Connect with us
Pubblicità

Trento

Trento: è partito l’Urban Boulder Contest con 511 partecipanti

Pubblicato

-

Ieri, sparsi in dieci zone del centro storico, erano presenti 40 percorsi d’arrampicata con 511 climber che si sono sfidati arrampicandosi sui palazzi della città.

L’Urban Boulder Contest, giunta all’ottava edizione, è stato  soprattutto una festa: tanti curiosi si sono improvvisati tifosi e i partecipanti hanno colto l’occasione per confrontarsi.

Come spiegano gli organizzatori di Block & Wall tutti si aiutano e si consigliano per affrontare al meglio i percorsi.

Pubblicità
Pubblicità

Benché ci sia competitività nel salire, lo spirito è quello di una festa nella quale l’amicizia si unisce all’attività sportiva.

La regola base di questa disciplina è arrivare in cima utilizzando solo gli appigli che offre la facciata del palazzo. Nonostante l’utilizzo della classica polverina (magnesite), il rischio di caduta è elevato.

Nel caso di perdita della presa sono previsti dei materassi (crash pad) disposti ai piedi della parete. E’ uno sport che si è sviluppato in Italia e in Europa a partire dagli anni duemila: inizialmente ai limiti della legalità e solo più tardi attraverso contest (il primo è stato nel 2008 a Genova).

I 13 giovani del direttivo organizzativo e i 60 volontari hanno creato in Piazza Fiera il luogo per svolgere le finali e il concerto finale con Dj Mataz, mentre in dieci punti della città hanno individuato i palazzi da scalare: piazza Garzetti, via Calepina, piazza Vittoria, piazza Lodron, largo Carducci, via Marchetti, piazza Battisti, vicolo del Vò, via Torre Verde e il vicolo tra via Suffragio e piazza Mostra. Il blocco più ostico si è rivelato quello di largo Carducci.

Pubblicità
Pubblicità

Tra gli oltre 500 iscritti circa un terzo era composto da donne: componente sempre più in aumento. Inoltre un aspetto che sottolineano gli organizzatori riguarda la provenienza estera di alcuni partecipanti: una ragazzo dalla Francia e due dalla Germania.

Per l’ Italia sono presenti partecipanti di tutte le regioni del centro-nord fino all’Abruzzo, trasformando l’Urban Boulder Contest in un evento di rilevanza nazionale.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Scoppia un tubo durante i lavori: allagato il nuovo centro islamico di Trento

Pubblicato

-

Non è cominciata sotto la buona stella l’apertura del nuovo centro islamico di via Franceschini a Trento. 

Nel pomeriggio hanno dovuto intervenire i vigili del fuoco e la polizia municipale per la rottura di un tubo che ha allagato tutta la struttura.

All’arrivo i soccorsi e gli agenti della municipale hanno trovato 5 persone al lavoro. Da verificare se fossero in regola o meno.

Pubblicità
Pubblicità

I vigili del fuoco hanno azionato le pompe per asciugare parte della struttura che era stata inondata dall’acqua fuoriuscita dal tubo rotto dagli operai durante i lavori di ristrutturazione.

Ieri sulla bacheca dell’esercizio commerciale di via Prepositura “Friends fast food” è spuntata  la richiesta di donazione per 150 mila euro per la stessa associazione culturale islamica Fezane Mustafa di Trento ubicata appunto in via Franceschini  che serve per pagare la prima rata  dell’immobile acquistato.

Il 16 di gennaio 2020 Vittorio Bridi consigliere comunale della lega ha depositato un’interrogazione al sindaco Andreatta dove ipotizza che il centro islamico cela in realtà un’altro luogo di preghiera, a tutti gli effetti una moschea, nella  quale numerosi musulmani si riuniscono sfidando le regole catastali, ma anche a proprio rischio e pericolo.

La struttura il cui destino d’uso (D/8) dovrebbe esclusivamente essere di “ Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa”, secondo Bridi diventerà invece la sede di un altro centro culturale islamico.

Pubblicità
Pubblicità

Nella sua interrogazione Bridi chiede Se corrisponda al vero che in via Franceschini 30 è insediato un luogo di culto islamico che secondo i residenti e commercianti sarebbe utilizzato come moschea; se l’attività svolta risulti autorizzata ed in base a quale normativa comunale; se siano stati effettuati controlli e quali esiti abbiano riportato e se non si ritenga opportuno revocare l’attuale autorizzazione che risulta palesemente in contrasto con le attività commerciali esistenti.

La paura è che finisca tutto per ricalcare quanto succede da anni al centro culturale del Magnete dove si è poi scoperto che la destinazione d’uso in realtà era un a Moschea dove si incontravano centinaia di persone per pregare.

Su questo repentino cambio d’uso il Sindaco e l’amministrazione di sinistra hanno sempre chiuso entrambi gli occhi e mai è stato preso nessun provvedimento nel merito nonostante interrogazioni, testimonianze fotografiche e lamentele dei residenti.

Si pensava che si trattasse di un trasferimento di questo centro in via Franceschini, ma per ora le due strutture rimangono entrambe aperte.

La testimonianza è in un cartello affisso alle vetrate della moschea del Magnete (foto) che fa pensare che non ci saranno chiusure ma che anzi le «Moschee» a Trento aumenteranno.

La struttura infatti alla fine si è rivelata essere a tutti gli effetti una vera e propria moschea del tutto abusiva con una processione che continua tutti i giorni in special modo il venerdì dove dentro uno spazio angusto di circa 70 metri quadrati si ammassano a volte anche più di 130 persone inginocchiate a pregare (vedi foto)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Contromano da brividi al bus de Vela

Pubblicato

-

È successo poco dopo le 10.30 di oggi domenica 19 gennaio 2020 al Bus de Vela dove un’automobilista ha preso contromano la strada in direzione Trento.

Solo il sangue freddo di un conducente che proveniva nel senso giusto ha scongiurato una possibile tragedia all’altezza di Montevideo

Roberto Oberburger di Roverè della Luna con il suo furgone si è trovato davanti il mezzo contromano in un tratto di strada rettilineo e si è subito messo in mezzo alla carreggiata con le doppie frecce bloccando i mezzi che seguivano.

Pubblicità
Pubblicità

Sceso dal furgone ha invitato il conducente italiano, dall’età apparente di circa 45 anni, a fare manovra e tornare indietro.

Se l’autovettura contromano fosse arrivata in prossimità di una curva poteva succedere una tragedia vista anche la poca visibilità di quel tratto di strada. 

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Incontro Fugatti – Boccia: la PAT potrà ricorrere al debito per irrobustire i flussi finanziari destinati agli investimenti strategici

Pubblicato

-

I rapporti finanziari tra la Provincia autonoma di Trento e lo Stato, alla luce delle scelte governative e degli inevitabili riflessi sulle dinamiche che generano lo stock del bilancio provinciale.

Questo il tema centrale del lungo e costruttivo confronto che si è svolto ieri mattina al Palazzo di Piazza Dante, dove il ministro per gli affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia, è stato ricevuto dal presidente Maurizio Fugatti, accompagnato dal vicepresidente Mario Tonina e dagli assessori Stefania Segnana e Giulia Zanotelli.

Erano presenti anche il direttore generale della Provincia, Paolo Nicoletti, la dirigente del Dipartimento affari istituzionali, Valeria Placidi e il presidente della Commissione dei Dodici, Fabio Scalet.

Pubblicità
Pubblicità

“Abbiamo sempre detto ha commentato Fugattiche la diminuzione delle tasse può produrre un aumento dei consumi da parte delle famiglie e un rinnovato vigore degli investimenti delle imprese. Ma affermiamo nel contempo che questo effetto va attentamente monitorato, in particolare qui da noi, visto che lo Statuto di autonomia prevede che le nostre competenze vengano alimentate attraverso le entrate fiscali pertinenti al nostro territorio. Per questo, gli interventi dello Stato avranno un inevitabile impatto sulle casse provinciali. Il dialogo avviato con il ministro è positivo e confidiamo possa portare nel medio periodo all’individuazione di un percorso per tutelare il nostro bilancio, per il bene dei cittadini”.

Tra i temi toccati, anche la possibilità che Piazza Dante possa ricorrere al debito per irrobustire i flussi finanziari destinati agli investimenti strategici sul proprio territorio, ipotesi su cui maggioranza e opposizione in Consiglio provinciale si sono dette concordi.

Occorre però superare quel vincolo posto dallo Stato secondo il quale solo chi ha già fatto debito in precedenza – e non è il caso del Trentino – può continuare a farlo entro il limite delle somme rimborsate.

“È chiaro che poter disporre anche di questa possibilitàha commentato Fugatti – si traduce in un’opportunità in più per mettere in campo gli investimenti che i trentini si aspettano e continuare ad assicurare servizi eccellenti”.

Pubblicità
Pubblicità

Durante il vertice si è parlato anche del Bonus Renzi (che il Governo sta valutando di trasformare in detrazione fiscale) e della norma di stabilità finanziaria.

“Sarà all’interno della Commissione dei Dodici che questo percorso potrà essere definito nei dettagli, ma va detto che il ministro Boccia ha già indicato una prima ipotesi alla quale guardiamo con interesse” ha concluso il presidente della Provincia.

Da parte sua, il ministro ha riconosciuto al Trentino le caratteristiche di “un territorio esigente e dinamico, dove la concretezza rappresenta un elemento primario”.

Piena disponibilità quindi a costruire insieme gli scenari del futuro, anche alla luce del fatto che Accordo di Milano e Patto di garanzia avranno efficacia fino al 2022, ma con l’obiettivo di garantire gli strumenti necessari alla gestione autonoma, responsabile e duratura delle moltissime competenze in capo alla Provincia.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza