la Amundi Asset Management a Parigi, partner storico di Cassa Rurale Val di Non per quanto riguarda gli investimenti sostenibili.

“Logicamente scopo è gestire denaro e fare soldi, dare un rendimento positivo, ma dobbiamo investire in modo etico e sostenibile, cioè verificare che un’azienda si comporti in modo etico, che tipo di impatto ha sull’ambiente, come agisce nei confronti dei dipendenti, come si autogoverna. Cito ad esempio grandi aziende come la British Petroleum che nel 2010 causò un disastro ecologico provocato dall’inabissamento della piattaforma Deepwater Horizon nel golfo del Messico, e la casa costruttrice di veicoli Volkswagen nel 2015 per lo scandalo ‘Dieselgate’ (falsificò i dati sulle emissioni dei gas di scarico, poi si scoprì che quasi tutte le industrie automobilistiche avevano barato al riguardo). Ecco, in borsa i titoli di queste aziende crollarono in un attimo, e non si sono ancora riprese. Ora nel settore finanziario ci sono delle sanzioni molto alte per chi opera transazioni con paesi soggetti a embargo. Riassumendo, il portafoglio è strutturato in tre parti: ambiente – società – governance. Noi applichiamo questi canoni e verifichiamo l’attendibilità di un’azienda prima di investire”.

Pubblicità
Pubblicità

Sale sul palco l’ospite più atteso del convegno, Stefano Caserini. Ingegnere ambientale e Dottore di ricerca in Ingegneria Sanitaria, svolge da anni attività di ricerca nel settore dell’inquinamento dell’aria, degli inventari delle emissioni e della riduzione delle emissioni in atmosfera; si è occupato più recentemente delle strategie di riduzione dei gas climalteranti e della comunicazione del problema dei cambiamenti climatici. Titolare del corso di Mitigazione dei cambiamenti climatici al Politecnico di Milano, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative. È direttore responsabile e co-direttore scientifico della rivista Ingegneria dell’Ambiente. ed ha scritto diversi libri sul clima.

“Ricordo che Amundi finanzia un progetto volto alla deacidificazione del Mediterraneo che si chiama ‘Desarc Maresanum’. Il mare, a causa dell’inquinamento ambientale, si sta acidificando; versando in acqua del carbonato di calcio si contrasta il fenomeno; questo interagisce con i microrganismi alla base dell’ecosistema acquatico ripristinandolo. Ora gli scienziati stanno studiano come produrre tutto l’acido carbonico necessario senza inquinare, e il sistema per poterlo spargere in mare.

I cambiamenti sostanziali che stanno affliggendo il pianeta sono i gas, come l’anidride carbonica, in aumento, provocando il costante innalzamento delle temperature. L’effetto serra è necessario e quindi benefico, senza questo effetto la terra avrebbe una temperatura di – 18°. Il problema è che l’aumento dei gas fa alzare la temperatura all’interno dell’effetto serra, e conseguentemente quella sul pianeta. I cambiamenti sono già in atto, lo possiamo vedere tutti, abbiamo estati torride (vedi Mosca nel 2010 colpita da innumerevoli incendi e con la gente che stava ammollo nelle fontane).

Più fa caldo, più il terreno evapora causando incendi, e le piogge sono più intense, come è successo nell’autunno scorso nel nord Italia, i ghiacci si ritirano, i nevai perenni stanno scomparendo, ed i primi a sparire saranno purtroppo quelli delle Alpi, i più vicini a voi. Nel recente accordo di Parigi del 2015, 195 paesi hanno sottoscritto un impegno per rimanere entro la soglia dell’innalzamento delle temperature terrestri di 2°, ed hanno commissionato agli scienziati uno studio sull’impatto che questo può avere sulla biodiversità, e del rischio elevato che comporta l’aumento di ogni decimo di grado; non si deve superare assolutamente questa soglia, altrimenti si corre il rischio di finire ad un punto di non ritorno. Sulle Alpi questo punto è già stato superato, ma in Amazzonia, per esempio, ancora no, perchè c’è il permafrost, quindi è più difficile. Prima ci si ferma meglio è; anche le barriere coralline sono a rischio, con conseguente perdita dell’ecosistema.

Se le temperature si alzassero fino a 4/5°, entro il 2100 i ghiacciai della Groenlandia sparirebbero quasi totalmente, provocando l’innalzamento dei mari, che entrerebbero nelle terre costiere, distruggendo le coltivazioni. Sempre nell’accordo di Parigi, si è stabilito di azzerare le deforestazioni nei prossimi tre decenni. Cosa si può fare? Per primo riconoscere che il problema esiste, facendo informazione senza creare panico. In secondo luogo bisogna adattarsi al clima, è inevitabile che perderemo i ghiacci, il clima diventerà più estremo e cambierà il territorio, dovremo edificare di conseguenza. Punto terzo: mitigazione, cioè cambiare i combustibili, risparmiare energia, fare energia rinnovabile; se si deforesta, poi bisogna ripiantare, basta con i combustibili fossili. Anche i grandi allevamenti sono un problema, perchè le deiezioni gli animali rilasciano una gran quantità di gas. Anche qui bisogna cercare un sistema di produrre energia (ne esistono già alcuni) estrapolandola da questi scarti biologici.

Ma ci sono anche buone notizie: per primo c’è una buona possibilità di ridurre le emissioni limitando i trasporti, usando mezzi ibridi o elettrici, per spostarsi cercare di usare i mezzi pubblici, o la bicicletta, o andando a piedi. Cercare di usufruire dell’energia prodotta dal sole e dal vento, con pannelli fotovoltaici e pale eoliche. Più useremo energia solare, più si abbasserà il prezzo, tra cinque anni i pannelli saranno molto meno cari di oggi. Cerchiamo invece di creare nuovi posti di lavoro rivolti ai giovani, che dovranno studiare un sistema per il riciclo delle batterie (tipo quelle per le autovetture) che producono energia elettrica.

In Italia dovremo sfruttare di più le energie rinnovabili, puntare sull’eolica. Adesso il nostro fabbisogno viene fornito per la maggior parte dall’estero, siamo ricattati da Algeria, Libia e Russia, da dove proviene il gas che stiamo usando, e lo paghiamo a prezzi esorbitanti a causa delle accise che gravano sui costi. In California stanno facendo passi da gigante, nel 2020 arriveranno ad emissioni zero. Noi stiamo progredendo, ma non così velocemente. Grande sfida per i ricercatori sarà anche come fare a stoccare il CO2, perchè 30 anni sono pochi per rottamare un sistema energetico che ha più di un secolo; entro il 2025 si chiuderanno tutte le centrali che funzionano con carburanti fossili. Cina e India si stanno già muovendo in questo senso, ma deve essere l’Europa a iniziare e dare il buon esempio”.

 

Poi l’Ing. Caserini, molto disponibile, lascia spazio alle domande del pubblico: uno spettatore è molto preoccupato per le emissioni degli aeroplani, ma, a detta di Caserini, sono solo il 4% dell’inquinamento totale; riferisce che le compagnie aeree, non potendo limitare le emissioni, che anzi aumenteranno, vista la costante richiesta di volare, e nell’attesa che si scopra un valido carburante in sostituzione dell’attuale kerosene, si sono autoimposte una sanzione per quando sorpasseranno la soglia limite, e questo denaro servirà a finanziare i progetti di ricerca inerenti; stessa cosa vale per il trasporto marittimo e le navi.

Un altro quesito posto riguarda il progetto Desertec, (installazione di grandi pannelli solari nei deserti africani per la produzione di energia elettrica) abbandonato, spiega l’ingegnere, per i troppi problemi tecnici avvenuti in corso di realizzazione nel deserto africano, quali la sabbia, il vento ecc. Sarebbe molto più utile, spiega, che ogni capannone industriale applicasse pannelli solari, l’energia costerebbe loro molto meno, e a breve, quando si accorgeranno di questo fatto, tutti li vorranno installare. E a chi si preoccupa per il futuro smaltimento dei suddetti pannelli, una volta esauriti, risponde che i materiali dei quali sono composti sono totalmente riciclabili, non esiste alcun problema in merito.

Il tema degli smaltimenti riguarda invece le centrali nucleari in Francia. Dato il costo elevato dell’energia nucleare, si è deciso di chiudere praticamente tutte le centrali, ma ora rimangono le scorie da smaltire, e questo è un bel guaio, si sta cercando una soluzione. A conclusione del proprio intervento, Stefano Caserini presenta i suoi libri, scritti per capire meglio il cambiamento climatico ormai in atto.

L’ultimo oratore è il Dott. Roul Douli, Federazione Trentina della Cooperazione, Coordinatore Etika del progetto ‘Etika luce e gas’, un nuovo sistema energetico ecologico e solidale, che ha trattato questi temi e spiega: “Etika energia è economica, ecologica, sostenibile. Economica: con etika risparmi ogni anno e se sei socio di una Cassa Rurale Trentina o di una Famiglia Cooperativa del Consorzio Sait risparmi ancora di più.
Ecologica: con Etika tuteli l’ambiente dove vivi e ne conservi la bellezza e la salubrità per chi lo abiterà in futuro. Con Etika userai Il 100% di energia green perché prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili. Un’energia pulita certificata dal Gestore del Sistema Elettrico (Cofer-Go), un ente terzo che ne garantisce la provenienza dal territorio italiano. Sostenibile: ‘Che ne sarà di me, quando non ci saranno più mamma e papà? Con chi andrò a vivere?’ – ‘Che ne sarà di mio figlio quando non avrò più le forze per aiutarlo?’ Sono queste le domande che centinaia di persone con disabilità e i loro genitori si fanno ogni giorno.

Ma il futuro non è una cosa da costruire ‘Dopo di Noi’, ma qui e ora, non da soli, ma insieme. Ancor di più oggi perché le risorse pubbliche costantemente in calo non possono finanziare interamente i nuovi servizi. Dolomiti Energia nell’ambito della propria responsabilità di impresa versa 10 €uro l’anno (20 se si scelgono sia luce che gas) al progetto Etika.

I partner del progetto hanno creato un Fondo Solidale per finanziare la ricerca e la realizzazione di soluzioni abitative per le persone con disabilità (il cosiddetto Dopo di Noi) attraverso il coinvolgimento delle famiglie e della comunità. Una ricerca che parte dalle storie individuali valorizzandone le capacità di ciascuno e attivando il territorio. Non si tratta di edificare muri, ma progetti di vita, e accompagnare le persone dentro ad un concetto di casa come spazio in cui nascono relazioni, si alimentano legami, in cui il dentro e il fuori dialogano”.

Presente alla serata anche Matteo Lorenzoni, Responsabile marketing della Cassa Rurale Val di Non, che ha collaborato all’organizzazione del convegno.

Le foto sono di Nicola Bortolamedi

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Lover: la parrocchia costruisce il campetto, il Comune di Campodenno contribuisce

Pubblicato

-

La frazione di Lover

La Parrocchia dell’Immacolata di Lover ha realizzato, in prossimità della canonica, un campetto polifunzionale a servizio della frazione. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

«Agorà forum sound» a Smarano, il concerto finale con MotoContrario

Pubblicato

-

Domenica 15 dicembre ad ore 20.30 a Smarano, nell’Auditorium della Smarano Organ Academy, si terrà un concerto con le opere dei giovani compositori che hanno partecipato all’“Agorà Forum & Sound – Workshop & Performance”, progetto promosso dall’Associazione Culturale “Piazza del Mondo” in collaborazione con Associazione di Promozione Sociale Mons. Celestino Eccher e MotoContrario Ensemble.

Nei mesi da settembre a dicembre 2019 un gruppo consistente e internazionale di compositori ha lavorato a Smarano alle proprie composizioni nell’ambito di quest’esperienza aperta di creatività, condivisione e confronto; giovani provenienti da Italia, Russia, Iran, Germania.

Le composizioni saranno eseguite dal MotoContrario Ensemble nella composizione con Beatrix Graf (clarinetti), Emanuele Dalmaso (sassofoni), Riccardo Terrin (tromba), Andrea Mattevi (viola), Marco Longo (pianoforte). L’ensemble eseguirà opere dei compositori: Marco Faglia, Claudio Dina, Sebastiano De Salvo, Edgar Caracristi, Veronika Reutz Drobnić, Roman Parkhomenko, Abolfazl Rahbarian, Daniele Grott, Giacomo Mazzucchi.

Pubblicità
Pubblicità

A Smarano si sono svolti i laboratori creativi di composizione, studio e ricerca, guidati da Cosimo Colazzo, compositore, docente al Conservatorio Bonporti.

Qui i compositori hanno potuto seguire i laboratori dedicati alle tecniche strumentali contemporanee tenute dai musicisti del MotoContrario ensemble, il sassofonista Emanuele Dalmaso, il violista e compositore Andrea Mattevi, il pianista e compositore Marco Longo, il trombettista Riccardo Terrin, la clarinettista Beatrix Graf, ed hanno potuto incontrare compositori e artisti ospiti.

Pubblicità
Pubblicità

 Il progetto è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Cartitro, la Regione Autonoma Trentino-Alto Adige, la Provincia Autonoma di Trento ed il Consorzio BIM dell’Adige.

Ha preso così forma e si compie un progetto dove giovani compositori emergenti hanno potuto incontrarsi, scambiare esperienze e idee, condividere i loro esperimenti. Un luogo, anche, dove questi stessi artisti hanno realizzato un loro progetto compositivo, che ora viene comunicato al pubblico grazie all’interpretazione di un ensemble professionale.

Pubblicità
Pubblicità

“Agorà Forum & Sounds” ha rappresentato una manifestazione di grande successo, di richiamo internazionale, con la sua formula di laboratori, di forum di discussione e confronto, con worskhop su tecniche compositive, tecniche strumentali.

L’intenzione e la volontà degli organizzatori, di quanti vi hanno partecipato, è di replicarla nell’anno a venire, allargandola a nuove occasioni di relazione e confronto: nuovi organici, rapporti di antico e contemporaneo.

In una sede come l’Accademia di Smarano, quale più bella e arricchente esperienza di connettere e mettere in dialogo l’antico e il contemporaneo, gli strumenti della tradizione e nuovi strumenti, la cultura dell’interpretazione filologica e quella che si esprime con le visioni del futuro? A questo stanno pensando gli organizzatori e collaboratori. Una straordinaria possibilità di mettere in rete esperienze, sensibilità diverse, di aprire dialoghi culturali, in un orizzonte internazionale.

L’ingresso al concerto è libero

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Riapre stasera la Statale 421 per Molveno

Pubblicato

-

Grazie all’impegno determinante del Servizio Gestione Strade della Provincia, a partire da questa sera sarà riaperta al traffico la S.S. 421 nel tratto tra S. Lorenzo in Banale e Molveno, chiusa dal 23 novembre scorso a causa di una frana staccatasi dalla parete rocciosa che costeggia la sede stradale

Gli interventi per ripristinare l’agibilità dell’arteria viaria sono stati avviati già all’indomani della frana dallo stesso Servizio Gestione Strade, in collaborazione con i geologi del Servizio provinciale e di una ditta specializzata in disgaggi.

La riapertura è avvenuta in tempi record, nonostante la situazione della parete rocciosa a monte della strada, l’entità della frana e le condizioni di intervento non certe.

PubblicitàPubblicità

Superato questo problema immediato rimane l’impegno, confermato dal presidente Maurizio Fugatti, di affrontare strutturalmente le condizioni della strada, per la quale sono già disponibili risorse a bilancio.

Al momento, oltre alla bonifica di un’ampia porzione del versante interessato dai crolli, si è provveduto allo svuotamento del materiale di frana trattenuto dalle barriere paramassi già in opera ed a realizzare una nuova barriera paramassi nella parte superiore delle alte pareti presenti.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, per accelerare la riapertura della strada in considerazione della sua valenza turistica e considerato che sono già in attività gli impianti delle stazioni sciistiche dell’Altopiano della Paganella, per un tratto di circa 80 metri, la sede stradale è stata provvisoriamente spostata più a valle, in modo da allontanarla il più possibile dalla base della parete della frana.

Ad ulteriore protezione del traffico è stata realizzata una barriera di elementi prefabbricati in cemento armato, sormontati da una rete metallica, in modo da contenere le eventuali proiezioni di frammenti che potrebbero essere rilasciati nella fase di completamento dei lavori, prevista per le prossime settimane.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza